Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
3Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
EDIZIONE COMPLETA Maggio

EDIZIONE COMPLETA Maggio

Ratings:

5.0

(1)
|Views: 740 |Likes:
Published by 55marbel55
Giornale di Licata - Maggio,Edizione Completa Maggio
Giornale di Licata - Maggio,Edizione Completa Maggio

More info:

Published by: 55marbel55 on May 01, 2009
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

09/30/2012

pdf

text

original

 
Più volte ho pensato quale poteva essere la frase migliore periniziare questo editoriale.Ma non ho trovato la strada maestra perché è forte edincontrollabile la sensazione di impotenza e di dolore che siprova nel vedere la città che si ama, in cui si è cresciuto, in cuiè nato tuo padre, tuo nonno, il tuo bisnonno, la città in cui seiandato a scuola, dove vivono le persone che ami di più, i tuoicari, i tuoi amici, in una situazione di lento ed inesorabiledegrado.Giorno dopo giorno, ora dopo ora, si assiste ad unospettacolo mortificante per le nostre intelligenze e per lenostre stesse vite. E' come se il tempo si fosse fermato e nulladi positivo potesse più accadere.Tutto si sgretola come nelle immagini del terremotodell'Abruzzo. Ma non cadono le case, cadono i valori, irapporti tra le persone, il rispetto per le istituzioni, i luoghi,quanto ti circonda. Non c'è la minima educazione nel parlaredell'altro. Tutto è diventato un gossip, un mettere indiscussione.E non è più il periodo in cui fioccavano le lettere anonime.Adesso l'aggressione alla città avviene con altri mezzi, in altrimodi.Sembra quasi che lo stato si sia dimenticato della nostraLicata, ai margini geograficamente ma anche ai margini dellaciviltà.Mai abbiamo fatto mancare negli anni le nostre denunce.Sempre abbiamo espresso il nostro disappunto. Coneducazione, con stile, con mestiere, con la consapevolezzache il nostro ruolo, come ci insegnano i testi di giornalismo, èquello di “cane da guardia”, di watch dog.Mai siamo scesi sul piano personale, mai abbiamo attaccatole persone su quella che è la vita, le scelte personali, la storia.Noi abbiamo fatto giornalismo d'assalto, Quando c'era laPrima Repubblica, i poteri erano consilidati, la magistraturadava risposte ora dopo ora. Le pallottole a volta fioccavano,così come le minacce.Oggi il livello si è abbassato. Che clima orrido! Che schifo!Che imbarbarimento! In questa melma qualcuno ci nuotamolto bene. Noi continuiamo a fare il nostro lavoro, quelloche sappiamo fare, per come lo sappiamo fare. Diamo ilnostro contributo ma aspettiamo che altri, preposti aquesto ruolo ci diano al più presto delle risposte. Come alcontempo ci aspettiamo che le coscienze sopite deicittadini ritrovino la strada dell'orgoglio e della dignità. Nonposso non essere solidale al collega Lillo Carità, Direttorede “La Vedetta”. Abbiamo lavorato insieme, le nostrestrade si sono divise, abbiamo avuto momenti di noncondivisione, di scontro. Ma una cosa è certa sappiamoentrambi cos' è la libertà di stampa, l'articolo 21 dellaCostituzione, la deontologia professionale del giornalista.Sappiamo anche cosa significa fare chilometri e sacrificilontani da Licata per affermarsi e per crescere. E anche se
Editoriale 
Un clima orrendo
