Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
26Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Platone introduzione, dottrina delle idee,anima

Platone introduzione, dottrina delle idee,anima

Ratings:

4.67

(3)
|Views: 18,011|Likes:
Published by Gianfranco Marini
riassunto di alcuni aspetti della filosofia platonica: introduzione, problematica politica, il relativismo, la dottrina delle idee, l'immortalitò dell'anima. Realizzato da Diego Deplano III F liceo Brotzu - Quartu sant'elena
riassunto di alcuni aspetti della filosofia platonica: introduzione, problematica politica, il relativismo, la dottrina delle idee, l'immortalitò dell'anima. Realizzato da Diego Deplano III F liceo Brotzu - Quartu sant'elena

More info:

Published by: Gianfranco Marini on Apr 29, 2009
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

05/11/2014

pdf

text

original

 
 1
Introduzione
Il
 
platonismo
 
come
 
risposta
 
filosofica
 
Il
 
platonismo
 
può
 
essere
 
compreso
 
solo
 
in
 
riferimento
 
alla
 
crisi
 
politico
culturale
 
che
 
afflisse
 
il
 
mondo
 
storico
 
dove
 
nacque
 
e
 
si
 
sviluppò.
 
La
 
politica
 
ai
 
tempi
 
di
 
fu
 
caratterizzata
 
dal
 
tramonto
 
dell’età
 
d’oro
 
della
 
Grecia
 
periclea.
 
Questa
 
decadenza
 
è
 
derivò
 
dalla
 
sconfitta
 
di
 
Atene
 
nella
 
guerra
 
del
 
Peloponneso,
 
dal
 
fallimento
 
dei
 
Trenta
 
Tiranni,
 
e
 
dal
 
deludente
 
ritorno
 
di
 
una
 
democrazia
 
ben
 
diversa
 
dalla
 
precedente
 
sporcata
 
dal
 
sangue
 
di
 
Socrate,
 
e
 
dall’esasperazione
 
sofistica
 
e
 
la
 
dissoluzione
 
del
 
socratismo.
 
Platone
 
desidera
 
ristabilire
 
la
 
crisi,
 
e
 
soprattutto
 
riportare
 
la
 
stabilità
 
politica;
 
essendo
 
un
 
filosofo
 
vive
 
questa
 
situazione
 
problematica
 
come
 
una
 
crisi
 
dell’uomo
 
nella
 
sua
 
totalità.
 
Idealizzò
 
la
 
figura
 
di
 
Socrate
 
come
 
simbolo
 
della
 
crisi
 
e
 
in
 
ugual
 
misura
 
una
 
speranza
 
di
 
superamento
 
di
 
essa.
 
Platone
 
ritenne
 
che
 
la
 
crisi
 
etico
politica
 
derivi
 
da
 
una
 
crisi
 
di
 
tipo
 
intellettuale,
 
e
 
si
 
convince
 
della
 
necessità
 
di
 
una
 
riforma
 
globale
 
dell’esistenza
 
umana.
 
Si
 
ha
 
un
 
capovolgimento
 
dei
 
valori
 
(crisi
 
epocale),
 
a
 
causa
 
del
 
relativismo,
 
tutti
 
si
 
comportano
 
come
 
vogliono,
 
tornando
 
alla
 
legge
 
della
 
giungla,
 
dove
 
vince
 
chi
 
è
 
il
 
più
 
forte.
 
La
 
soluzione
 
della
 
crisi
 
politica
 
richiede
 
la
 
soluzione
 
della
 
vita
 
filosofica,
 
che
 
ha
 
creato
 
il
 
caos
 
politico,
 
attraverso
 
la
 
rivoluzione
 
culturale
 
e
 
un
 
progetto
 
politico
 
radicalmente
 
riformatore
 
dell’ordine
 
esistente.
 
Quindi
 
soltanto
 
nuove
 
certezze
 
di
 
pensiero
 
possono
 
offrire
 
basi
 
solide
 
per
 
una
 
riedificazione
 
esistenziale
 
e
 
politica
 
dell’uomo:
 
da
 
questo,
 
il
 
progetto
 
di
 
Platone
 
di
 
una
 
rifondazione
 
della
 
politica
 
alla
 
luce
 
del
 
sapere.
 
