Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more ➡
Standard view
Full view
of .
Add note
Save to My Library
Sync to mobile
Look up keyword
Like this
29Activity
×
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Grammatica Italiana - Uso dei tempi e dei modi dei verbi

Grammatica Italiana - Uso dei tempi e dei modi dei verbi

Ratings:

4.5

(2)
|Views: 46,270|Likes:
Published by Cat 1714
http://webs.racocatala.cat/llengua/it
http://webs.racocatala.cat/llengua/it

More info:

categoriesTypes, School Work
Published by: Cat 1714 on Feb 21, 2009
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
See More
See less

04/06/2014

 
http://learn
italian.blogspot.com
 
L’uso
 
dei
 
tempi
 
e
 
dei
 
modi
 
dei
 
verbi
 
Modo
 
indicativo
 
L’indicativo
 
è
 
il
 
modo
 
che
 
indica
 
certezza,
 
realtà:
 
Io
 
scrivo
 
 –
 
Tu
 
cammini
 
 –
 
Egli
 
mangia
 
 –
 
Noi
 
cantiamo
 
 –
 
Egli
 
dormiva
 
ancora,
 
quando
 
io
 
arrivai
 
 –
 
Io
 
so
 
che
 
tu
 
sei
 
buono.
 
Presente
 
Il
 
presente
 
indica
 
un’azione
 
che
 
sta
 
accadendo
 
nel
 
momento
 
in
 
cui
 
si
 
parla:
 
Noi
 
leggiamo
 
il
 
giornale
 
e
 
tu
 
scrivi 
 
la
 
lettera
 
al
 
direttore.
 
Qualche
 
volta,
 
per
 
rendere
 
più
 
viva
 
la
 
narrazione
 
di
 
un
 
avvenimento
 
passato,
 
si
 
adopera
 
il
 
 presente
 
(
 presente
 
storico
):
 
Cesare
 
 passa
 
il
 
Rubicone
 
e
 
si
 
dirige
 
verso
 
Roma
 
 –
 
Napoleone
 
rompe
 
gli
 
indugi
 
e
 
attacca
 
di
 
sorpresa
 
il
 
nemico.
 
Si
 
adopera
 
anche
 
il
 
 presente
 
per
 
azioni
 
future
 
che
 
si
 
considerano
 
imminenti:
 
Esci 
 
con
 
noi?
 
Sì,
 
vengo
 
subito
 
 –
 
Parto
 
domani
 
per
 
Londra.
 
Passato
 
L’
imperfetto
 
indica
 
un’azione
 
passata,
 
di
 
cui
 
si
 
vuole
 
esprimere
 
la
 
durata,
 
oppure
 
un’azione
 
che
 
si
 
ripete
 
nel
 
passato:
 
I
 
nostri
 
amici
 
abitavano
 
in
 
questa
 
via
 
dieci
 
anni
 
fa
 
 –
 
Percorrevo
 
ogni
 
giorno
 
cinque
 
chilometri
 
per
 
arrivare
 
a
 
casa.
 
Indica
 
anche
 
un’azione
 
contemporanea
 
ad
 
un’altra
 
azione
 
passata:
 
Lo
 
vedevo
 
mentre
 
saliva
 
le
 
scale
 
 –
 
Quando
 
lo
 
incontrammo
 
 piangeva.
 
È
 
il
 
tempo
 
caratteristico
 
delle
 
descrizioni
 
e
 
delle
 
narrazioni.
 
Il
 
passato
 
prossimo
 
indica
 
un’azione
 
passata,
 
ma
 
che
 
si
 
considera
 
vicina
 
al
 
presente,
 
o
 
collegata
 
con
 
esso;
 
indica
 
generalmente
 
un’azione
 
le
 
cui
 
conseguenze
 
si
 
fanno
 
sentire
 
nel
 
presente:
 
Ho
 
 preparato
 
la
 
valigia,
 
ora
 
posso
 
partire
 
 –
 
Questo
 
ragazzo
 
ha
 
 pianto
 
tutto
 
il
 
giorno
 
 –
 
Ho
 
scritto
 
una
 
lettera
 
lunghissima,
 
ma
 
non
 
ho
 
avuto
 
il
 
coraggio
 
di
 
spedirla
 
 –
 
Dove
 
sei 
 
stato
 
ieri
 
sera?
 