È oramai il responso popolare: Licata è alla deriva. Al pari diuna nave obsoleta destinata ad affondare. Il malcontento ègeneralmentecondiviso. Il decadimento è palese. L'attualeamministrazione pare faccia orecchie da mercante agliinnumerevoli reclami e alle proteste dei cittadini, che inermisi ritrovano a vivere una situazione di legittimainsoddisfazione. Molti di loro non si sentono adeguatamenterappresentati e rispettati perché lo scorcio è quello di unacittà ampiamente danneggiata dall'incuria delle forzepolitiche. Tutto risulta squilibrato: rifiuti; strade dissestate;villette pubbliche, un tempo spazi ludici per tanti bambini,abbandonate a sestesse e attualmente paragonabili alle foreste amazzonicheove tutto è selvatico ed incontrollato. Il Primo Cittadinoindagato per il reato di procurato allarme, simulazione direato e favoreggiamento, in seguito a presunte minacce
Un'amministrazione fantasma:Cresce il degrado licatese
06 Aprile 2009L'assessore alle pari opportunità,Felicia Termini, mantiene la parola !!!
Non ci voleva poi tutto questo tempo ad esaudire unasemplice richiesta. Nel numero dello scorso Febbraio de “ IlGiornale Di Licata” ho posto l'accento su alcune delleproblematiche che, nella nostra cara cittadina ( vivo qui equindi parlo del mio paese), affliggono la vita delle personecome me. Grazie al Direttore Francesco Pira, che hasposato la mia causa, abbiamo realizzato un servizio al finedi mettere in evidenza oltre alle barriere architettonichedegli edifici pubblici, anche un “orrore” cioè, le piante che inC/so V. Emanuele impedivano il passaggio in carrozzina ocon i passeggini in quanto poste sugli scivoli deimarciapiedi. Grazie, anche, al direttore di LNTV GiuseppePatti che, dopo aver posto all'attenzione di molti consiglierie assessori comunali il “CONTRATTO SOLIDALE”, laserietà dei disaggi e dei diritti violati dei diversamente abilihanno preso il loro giusto spessore, o quasi. Per circa unmese si sono fatte tante chiacchiere, la mia battaglia è
segue a pagina 2segue a pagina 2segue a pagina 15
di Francesco Pira 
a pagina 10
di Elsa Carlino 
DOVE STIAMO ANDANDO?
di Viviana Giglia 
di Giuseppe Patti 
Gli imprenditori a Licata hanno una gran voglia di fareturismo. Questo è il dato più importante emersolunedì diciannove aprile, quando nell'aula consiliaredi Palazzo di Città si sono trovati di fronte operatorituristici cittadini e rappresentanti di Comune eProvincia. Nonostante l'orario inconsueto per tenereun convegno e il giorno lavorativo, in pochi hannovoluto mancare a quello che si è trasformato in unvero e proprio confronto sulla necessità di fare ( ebene) turismo a Licata. Intanto durante l'incontro si èregistrata una buona notizia, anzi due, l'Assessoreprovinciale al turismo Carmelo Pace ha confermatoche anche Licata avrà i suoi depliant ( quelli diSciacca, Agrigento, le Pelagie e i paesi dellamontagna sono già pronti da settimane), e chepresto in città aprirà un info point turistico gestitodalla Provincia che si andrà ad aggiungere, ma
il Giornale di Licata
Anno I - Numero 1 - Maggio 2009 - Reg. Trib. di Agrigento n° 284 del 24/26-03-2009 - Direttore Responsabile: Francesco Pira
Mensile di Politica, Cultura, Economia e Sport
PTL/OMF/PMP/679/0820/06/08
DISTRIBUITO PORTA A PORTA DA POSTE ITALIANE CON IL SERVIZIO
Copia Omaggio distribuita porta a porta da Poste Italiane S.p.a. - In Edicola, Copia Omaggio in allegato a BAZAR SICILIAwww.ilgiornaledilicata.it
PER LA VOSTRAPUBBLICITÀ SUil Giornale di LicataChiamate il
339 3290144
Turismo, gli imprenditorichiedono interventi seri
Licata - Via Gela
(di fronte Esso)
www.continomotors.com
automobiliper passione
Tel. 0922 80 21 58
 
