Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Evola - Pancatattva Il Rituale Segreto.doc

Evola - Pancatattva Il Rituale Segreto.doc

Ratings: (0)|Views: 6 |Likes:
Published by minicicciolo

More info:

Published by: minicicciolo on Jan 18, 2013
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as DOC, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

01/18/2013

pdf

text

original

 
Pancatattva, il rituale segreto
di Julius Evola
(tratto da Lo Yoga della Potenza, ed. Mediterranee)
 Pancatattva
è, nel tantrismo induista e civaita, il nome del cosidetto «rituale segreto» riservato ai
vîra
. Ad esso viene data una tale importanza che in alcuni testi si afferma che senza il suo impiegonell’una o nell’altra forma il «culto» della Çakti è impossibile. Per il fatto che il
 pancatattva
comprende l’uso di bevande inebrianti e di donne, ad esso è stato attribuito un carattere orgiastico edissoluto il quale presso alcuni Occidentali è valso a mettere in cattiva luce tutto il tantrismo.L’impiego del sesso a fini iniziatico-estatici e magici, peraltro, non è proprio al solo tantrismoinduista. Esso è attestato anche nel tantrismo buddhista e in varietà tantriche del vishnuismo, nellacosidetta scuola Sahajiyâ, fra i Nâta Siddha, ecc. Consideriamo a parte l’uso della sessualità alivello yoghico Letteralmente
 pancatattva
vuol dire «i cinque elementi». Ci si riferisce a cinquesostanze da usare le quali sono state messe in relazione coi cinque «grandi elementi» in questaguisa: alla partecipazione della donna (
maithuna
) si fa riferimento all’etere; al vino o analoga bevanda inebriante (
madya
) l’aria; alla carne (
mamsa
) il fuoco; al pesce (
matsya
) l’acqua; infine acerte sostanze cereali (
mudrâ
) la terra. Poiché i nomi di tutte e cinque le sostanze cominciano con lalettera
m
, il rituale segreto tantrico è stato anche chiamato «delle cinque
m
» (
 pancamakâra
). Ilrituale riveste significati diversi a seconda del piano nel quale viene praticato. Nella sua assunzione più estrema, secondo la quale può rientrare nella stessa Via della Mano Destra, esso mira allasacralizzazione delle funzioni naturali legate alla nutrizione e al sesso. L’idea di fondo è che il ritonon deve non deve essere una cerimonia sofisticata sovrapposta all’esistenza reale, ma deveincidere su questa stessa esistenza, deve compenetrarne anche le forme più concrete. Tutto ciò che il
 pacu
, l’uomo animalesco, compie ottusamente, nella forma tamasica del bisogno e del desiderio, dal
vira
deve essere vissuto con un animo ampio e liberato, appunto nel senso di un rito e di una offerta, perfino con uno sfondo cosmico. Peraltro, tutto ciò non ha un carattere specificamente tantrico: lasacralizzazione e la ritualizzazione della vita è stata, in effetti, una caratteristica della civiltà indù ingenere, così come di ogni altra civiltà tradizionale: a prescindere da certe forme strettamenteascetiche. Anche nel cristianesimo si è potuto dire: «Mangia e bevi in gloria di Dio», mentrel’Occidente precristiano conobbe pasti sacrali e le stesse
epulae
romane ebbero fino a tempirelativamente tardi una controparte religiosa e simbolica; vi fu presente un riflesso dell’anticaconcezione di un incontro fra uomini e dèi. Una difficoltà può nascere solo quando oltre ai cibientrano in quistione la donna e le bevande inebrianti – però unicamente dal punto di vista dellareligione venuta a predominare in Occidente, la quale è stata dominata da un complesso sessuofobo,ha considerato come impuro e insuscettibile di sacralizzazione l’atto sessuale. Ma questoatteggiamento può venire considerato come anomalo, dato che la sacralizzazione dello stesso sesso,la concezione del
 sacrum
sessuale, fu propria a molteplici civiltà tradizionali. Essa è senz’altroattestata nell’India. Era già idea vèdica che l’unione sessuale può essere innalzata al livello di unconnubio sacrale e di un atto religioso, e che in tali termini essa può avere perfino un poterespiritualmente propiziatore. Nelle Upanishad essa viene assimilata con un’azione sacrificale (ladonna e il suo organo sessuale sono il fuoco in cui si sacrifica) e sono date formule per laritualizzazione cosmica di un amplesso cosciente, non torbidamente lascivo, l’uomo unendosi alladonna come «Cielo» a «Terra». Anche la Tradizione delle bevande sacre e delle libagioni rituali èantichissima e attestata in civiltà molteplici. Per l’India, si sa la parte che nel periodo vèdico ebbe il
 soma
, il quale era una bevanda inebriante ricavata dall’asclepia acida e assimilata ad una «bevandadell’immortalità». Solo che nell’uso di simili bevande, come diremo, il livello rituale delle praticheva distinto dal livello iniziatico e operativo, sul quale viene considerato uno speciale impiego deglieffetti di esse. Così, nel complesso, in questo primo suo grado il cosidetto «rituale segreto» tantrico1
 
