Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
2Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Lettera a Bersani

Lettera a Bersani

Ratings: (0)|Views: 245|Likes:
Published by Gianni Pittella
Lettera di sostegno alla candidatura di Bersani
Lettera di sostegno alla candidatura di Bersani

More info:

Categories:Types, Speeches
Published by: Gianni Pittella on Sep 17, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

09/17/2012

pdf

text

original

 
Caro Pierluigi,nel tuo discorso di Reggio Emilia del 9 settembre hai dato una chiara visione dell'Italia,delle sue grandi sfide. Hai parlato della necessità di un momento costituente per l'Europae soprattutto hai tenuto un discorso di verità sulla finanza che non deve avere "licenza diuccidere".La tua piattaforma politico-programmatica, oltre alla stima che mi lega a te da anni,confermala mia convinzione di sostenere pienamente la tua candidatura alle prossime primarie.Le tue parole sulla finanza riecheggiano quelle di Francois Hollande nel suo discorso delBourget:l'avversario della sinistra- ha detto l'allora candidato socialista- " non ha un nome, non haun viso,non ha un partito, non si candiderà mai e nonostante tutto governa." Questo avversario è lafinanza.In venti anni la finanza, il culto del denaro per il denaro, hanno spodestato l'economiareale, distruttolavoro, preso il controllo della società e anche delle nostre vite.Oggi basta un millesimo di secondo per spostare flussi finanziari immensi che minaccianol'esistenzadi Stati democratici.La frattura politica del nuovo millennio non è più quella, novecentesca, fra capitale elavoro.Oggi la linea di divisione fondamentale è fra finanza e democrazia. La finanza cerca diimporreil suo dominio sulla democrazia. Pensiamo alla politica economica dell' Europa che è sempremeno il risultato di un confronto democratico ma è imposta dai mercati. La finanza staimponendoa società stremate dalla crisi e dalla disoccupazione massacranti cure di austerità su cuigli elettorinon si sono mai pronunciati. Il destino stesso dell'Italia è appeso al filo dei capricci deimercatifinanziari. Tutto ciò non è democratico e noi dobbiamo ribellarci contro questadegenerazione.Vietare i prodotti tossici, regolare in maniera durissima i prodotti derivati, introdurreforme dicontrollo dei flussi internazionali dei capitali: su questi temi si giocherà la verabattaglia per lademocrazia europea nei prossimi mesi.La battaglia per ristabilire la piena sovranità democratica è durissima perché l'avversarioè spietato.L'asprezza di questo confronto ci impone di integrare la dimensione europea all'internodella nostraazione politica come giustamente hai fatto con la tua proposta per una Costituente europeaperchéè a Bruxelles che si decidono gli equilibri futuri.Con le forze socialiste e progressiste europee dobbiamo costruire i presupposti per unasvoltarispetto alla linea conservatrice, recessiva seguita dalla UE sotto l'influenza dei governidicentro-destra. La svolta deve costruirsi attorno alla tutela del modello sociale europeo, alrilanciodel lavoro inteso come occupazione ma anche come valore che dà un senso alla vita di tuttinoi.La gravità delle sfide che abbiamo di fronte ci impone anche un cambio di passo nel modo difarepolitica in Italia: il PD deve trovare un'unità di fondo ed evitare di disperdere le energiein battaglieprovinciali e personalistiche, stonate e inadeguate rispetto al momento. Per questo, èsbagliatodemonizzare chi esprime nel nostro partito opinioni diverse.La dispersione e la divisione, il veleno delle lotte personali, rischiano di lasciare uncampo di rovine.

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->