Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Conergy Manuale Inverter Ita 2011-04

Conergy Manuale Inverter Ita 2011-04

Ratings: (0)|Views: 211|Likes:
Published by patrizia_74
Indice

L’impianto fotovoltaico
L’inverter fotovoltaico
Il rendimento
Il dispositivo MPPT
Le topologie costruttive
Tensione di ingresso
Elementi che influenzano la vita utile dell’inverter
Inverter centrale o di stringa?
Indice

L’impianto fotovoltaico
L’inverter fotovoltaico
Il rendimento
Il dispositivo MPPT
Le topologie costruttive
Tensione di ingresso
Elementi che influenzano la vita utile dell’inverter
Inverter centrale o di stringa?

More info:

Published by: patrizia_74 on Sep 10, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

08/15/2013

pdf

text

original

 
Guidaallinverter
Come riconosceree scegliere la qualità
a cura dipreazione
 
Giovanni Silvestrini
supervisione tecnica
 
Ing. Massimo Castegnaro
Conergy Academy
   B   E  -   M   A  e   d   i   t  r   i  c  e  -   V   i  a   T  e  o  c  r   i   t  o   4   7  -   2   0   1   2   8   M   i   l  a  n  o  -   S  u  p  p   l  e  m  e  n   t  o  a   P  r  o  g  e   t   t  o   E  n  e  r  g   i  a   6   8   (   M  a  g  g   i  o   2   0   1   1   )
    ‘
 
Manuale schemi di impianti fotovoltaici:
supplemento a Progetto Energia n. 68 (maggio 2011)www.ediliziainrete.it portale di rierimento
Publisher/Direttore responsabile:
Gisella Bertini Malgarini
Periodico diretto da:
Giuliano Dall’O’
Periodico coordinato da:
Annalisa Galanteannalisa.galante@bema.it
Marketing e Vendita:
Mara Portesanmara.portesan@bema.it
Organo ufficiale
SACERT Abbonamenti e diusione: abbonamenti@bema.it6 numeri all’anno. Italia € 36,00 - Europa € 60,00. L’abbonamentodecorre dal primo numero raggiungibile. (Pagamento a mezzo c/cpostale n°11109204 intestato a BE-MA editrice o carta di credito).
Per maggiori informazioni:
800-125562
Produzione tecnica:
Margherita Sola
Customer Care:
Loredana Lanredi
Sogetti pubblicitari:
Liliana Feneri
Stampa e confezione:
SATE - Zingonia (BG)Costo produzione copia € 2,90 Aut. Trib. di Milano n. 160 del 23/02/2000Pubblicità non eccedente del 45%© BE-MA editrice - MilanoTutti i diritti sono riservati - E’ vietata la riproduzione ancheparziale senza autorizzazione dell’Editore.Via Teocrito 47 - 20128 MilanoTel. 02252071 - Fax 0227000692segreteria@bema.it
Progetto Energia
è una rivista di BE-MA editrice che, insieme aGIGA editrice, N.TE.CREW e Fondazione Gaetano Bertini Malgarinionlus, è parte di
BE-MA GROUP
.
Coordinamento progetto:Matteo Rocchetto e Lara Renierohanno collaborato:Massimo Castegnaro, Gianni SilvestriniProgetto grafco e impaginazione:
Indice
L’impianto otovoltaicoL’inverter otovoltaicoIl rendimentoIl dispositivo MPPTLe topologie costruttiveTensione di ingressoElementi che inuenzano la vita utile dell’inverterInverter centrale o di stringa?Conergy IPG SL’impianto otovoltaicoPreazioneConergy IPG TConergy IPG C/CISConergy VisionBoxProflo Conergy347911141820232729293031
E
nergia
progetto
Organo ufficiale
Informativa Privacy ai sensi del D.lgs 196/03 per il trattamento dei dati. La informiamo che, le finalità del trattamentodei dati relativi ai destinatari del presente periodico consistono nell’assicurare l’aggiornamento dell’informazione tecnicaa soggetti identificati per la loro attività professionale mediante l’invio della presente rivista o di altre dello stessoeditore riguardanti la medesima sfera di attività. In qualsiasi momento, Lei potrà chiedere al Titolare del Trattamentodei dati personali, BE-MA editrice Srl con sede in Milano, via Teocrito n. 50, la consultazione, la modifica, il blocco o lacancellazione dei Suoi dati secondo quanto previsto dall’art. 7 della stessa normativa, scrivendo a segreteria@bema.it
 