Sono
 
stato
 
al
 
cinema
 
con
 
gli
 
amici.
 
Il
 
passato
 
remoto
 
invece
 
indica
 
un’azione
 
avvenuta
 
nel
 
passato
 
lontano,
 
oppure
 
nel
 
passato
 
vicino,
 
ma
 
completamente
 
esaurita
 
in
 
esso,
 
cioè
 
senza
 
stretta
 
relazione
 
con
 
il
 
presente:
 
Dante
 
amò
 
Beatrice
 
e
 
la
 
esaltò
 
nella
 
sua
 
Divina
 
Commedia
 
 –
 
L’anno
 
scorso
 
 passammo
 
i
 
mesi
 
stivi
 
in
 
montagna
 
 –
 
Ieri
 
incontrai 
 
il
 
vecchio
 
professore,
 
quello
 
che
 
ebbi 
 
nei
 
primi
 
anni
 
dei
 
miei
 
studi.
 
 
http://learn
italian.blogspot.com
 
Il
 
trapassato
 
prossimo
 
indica
 
un’azione
 
già
 
avvenuta
 
prima
 
che
 
ne
 
accadesse
 
un’altra
 
pure
 
passata:
 
Lo
 
avevo
 
visto
 
il
 
giorno
 
prima
 
che
 
partisse
 
 –
 
Quando
 
spuntava
 
l’alba
 
avevamo
 
già
 
 percorso
 
gran
 
parte
 
della
 
strada.
 
Il
 
trapassato
 
remoto
 
indica
 
un’azione
 
già
 
del
 
tutto
 
esaurita
 
rispetto
 
ad
 
un’altra
 
passata
 
 
un
 
tempo
 
generalmente
 
poco
 
usato):
 
Dopo
 
che
 
ebbe
 
scritto
 
tutta
 
la
 
notte,
 
spense
 
la
 
luce
 
e
 
si
 
addormentò
 
 –
 
(più
 
comunemente:
 
dopo
 
aver 
 
scritto
 
tutta
 
la
 
notte,
 
ecc.)
 
Futuro
 
Il
 
futuro
 
semplice
 
indica
 
un’azione
 
che
 
si
 
verificherà
 
nell’avvenire:
 
Lo
 
vedrò
 
domani
 
 –
 
Leggerò
 
l’articolo
 
questa
 
sera
 
 –
 
Ti
 
dirò
 
tutto
 
dopo.
 
Il
 
futuro
 
anteriore
 
indica
 
un’azione
 
che
 
si
 
verificherà
 
nel
 
futuro,
 
ma
 
prima
 
di
 
un’altra
 
azione
 
espressa
 
dal
 
futuro
 
semplice:
 
Passerò
 
da
 
te,
 
quando
 
avrò
 
 finito
 
il
 
lavoro
 
 –
 
Dopo
 
che
 
avrò
 
letto
 
con
 
attenzione
 
il
 
libro,
 
vi
 
 parlerò
 
di
 
questo
 
argomento.
 
Modo
 
condizionale
 
Il
 
modo
 
condizionale
 
indica
 
un’azione
 
che
 
è
 
subordinata
 
ad
 
una
 
condizione,
 
esprime
 
cioè
 
un
 
fatto
 
che
 
può
 
avvenire
 
soltanto
 
se
 
si
 
verifica
 
una
 
data
 
condizione:
 
Verrei 
 
spesso
 
a
 
casa
 
tua,
 
se
 
avessi
 
tempo
 
 –
 
 Arriverei 
 
in
 
tempo,
 
se
 
tutta
 
la
 
strada
 
fosse
 
libera
 
 –
 
se
 
tu
 
venissi
 
presto,
 
andremmo
 
insieme
 
 –
 
se
 
egli
 
dicesse
 
la
 
verità,
 
io
 
certamente
 
lo
 
 perdonerei 
 
 –
 
Ti
 
avrei 
 
regalato
 
il
 
libro,
 
se
 
fosse
 
stato
 
mio
 
 –
 
Ti
 
regalerei 
 
il
 
libro,
 
se
 
fosse
 
mio.
 
Si
 
usa
 
il
 
condizionale
 
per
 
rendere
 
più
 
gentile
 
un
 
desiderio:
 
Desidero
 
questo
 
libro
 
 
un
 
desiderio
 
che
 
ha
 
implicita
 
l’idea
 
del
 
comando);
 
deriderei 
 
questo
 
libro
 
(la
 
richiesta
 
è
 
resa
 
più
 
gentile).
 