non presenta nulla di allarmante. Non dal punto di vista di un Occidentale, per il quale è normalefare succulenti pasti a base di carne con vini e liquori, ma solo da quello indù il rituale tantrico haqualcosa di poco normale in quanto l’India è prevalentemente vegetariana e l’uso delle bevandeinebrianti è estremamente limitato. Passiamo ora ad un secondo livello del
 pancatattva
, dove essoha già in una certa misura un significato operativo e fa entrare in giuoco elementi sottili. Da un lato,viene data l’immagine di un seme che, se gettato in una fessura di roccia, non può germogliare esvilupparsi. In questo stesso senso il
vîra
fruisce delle cinque sostanze, i
 pancatattva
, per assorbirnee trasformarne le forze. D’altro lato, vengono considerate le possibilità offerte dal
 pancatattva
inrelazione alle già indicate corrispondenze delle cinque sostanze con i cinque «grandi elementi» edanche con i cinque
vâyu
o
 prânadi
– con le correnti del soffio vitale – di cui si è già parlato. Si sache il
 prâna
appartiene al piano delle forze sottili, non di quelle materiali e organiche. Ognifunzione organica, tuttavia, ha per controparte una forma di questa forza. In particolare, quandol’organismo ingerisce una data sostanza, l’una o l’altra corrente del soffio verrebbe in una certamisura dinamizzata e si verificherebbe una specie di momentaneo affiorare o lampeggiare di formesottili di coscienza nella massa opaca della subcoscienza organica. Chi, grazie a preeedentidiscipline sul tipo di quelle a suo tempo riferite, disponga già di un certo grado di sensibilità sottiletanto da poter sorprendere tali affioramenti o lampeggiamenti, avrebbe modo di realizzare deicontatti coi poteri o «grandi elementi» corrispondenti alle cinque sostanze. Simili esperienzesarebbero agevolate se si utilizzano stati in cui le «masse di potenza» chiuse nel corpo sono portatead un certo grado di instabilità per mezzo di un’adeguata eccitazione. Le corrispondenze, in genere,sono date nei seguenti termini: l’etere corrisponde alla partecipazione della donna e al soffio come
 prâna
nel senso specifico di forza aspirante, assorbitrice, che come corrente sottile «solare» dallenarici scende fino all’altezza del cuore; l’aria alle bevande inebrianti e al soffio come
apâna
,corrente che dal cuore scende in basso, con un’azione opposta ad una unificazione, come undisciogliersi; il fuoco alla carne e al soffio come
 samâna
, corrente delle assimilazioni organiche cheagisce alterando e fondendo; l’acqua al pesce e al soffio come
udâna
, il soffio «fluido» delleemissioni; la terra al cibo farinaceo e al soffio come
vyana
, corrente fissativa, incorporativa,avvertita come una sensazione sottile di «peso» dell’intero organismo. Usando il
 pancatattva
, aquesto livello occorrerebbe dunque essere già capaci di avvertire e di distinguere tali effetti, lemodificazioni sottili determinate dalle cinque sostanze. Secondo coloro che si danno a pratiche delgenere, nel rapporto con la donna la percezione sarebbe come di qualcosa che si spezza e si stacca; per le bevande inebrianti, senso di dilatarsi e volatilizzarsi, vissuto disgregativamente; per ilnutrimento in genere, senso di essere feriti. Si tratta, per lo più, di sensazioni negative datrasformare in stati attivi. Si sa che nel campo ascetico, spesso anche iniziatico, non solo siraccomanda la continenza sessuale ma si ritiene sfavorevole per lo sviluppo spirituale l’uso dellacarne e soprattutto delle bevande inebrianti. Ma tutto dipende dall’orientamento. La veduta propriaalla Via della Mano Sinistra è: trasformare il negativo in positivo. Normalmente l’indulgere al sessoe alle beevande inebrianti ha, dal punto di vista spirituale ed anche psichico, effetti dissolventi.Senonchè, nel presupposto che si possegga il principio di una forza pura e distaccata, della
vyria
, proprio gli stati dissolutivi possono «sciogliere» e favorire un trascendimento, con riduzione deiresidui tamasici. Quando, dal punto di vista spirituale, si sconsiglia l’uso della carne si prospetta il pericolo di «infezioni» poiché l’assimilazione di tali cibi da parte dell’organismo umano avrebbecome controparte l’assimilazione anche di eleementi sottili e psichici del piano subumano eanimale. Rari sono i casi nei quali un tale pericolo possa venir superato; i casi in cui si possegga unasensibilità affinata capace di accorgersi di queste infezioni e quando si sia acceso un «fuoco»abbastanza energico per trasmutarle e assorbirle. Il
 pancatattva
viene considerato un rituale segreto,riservato ai soli
vira
, da non far conoscere ai profani e ai
 pacu
, essenzialmente in relazione a due dei
tattva
, alle bevande inebrianti e alla donna, e che lo stesso vale per le corrispondenti varietà buddhiste e vishnuite di tali riti. L’impiego sacro delle bevande inebrianti è antichissimo emolteplicemente attestato: ricordiamo in particolare la parte che nella Tradizione ha avuto il
 soma
(equivalente all’
haoma
iranico). Il
 soma
è stato considerato come una «bevanda d’immortalità»,2
 
