Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
iquaderni_n64_20110311

iquaderni_n64_20110311

Ratings: (0)|Views: 1 |Likes:
Published by Mirko Guerrini

More info:

Published by: Mirko Guerrini on Jun 08, 2013
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

01/19/2014

pdf

text

original

 
Tiratura: 27.716 enonauti, opinion leader e professionisti del vino - n. 64 - Marzo 2011 - Info: iquadernidiwinenews@winenews.itwww.winenews.it - Registrazione Tribunale di Siena n. 709 del 31 Marzo 2001 - A cura di Franco Pallini e Antonio Boco
Vendemmia: 2009Proprietà: Eredi Renzo RaspiUvaggio: SangioveseBottiglie prodotte: 7.000Enologo: Filippo PaolettiPrezzo allo scaffale:€ 11,00-13,00Vendemmia: 2009Proprietà: Roberto StucchiPrinettiUvaggio: Sangiovese, CanaioloBottiglie prodotte: 220.000Enologo: Maurizio CastelliPrezzo allo scaffale:€ 12,00-14,00
Bandini-Villa Pomona
Docg Chianti Classico
Il paesaggio chiantigiano che ti aspetti, dove levigne non sono le sole protagoniste delterritorio ma dividono la scena con gli alberi diolivo e i boschi, e il Chianti Classico che speridi trovare nel bicchiere: ricco di piccoli fruttirossi al naso, ben alternato a note agrumate eferrose; teso e vibrante in bocca, dove il fruttomaturo non banalizza il sorso ma lo completa,in perfetto amalgama con il ventaglio floreale ele spezie fini, ben supportate da un finaleaustero e dall’ottimo tannino saporito. Tuttoquesto è Villa Pomona e il suo Chianti Classico2009, a nostro avviso, tanto per non usareinutili giri di parole, tra le più belle espressionidell’annata.
Badia a Coltibuono
Docg Chianti Classico
A dimostrazione di come anche con numeri nonproprio confidenziali si possa scegliere dilavorare secondo regole rispettosedell’ambiente, Badia a Coltibuono è una dellepiù importanti realtà chiantigiane che si fregiadella certificazione biologica. I vini negli ultimitempi ci hanno sempre convinto e il ChiantiClassico 2009 non fa eccezione, anzi. E’ unrosso delizioso e leggiadro, giocato sullafinezza del frutto e delle trame floreali, resocomplesso da delicati accenni speziati erocciosi. Nel solco dello stile maison, dunque,ideale per chi ha in testa un Chianti Classicod’annata che rifugge strade aromaticheesotiche o forzature materiche.
Vendemmia: 2009Proprietà: Castellare diCastellinaUvaggio: Sangiovese, CanaioloBottiglie prodotte: 115.000Enologo:Alessandro Cellai, MaurizioCastelliPrezzo allo scaffale:€ 13,00-15,00Vendemmia: 2009Proprietà: Valentina MastriPriamiUvaggio: Sangiovese, ColorinoBottiglie prodotte: 15.000Enologo:Fabrizio MoltardPrezzo allo scaffale:€ 11,00-13,00
Castellare di Castellina
Docg Chianti Classico
Anche se parliamo di una delle aziendetoscane di riferimento, con vini di chiara famacapaci di scrivere pagine importanti e luminosedell’enologia italiana, il Chianti Classico diCastellare non ci è mai sembrato così buonocome nell’annata 2009, appena presentata.Figlio di sole uve tradizionali (Sangioveto, comelo chiamano in azienda, e Canaiolo), affinato inbarrique non nuove e tonneau, è un rossosuperbo per integrità e profondità di frutto.Quasi borgognone nei tratti aromatici (di NuitSaint George, così per giocare…), ha un palatosaporito e di bellissima grana, chiuso da untannino serrato e di ottima fattura. Chapeau.
Fattoria San Pancrazio
Docg Chianti Classico
La fattoria San Pancrazio sorge sulle colline delChianti Classico fiorentino nei dintorni di SanCasciano in Val di Pesa, a pochi chilometri dalcapoluogo toscano, ed ha origini antichissimeche risalgono addirittura al ‘300. La storiarecente vede, nel 1978, l’acquisizione dellaproprietà da parte della famiglia Nannoni-Mastiche, a partire dal 2000, ha dato il via adun’importante opera di recupero evalorizzazione del potenziale vitivinicolo delposto. Il Chianti Classico 2009 ne è un fulgidoesempio. Vino personale e autentico, sapido,succoso, sanguigno, di grande carattere eoriginalità. Tutto da bere!
 Editoriale
Chianti Classico per davvero 
 Ancora un numero inconsueto per inostri Quaderni che, anche nelmese di Marzo, si presentano in un formato per così dire “speciale”,dedicando tutto lo spazio adisposizione ai Chianti Classicoassaggiati in anteprima, e poitestati di nuovo presso la saladegustazione della nostraredazione (per confermare leimpressioni avute durante i giornidi Chianti Classico Collection, allastazione Leopolda di Firenze).Uno spazio doveroso, quello chededichiamo ad uno dei vini rossiitaliani più importanti, che hadisegnato una buona fetta dellastoria enologica del Paese, e cheincarna un terroir eccezionale per vocazione, paesaggio edeclinazioni sul tema. Unico, senzadubbio, e che forse meriterebbeuna considerazione più alta diquanto, proprio “in patria”, gliviene accordata.Ci siamo soffermati soprattuttosull’annata 2009, che ci è sembratadavvero eccellente per maturità eintegrità dei vini, capaci diregalare piacevolezza immediatama anche freschezza e assolutabevibilità.Vini golosi, insomma, cherappresentano bene, almeno neicasi migliori, ovvio, la nostra ideadi questa denominazione. Se saràanche un’annata di grandi Riservaè ancora presto per dirlo, lovedremo il prossimo anno; quelche è certo è che gli appassionatiavranno di che divertirsi, dasubito, con un millesimo che a noisembra davvero indicato per fruiredella prontezza e della assolutagodibilità dei Chianti Classico“annata”. Buona lettura Antonio BocoFranco Pallini
 
