Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
2Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Formigoni, Cl e la Sanità lombarda

Formigoni, Cl e la Sanità lombarda

Ratings: (0)|Views: 2 |Likes:
Published by Filippo Azimonti
E’ un addio quello che Roberto Formigoni recita nella sua ultima conferenza stampa da Presidente della Regione Lombardia. E un’assunzione di responsabilità di fronte a quanto il suo successore, Roberto Maroni, potrebbe trovarsi come sgradita eredità.
E’ un addio quello che Roberto Formigoni recita nella sua ultima conferenza stampa da Presidente della Regione Lombardia. E un’assunzione di responsabilità di fronte a quanto il suo successore, Roberto Maroni, potrebbe trovarsi come sgradita eredità.

More info:

Published by: Filippo Azimonti on Mar 08, 2013
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as DOCX, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

12/01/2013

pdf

text

original

 
Formigoni, Cl e la Sanità lombarda
E’ un addio quello che Roberto Formigoni recita nella sua ultima conferenza stampada Presidente della Regione Lombardia. E un’assunzione di responsabilità di fronte a
quanto il suo successore, Roberto Maroni, potrebbe trovarsi come sgradita eredità.Con u
n sorriso sornione dichiara, infatti, l’incredibile: «Cl, non ha avuto alcuna
influenza in questi 18 anni sulla sanità lombarda, perché ho governato insieme con imiei assessori, prendendoci noi tutte le responsabilità, nel bene o nel male».Per quanto riguarda il «bene» si dice certo di aver «fatto per gran parte il nostrodovere e di lasciare una macchina che funziona a chi ci succederà». Per il «male»
sarà il Celeste «insieme con i miei assessori», ma dal suo seggio “protetto” a Palazzo
Madama, a replicare ai pm che nelle 37 pagine nelle quali ne hanno chiesto il rinvio agiudizio per «corruzione aggravata» lo hanno accusato di aver fornito «allaFondazione Maugeri e all' ospedale San Raffaele protezione globale». E per farlo «leerogazioni venivano riconosciute (...) contro il parere dei funzionari della direzionegenerale della Sanità». E «si indicava al direttore generale il contenuto delledecisioni, anche in assenza delle condizioni di legge».Ma la dichiarazione di Formigoni, per essere davvero intesa, va rovesciata. Si può ben dire con un sorriso sulle labbra che «Cl non ha avuto alcuna influenza in questi18 anni sulla Sanità lombarda», ma solo perché Cl e la Compagnia delle Opere
 sono
 la Sanità lombarda e in giunta erano ottimamente rappresentata. Non è stato dunqueun caso se a un mese dalle elezioni proprio la Compagnia delle opere avesse reso pubblico un documento nel quale si assicurava che «l' associazione non partecipa auna militanza partitica», ma si chiedeva anche che «il messaggio di modernizzazioneintrapreso con successo in Lombardia, con le leggi innovative che hanno consentito laliberà di scelta nei servizi essenziali venga consolidato e incentivato». Un
endorsement 
per la maggioranza di Pdl e Lega, perfettamente inteso da RobertoMaroni quando annunciò di voler mantenere al proprio posto Melazzini e con questo
“conservare” il sistema di relazioni del “sistema” Formigoni.
Alla cui
“rigenerazione” si oppone oggi, paradossalmente, quella parte del Pdl ch
e protesta la propria autonomia da Cl e Compagnia delle Opere, così che è Silvio Berlusconi,
nell’ultimo regolamento di conti con l’indocile Formigoni, a chiedere la testa di
Melazzini per imporre il proprio candidato.
E’ un altro prezzo che Maroni dovrà pagare all’alleanza che lo ha portato alla vittoria,
assecondando un inedito
 spoiling system
 
all’interno della sua stessa maggioranza. Un
segnale perfettamente inteso da Francesco Beretta, ex manager ciellino, già Memoresdomini, direttore generale del San
Gerardo di Monza che con due anni d’anticipo

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->