Modo
 
imperativo
 
Il
 
modo
 
imperativo
 
esprime
 
comando,
 
preghiera,
 
esortazione,
 
minaccia:
 
Vai 
 
via!
 
 –
 
Porta
 
questo
 
pacco
 
a
 
tuo
 
padre
 
 –
 
Corri 
 
subito
 
a
 
casa!
 
 –
 
Studiate
 
bene
 
la
 
lezione
 
 –
 
Venite
 
da
 
me
 
oggi!
 
 –
 
 Aiutatemi!
 
Per
 
l’
imperativo
 
negativo,
 
quando
 
si
 
riferisce
 
ad
 
una
 
seconda
 
persona
 
singolare,
 
si
 
usa
 
non
 
e
 
l’
infinito:
 
non
 
parlare
 
 –
 
non
 
farmi
 
arrabbiare
 
 –
 
non
 
restare
 
lì.
 
 
http://learn
italian.blogspot.com
 
Modo
 
congiuntivo
 
Il
 
congiuntivo
 
è
 
il
 
modo
 
caratteristico
 
delle
 
proposizioni
 
dipendenti;
 
esprime
 
incertezza,
 
dubbio,
 
possibilità,
 
irrealtà:
 
Io
 
penso
 
che
 
sia
 
meglio
 
così
 
 –
 
Credo
 
che
 
venga
 
anche
 
lui
 
 –
 
Dubito
 
che
 
tu
 
 possa
 
riuscire
 
 –
 
È
 
impossibile
 
che
 
arrivino
 
tutti
 
 –
 
Suppongo
 
che
 
tu
 
legga
 
molto
 
 –
 
Sospettiamo
 
che
 
egli
 
ci
 
tradisca.
 
Il
 
modo
 
congiuntivo
 
si
 
adopera
 
quando
 
il
 
verbo
 
della
 
proposizione
 
reggente
 
indica:
 
a)
 
Dubbio,
 
incertezza,
 
timore,
 
possibilità,
 
desiderio:
 
dubito
 
che
 
gli
 
amici
 
arrivino
 
in
 
tempo
 
 –
 
non
 
so
 
se
 
sia
 
necessaria
 
la
 
tua
 
presenza
 
 –
 
temo
 
che
 
egli
 
abbia
 
ragione
 
 –
 
ho
 
timore
 
che
 
tutto
 
vada
 
di
 
male
 
in
 
peggio
 
 –
 
 può
 
darsi 
 
che
 
venga
 
anche
 
tuo
 
padre
 
 –
 
credo
 
che
 
sia
 
troppo
 
tardi
 
per
 
uscire
 
 –
 
 penso
 
che
 
essi
 
vengano
 
 –
 
desidero
 
che
 
tu
 
vada
 
a
 
trovarli
 
 –
 
gli
 
auguro
 
che
 
guarisca
 
presto
 
 –
 
spero
 
che
 
vogliate
 
gradire
 
questo
 
omaggio.
 
b)
 
Quando
 
il
 
verbo
 
della
 
reggente
 
è
 
un
 
condizionale:
 
vorrei 
 
che
 
tu
 
 fossi 
 
più
 
diligente
 
 –
 
aspetterei 
 
che
 
arrivassero
 
tutti
 
prima
 
di
 
parlare
 
 –
 
 preferirei 
 
che
 
tu
 
andassi 
 
subito.
 
c)
 
Quando
 
nella
 
proposizione
 
reggente
 
c’è
 
un
 
verbo
 
impersonale
 
(o
 
la
 
dipendente
 
è
 
introdotta
 
da
 
una
 
congiunzione
 
che,
 
affinché,
 
sebbene
 
):
 
è
 
necessario
 
che
 
tu
 
ti
 
 faccia
 
coraggio
 
 –
 
è
 
 possibile
 
che
 
mi
 
diano
 
questa
 
soddisfazione
 
 –
 
è
 
 possibile
 
che
 
tu
 
riesca
 
bene
 
 –
 
occorre
 
che
 
vi
 
sbrighiate
 
subito
 
 –
 
bisogna
 
che
 
ognuno
 
 pensi 
 
ai
 
fatti
 
propri
 
 –
 
ti
 
do
 
questo
 
libro
 
affinché
 
tu
 
impari 
 
qualcosa
 
 –
 
passammo
 
dagli
 
amici,
 
sebbene
 
 fosse
 
molto
 
tardi.
 
