Welcome to Scribd. Sign in or start your free trial to enjoy unlimited e-books, audiobooks & documents.Find out more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Veganzetta Dossier Antispecismo Di Destra

Veganzetta Dossier Antispecismo Di Destra

Ratings: (0)|Views: 0|Likes:
Published by Still Rage
Veganzetta Dossier Antispecismo Di Destra
Veganzetta Dossier Antispecismo Di Destra

More info:

Published by: Still Rage on Jun 12, 2013
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

04/13/2014

pdf

text

original

 
 1
ANTISPECISTI DI DESTRA?
Si sente spesso dire che l’antispecismo è la nuova frontiera dell’animalismo. Con questafrase si vuole sottolineare l’importante innovazione introdotta dal pensiero antispecistanel momento in cui si è posto come obiettivo quello di superare l’atteggiamentoemergenziale, tipicamente riscontrabile nel modo in cui le associazioni animalisteclassiche affrontano la questione animale, per focalizzare la propria attenzionesull’analisi del rapporto tra cause ed effetti.Ma, come tutti i nuovi movimenti, anche quello antispecista soffre, nella prima fasedella sua ancor breve vita, della mancanza di una precisa identità.Certamente nasce come movimento animalista e tale rimane ma, nello stesso tempo, vaoltre gli angusti limiti dell’animalismo classico o della zoofilia, in quanto ritiene che losfruttamento degli Animali non sia riconducibile a un atteggiamento dovuto solamente acomportamenti sociali più o meno diffusi, ma sia una questione di sistema, cioè diun’organizzazione strutturata che genera ed è a sua volta sostenuta dall’ideologia deldominio.Questa mancanza di una precisa identità sfocia inevitabilmente in una serie diproblematiche, e in particolare: vi è un problema identitario per così dire “interno” cheproduce una certa confusione tra coloro che - almeno a parole - si professanoantispecisti, e uno “esterno”, causato da come il movimento viene percepito al di fuori,dalla società.Le principali conseguenze immediatamente riscontrabili sono:- la mancanza di unità nelle iniziative concrete (quindi di natura strategica e tattica), chesi manifesta in una serie di condotte slegate tra loro e prive di un respiro più ampioperché carenti di una chiara strategia politica;- l’isolamento culturale, sociale e politico dovuto anche alla difficoltà di dialogareproficuamente persino con altri soggetti potenzialmente portatori di rivendicazioni inparte sovrapponibili.
 
 2Come se ciò non fosse già fonte di sufficienti preoccupazioni, in questo periodo si deveaggiungere un crescente interesse nei confronti della questione animale proveniente daalcuni ambienti della destra (più o meno estrema) che comporta il rischio di un’ulteriorefrattura con gli altri movimenti antisistemici.Mentre ci si sta abituando all’assordante silenzio che proviene dalla sinistraparlamentare cui si accompagna il superficiale disinteresse di troppi gruppi anarchici,della sinistra extraparlamentare o, più in generale, antisistemici - che vedono glianimalisti come «piccole vecchie signore in scarpe da tennis»
1
unicamente mosse dapreoccupazioni sentimentaliste - ci si deve oggi anche confrontare, da un lato, con uncerto attivismo a favore degli Animali da parte di alcuni membri del governo, dall’altrocon la nascita di gruppi neofascisti che abbinano al tradizionale messaggio ambientalista(derivante dal classico concetto di “sangue e suolo”) delle istanze più prettamenteanimaliste.Il gruppo parlamentare di
Futuro e Libertà
, per esempio, ha dedicato l’intero numero 4della sua rivista bimestrale “Charta Minuta” alla questione animale. La finalità che sipropone questo lavoro appare evidente fin dalle prime pagine: nel suo editoriale diintroduzione alla suddetta monografia intitolata
“Dalla parte degli animali”
, AdolfoUrso infatti scrive che è necessario sfatare il «luogo comune secondo il quale laprotezione e la tutela degli animali siano appannaggio della sinistra… Non esistonotemi di destra o di sinistra ma soluzioni e proposte che si adeguano nello spazio e neltempo e che danno risposte alle esigenze che maturano»
2
.Il
leit motiv
della trasversalità della battaglia animalista è presente anche in altri articolidella monografia
3
i cui autori si prefiggono come scopo quello di indurre gli ingenuilettori a considerare la questione animale come un problema apolitico, salvo poisottolineare la grande attenzione che la destra dimostra al riguardo al fine di attirare lesimpatie (e quindi i consensi e infine i voti) degli stessi.Come se non bastasse, abbiamo detto che ancora più a destra di
Futuro e Libertà
si sonoformati gruppi neofascisti che abbinano a un messaggio anticapitalista rivendicazionicontro lo sfruttamento animale e di propaganda del veganismo, spingendosi sino adefinirsi antispecisti (
sic!
), o come dicono loro “antispe”.Una lettura superficiale di questo fenomeno da parte di alcune realtà del movimentoanimalista potrebbe portare alla conclusione che in ciò non solo non vi sia nulla di male,ma che tanto maggiore sarà la trasversalità della causa animalista, tanto maggiore saràla forza che il movimento riuscirà a esprimere a favore degli Animali.
 
