Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
22Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Grammatica Italiana. Le congiunzioni

Grammatica Italiana. Le congiunzioni

Ratings:

3.0

(2)
|Views: 20,618 |Likes:
Published by Cat 1714
Le congiunzioni coordinative e subordinative
Le congiunzioni coordinative e subordinative

More info:

Published by: Cat 1714 on Feb 20, 2009
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF or read online from Scribd
See more
See less

01/15/2014

 
http://learn
italian.blogspot.com
 
Le
 
congiunzioni
 
La
 
congiunzione
 
è
 
la
 
parte
 
invariabile
 
del
 
discorso
 
che
 
serve
 
a
 
“congiungere”
 
tra
 
loro
 
due
 
proposizioni
 
o
 
gli
 
elementi
 
di
 
una
 
stessa
 
proposizione.
 
Le
 
congiunzioni
 
possono
 
essere
 
coordinative
 
o
 
subordinative
.
 
Si
 
dicono
 
coordinative
 
le
 
congiunzioni
 
che
 
uniscono
 
due
 
elementi
 
della
 
stessa
 
proposizione,
 
o
 
due
 
proposizioni
 
che
 
non
 
siano
 
in
 
rapporto
 
di
 
dipendenza
 
tra
 
loro;
 
si
 
dicono
 
subordinative
 
le
 
congiunzioni
 
che
 
uniscono
 
due
 
proposizioni
 
che
 
hanno
 
tra
 
loro
 
un
 
rapporto
 
di
 
dipendenza,
 
cioè
 
una
 
proposizione
 
principale
 
con
 
una
 
dipendente
 
che
 
è
 
ad
 
essa
 
subordinata.
 
Le
 
congiunzioni
 
coordinative,
 
secondo
 
la
 
loro
 
particolare
 
funzione,
 
si
 
distinguono
 
in:
 
1)
 
Copulative:
 
e
 
(ed),
 
né,
 
neppure,
 
neanche,
 
nemmeno
 
Maria
 
e
 
Giovanni
 
passeggiano
 
 –
 
Io
 
lego
 
e
 
tu
 
scrivi
 
 –
 
Quello
 
che
 
mi
 
dici
 
non
 
è
 
 
bello
 
 
utile
 
 –
 
È
 
passato
 
e
 
neppure
 
si
 
è
 
fermato
 
 –
 
Se
 
io
 
non
 
parlo,
 
neanche
 
tu
 
mi
 
sembri
 
loquace.
 
Non
 
c’è
 
nessuna
 
differenza
 
tra
 
neppure,
 
neanche,
 
nemmeno.
 
E
 
davanti
 
a
 
parola
 
che
 
comincia
 
con
 
vocale,
 
per
 
ragioni
 
eufoniche,
 
può
 
diventare
 
ed
 
 –
 
È
 
bene
 
usare
 
sempre
 
ed
 
quando
 
la
 
parola
 
che
 
segue
 
comincia
 
con
 
è:
 
Tu
 
ed 
 
io
 
siamo
 
buoni
 
amici
 
 –
 
Io
 
parlavo
 
ed 
 
egli
 
rideva
 
 –
 
Ed 
 
anche
 
per
 
questo
 
non
 
potrò
 
venire
 
 –
 
Arrivò
 
tardi
 
ed 
 
era
 
stanco.
 
2)
 
Disgiuntive:
 
o,
 
ovvero,
 
oppure
 
Ridi
 
o
 
piangi?
 
 –
 
Parli
 
sul
 
serio,
 
ovvero
 
scherzi?
 
 –
 
Ti
 
conviene
 
partire
 
col
 
treno,
 
oppure
 
con
 
l’aereo.
 