Il otovoltaico sta conermandosi come la tecnologia dellesorprese per la rapidità della sua crescita e per le prospettivedi diusione a medio e lungo termine. La potenza installatanel mondo è mille volte superiore rispetto a quella degli anni ‘80e la crescita nel 2010 è stata del 129% superiore rispetto all’annoprecedente. E’ interessante mettere a uoco questi numeri perchéil mondo della produzione elettrica attraversa una ase delicatadopo il gravissimo incidente di Fukushima. E’ probabile chequesto colpo al nucleare comporterà la ridefnizione dellepolitiche energetiche di molti paesi e che al solare verrà chiestodi giocare un ruolo sempre più incisivo, cosa che non potevasuccedere all’indomani di Chernobyl quando le installazioniotovoltaiche raggiungevano i 30 MWp/anno.Sarà molto interessante valutare i cambiamenti chesi verifcheranno innanzitutto in Germania, già capofla mondialedella riscossa delle rinnovabili. Ricordiamo che lo scenariodel governo prevedeva che ra vent’anni la metà dell’energiaelettrica sarebbe stata verde e che entro il 2050 almeno l’80%della domanda elettrica sarebbe stata coperta dalle rinnovabili.Cosa dobbiamo aspettarci adesso con la uoriuscita anticipatadal nucleare? Una ulteriore corsa del otovoltaico che godedi incentivi molto più bassi rispetto all’Italia e che puntaa raggiungere una potenza di 70 GWp nel 2020, una orte crescitadei parchi eolici o-shore, il potenziamento della rete con unaparticolare accento sulle smart grids, ed infne un’attenzione allesoluzioni per l’accumulo dell’energia. In pratica è probabile cheverranno rivisti al rialzo sia gli obbiettivi al 2020 che quelli al 2050.Naturalmente, ancora per qualche tempo, sarannonecessari incentivi per garantire la diusione del otovoltaico.Questi dovranno progressivamente ridursi nel tempo, secondouna dinamica che dovrà essere attentamente calibrata per evitareche i mercati crescano senza controllo e poi collassino, comesuccesso in Spagna. L’Italia è il secondo paese al mondo perpotenza solare installata e si trova in una ase delicata derivatadal surriscaldamento del mercato. Il raggiungimento di unamassa critica di imprese che operano nel settore e il ortissimosupporto dell’opinione pubblica anno però pensare che nonsi cadrà in una politica di “stop and go” e che il mercatocontinuerà a svilupparsi anche nei prossimi anni. L’obbiettivodi 8 GWp al 2020 verrà probabilmente già raggiunto quest’annoe per la fne del decennio nel nostro paese si potrebbe arrivarea 30 GWp.vTornando ai numeri della crescita delle rinnovabili in Italia nel2010, questi sono in eetti sorprendenti. Anche se si trattaancora di valore non defnitivo, si può stimare una produzionepotenziale di oltre 10 TWh/a. Cioè la potenza verde installatalo scorso anno è in grado di generare una quantità di elettricitàanaloga a quella ipoteticamente producibile da un reattorenucleare da 1.600 MW. Si tratta del 3% della domanda elettricadel paese, un risultato eccezionale dopo un lungo periododi calma piatta per le rinnovabili, interrotto solo un paio di annia quando è iniziato il loro risveglio.Per quanto riguarda specifcatamente il otovoltaico,il raggiungimento della “grid parity”, ad iniziare dalle regionidel sud, aciliterà la diusione della tecnologia. Questi successipongono con urgenza la necessità di arontare i problemidi regolazione della rete e di accelerare l’introduzione delle smartgrids. Ormai in Italia ci sono oltre 10 GW di potenza eolicae solare intermittente e questo valore è destinato a crescere.Bisognerà ar dialogare una domanda che varia nel tempocon una potenza che ha una componente uttuante. Gli inverters,che nell’ultimo decennio si sono evoluti migliorando le propriecaratteristiche, giocheranno un ruolo importante anche nell’eradelle smart grids incorporando sempre nuove unzioni. Gli edifcisaranno al centro di questi cambiamenti. Da un lato, sempre più,diventeranno produttori di elettricità verde. Il Decreto legislativodel 3 marzo 2011, tra l’altro, prevede per le nuove costruzionidegli obblighi progressivamente crescenti di copertura delladomanda energetica con le rinnovabili. Dall’altro occorreràintervenire sui consumi di energia. La modalità più sempliceè quella di inuire sui modelli comportamentali, ad esempiorendendo disponibili agli utenti le inormazioni sui consumie sui costi dell’energia in tempo reale. Ma si interverrà anchein modo automatico in risposta alle condizioni al contorno.I contatori intelligenti verranno adattati per indicare le esigenzedella rete e potranno inviare segnali ad elettrodomesticied impianti di climatizzazione consentendo di adattare il loroutilizzo in relazione alle inormazioni che provengono dall’esterno.Si espanderà progressivamente anche l’impiego di sistemidi accumulo, prima con la diusione di bacini idroelettricidi pompaggio peraltro già presenti nel paese, poi con sistemidecentrati, condominiali, in grado di stoccare l’energia in eccessoe di cederla quando invece la domanda aumenta. In una asesuccessiva, a ronte di una larga diusione delle auto elettriche,anche la ricarica dei veicoli potrà essere gestita per assecondarei profli della richiesta.
Prefazione
a cura di
Gianni SilvestriniDirettore scientifico Kyoto ClubPresidente Exalto

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->