Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
20Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Elémire Zolla - Bomarzo, il santuario neoplatonico

Elémire Zolla - Bomarzo, il santuario neoplatonico

Ratings: (0)|Views: 395 |Likes:
Published by Andrea Barberini

More info:

Published by: Andrea Barberini on Aug 12, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

02/22/2014

pdf

text

original

 
Bomarzo: il santuario neoplatonico
di Elémire Zolla Lettere di Annibal Caro del 1564 al Duca Vicino Orsini, signore diBomarzo, accennano a teatri, stravaganze, meraviglie soprannaturali in quelfeudo. Quindi la proprietà del luogo passa ai Della Rovere e ad altri ancora,ma l'esistenza di edifizi e statue senza eguali resta ovvia ed inavvertita persecoli.Una leggenda rustica del luogo dice che gli Orsini avrebbero messo all'opera turchi prigionieri di Lepanto. Un'altra parla di spose popolane defiorate daifeudatari usi a far sparire quelle che scoprissero peccatrici dentro una botola in comunicazione col bosco. È tanto che si possano raccogliere le leggende,l'oblio stendendosi su tutto; non si sa nemmeno più dove sieno le reliquieetrusche annunciate dalle vecchie guide come ornamento del municipioinsediato nel castello. Appoggiati ad una finestra del castello, si guarda alla  valle dove il verde tenero e vaste macchie di un grigio inazzurrato sistendono soavemente, si tenta di dimenticare le chiacchiere di quanti hannoansiosamente tentato di persuadere che le statue furono divertimenti senza senso, spiritosi e di gusto greve, si segue con l'occhio la linea del viottolonella valle, si coglie il bianchieggiare del tempio levato fra le statue, inmezzo al boschetto.Occorre cacciare come noiosi fantasmi coloro che hanno contaminato illuogo con la loro bonarietà o la loro eccitazione.
 
Bomarzo è raccolta attorno al castello, alto sullo sperone di roccia, fra leconvalli di tufo. Il luogo rammenta altre rocche già etrusche del Lazio, conselve sonore di cascate dominate da colli ricchi di antri: Vejo, Vejano.Sul terrazzo del castello sono incise alcune targhe: "Mangia, bevi e gioca.Disprezza le cose della terra. Dopo morte nessuna voluttà. Dopo morte vera voluttà" e, fra le frasi contraddittorie, "I beati tennero la via di mezzo."Oppure, ancora: "Il sapiente sarà dominatore degli astri. La prudenza èminore del fato. E dunque?" "Sapiens dominabitur astris," fu un motto della setta rosacrociana, né la via di mezzo o l'ironia del "Quid ergo?" sonoemblemi dello scetticismo di chi scansi il pensiero perché disperante, come vorrebbe una lettura infastidita e frettolosa. Via di mezzo è infatti la voluttà di chi sta sulla terra come dopo la morte, che trova felicità nel "conoscersi, vincersi, vivere a sé stesso," come è detto in un'altra scritta. Il terrazzo guarda il declivio che si stende verso occidente, prima coltivato, poi folto d'alberi.Un torrente riga la campagna, si insinua nel bosco, il tempietto e le statueche oggi ne affiorano, dovettero essere celate nel folto.Se si scende nel bosco si scoprono gli elementi necessari d'ogni santuario:acqua corrente, antri dove il tufo è acclive, alberi; e "aram nemus vult." Unsantuario al culto della bizzaria e del rimpianto per la morta Giulia Farnese?Spacciandosi per questo la verità del luogo si nasconde agli sguardi freddi.Ma come non riconoscere le vestigia di un percorso labirintico, dedicatoall'antica religione di Porfirio e di Giamblico e della soave Ipazia, riesumata alla tavolata di Lorenzo de' Medici, da Lodovico Lazzarelli, dal Pontano?I racconti dei villici spauriti sono l'unico riflesso che è consentito a certi cultidi proiettare nelle menti materiali e fosche, che assodano ogni cosa sottile einconsueta al proibito, alla violenza, al contatto con lo straniero. Né la Chiesa reprimeva benché il concilio di Trento fosse già celebrato, (anzi ilnome del cardinale Mandruzzo che vi partecipò è conservato in uno degliedifici sparsi nel boschetto); nel secolo seguente sarà concessa licenza distampare opere neoplatoniche ed ermetiche come quella di Della Riviera, ea Roma verrà edificato quel tempietto di cui si conserva ancora una "porta magica" e due statue in un angolo di piazza Vittorio (pressoché celata, su una rovina abitata da gatti dietro uno strepitoso mercato, fra stagni coperti da un velo di tritumi). Il cardinale Mandruzzo durante il concilio di Trento aveva fatto stampare opere cabbalistiche ad Ala ed aveva altresì impedito la lorocondanna: ecco un buon avvio a capire Bomarzo. Al bordo del bosco dove il terreno comincia a digradare verso il cuore delle valle, si alza il tempietto che accoglie nel santuario.
 
Il pronao posa su quattro ordini di colonne corinzie e dietro sta una cella ottagonale. Agio, grazia infonde un festone che corre alla base, ma tuttavia leforme angolose, maschili del pronao si fondono in modo precario, teso conla cella a cupola, ottagonale come le fonti battesimali, i luoghi di rinascita.Dietro comincia la discesa, per una scalinata dominata da un cane a trefauci, simbolo infernale, che, dice il
Fulgentius Metaphorali
sta ai piedidella conoscenza del futuro, alla base della previdenza che ci guarda dalla 
inferni declinationem 
. Il cane simboleggia con le tre bocche il morso della fatica (di chi brami acquisti), il morso del timore (che angustia i possidenti),il morso del dolore (che costerà lasciare i beni di fortuna).

Activity (20)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 thousand reads
1 hundred reads
Andrea Barberini liked this
Andrea Barberini liked this
Silvia345 liked this
alkemy2000 liked this
Andrea Barberini liked this
nikomonk liked this

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->