Qualche
 
volta
 
si
 
può
 
trovare
 
il
 
modo
 
congiuntivo
 
in
 
proposizioni
 
indipendenti,
 
per
 
esprimere
 
augurio,
 
desiderio,
 
imprecazione,
 
esortazione:
 
Il
 
Signore
 
 protegga
 
la
 
nostra
 
famiglia
 
 –
 
Sia
 
lodato
 
Iddio
 
 –
 
Oh,
 
 potessi 
 
un
 
giorno
 
rivederti!
 
 –
 
 Abbia
 
pazienza!
 
 –
 
Vada
 
a
 
farsi
 
benedire.
 
In
 
questi
 
casi
 
si
 
può
 
sempre
 
pensare
 
ad
 
un
 
verbo
 
reggente
 
sottinteso:
 
speriamo
 
che
 
il
 
Signore
 
protegga
 
la
 
voglio
 
che
 
Iddio
 
sia
 
lodato
 
 –
 
darei 
 
tanto
 
se
 
potessi
 
un
 
giorno
 
rivederti!
 
 –
 
desidero
 
che
 
abbiate
 
pazienza!
 
 –
 
è
 
bene
 
che
 
vada
 
a
 
farsi
 
benedire!
 
Per
 
l’uso
 
del
 
congiuntivo
 
nelle
 
proposizioni
 
dipendenti,
 
bisogna
 
tener
 
conto
 
del
 
significato
 
del
 
verbo
 
della
 
proposizione
 
principale;
 
cioè
 
bisogna
 
vedere
 
se
 
questo
 
verbo
 
esprime
 
dubbio,
 
timore,
 
incertezza,
 
desiderio,
 
oppure
 
esprime
 
certezza,
 
affermazione
 
decisa.
 
Se
 
il
 
verbo
 
della
 
principale
 
esprime
 
dubbio,
 
ecc.
 
…,
 
nella
 
dipendente
 
si
 
usa
 
il
 
congiuntivo
:
 
io
 
suppongo
 
che
 
egli
 
sia
 
ricco
 
 –
 
 penso
 
che
 
tu
 
sia
 
buono
 
 –
 
desidero
 
che
 
veniate
 
tutti
 
 –
 
credo
 
che
 
egli
 
arrivi 
 
domani
 
 –
 
ritengo
 
che
 
sia
 
utile
 
che
 
tu
 
vada
 
e
 
spero
 
che
 
riesca
 
tutto
 
bene.
 
Ma
 
se
 
il
 
verbo
 
della
 
principale
 
esprime
 
certezza,
 
nella
 
dipendente
 
si
 
usa
 
l’indicativo:
 
io
 
so
 
che
 
egli
 
è
 
ricco
 
 –
 
sono
 
certo
 
che
 
tu
 
sei 
 
buono
 
 –
 
è
 
sicuro
 
che
 
voi
 
venite
 
tutti
 
 –
 
ti
 
comunico
 
che
 
egli
 
arriva
 
domani
 
 –
 
sappiamo
 
che
 
è
 
utile
 
andare
 
e
 
siamo
 
certi 
 
che
 
tutto
 
riuscirà
 
bene.
 
1)
 
Se
 
il
 
soggetto
 
della
 
proposizione
 
dipendente
 
è
 
lo
 
stesso
 
soggetto
 
della
 
proposizione
 
principale,
 
invece
 
del
 
congiuntivo
 
o
 
dell’indicativo,
 
introdotto
 
da
 
che,
 
si
 
usa
 
l’
infinito
 
preceduto
 
della
 
proposizione
 
di:
 
essi
 
sanno
 
di 
 
essere
 
buoni
 
 –
 
voi
 
pensate
 
di 
 
arrivare
 
in
 
tempo
 
 –
 
egli
 
crede
 
di 
 
partecipare
 
alla
 
riunione
 
 –
 
noi
 
temiamo
 
di 
 
essere
 
troppo
 
indulgenti
 
 –
 
io
 
credo
 
di 
 
essere
 
piuttosto
 
generoso.
 

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->