Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
2Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Ask System + Plugin Grafico = Formazione Professionale x Receptionist

Ask System + Plugin Grafico = Formazione Professionale x Receptionist

Ratings: (0)|Views: 18|Likes:
Published by Gianni Marconato
Paper presentato a Moodle Moot 2012 Livorno
Paper presentato a Moodle Moot 2012 Livorno

More info:

Published by: Gianni Marconato on Oct 07, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

07/04/2013

pdf

text

original

 
 
G. Fiorentino (Ed) – MoodleMoot Italia 2012 - Livorno – 2012 – ISBN 978-88-907493-0-8
ASK SYSTEM + PLUGIN GRAFICO = FORMAZIONEPROFESSIONALE X RECEPTIONIST
Vincenzo Del Fatto
1
, Gabriella Dodero
1
, Giovanni Marconato
2
,Salvatore Raunich
1
, Coretta Ceretta
2
 
1
Libera Università di Bolzano, Facoltà di Informatica
{vincenzo.delfatto, gabriella.dodero}@unibz.it, salrau@gmail.com
2
Provincia Autonoma di Bolzano
giannimarconato@gmail.com, coretta.ceretta@scuola.alto-adige.it SHORT PAPER  ARGOMENTO: Formazione continua
Abstract
In questo lavoro descriviamo un prototipo messo a punto nell’ambito del progetto delFondo Sociale Europeo dal nome Modelli didattici ed organizzativi per il Life LongLearning (2/224/2008), relativo all’innovazione nella formazione professionale. Si tratta diun Ask System, realizzato per la formazione di addetti al ricevimento d´albergo. L’AskSystem è fruibile in maniera efficace ed intuitiva, mediante un plugin grafico, chiamatoDIEL, realizzato su una installazione Moodle 2.2. Si descrivono nel lavoro: il contesto delprogetto, le caratteristiche tecnologiche del plugin, e le funzionalità rese disponibili adinsegnanti ed allievi della scuola di formazione professionale alberghiera destinataria delprototipo.
Keywords –
 Ask System, formazione professionale, interfacce grafiche, social translucence.
1 INTRODUZIONE
L’Ask System per Addetti al Ricevimento d’Albergo è stato realizzato presso la Scuola professionalealberghiera della Provincia Autonoma di Bolzano
C. Ritz 
di Merano, nel contesto di un ampio progettodi qualificazione dell’immagine e dell’appeal sociale della Formazione Professionale. Tale progettomira a fare uscire la Formazione Professionale da un ruolo residuale, marginale e in alcuni casiestremi, di scuola-ghetto, che poco a poco nel suo insieme ha acquisito. Una tale qualificazione èpossibile solo assicurando standard di apprendimento e di qualificazione in uscita più elevati. Ciòsignifica fare in modo che gli allievi della formazione professionale apprendano di più e meglio. Unadelle strade perseguite dalla formazione professionale in lingua italiana della Provincia Autonoma diBolzano è quella di sperimentare strategie di insegnamento e di apprendimento di improntacognitivista e che consentono buone performance scolastiche al suo target particolare.La strategia di apprendimento
 Ask System
[1] è tra le più promettenti per l’utenza della FormazioneProfessionale. Un sistema formativo concepito e progettato per preparare gli studenti alla vitalavorativa, per consentire loro di apprendere abilità che, verosimilmente, saranno trasferite insituazioni lavorative ed imparare il perché lo si fa. Una buona formazione dovrebbe attivare,potenziare e sostenere forme di pensiero, abilità di ragionamento che sono alla base delle differentioperazioni cognitive necessarie a risolvere problemi. La formazione professionale dovrebbe, pertanto,essere organizzata attorno a problemi [2]. Ogni volta che siamo di fronte a un problema vorremmoavere subito a nostra disposizione un esperto o un professionista capace che ci aiuti a risolverlo. Gli Ask System vanno in questa direzione. Un Ask System è una semplice applicazione di Intelligenza Artificiale che simula una conversazione con un esperto [3] e che, essenzialmente, mette adisposizione un dispositivo di
apprendistato cognitivo
(cognitive apprenticeship) in cui l’allievo assumeil ruolo di apprendista e l’Ask System quello di esperto. Gli Ask System sono stati sviluppati
 