la Griffeallo Scaffale
Vendemmia: 2008Proprietà: Rocca delle MacìeUvaggio: Sangiovese, Cabernet SauvignonMerlotBottiglie prodotte: 350.000Enologo: Luca FrancioniPrezzo: € 12,00-14,00
Rocca delle Macìe
Docg Chianti Classico FamigliaZingarelli Riserva
Il percorso qualitativo di Rocca delleMacìe sembra ormai delineato in modonetto e deciso, tanto che l’azienda, consede a Castellina in Chianti, può essereconsiderata uno dei nomi più importantidell’intera denominazione. E se nelrecente passato questo era verosoprattutto per l’impatto in termini dibottiglie della cantina condotta da SergioZingarelli, oggi siamo di fronte ad unarealtà produttiva ormai capace dideclinare sia quantità e qualità, siaeccelenza e territorio. Il Chianti Classicooggetto del nostro assaggio possiedeprofumi freschi di marasca e spezie, edin bocca è polposo e croccante, nelsegno di un certo paradigma territoriale.Un rosso convincente e tutto da bere.
Vendemmia: 2008Proprietà: Casa Vinicola ZoninUvaggio: Sangiovese, CanaioloBottiglie prodotte: 600.000Enologo: Alessandro Gallo, Franco GiacosaPrezzo: € 10,00-12,00
Castello d’Albola
Docg Chianti Classico
La dependance chiantigiana dellafamiglia Zonin, specie nel recentepassato, sembra aver trovato la“quadratura del cerchio” producendo vinidi buona coerenza e stilisticamente bencentrati, in virtù, soprattutto, dellacollocazione dell’azienda, in una dellesottozone più caratteristiche del ChiantiClassico, quella di Radda in Chianti. Ilrisultato è un Chianti Classico che cogliedecisamente la fisionomia del territorio incui viene prodotto, evidenziando profumifini ed eleganti e una progressionegustativa saporita e ben ritmata. Lastruttura è coerentemente sottile ma bensostenuta da verve acida decisa, che neamplifica bevibilità e sapore.
Vendemmia: 2009Proprietà: Famiglia De MarchiUvaggio: Sangiovese, Canaiolo, SyrahBottiglie prodotte: 110.000Enologo: Paolo De MarchiPrezzo: € 13,00-15,00
Isole Olena
Docg Chianti Classico
Paolo De Marchi, piemontese trapiantatoin Toscana, ha inciso sul territorio delChianti Classico in modo netto,proponendo vini senza compromessi,caratteriali e che hanno contribuito inmodo non secondario ai successidell’enologia toscana nel mondo. La cifrastilistica che contraddistingue il suoChianti Classico 2009 è all’insegna dellasolarità. I profumi sono nitidi e caldi,segnati da una particolare e piacevolenota ferrosa. Ma è in bocca che il vinotrova forse la sua dimensione piùimportante: sapido, gustoso, dallabevibilità assoluta, alla quale soltanto unsorso non può certo rendere giustizia.
Vendemmia: 2008Proprietà: Giulio e Pietro RuspoliUvaggio: Sangiovese, Colorino, MerlotBottiglie prodotte: 12.000Enologo: Lorenzo LandiPrezzo: € 18,00-20,00
Tenuta di Lilliano
Docg Chianti Classico Riserva
La Tenuta di Lilliano comincia la suaavventura enologica alla fine degli anni’50, quando la famiglia Ruspoli, ancoraoggi proprietaria dell’azienda, avvial’attività di imbottigliamento ecommercializzazione. Si tratta quindi diuna delle aziende storiche delladenominazione e che, nel recentepassato, ha trovato una ancor più definitacifra stilistica. La Riserva 2008 offre uncorredo aromatico di piccoli frutti rossi(lampone) e qualche accenno speziato,una beva larga, distesa, piuttosto frescae sapida con note agrumate e di cannellache chiosano su un finale austero ancorain evoluzione.
Vendemmia: 2008Proprietà: FelsinaUvaggio: SangioveseBottiglie prodotte: 45.000Enologo: Franco BernabeiPrezzo allo scaffale: €24,00-26,00
Felsina
Docg Chianti Classico Riserva Rancia
Appare persino superfluo ribadire la portatadi questa eccezionale azienda diCastelnuovo Berardenga, a ragioneconsiderata tra le più nobili e prestigioserealtà del vino toscano, tanto è straordinarioil livello qualitativo dell’impresa e delle sueetichette.Non ci soffermeremo troppo, dunque, sullastoria della tenuta e dei personaggi chel’hanno fatta grande nel tempo, ormaipatrimonio di ogni appassionato che sirispetti.Aggiungiamo solo che, per quanto ciriguarda, la Fattoria di Felsina è per filosofia,eccellenza di ogni suo aspetto, vocazionedelle parcelle di vigneto che coltiva, costanzanel tempo e personalità dei suoi vini, bensalda in cima alle nostre preferenze più vere,come testimonia il secondo ingresso (fattoraro) tra le Griffe de I Quaderni di Winenews.E se nella precedente occasionemagnificavamo le virtù del Fontalloro(grandioso supertuscan 100% Sangiovese,emblema del territorio di confine tra il ChiantiClassico e le Crete Senesi), in grado talvoltadi “brunelleggiare”, stavolta eccocisottolineare la grandezza della Riserva diChianti Classico Rancia. Provenientedall’omonimo vigneto, giusto a due passidalla linea che segna il perimetro meridionaledella denominazione, è un vino che incarnala quintessenza della toscanità più autentica,perfettamente riconoscibile per stile eaderenza ai caratteri del cru.Dopo uno strepitoso 2007 (ancora unbambino che vi consigliamo di non stapparea breve) anche il 2008 non tradisce le attese.Meno frutto e maturità della precedenteversione, ovvio. Forse qualche increspaturatannica che tradisce un tratto verticale eappuntito da annata più “stretta”, ma un vinoche tra qualche anno, ne siamo certi, daràgrandi soddisfazioni agli amanti delSangiovese e dei suoi tratti più autentici.Al naso è un continuo balletto tra piccoli fruttirossi e neri, non senza preziosi accenniminerali e una lieve nota tostata ancora daamalgamare; in bocca è, come detto, dritto eserrato nel finale, coinvolgente per sapore elinea acida.
 