2
Interventi - lettere - mail - sms
il Giornale di Licata- Edizione Maggio 2009
Caro Direttore Francesco Pira,sono la mamma di un bambino che frequenta la scuola nella quale si è verificato il caso di Tubercolosi. Lamia lettera nasce dall'indignazione di fronte all'indifferenza rispetto al suddetto caso di malattia, infatti,tranne la breve notizia evasiva ripetuta in varie testate giornalistiche on-line )agrigentoflash, siciliaonline,ecc.( e simili notizie date dai telegiornali dei paesi limitrofi, non ho trovato alcun riscontro nei nostri giornalie telegiornali locali. Mi chiedo: perché? Forse perché è una notizia che scotta e pu? creare facilmenteallarmismo? Questo era un caso su cui doveva essere fatta luce più che mai, non solo per tranquillizzarele persone colpite da vicino, ma anche per chiarirne i dubbi: i dubbi, come sappiamo, si sviluppanoproprio sull'onda di notizie frammentarie e imprecise, se non addirittura assenti.Questa, a mio parere, era proprio una notizia di grande impatto sociale. Devo allora ipotizzare che gliorgani di stampa non godano veramente della libertà che spetta loro? Devo pensare che si è preferitosorvolare su un fatto ritenuto scomodo e portatore di panico? Io sono dell'idea che c'è modo e modo didare le notizie: una notizia pu? essere fatta passare per una catastrofe; diversamente, si pu? dare spazioa una notizia presentandola per quella che è. Invece, il nulla totale; a conferma di ci?, basta leggere laconclusione dell'articolo che gira in rete: “Il focolaio di infezione e' stato individuato e isolato”; anche inmerito a questo ho le mie riserve, perché il soggetto è probabilmente un portatore sano, il quale, inseritoin una comunità di 48000 anime è come un ago in un pagliaio: cosa stiamo aspettando? Che la minavagante esploda? Non solo: ho riscontrato un certo ritardo nella notifica dell'“allarme”. Il bambino inquestione, infatti, ha iniziato ad assentarsi dalle attività scolastiche già nel periodo natalizio, mentre lenotizie, datate 17 e 18 Marzo, affermano che la scoperta del caso risale a solo un mese e mezzo fa. Allorase è passato cos? poco tempo, mi chiedo, i bambini sono ancora a rischio? Bisogna, infatti, considerare,da ci? che ci hanno detto i dottori, che la malattia ha un periodo di incubazione di ben due mesi. E che diredella reputazione del bambino/a colpito/a dalla malattia? L'indifferenza alla notizia ha avuto la funzione disdrammatizzare il caso o forse invece come credo io ha contribuito a velarlo di un alone di misteroinquietante? Scrivo anche per lamentarmi della cattiva gestione da parte degli addetti ai lavori: la scuola,infatti, non è stata disinfestata, perché ritenevano non fosse necessario in questi casi; la disinfestazione,secondo me, sarebbe potuta essere un segno per dare sicurezza alla gente, che cos? si sarebbe sentitatutelata e ascoltata. La disinformazione ha provocato anche il ritiro di alcuni bambini dalle attivitàscolastiche, dovuto proprio alla paura delle mamme per un probabile contagio. Quello che io chiedo inquesta sede per mezzo di questo giornale che apprezzo e per la stima che ripongo in lei è la verità suquesto caso, ossia qualcuno che spieghi esattamente come sono andate le cose e quali sono gli ultimirisvolti )dato che alla fine del mese dovremo sottoporre di nuovo i bambini ad accertamenti(, in modo damettere un punto fermo su questa storia e chiudere questo intricato e triste episodio. Mi scuso per losfogo e la ringrazio per lo spazio concessomi. Lei sa chi sono ma non metta la mia firma per favore.Cordiali saluti.Una mamma licatese
E' morto il marito Elio Guglielmetti
Gravissimo lutto per la nostraGermana Peritore
progetto olivettiano della fabbrica dalCon grande dolorevolto umano.ho accolto laSi dedicò di lì in avanti al suo paese,notizia dellaTorre Canavese, comescomparsaamministratore e sindaco per 2improvvisa di unlegislature, facendone un paeseuomo verso cuid'arte. A Germana donna forte enutrivo una stimaintelligente non sappiamo quali paroleincondizionata,riservare per esprimere il nostrol'ingegner Eliocordoglio e per manifestarle tuttoGuglielmetti, exl'affetto in un momento così terribile.Dirigente dellaCi auguriamo che presto trovi la forzaOlivetti, intellettuale prestigioso eper ritornare a scrivere e a regalarestimato, marito della nostraalla nostra città i suoi