La
 
vita
 
Nacque
 
nel
 
1427
 
ad
 
Atene,
 
era
 
aristocratico,
 
ed
 
apparteneva
 
alla
 
famiglia
 
più
 
importante
 
di
 
Atene.
 
A
 
partire
 
da
 
20
 
anni
 
cominciò
 
a
 
frequentare
 
Socrate
 
,
 
e
 
fino
 
alla
 
sua
 
morte
 
fu
 
un
 
suo
 
fedele
 
seguace.
 
Vide
 
la
 
morte
 
del
 
suo
 
maestro
 
come
 
un’ingiustizia
 
imperdonabile
 
e
 
una
 
condanna
 
generale
 
della
 
politica
 
del
 
tempo.
 
Così
 
concepì
 
la
 
filosofia
 
come
 
la
 
sola
 
via
 
che
 
potesse
 
condurre
 
l’uomo
 
singolo
 
e
 
la
 
comunità
 
verso
 
la
 
giustizia.
 
Platone
 
sarebbe
 
diventato
 
un
 
capo
 
politico
 
che
 
vuole
 
agire,
 
cambiare,
 
modificare.
 
Per
 
ben
 
tre
 
volte
 
si
 
recò
 
a
 
Siracusa,
 
per
 
cercare
 
di
 
mettere
 
in
 
pratica
 
i
 
suoi
 
progetti.
 
Egli
 
fu
 
venduto
 
come
 
sciamo,
 
e
 
ogni
 
tentato
 
riscatto
 
fu
 
rifiutato
 
quando
 
si
 
scoprì
 
che
 
quel
 
uomo
 
fosse
 
Platone
 
e
 
servì
 
alla
 
fondazione
 
dell’
Accademia
 
(scuola
 
di
 
Platone),
 
la
 
quale
 
fu
 
organizzata
 
sul
 
modello
 
delle
 
comunità
 
pitagoriche,
 
un
 
tiaso.
 
In
 
seguito,
 
Platone
 
fu
 
chiamato
 
alla
 
corte
 
di
 
Siracusa
 
affinché
 
desse
 
il
 
proprio
 
consiglio
 
per
 
la
 
riforma
 
dello
 
Stato,
 
tentativo
 
che
 
fu
 
resi
 
insignificante.
 
Così
 
Platone
 
tornò
 
ad
 
Atene
 
e
 
nel
 
1347
 
morì.
 
Le
 
opere
 
e
 
le
 
“dottrine
 
non
 
scritte”
 
Platone
 
è
 
il
 
primo
 
filosofo
 
di
 
cui
 
ci
 
sono
 
pervenute
 
tutte
 
le
 
opere:
 
Abbiamo
 
l’Apologia
 
di
 
Socrate,
 
34
 
dialoghi
 
e
 
13
 
lettere,
 
che
 
Trasillo
 
organizzò
 
in
 
9
 
tetralogie,
 
dalle
 
quali
 
lasciò
 
fuori
 
una
 
raccolta
 
di
 
Definizioni,
 
perché
 
riconosciute
 
spurie
 
fin
 
dall’antichità,
 
anche
 
se
 
qualcuna
 
spuria
 
vi
 
è
 
rimasta
 
comunque,
 
dimostrato
 
dalla
 
critica
 
storica,
 
avvalendosi
 
di
 
criteri
 
come
 
la
 
tradizione
 
e
 
le
 
testimonianze
 
antiche,
 
il
 
contenuto
 
dottrinale,
 
il
 
valore
 
artistico
 
e
 
la
 
forma
 
linguistica.
 
Quest’ultima
 
oggi
 
ha
 
la
 
maggior
 
importanza
 
per
 
lo
 
studio
 
dell’autenticità
 
delle
 
opere
 
platoniche.
 
La
 
Lettera
 
VII
 
è
 
considerata
 
un
 
documento
 
essenziale
 
per
 
la
 
conoscenza
 
della
 
vita
 
e
 
del
 
pensiero
 
del
 
filosofo.
 
L’attività
 
letteraria
 
platonica
 
si
 
può
 
suddividere
 
in:
 
1.
 