3)
 
Avversative:
 
ma,
 
 però,
 
tuttavia,
 
 peraltro,
 
nondimeno,
 
eppure
 
Quell’uomo
 
sa
 
tutto,
 
ma
 
non
 
vuole
 
parlare
 
 –
 
È
 
giusto,
 
 però
 
qualche
 
volta
 
sbaglia
 
 –
 
Capisco
 
quello
 
che
 
dici,
 
tuttavia
 
non
 
so
 
consigliarti
 
 –
 
È
 
tardi,
 
nondimeno
 
mi
 
fermo
 
ancora
 
un
 
poco
 
 –
 
Ho
 
parlato
 
molto,
 
 peraltro
 
devo
 
chiarire
 
ancora
 
il
 
mio
 
pensiero
 
 –
 
Questo
 
film
 
non
 
è
 
bello,
 
eppure
 
non
 
mi
 
piace.
 
Qualche
 
volta
 
si
 
trovano
 
insieme
 
due
 
congiunzioni
 
avversative
 
che
 
si
 
rafforzano
 
a
 
vicenda:
 
ma
 
tuttavia,
 
ma
 
nondimeno,
 
ma
 
 pure,
 
ecc.
 
Quando
 
si
 
adoperano
 
insieme
 
ma
 
e
 
 però,
 
è
 
bene
 
interporre
 
qualche
 
parola
 
tra
 
le
 
due
 
congiunzioni:
 
Io
 
non
 
vado
 
questa
 
sera
 
alla
 
festa,
 
ma
 
sarebbe
 
bene
 
 però
 
avvisarli.
 
4)
 
Dimostrative:
 
cioè,
 
infatti,
 
vale
 
a
 
dire,
 
ossia
 
Ti
 
dirò
 
tutto
 
in
 
breve;
 
cioè
 
ti
 
riassumerò
 
l’argomento
 
 –
 
Puoi
 
fidarti
 
di
 
lui,
 
infatti,
 
è
 
una
 
persona
 
onesta
 
 –
 
Questo
 
è
 
ciò
 
che
 
volevo
 
raccomandarti,
 
vale
 
a
 
dire
 
la
 
costanza
 
e
 
la
 
buona
 
volontà
 
 –
 
Ti
 
ho
 
detto
 
tutto,
 
ossia
 
quasi
 
tutto.
 
5)
 
Conclusive:
 
dunque,
 
 pertanto,
 
 perciò,
 
quindi,
 
allora,
 
ebbene
 
Siamo
 
tutti
 
d’accordo,
 
dunque
 
si
 
può
 
concludere
 
 –
 
Avete
 
fatto
 
male,
 
 pertanto
 
non
 
vi
 
resta
 
che
 
chiedere
 
scusa
 
 –
 
Ho
 
esposto
 
quanto
 
era
 
necessario,
 
 perciò
 
tutto
 
ora
 
è
 
chiaro
 
 –
 
Hai
 
capito
 
bene?
 
 Allora
 
muoviti
 
 –
 
Abbiamo
 
ricevuto
 
tutto,
 
quindi 
 
possiamo
 
andare
 
 –
 
Ci
 
siamo
 
sfogati
 
a
 
parlare,
 
ebbene
 
ora
 
siamo
 
soddisfatti.
 
6)
 
Correlative:
 
e…
 
e,
 
o…
 
o,
 
né…
 
né,
 
come…
 
così,
 
sia…
 
sia,
 
non
 
solo…
 
ma
 
anche,
 
ecc.
 
O
 
fai
 
presto,
 
o
 
te
 
ne
 
vai
 
 –
 
Non
 
accetto
 
 
l’uno
 
 
l’altro
 
 –
 
Come
 
venne,
 
così
 
se
 
ne
 
andò
 
 –
 
Non
 
mi
 
piace
 
sia
 
che
 
parta,
 
sia
 
che
 
resti
 
 –
 
Non
 
solo
 
vuole
 
partire,
 
ma
 
anche
 
vuole
 
del
 
denaro.
 