 
MoodleMoot Italia 2012 2
 originariamente da Roger Schank e dai suoi colleghi dell’Institute for Learning Sciences atNorthwestern University. Lo scopo di questi ricercatori era di identificare metodi alternativi alla lezionediretta per strutturare e utilizzare informazioni in formato ipertestuale e multimediale. Per l’AskSystem adottarono la metafora della conversazione con un esperto che consente all’utilizzatore diaccedere a informazioni sotto forma di risposte alle sue domande. Questo approccio consenteall’utilizzatore di trarre beneficio come dalla conversazione con un esperto [4], sfruttando a pieno lasua caratteristica peculiare, il fattore umano, che non si ritrova in sistemi simili, come ad esempio leFAQ. In questi ultimi, infatti, si possono trovare le risposte giuste, mentre nelle interviste degli espertila risposta "giusta" non esiste, ma esistono diversi punti di vista molto qualificati ma tutt'altro cheidentici, non necessariamente esaustivi, e contestualizzati sull'esperienza individuale. Le potenzialitàdidattiche di un Ask System sono naturalmente amplificate rendendolo disponibile anche via web, edin misura ancora più significativa se immerso in un ambiente orientato alla didattica collaborativacome Moodle. A questo proposito abbiamo pertanto impiegato un ambiente virtuale, realizzato comeplugin di Moodle, e chiamato DIEL.
2 IL SISTEMA DIEL
DIEL (Dynamic Interactive E-Learning) è un ambiente collaborativo basato sulla piattaforma web opensource Moodle, nato presso l’Università di Genova e sviluppato, successivamente, presso la LiberaUniversità di Bolzano. Questo ambiente, descritto più estesamente in [5], si basa sul concetto di
social translucence
[6] ed adotta la metafora della
stanza virtuale
[7] per la progettazione e la visualizzazionedei corsi, così come per l'interazione tra l'utente e i corsi.Il concetto di
social translucence
si basa su tre principi sostanziali: visibilità, consapevolezza eresponsabilità. Le informazioni che hanno significato sociale devono essere visibili, in modo tale dadare consapevolezza e rendere responsabile delle proprie azioni verso la società chi recepisce taliinformazioni. Nel nostro contesto, la
social translucence
richiede di organizzare la rappresentazionegrafica dell'applicazione in modo da presentare uno spazio virtuale, popolato dagli utentidell'applicazione stessa. Questo spazio virtuale è in grado di far comprendere come la comunità cheusa l'applicazione sta interagendo, momento per momento.Nel sistema DIEL lo spazio virtuale è modellato come un insieme di
stanze
, che definiscono unpercorso composto da attività diverse, e strutturato in una sequenza di luoghi (virtuali) nei quali taliattività vengono svolte. L’immediatezza della metafora si fonda sull'esperienza quotidiana, dove luoghidiversi sono naturalmente deputati all'espletamento di determinate attività. In particolare, il mondovirtuale di DIEL è formato da:
 
Stanze
, i luoghi in cui si apprende, ciascuno con funzioni specifiche,
 
Oggetti 
, le risorse che servono per apprendere,
 
 Avatar 
, i visitatori dell'ambiente,
 
Porte
, i collegamenti per raggiungere altre stanze.Dal punto di vista dell'interfaccia, DIEL realizza lo spazio virtuale tramite un elemento integrativo(plugin) della piattaforma web open source Moodle, al fine di visualizzare il corso sotto forma dipercorso attraverso tali
stanze
virtuali. Gli utenti, attraverso i propri
avatar 
, si muovono all'interno delle
stanze
e accedono ai materiali didattici, e svolgono attività, in particolare di tipo collaborativo, sia conl'ausilio delle risorse originali di Moodle, come wiki e forum, sia attraverso estensioni che realizzanochat (testuali, oppure audiovideo) collettive e private. Ogni utente è consapevole in ogni istante dellapropria posizione e della posizione e delle azioni di chiunque si trovi nella sua stessa stanza, potendoquindi interagire su problemi specifici e contestualizzati. Le
stanze
sono collegate da
 porte
virtuali, checonsentono di passare da una attività a quella seguente. Il concetto di
 porte
e
stanze
consente diorganizzare percorsi di apprendimento, e relativi contenuti, secondo un modello a grafo, più flessibiledel modello sostanzialmente lineare tipico di Moodle. In Fig. 1 viene mostrata una stanza virtualedell’Ask System, nella quale l'utente può usare il proprio
avatar 
per accedere alle risorse, due filesvideo al centro della stanza, o cambiare
stanza (e dunque attività)
utilizzando la porta posizionatanella parte in basso a destra della
stanza
.Nel corso di questo progetto, il plugin DIEL, realizzato originariamente per Moodle 1.x, è statotrasferito sotto un ambiente Moodle 2.2 [8]. Riteniamo infatti che le nuove funzionalità della versione
 
 
MoodleMoot Italia 2012 3
 2.2 garantiscano al nostro progetto, e a Moodle stesso, una lunga vita futura, che ne giustifica losforzo di adattamento alla nuova versione.
Figura 1 – Stanza virtuale dell'Ask System.
3 LE FUNZIONALITA` DELL´ASK SYSTEM
L'Ask System per addetti al ricevimento d'albergo, presentato in [9], è stato creato da un gruppo diinsegnanti, di esperti del dominio e di esperti delle metodologie didattiche, ed è stato messo adisposizione attraverso un sito web [10]. Il dominio (il ricevimento di albergo) è stato analizzato edecomposto in una serie di attività tipiche della professione, comprendenti situazioni sia di successosia di insuccesso, procedendo quindi alla realizzazione di una serie di interviste, in cui gli espertinarravano la propria esperienza. Sono stati realizzati 101 brevi filmati, in cui gli esperti rispondono a68 domande, suddivise in 10 attività tipiche. La Fig. 2 mostra un esempio di attività,
Gestione del cliente in overbooking 
, con le domande ad essa collegate. Cliccando su ciascuna domanda si apronouna o più finestre video, in cui compaiono spezzoni di intervista con esperti, che forniscono le possibilirisposte.
Figura 2 – Ask System, Gestione del cliente in overbooking.

Activity (2)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 hundred reads

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->