Primo
 
periodo
 
,
 
scritti
 
giovanili
 
o
 
socratici;
 
2.
 
Secondo
 
periodo,
 
scritti
 
della
 
maturità;
 
3.
 
Terzo
 
periodo
 
,
 
scritti
 
della
 
vecchiaia
 
.
 
Platone
 
tenne
 
anche
 
dei
 
corsi
 
intitolati
 
“Intorno
 
al
 
Bene”,
 
che
 
non
 
volle
 
mettere
 
per
 
iscritto,
 
e
 
sviluppa
 
una
 
sorta
 
di
 
metafisica
 
fondata
 
sui
 
concetti
 
di
 
Uno
 
e
 
il
 
Diade.
 
I caratteri della filosofia platonica
Socrate
 
e
 
Platone
 
La
 
fedeltà
 
all’insegnamento
 
e
 
alla
 
persona
 
di
 
Socrate
 
è
 
il
 
carattere
 
dominante
 
dell’attività
 
filosofica
 
di
 
Platone.
 
Tuttavia
 
non
 
si
 
può
 
asserire
 
che
 
le
 
dottrine
 
filosofiche
 
debbano
 
essere
 
attribuite
 
a
 
Socrate,
 
dal
 
momento
 
che
 
le
 
dottrine
 
fondamentali
 
di
 
Platone
 
non
 
hanno
 
niente
 
a
 
che
 
vedere
 
con
 
gli
 
insegnamenti
 
di
 
Socrate.
 
La
 
ricerca
 
platonica
 
tende
 
a
 
configurarsi
 
come
 
uno
 
sforzo
 
di
 
interpretazione
 
della
 
personalità
 
filosofica
 
di
 
Socrate.
 
La
 
stessa
 
forma
 
letteraria
 
di
 
Platone,
 
il
 
dialogo,
 
è
 
un
 
atto
 
di
 
fedeltà
 
al
 
silenzio
 
letterario
 
di
 
Socrate:
 
entrambi
 
hanno
 
la
 
concezione
 
della
 
filosofia
 
come
 
sapere
 
“aperto”,
 
che
 
ripropone
 
i
 
suoi
 
problemi
 
e
 
le
 
sue
 
soluzioni.
 
Il
 
dialogo
 
è
 
l’unico
 
mezzo
 
che
 
esprime
 
ad
 
altri
 
l’indagine
 
filosofica;
 
riproduce
 
l’andamento
 
della
 
ricerca.
 
di
 
tappa
 
in
 
tappa,
 
e
 
riproduce
 
quel
 
carattere
 
di
 
socialità
 
e
 
comunanza.
 
Questa
 
concezione
 
del
 
filosofare
 
come
 
dialogo
 
(genere
 
letterario),
 
ha
 
praticato
 
e
 
vissuto
 
la
 
filosofia
 
come
 
una
 
ricerca
 
inesauribile
 
e
 
mai
 
conclusa,
 
ossia
 
come
 
un
 
infinito
 
sforzo
 
verso
 
una
 
verità
 
che
 
l’uomo
 
non
 
possiede
 
mai
 
totalmente.
 
Mito
 
e
 
filosofia
 
Un’altra
 
delle
 
caratteristiche
 
di
 
Platone
 
è
 
l’uso
 
dei
 
miti
,
 
ovvero
 
di
 
racconti
 
fantastici
 
attraverso
 
cui
 
vengono
 
esposti
 
concetti
 
e
 
dottrine
 
filosofiche,
 
che
 
possono
 
assumere
 
2
 
significati:
 
1.
 
E’
 
uno
 
strumento
 
con
 
cui
 
il
 
filosofo
 
comunica
 
in
 
maniera
 
intuitiva
 
le
 
proprie
 
dottrine
 
2.
 
E’
 
un
 
mezzo
 
di
 
cui
 
si
 
serve
 
il
 
filosofo
 
per
 
parlare
 
di
 
qualcosa
 
che
 
la
 
nostra
 
mente
 
non
 
è
 
in
 
grado
 
di
 
capire.
 
