Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
2Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Speculazione finanziaria

Speculazione finanziaria

Ratings: (0)|Views: 36|Likes:
Published by XMediaLabTorino
traccia di lavoro sulla speculazione finanziaria
traccia di lavoro sulla speculazione finanziaria

More info:

Categories:Types, School Work
Published by: XMediaLabTorino on Feb 28, 2013
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

12/11/2013

pdf

text

original

 
Campagna per la Cittadinanza
0  
Definizione
La S. consiste nel trar vantaggiodalle differenza di prezzo chetitoli o valute presentano in uncerto intervallo di tempo. Sidistingue dall’ arbitraggio perchè quest'ultima operazionelucra sulle differenze di prezzonello spazio, su piazze diverse, e non nel tempo ed è priva di rischio.Il rischio dello speculatore sta nel vendere o nell' acquistare in basea previsioni dei prezzi futuri. Lo speculatore deve solo prevedere enon provocare; il farlo con la divulgazione di notizie «false,esagerate o tendenziose» costituisce reato di aggiotaggio (art. 501Codice penale).La S. si esercita sulle valute ma soprattutto sui titoli; per questo ilsuo luogo privilegiato è la Borsa valori. In borsa si incontrano duetipi di operatori, il risparmiatore e lo speculatore. Il primo vuoleinvestire i propri soldi nell'acquisto, generalmente stabile, dì titoli; per questo compra (o vende) «per contanti» (lo scambio titoli-denaro è immediato). Il secondo invece stipula generalmentecontratti «a termine», grazie ai quali il prezzo viene stabilito subito,ma la consegna del denaro e dei titoli è differita a data stabilita dalle parti. I contratti a termine possono essere a loro volta di due tipi,«fermo» o «a premio» ; ne! primo caso, alla scadenza stabilita ilcontratto deve essere perfezionato, deve cioè avvenire la consegnadi titoli e denaro; nel secondo, un operatore può liberarsidell'impegno preso pagando un premio, una specie di penale.Lo speculatore può giocare «al ribasso» o «al rialzo». Opera alribasso quando prevede che un certo titolo perderà valore; alloravende oggi nella speranza di poterlo ricomprare domani a un prezzoinferiore. Può vendere i titoli anche senza possederli; in tal caso sidice che vende «allo scoperto»: vende cioè a termine al prezzocorrente; se alla scadenza pattuita il prezzo è effettivamente sceso,acquista i titoli al nuovo prezzo e li consegna a chi li ha pagatisecondo il prezzo fissato nel contratto a termine. Opera al rialzoquando spera in un aumento del valore dei titoli. Nel gergo borsistico il ribassista è detto bear (orso), il rialzista bull (toro).Le operazioni speculative sono diversamente valutate. Chi le giudica positivamente sostiene che lo speculatore contribuisce a livellare estabilizzare i prezzi nel tempo. Chi le condanna, rileva che la S.: a) èattività puramente parassitarla, che distoglie i capitali dall'uso produttivo; b) supera spesso i limiti consentiti esercitando un ruolonegativo nel deprimere o nel gonfiare i valori dei titoli.
[tratto da Marchese-Mancini-Greco-Assini, Dizionario dieducazione civica, La Nuova Italia 1991, pp.428-9 con modifiche]
Chi sono gli “speculatori”
[…] oggi il mondo rigurgita di denaro, alla frenetica ricerca di unqualche impiego remunerativo di tipo finanziario. Gli ultimi anniottanta e quelli novanta del Novecento, nonché i primi sette anni delnuovo secolo, hanno visto in effetti un’esplosione della ricchezzamondiale. È noto che nel periodo citato la parte di tale ricchezza cheè andata al lavoro è declinata, mentre quella spettante al capitalesotto le sue varie forme è parallelamente aumentata. Così i profittidelle multinazionali, le royalties petrolifere, le risorse derivantidall’evasione fiscale italiana, l’aumento quale che ne sia l'or iginedei beni delle persone già privilegiate, si sono trasformati inunfiume inarrestabile, in piena perenne, che si dirige verso i nodi focalidel sistema, Londra e New York. Qui essi una volta si scatenerannosulla borsa, un’altra sulle materie prime o sull’euro e così via. [Duesono i principali canali attraverso cui vengono indirizzate tuttequeste risorse.]Il primo è costituito dalle grandi
banche di investimento
, a partiredalla più prestigiosa di tutte, la Goldman Sachs, negli ultimi tempiinvischiata in molti scandali legati alla crisi […]. Essi hanno presoda tempo l’abitudine di speculare in proprio, oltre che per i loroclienti, attraverso anche un elevato livello di indebitamento. Con lacrisi, il settore ha conosciuto grossi guai e ha subìto una profondaristrutturazione, ma ora esso, sia pure ormai a ranghi ridotti, sembraavere ripreso la spinta di un tempo.Gli altri grandi protagonisti sono gli
hedge fund.
Essi sono, nellasostanza, dei fondi di investimento a vocazione altamentespeculativa, nonostante il nome che in inglese significherebbeinvece fondi di copertura. In generale, per l’alta quota di ingresso,sono sostanzialmente riservati ai ricchi. Un hedge fund utilizza disolito meccanismi quali un alto livello di leverage (indebitamento) per mobilitare un volume di capitali molto maggiore di quello messoin gioco dagli investitori del fondo, nonché, altro grande puntod’attacco del gioco, il mercato dei derivati. E per molti anni i profittinon sono mancati in molte di tali strutture, anche se non in tutte. Lachiusura forzata di due fondi controllati dalla banca di investimentoBear Stearns è stato, nel giugno 2007, il primo atto ufficiale dellacrisi del sub-prime. A partire dal 2008 una parte molto consistentedel comparto è entrata in crisi e i rendimenti si sono fortementedegradati. Negli ultimi tempi le relativamente poche strutturesopravvissute si sono riorganizzate e hanno ripreso a mordere imercati.Storicamente è noto il ruolo svolto nel primo periodo del lorosviluppo, negli anni novanta del Novecento, nell’affondamento dellasterlina e dei progetti monetari europei, sotto la guida in particolaredi George Soros. Oggi la massa dei patrimoni gestiti dagli hedgefund si aggira intorno ai 2 mila miliardi di dollari. La più grandeorganizzazione del settore è la statunitense Bridgewater Associates,che conta al momento più di 90 miliardi di dollari di attività. I ricchidel mondo, i fondi pensione, i fondi sovrani, affidano grandiquantità di risorse a tali strutture.
[tratto da V.Comito, I percorsi della speculazione, “Il Manifesto”14.7.2011, ora anche inwww.sbilanciamoci.info
 
; con modifiche]
Consigli di Viaggio
: incontra un consulente finanziarioindipendente
DEFINIZIONE
 
DEL CONCETTO

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->