come
armta
, termine che etimologicamente è identico al greco «ambrosia» (entrambi i terminivogliono dire. Letteralmente, «non-morte»). In realtà, si può parlare di un «
 soma
celeste»,immateriale. Le cose sempbrano presentarsi nei seguenti termini: a partire da un certo periodo, il«
 soma
celeste non fu più conosciuto», l’uomo per giungere a quegli stati di trasporto e di«entusiasmo divino», in senso platonico, ebbe bisogno dell’aiuto del «
 soma
terrestre», cioè della bevanda ricavata dall’asclepia acida. Quando sia presente il giusto orientamento interno, lacorrispondente ebrezza può avere effetti estatici e in una certa misura iniziatici: donde il carattere«sacro» delle bevande. Non diverso significato ebbe il vino nel dionisismo, tanto che il termine«orgia sacra» è una espressione tecnica ricorrente nell’antica letteratura mistèrica; non diversoquello che ebbe nella mistica persiana, dove il vino e l’ebrezza hanno avuto un significato sia reale,sia simbolico – e si può giungere, per tal via, fino a certi aspetti della stessa tradizione templare, ilGuénon avendo rilevato che il detto
boire comme un Templier 
può aver avuto un significato segreto,operativo, diverso da quello grossolano poi prevalso. Infine negli stessi
Yoga-sûtra
(IV,1) l’accennoa certe sostanze o «semplici» associati al
 samadhi
può riferirsi all’uso di analoghi coadiuvanti. A unnon diverso contesto si deve riportare l’uso delle bevande inebrianti e l’orgiasmo nel tantrismo. Ilvino qui viene chiamato «acqua causale»,
kâranavâri
, e «acqua di sapienza»,
 jnânâmrta
. «La forma(
rûpa
) del Brahman – si legge nel
 Kulârnavantra
– è chiusa nel corpo. Il vino può rivelarla – ecco perché gli yogî lo usano. Coloro che usano il vino per proprio piacere, anziché per la conoscenzadel Brahman (
 Brahmâ-jnâna
), commettono colpa e vanno in perdizione». Un altro testo tantricovede in sostanze del genere la «forma liquida» della Çakti stessa, intesa come colei che salva (lett.«la salvatrice in forma liquida»); in tale forma essa è datrice sia di liberazione, sia di fruimento, brucia ogni colpa. Il vino «viene sempre bevuto da coloro che hanno conosciuto l’ultima liberazionee da coloro che sono divenuti degli adepti e che si sforzano di divenirlo». In vista della liberazionevanno dunque bevute le bevande inebrianti a questo livello del
 pancatattva