Il
 
mito
 
è
 
qualcosa
 
che
 
si
 
inserisce
 
nelle
 
lacune
 
della
 
ricerca
 
filosofica,
 
permettendole
 
di
 
creare
 
una
 
teoria
 
verosimile
 
che
 
sia
 
qualcosa
 
che
 
possa
 
essere
 
ritenute
 
vera,
 
anche
 
se
 
indimostrabile
 
e
 
indimostrato.
 
Il
 
mito
 
platonico
 
ha
 
senso
 
solo
 
se
 
associato
 
al
 
discorso
 
filosofico,
 
in
 
rapporto
 
al
 
quale
 
si
 
riveste
 
un
 
valore
 
persuasivo
 
e/o
 
complementare.
 
Questo
 
non
 
esclude
 
che
 
il
 
mito
 
abbia
 
una
 
profondità
 
e
 
una
 
ricchezza
 
di
 
segni
 
propri.
 
L’uso
 
dei
 
miti,
 
rende
 
più
 
difficile
 
l’interpretazione
 
della
 
filosofia
 
platonica,
 
e
 
conferisce
 
al
 
platonismo
 
un
 
aspetto
 
inconfondibilmente
 
suggestivo
 
che
 
ha
 
contribuito
 
alla
 
sua
 
fortuna
 
presso
 
un
 
pubblico
 
più
 
vasto.
 
 
La dottrina delle idee
La
 
teoria
 
delle
 
idee
 
e
 
la
 
sua
 
importanza
 
Platone
 
da
 
molta
 
importanza
 
al
 
metodo
 
socratico
 
delle
 
definizioni,
 
interpretandolo
 
come
 
il
 
primo
 
passo
 
verso
 
un
 
sapere
 
assoluto
 
capace
 
di
 
superare
 
il
 
relativismo
 
sofistico.
 
Così
 
Platone
 
giunge
 
a
 
formulare
 
la
 
cosiddetta
 
teoria
 
delle
 
idee”:
 
fase
 
in
 
cui
 
il
 
filosofo,
 
autonomamente,
 
va
 
oltre
 
le
 
dottrine
 
insegnate
 
da
 
Socrate,
 
elaborando
 
un
 
proprio
 
pensiero.
 
Questa
 
teoria
 
è
 
la
 
base
 
del
 
pensiero
 
platonico.
 
La
 
genesi
 
della
 
teoria
 
delle
 
idee
 
In
 
antitesi
 
ai
 
sofisti,
 
ma
 
andando
 
oltre
 
Socrate,
 
Platone
 
ritiene
 
che
 
la
 
scienza
 
debba
 
avere
 
i
 
caratteri
 
della
 
stabilità
 
e
 
dell’immutabilità,
 
e
 
quindi
 
della
 
perfezione.
 
Ma,
 
essendo
 
convinto
 
che
 
il
 
pensiero
 
rifletta
 
l’essere:
 
Quale
 
sarà
 
l’oggetto
 
del
 
concetto?
 
Saranno
 
per
 
forza
 
le
 
idee.
 
Infatti,
 
per
 
Platone:
 
Le
 
cose
 
(mutevoli
 
e
 
imperfette)
 
sono
 
lo
 
specchio
 
dell’
opinione
 
(mutevole
 
ed
 
imperfetta).
 
Le
 
idee
 
(immutabili
 
e
 
perfette)
 
sono
 
lo
 
specchio
 
della
 
scienza
 
(immutabile
 
e
 
perfetta)
 
Quindi
 
per
 
idee,
 
Platone
 
intende
 
un’entità
 
che
 
esiste
 
per
 
proprio
 
conto
 
e
 
che
 
costituisce,
 
con
 
le
 
altre
 
idee,
 
una
 
zona
 
d’essere
 
diversa
 
dalla
 
nostra,
 
che
 
il
 
filosofo
 
chiama
 
iperuranio
 
(in
 
greco:
 
al
 
di
 
 
del
 
cielo).
 
Le
 
cose
 
sono
 
delle
 
copie
 
(imitazioni
 
imperfette)
 
delle
 
idee.
 
Riassumendo:
 
L’idea
 
platonica
 
è
 
il
 
modello
 
unico
 
e
 
perfetto
 
delle
 
cose
 
molteplici
 
e
 
imperfette
 
di
 
questo
 
mondo.
 