 
http://learn
italian.blogspot.com
 
Le
 
congiunzioni
 
subordinate,
 
cioè
 
quelle
 
che
 
introducono
 
proposizioni
 
dipendenti
 
da
 
altre,
 
alle
 
quali
 
sono
 
“subordinate”,
 
si
 
distinguono
 
in:
 
1)
 
Dichiarative:
 
che,
 
come
 
So
 
che
 
tu
 
farai
 
presto
 
 –
 
Penso
 
che
 
tu
 
sia
 
buono
 
 –
 
Mi
 
spiegò
 
come
 
si
 
doveva
 
fare
 
 –
 
Non
 
so
 
come
 
ti
 
comporterai
 
in
 
questa
 
occasione.
 
2)
 
Causali:
 
 perché,
 
 poiché,
 
giacché,
 
ché
 
(=
 
 perché,
 
 poiché
),
 
siccome,
 
dal 
 
momento
 
che,
 
visto
 
che,
 
dato
 
che
 
Se
 
ne
 
andarono
 
subito,
 
 perché
 
erano
 
stanchi
 
 –
 
Poiché
 
sei
 
stato
 
punito
 
a
 
scuola,
 
resterai
 
in
 
casa
 
tutto
 
il
 
giorno
 
 –
 
La
 
ragazza
 
ci
 
salutò
 
in
 
fretta,
 
giacché
 
doveva
 
partire
 
 –
 
Non
 
vollero
 
fermarsi,
 
ché
 
a
 
casa
 
li
 
attendevano
 
per
 
la
 
cena
 
 –
 
Siccome
 
volevano
 
uscire,
 
cenarono
 
prima
 
del
 
solito
 
 –
 
Dal 
 
momento
 
che
 
nessuno
 
parlava,
 
l’adunanza
 
fu
 
sciolta
 
 –
 
Visto
 
che
 
tutto
 
era
 
inutile,
 
non
 
perdemmo
 
altro
 
tempo
 
e
 
ce
 
ne
 
andammo
 
 –
 
Dato
 
che
 
sei
 
venuto
 
qui,
 
ti
 
terrò
 
un
 
po’
 
di
 
compagnia.
 
3)
 
Temporali:
 
quando,
 
allorché,
 
allorquando,
 
mentre,
 
appena,
 
come,
 
tosto
 
che,
 
dal 
 
momento
 
che,
 
 finché,
 
dacché,
 
 fino
 
a
 
quando,
 
ogni 
 
volta
 
che
 
Io
 
arrivai
 
quando
 
tuo
 
fratello
 
era
 
uscito
 
 –
 
Ci
 
affacciammo
 
al
 
balcone,
 
allorché
 
cominciò
 
a
 
piovere
 
 –
 
Io
 
scrissi
 
la
 
lettera
 
allorquando
 
mi
 
telefonò
 
tuo
 
zio
 
 –
 
Mentre
 
passeggiavamo
 
ci
 
vennero
 
incontro
 
gli
 
amici
 
 –
 
Lo
 
riconobbi
 
appena
 
lo
 
vidi
 
 –
 
Come
 
uscì
 
vennero
 
a
 
cercarlo
 
 –
 
Tosto
 
che
 
lo
 
videro,
 
lo
 
abbracciarono
 
commossi
 
 –
 
Dal 
 
momento
 
che
 
cominciò
 
a
 
parlare,
 
il
 
pubblico
 
lo
 
ascoltò
 
attentamente
 
 –
 
Finché
 
stette
 
lì,
 
nessuno
 
lo
 
prese
 
in
 
considerazione
 
 –
 
Non
 
l’abbiamo
 
più
 
visto
 
dacché
 
partì
 
per
 
l’estero
 
 –
 
Staremo
 
ad
 
aspettarlo
 
 fino
 
a
 
quando
 
ritornerà
 
 –
 
Ogni 
 
volta
 
che
 
parla,
 
sbaglia.
 