: i mortali che ne usanodominando il loro animo e seguendo la legge di Civa vengono descritti come degli dèi, come degliimmortali sulla terra. Il riferimento alla legge di Civa, il Dio della trascendenza attiva, qui èsignificativo. Da un lato viene detto di bere soltanto «finchè la mente e la vista non siano turbate»,dall’altro si incontra, nei Tantra, questa frase, che è stata motivo di scandalo: «Avendo bevuto e poidi nuovo bevuto, essendo caduti per terra ed essendosi rialzati per bere ancora, si raggiunge laliberazione». A questo detto, è vero, alcuni scrittori hanno voluto dare un significato esoterico-simbolico, da riportarsi al piano del
kundalinî-yoga
, dove non è affatto questione di bevandeinebrianti: si alluderebbe ai successivi sforzi per portar sempre di nuovo verso l’alto la
kundalini
svegliata. Ma, come in tanti altri casi, la frase può essere polivalente e non escludereun’interpretazione concreta: portarsi fino a un limite, poter riaffermarsi e andare oltre di là da ognicollasso, mantenendo la coscienza e la direzione fondamentale dell’esperienza. Il rituale può avereun carattere collettivo, quindi l’aspetto di un’«orgia». Viene eseguito in un circolo o catena (
cakra
)di praticanti, anche dei due sessi, nel qual caso è verosimile l’associazione dell’uso del vino conquello del sesso. Tuttavia, qui gli aspetti di sfrenatezza evocati comunemente dalla parola «orgia»appaiono contemperati dalla presenza di precise strutture rituali. Se non importa la sostanza da cuila bevanda inebriante è ricavata (il vino indiano non è, come quello occidentale, di uva), unacondizione essenziale a che essa abbia l’effetto previsto è che sia «purificata». «Bere vino non purificato – viene detto – è come prendere un veleno». Il vino non purificato abbrutisce e va sempreevitato dai
kaula
. Esso non dà risultati e il
devatâ
– la divinità o
çakti
– che vi risiede non viene propiziata. La «purificazione» di cui qui si tratta può comprendere un procedimento complesso,contemplativo e rituale, inteso a condurre fino ad uno stato nel quale l’uso della bevanda propiziaeffettivamente dei contatti ed agisce in modo estatico e «sacro». È un processo, quasi, ditransustanziazione nel quale interviene di nuovo la immaginazione magica e sono usati vari
mantra
,ad esempio HRIM, il
mûla-mantra
, che è quello della potenza primordiale, o il cosidetto «mantradella spada» (PHAT) spesso impiegato quando si vuole separare il «sottile» dallo «spesso» e dalmateriale. Anche l’operazione preliminare di purificazione ha carattere collettivo, viene compiuta inun circolo (
cakra
) sotto la guida del «signore del circolo» -
cakrecvara
– che si mette al centro di3

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->