In
 
Platone
 
sono
 
presenti
 
un
 
dualismo
 
gnoseologico
 
e
 
uno
 
ontologico.
 
Platone
 
eredita
 
da
 
Eraclito
 
la
 
teoria
 
per
 
cui
 
il
 
nostro
 
mondo
 
è
 
il
 
regno
 
delle
 
mutevolezza,
 
da
 
Parmenide
 
Il
 
concetto
 
di
 
essere
 
autentico
 
e
 
immutabile,
 
e
 
dall’eleatismo
 
il
 
dualismo
 
gnoseologico
 
(opinione
 
e
 
scienza)
 
e
 
il
 
dualismo
 
ontologico
 
(cose
 
e
 
idee).
 
Quali
 
sono
 
le
 
idee
 
Esistono,
 
fondamentalmente,
 
due
 
tipi
 
di
 
idee:
 
Idee
valori
:
 
i
 
supremi
 
principi
 
etici,
 
estetici
 
e
 
politici:
 
ciò
 
che
 
noi
 
definiamo
 
ideali
 
o
 
valori.
 
Esempi:
 
Bellezza,
 
Bene,
 
Giustizia
 
ecc…
 
Idee
 
matematiche
:
 
entità
 
dell’aritmetica
 
e
 
della
 
geometria.
 
Esempi:
 
Uguaglianza,
 
quadrato,
 
circolo
 
ecc…
 
Idee
 
di
 
cose
 
naturali
 
e
 
artificiali
.
 
Esempi:
 
Umanità,
 
amore
 
ecc…
 
Esempi:
 
Tavolo,
 
sedia
 
ecc…
 
Solo
 
in
 
seguito
 
Platone
 
sarà
 
propenso
 
a
 
far
 
corrispondere
 
ad
 
ogni
 
realtà
 
la
 
propria
 
specifica
 
“forma”.
 
Cosicché
 
l’idea
 
possa
 
configurarsi
 
come
 
la
 
forma
 
unica
 
e
 
perfetta
 
di
 
qualsiasi
 
gruppo
 
di
 
cose
 
che
 
vengono
 
designate
 
con
 
un
 
medesimo
 
nome
 
e
 
che
 
possono
 
dunque
 
essere
 
fatte
 
oggetto
 
di
 
scienza.
 
Le
 
idee
 
sono
 
presentano
 
un’organizzazione
 
gerarchico
piramidale,
 
al
 
cui
 
vertice
 
sta
 
il
 
Bene:
 
il
 
supremo
 
valore
 
di
 
cui
 
tutto
 
è
 
il
 
riflesso.
 
L’idea
 
del
 
bene
 
è
 
talvolta
 
assimilata
 
a
 
Dio,
 
ma
 
non
 
da
 
Platone,
 
in
 
quanto
 
egli
 
non
 
crede
 
in
 
un
 
Dio
 
creatore.
 
Infatti,
 
anche
 
se
 
il
 
Bene
 
va
 
oltre
 
l’essere,
 
non
 
è
 
creatore
 
delle
 
idee,
 
ma
 
comunica
 
loro
 
la
 
perfezione.
 
Platone
 
non
 
riconosce
 
Dio,
 
ma
 
il
 
divino”.
 
Il
 
rapporto
 
tra
 
le
 
idee
 
e
 
le
 
cose
 
 
Le
 
idee
 
sono
 
criteri
 
di
 
giudizio
 
delle
 
cose:
 
per
 
giudicare
 
gli
 
oggetti
 
dobbiamo
 
necessariamente
 
riferirci
 
ad
 
esse.
 
Condizione
 
della
 
pensabilità
 
degli
 
oggetti.
 
(Significato
 
gnoseologico)
 
 
Le
 
idee
 
sono
 
causa
 
delle
 
cose:
 
gli
 
individui
 
sono
 
in
 
quanto
 
imitano,
 
anche
 
se
 
imperfettamente,
 
delle
 
essenze
 
archetipe
 
(modello
 
delle
 
cose).
 
Condizione
 
dell’esistenza
 
degli
 
oggetti.
 