 3In realtà, il discorso è più complicato e coinvolge il movimento antispecista per lo menosotto due aspetti. In particolare ci si deve chiedere:-
 
l’antispecismo è solo una delle tante anime che compongono l’eterogenea galassiadel movimento animalista o è qualcosa di diverso, di più complesso, per cui leistanze di derivazione animalista non sono che una parte, seppur fondamentale, diun più articolato nucleo di rivendicazioni?-
 
come è possibile che gruppi ideologicamente legati a idee conservatrici, oaddirittura fasciste o neonaziste possano dichiararsi antispecisti? O meglio: questoloro definirsi antispecisti è concettualmente possibile oppure no? L’antispecismo èancora un pensiero così indeterminato per cui tutti possono permettersi diinterpretarlo come vogliono, plagiandolo a seconda delle proprie necessità oconvenienze, o, seppur ancora
in fieri
, è già possibile individuare alcuni concetti dibase che per lo meno ne restringano l’attuale astrattezza?Per quanto riguarda il primo punto è ormai acquisito il fatto che l’antispecismo non è inalcun modo una qualche forma, seppur estrema, di zoofilia. L’antispecismo va oltrel’idea di benevolenza tipica delle prime associazioni zoofile dell’Ottocento
4
perabbracciare l’idea di equità, di empatia, di solidarietà e di giustizia. Non esiste unagerarchia naturale in cui ogni gruppo è destinato a servire gli interessi di un altro; l’ideaè che tutti dovremmo ricevere eguale considerazione e protezione per i nostri interessi,eguale opportunità di avere una vita degna e vissuta secondo le proprie esigenze, e diessere protetti dallo sfruttamento del più forte. Questa idea ormai consueta
5
 
deve soloessere applicata a coloro che differiscono da noi non solo nel colore della pelle, nellalingua, nel sesso o nella religione ma anche nella specie: questo è il fondamento dellaliberazione animale. Ancora una volta ci preme evidenziare che la filosofia antispecistaha come intento «la liberazione animale (umana e non) e di conseguenza una nuovasocietà umana libera, solidale ed egualitaria»
6
.Più complesso è rispondere alla seconda domanda, non tanto per la risposta in sé che èsenza alcuna ombra di dubbio “
no, non può esistere un antispecismo di destra
”, maquanto per una superficiale interpretazione che si dà al concetto di antispecismo cheporta a far sì che le giustificazioni spesso addotte siano perlomeno discutibili.Per poter analizzare a fondo la questione dobbiamo preliminarmente comprendere comeil concetto di antispecismo si sia evoluto nel tempo, riempiendosi di un contenuto chetravalica la semplice opposizione allo specismo così come formulato originariamente daPeter Singer.

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->