VintageBest Buy
Vendemmia: 2009Proprietà: Famiglia LivonUvaggio: Sangiovese, CanaioloBottiglie prodotte: 70.000Enologo: Andrea DominuttiPrezzo allo scaffale: € 11,00-13,00Vendemmia: 2009Proprietà: Monia Piccini e FrancescoGuarducciUvaggio: Sangiovese, MerlotBottiglie prodotte: 20.000Enologo: Antonella PetroniPrezzo allo scaffale: € 9,00-10,00
Borgo Salcetino
Docg Chianti Classico
L'Azienda Agricola Borgo Salcetino diRadda in Chianti fa parte della grandefamiglia Livon. Si estende per trentaettari, quindici dei quali dedicati allavigna, dove si coltivano i vitignitradizionali della zona quali sangiovese ecanaiolo, accanto ad altri come merlot ecabernet sauvignon. L’affinamento deirossi aziendali, per una precisa sceltadegli ultimi anni, viene tutta effettuata inbotti di medio-grandi dimensioni. IlChianti Classico 2009, da uvesangiovese in larghissima prevalenzacon saldo di canaiolo, è un vino che alleiniziali note di lievito fa seguire un trattogessoso ed elegante, profondo esuccoso al palato, di grande sapore eappagante dolcezza.
Il Palagio
Docg Chianti Classico
Cento ettari di proprietà di cui 22 dimoratia vigneto in località Campoli, nel comunedi San Casciano Val di Pesa, su terreniesposti a sud – ovest, calcarei e ricchi digalestro e alberese. Questi i primiriferimenti dell’azienda Il Palagio esoprattutto di uno dei Chianti Classico2009 che abbiamo preferito. Affinato soloin botte grande, è un rosso terroso,speziato, ricco di note di macchiamediterranea e piccoli frutti di bosco. Inbocca ha il passo che ci si aspetta da ungrande Chianti Classico d’annata: hamateria e sapidità, dolcezza di frutto eprogressione acida, su note intriganti dicoloniali e muschio. Un rosso elegante efine, di grande bevibilità.
Vendemmia: 2009Proprietà: Anna Maccaferri MontecchiUvaggio: Sangiovese, Canaiolo, ColorinoBottiglie prodotte: 30.000Enologo: Carlo TravagliPrezzo allo scaffale: € 10,00-12,00Vendemmia: 2009Proprietà: Monte BerardiUvaggio: Sangiovese, Canaiolo, MerlotBottiglie prodotte: 30.000Enologo: Michael SchmelzerPrezzo allo scaffale: € 9,00-11,00
Villa del Cigliano
 