(Significato
 
ontologico)
 
Platone
 
parla
 
di
 
mimesi
 
(per
 
cui
 
le
 
cose
 
imitano
 
le
 
idee),
 
metessi
 
(per
 
cui
 
le
 
cose
 
partecipano
 
delle
 
idee),
 
di
 
parusìia
 
(per
 
cui
 
le
 
idee
 
sono
 
presenti
 
nelle
 
cose),
 
non
 
giungendo
 
mai
 
ad
 
un
 
punto
 
definitivo,
 
neanche
 
nella
 
vecchiaia.
 
Come
 
e
 
dove
 
esistono
 
le
 
idee
 
Esse
 
sono
 
trascendenti,
 
in
 
quanto
 
esistono
 
“oltre”
 
la
 
mente
 
e
 
le
 
cose.
 
PRIMA
 
INTERPRETAZIONE
:
 
Queste
 
idee
 
(sostanze
 
reali),
 
si
 
trovano
 
quindi
 
nell’iperuranio
 
,
 
analogo
 
all’empireo
 
dantesco
 
o
 
al
 
paradiso.
 
SECONDA
 
INTEPRETAZIONE
:
 
Alcuni
 
studiosi,
 
ritenendo
 
la
 
prima
 
interpretazione
 
troppo
 
influenzata
 
dall’idea
 
cristiana,
 
affermano
 
che
 
il
 
mondo
 
platonico
 
delle
 
idee
 
non
 
debba
 
essere
 
interpretato
 
come
 
un
 
universo
 
di
 
super
cose
 
esistenti
 
in
 
qualche
 
cielo
 
metafisico,
 
ma
 
come
 
un
 
ordine
 
eterno
 
di
 
forme
 
o
 
valori
 
ideali,
 
che
 
non
 
esistono
 
in
 
alcun
 
luogo.
 
Stabilire
 
con
 
sicurezza
 
quale
 
di
 
queste
 
due
 
interpretazioni
 
sia
 
quella
 
esatta
 
non
 
è
 
possibile.
 
Concludendo:
 
Le
 
idee,
 
comunque
 
intese,
 
costituiscono
 
una
 
zona
 
d’essere
 
diversa
 
dalle
 
cose;
 
mentre
 
definire
 
il
 
come
 
esistono,
 
è
 
più
 
problematico.
 
La
 
conoscenza
 
delle
 
idee
 
Ad
 
esse
 
possiamo
 
arrivare
 
solamente
 
attraverso
 
l’intelletto,
 
il
 
logos
 
o
 
la
 
ragione.
 
Ma
 
come
 
possiamo
 
giungere
 
a
 
concepire
 
le
 
idee,
 
vivendo
 
in
 
un
 
mondo
 
caratterizzato
 
dal
 
divenire
 
e
 
dall’imperfezione?
 
Platone
 
risolve
 
questo
 
problema
 
ricorrendo
 
alla
 
reminiscenza”:
 
l’anima,
 
prima
 
di
 
calarsi
 
nel
 
nostro
 
corpo,
 
visse
 
nel
 
mondo
 
delle
 
idee,
 
potendole
 
contemplare.
 
Vedendo
 
quindi
 
le
 
cose,
 
la
 
nostra
 
mente
 
ricorda
 
ciò
 
che
 
ha
 
visto
 
nell’iperuranio:
 
conoscere
 
è
 
ricordare.
 
Platone
 
rappresenta
 
un
 
forma
 
di
 
innatismo,
 
infatti
 
la
 
conoscenza
 
deriva
 
da
 
metri
 
di
 
giudizio
 
preesistenti.
 
Socrate
 
alludeva
 
al
 
fatto
 
che
 
la
 
verità
 
è
 
una
 
conquista
 
di
 
ogni
 
individuo:
 
Platone
 
fa
 
propria
 
questa
 
idea,
 
rendendola
 
la
 
base
 
della
 
teoria
 
della
 
reminiscenza,
 
per
 
la
 
quale
 
portiamo
 
dentro
 
di
 
noi
 
una
 
verità
 
prenatale,
 
che
 
è
 
il
 
frutto
 
di
 
una
 
precedente
 
contemplazione
 
delle
 
idee.
 
2

Activity (26)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 thousand reads
kidmarco liked this
Anna Palumbo liked this
Adriana Messina liked this
robertosl liked this

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->