Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
2Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Kant

Kant

Ratings:

2.0

(1)
|Views: 458 |Likes:
Published by Alessandro Volpe
Kant
Kant

More info:

Categories:Types, Research
Published by: Alessandro Volpe on Apr 03, 2013
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

10/04/2014

pdf

text

original

 
A cura di Alessandro VolpeKant (1724-1804)
Interesse per le scienze naturali (1760); interesse filosofico (1781); filosofia trascendentale(1804). Avvicinamento la filosofia naturalistica dell'Illuminismo di Newton.Il pensiero di Kant è detto "criticismo" perchè fà della critica lo strumento per eccellenza:interrogarsi programmaticamente circa il fondamento di determinate esperienza umanechiarendone:
le
 possibilità
: le condizioni che ne permettono l'esistenza
la
validità
: i titoli di legittimità
i
limiti
: e confini di validitàSenza termini di validità il "criticismo" non esisterebbe. Esso è una "filosofia del limite" unvera e propria "ermeneutica della finitudine".
Critica della ragion pura.
Analisi critica dei fondamenti del sapere, Scienza e Metafisica.Domande fondamentali sono le seguenti:
Come possibile la matematica pura?
Come è possibile la fisica pura?
Come possibilela metafisica in quanto disposizione naturale?Aggiungendone una quarta
Come possibile la metafisica come scienza?I giudizi sintetici a priori sono le proposizioni che esprimono tramite il predicato qualcosa dinuovo al soggetto - a differenza di giudizi analitici a priori. I giudizi sintetici a posteriorisono legati all'esperienza. I principi della scienza sono giudizi sintetici a priori. I giudizianalitici a priori richiamano al razionalismo. I giudizi sintetici a posteriori all'empirismo.
 Da dove provengono i giudizi a priori?
Kant risponde elaborando nuova teoria dellaconoscenza intesa come sintesi tra materia e forma.
 Materia della conoscenza
: molteplicitàcaotica, elemento empirico.
 Forma della conoscenza
: insieme di modalità fisse a priori.
Estetica trascendentale.
Studia la sensibilità le sue forme a priori. La sensibilità è ricettiva ed attiva. Le forme a priori sono:
 spazio
(forma del senso esterno) e
tempo
(forma del senso interno). Per Kantspazio e tempo sono due intuizioni pure. Per Kant conoscere significa ordinare le intuizioniempiriche nello spazio e nel tempo.
Analitica trascendentale.
Studio alle forme a priori dell'intelletto. Tali forme sono le
categorie
. I concetti possonoessere
 puri
(da qui le categorie empirici) o
empirici
.Le categorie sono dodici e sono tante quante le modalità di giudizio. Sono solo modi di pensare la realtà. Come possono le categorie valere sugli oggetti?
 
Deduzione trascendentale.
L'unificazione tra categorie e oggetti deriva dall'intelletto in particolare tramite la categoriasuprema dell'"
io penso
". Tutti i pensieri presuppongono l'
io penso.
L'
io penso
pensa tramitecategorie. Infine tutti gli oggetti pensati presuppongono le categorie.L'intelletto agisce sugli oggetti tramite il tempo cioè il medium universale. Se il tempocondiziona gli oggetti , l'intelletto condizionando il tempo condizionerà a sua volta glioggetti. Facoltà chiamata "
immaginazione produttiva
". Produce a priori "schemi temporali".Gli schemi sono la rappresentazione intuitiva di un concetto. Gli schemi trascendentali sonoregole attraverso cui l'intelletto condiziona del tempo secondo i propri concetti a priori =categorie calate nel tempo.
Dialettica trascendentale.
Critica le idee della ragione: Anima, Dio, Mondo.Essa analizza gli errori della ragione che tenta di conoscere queste tre idee - colonne portantidella conoscenza.
 Anima
: psicologia.
 Dio
: teologia.
 Mondo
: cosmologia.La psicologia razionale cade nell'errore producendo
 paralogismi:
falsi ragionamenti che pretendono di applicare le categorie di sostanza all' "io penso" chiamando l'anima una realtà permanente. L'
io penso
per Kant è una categoria solo formale.La cosmologia razionale basandosi su
antinomie -
cioè ragionamenti contrapposti tra loro -cade anch'essa in errore non potendo dare ragione né ad una né all'altra.La teologia razionale, avendo detto Dio, ma non conoscendo della sua effettiva esistenza,non può che essere in difetto.
Critica alla ragion pratica.
La domanda è:
Cosa devo fare?
Concerne l'aspetto pratico dell'uomo. Kant anzitutto distingue l'essere in
 spirituale
(ci sicomporta per ragione e volontà) e
animale
(ci si comporta per sensibilità).L'uomo è un essere morale dotato di ragione e sensibilità. C'è bisogno di regole generaliche ne determinino le azioni - le azioni morali sono dunque azioni universali. Queste"regole generali" sono i principi pratici.Kant distingue i principi
 pratici soggettivi
(massime): considerati validi solo da soggetto
 pratici oggettivi
(imperativi): oggettivi-universali.I pratici oggettivi si dinguono poi in:
ipotetici
: ci determinano la volontà a patto che si raggiunga un fine.

Activity (2)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 thousand reads
1 hundred reads

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->