Docg Chianti Classico
L’azienda Villa del Cigliano prende ilnome dall’omonimo, splendido edificio,eretto nella seconda metà del ‘400 eacquistato da Alessandro e NiccolòAntinori sul finire di quel secolo. Oggiappartienead Anna Maccaferri Montecchiche la conduce con il sostegno el’entusiasmo della sua famiglia, a partiredal figlio Niccolò. I risultati degli ultimisembrano dare ragione al nuovo corso. IlChianti Classico 2009 è a dir pocodelizioso: fine, floreale, succoso, distintoda un tratto di erbe amare e radici, ha unpalato dolce e piccante, di buonissimabeva e bel tannino. Non un mostro dicomplessità, forse, ma un bel paradigmadi come dovrebbe essere un ChiantiClassico “annata”.
Monte Bernardi
Docg Chianti Classico Retromarcia
Filosofia produttiva autentica e chiaraunita ad un terroir d’eccezione. Eccoli isegreti, si fa per dire, della qualità dei vinifirmati Monte Bernardi, bella realtàchiantigiana condotta dai fratelli Micheale Jennifer Schmelzer. La proprietà vantaappena 5 ettari di vigna, nella partemeridionale del Grand Cru Panzano, chepoggiano su terreni di argille calcareo –marnose (sassi a medio impasto digalestro e alberese), tra i boschi e a duepassi dal fiume Pesa. Il Chianti ClassicoRetromarcia 2009 non indietreggia, adispetto del nome, ma avanza speditograzie ad un frutto imperioso e maturo, diottimo sapore e allungo.
Vendemmia: 1999Proprietà: Famiglia BianchiUvaggio: SangioveseQuotazione: € -
Castello di Monsanto
Docg Chianti Classico Il PoggioRiserva
Una delle aziende più belle e affascinanti ditutto il Chianti Classico. Questa è Monsanto,con la sua splendida villa, la cantina, l’amoreper l’innovazione capace, oggi, ditrasformarsi in tradizione e classicismo. Tuttocomincia nel lontano 1962 con un progettoquasi incomprensibile per quel tempo:realizzare un vero e proprio cru col vigneto ilPoggio, seguito, nel 1968, dall’eliminazionedelle uve bianche dall’uvaggio proprio di quelvino. Fabrizio Bianchi è stato l’arteficie diqueste scelte radicali, accantoall’introduzione dei tini in acciaio raffreddatiad acqua e l’uso di botti di rovere di Slavoniaal posto di quelle in castagno, in tempidavvero pionieristici. La versione 1999 diquesto vino, ormai entrato a buon diritto fra iclassici dell’enologia toscana, èsemplicemente straordinaria. I profumi sonocomplessi, vivi ed eleganti. Ma è in boccache il vino trova il suo punto di forza: reattivo,vigoroso, a tratti scalpitante, con tanninisaporiti e verve acida decisa che donaslancio e freschezza ad un vino ancoradecisamente giovane.
"fermo email" 
Riceviamo e volentieri pubblichiamo:
Podere Erbolo, Salvino 2005 
Sembra di fare un tuffo nel passato piùremoto dell’enologia toscana, quandosi assaggia questo vino, prodotto aGaiole in Chianti. Si tratta, infatti, di unblend di Sangiovese, Canaiolo,Malvasia e Trebbiano. Insomma, dellaricetta originale dettata da BettinoRicasoli per il Chianti. Un vino forse unpo’ rustico, ma dal gusto scorrevole,fresco e che invita a riempire ilbicchiere.
Giulio Monaci enonauta 

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->