4)
 
Finali:
 
affinché,
 
 perché,
 
acciocché
 
(si
 
costruiscono
 
sempre
 
con
 
il
 
modo
 
congiuntivo)
 
Te
 
lo
 
ripeto
 
affinché
 
tu
 
possa
 
capire
 
meglio
 
 –
 
Andarono
 
a
 
letto
 
presto
 
 perché
 
potessero
 
alzarsi
 
in
 
tempo
 
per
 
partire
 
 –
 
Si
 
fanno
 
dei
 
grandi
 
sacrifici
 
acciocché
 
si
 
possa
 
realizzare
 
qualcosa
 
nella
 
vita
 
 –
 
Parlo
 
ad
 
alta
 
voce
 
 perché
 
tutti
 
possano
 
sentire
 
 –
 
Ti
 
rimprovero
 
affinché
 
ciò
 
non
 
si
 
ripeta
 
più.
 
5)
 
Condizionali:
 
se,
 
qualora,
 
ove,
 
 purché,
 
quando
 
Ti
 
accompagnerò,
 
se
 
verrai
 
presto
 
 –
 
Se
 
tu
 
studiassi
 
di
 
più,
 
otterresti
 
degli
 
ottimi
 
voti
 
 –
 
Ti
 
perdonerei,
 
qualora
 
tu
 
dicessi
 
la
 
verità
 
 –
 
Potresti
 
uscire,
 
ove
 
qualcuno
 
venisse
 
a
 
prenderti
 
 –
 
Ti
 
aspetterò,
 
 purché
 
tu
 
venga
 
presto
 
 –
 
Quando
 
si
 
vuole,
 
si
 
può
 
sempre
 
riuscire.
 
6)
 
Concessive:
 
benché,
 
sebbene,
 
quantunque,
 
ancorché,
 
nonostante
 
che,
 
con
 
tutto
 
che,
 
 per 
 
quanto
 
(si
 
costruiscono
 
sempre
 
con
 
il
 
modo
 
congiuntivo)
 
Benché
 
avesse
 
ragione,
 
non
 
riuscì
 
a
 
dimostrarlo
 
 –
 
Ti
 
regalerò
 
un
 
libro
 
sebbene
 
tu
 
non
 
lo
 
meriti
 
 –
 
Quantunque
 
mi
 
sforzi,
 
non
 
riesco
 
a
 
superare
 
queste
 
difficoltà
 
 –
 
Uscirono
 
tutti,
 
ancorché
 
fosse
 
tardi
 
 –
 
Nonostante
 
che
 
l’avessero
 
abbandonato,
 
il
 
vecchio
 
non
 
odiava
 
nessuno
 
 –
 
Ti
 
parlerò
 
francamente,
 
con
 
tutto
 
che
 
tu
 
non
 
ispiri
 
molta
 
fiducia
 
 –
 
Per 
 
quanto
 
io
 
possa
 
fare,
 
è
 
difficile
 
che
 
riesca.
 
7)
 
Modali:
 
come,
 
come
 
se,
 
comunque,
 
quasi,
 
quasi 
 
che,
 
senza
 
che
 
Tu
 
fai
 
sempre
 
come
 
vuoi
 
 –
 
Egli
 
parla
 
come
 
se
 
nulla
 
fosse
 
successo
 
 –
 
Comunque
 
vadano
 
le
 
cose,
 
avrò
 
poco
 
da
 
sperare
 
 –
 
Piangeva
 
e
 
strillava
 
quasi 
 
l’avessero
 
strangolato
 
 –
 
Mi
 
rimproverava
 
ancora,
 
quasi 
 
ché
 
la
 
colpa
 
fosse
 
mia
 
 –
 
Uscirono
 
dalla
 
stanza
 
senza
 
che
 
si
 
facessero
 
notare.
 

Activity (22)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 thousand reads
1 hundred reads
elosag liked this
Adriana Munteanu liked this

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->