bellissimiopinionista e concittadina, Germanaarticoli. Elio doveva venire a Licata neiPeritore, che ha iniziato con noiprossimi mesi a tenere unal'avventura con “La Campana” e checonferenza presso la Chiesa di Sanha proseguito la collaborazione con “IlGirolamo della Misericordia. AvevaGiornale di Licata”. Elio era unagià incontrato il Governatore,memoria storica della Olivetti. Vi eraGiovanni Savone ed il Viceentrato da ragazzo ed era stato sceltoGovernatore, Michele Lombardo, edda Adriano Olivetti per frequentareera allo studio come programmarel'Università di Trento, per la laurea inquesto convegno. Ma Elio ci hasociologia, e lavorare contempora-lasciato prima. Noi pensiamo dineamente. Divenne un esperto diricordarlo con un bellissimo articoloorganizzazione del lavoro e fu inviatoche ha pubblicato su La Campana nelpresso stabilimenti americani e2007. Addio Elio.francesi. Rimase in Olivetti 35 anni e
Francesco Pira
si ritirò quando si rese conto che si
Direttore Responsabile
cominciava a smantellare tutto quello
de “il Giornale di Licata”
che aveva rappresentato il grande
Caso di Tubercolosi,perctanto silenzio?
di Elio Guglielmetti 
Egregio Direttore Pira,Giovanni Verga, Luigi Capuana,vorrei sommariamente esporle un Leonardo Sciascia, la stessaprogetto (e formulare una domanda Germana Peritore, tutti ospiti, anchealla quale non so dare una risposta se in tempi successivi, della casa diesauriente) che ho in mente da tempo Giuseppe Giacosa.e che ritengo possa, se In politica, l'elenco sarebbeopportunamente elaborata e lunghissimo, prima ancora delpresentata ai lettori del Suo giornale, dominio savoiardo sulla Sicilia a“stanare” persone dotate di buona seguito dei trattati di Utrecht e dellepenna, cultura e volontà per aprire un vicende legate all'Unità d'Italia.dibattito letterario sui rapporti fra Nel campo della giustizia, il padre diSicilia e Piemonte; meglio ancora, Giacosa, Guido, è magistrato asulla “voglia di Piemonte” da parte dei Palermo dopo il 1860, per indagare sulsiciliani e di Mediterraneo da parte dei fatto dei Pugnalatori.piemontesi. Credo che potrebbe venir Particolarmente fecondo parrebbe ilfuori qualcosa di interessante sul terreno delle tradizioni popolari e deipiano editoriale e della reciproca dialetti. In un mio libro pubblicato loconoscenza.scorso anno descrivo un Romitorio diPer sostenere questa mia ipotesi di San Nicolao presente in Canavese elavoro, provo a fare un elenco riporto le leggende ad esso collegate;certamente incompleto di “relazioni” analoga situazione la si ritrova nelgià avvenute (FIAT a parte), a volte in volume del ben più autorevolemaniera casuale, altre volte ricercate scrittore siciliano Vincenzo Consolo “Ilcon ostinata determinazione.sorriso dell'ignoto marinaio”.In campo musicale, Sigismondo Ora la domanda: cosa ha determinatod'India, palermitano, è musicista di questa reciproco, sistematico scambiocorte dei Savoia all'inizio del XVII di esperienze?secolo.Per ora una sola ipotetica risposta:In quello architettonico, basti ricordare forse Piemonte e Sicilia sono entrambiFilippo Juvarra ed il suo contributo “Isole” che si attraggono.determinante all'affermazione del Può bastare come stimolo allaBarocco in Piemonte.ricerca?In letteratura, cito in rapida sequenza Voglia gradire i miei più cordiali saluti.
Un ponte culturaletra la Sicilia e il Piemonte
E' accaduto a Licata che alcuni cittadini senza nessun preavviso, si sono visti espropriare la loro casa.Il 28- 11- 2007 è stata adottata dal Consiglio Comunale di Licata )Amministrazione Sindaco AngeloBiondi( la delibera n°. 79 avente in oggetto l'approvazione del programma costruttivo per la realizzazionedi n°. 42 alloggi da parte della Cooperativa Vulcano, con proposta n°. 10 del 9-11-2007 del DipartimentoUrbanistica. In tale programma sono stati coinvolti alcuni immobili del centro storico per i quali conprotocollo n.°10815 del 6marzo 2008, il Dipartimento LL.PP. Ufficio Espropri, a firma del responsabile delprocedimento rag. Angelo Incorvaia, ha inviato comunicazione di avvio del procedimento di esproprio,prima di avere informato, tramite regolare notifica, i legittimi proprietari. Gli interessati sono venuti aconoscenza del procedimento di esproprio soltanto dopo l'approvazione del progetto definitivo, in quantol'amministrazione si è avvalsa della facoltà concessa dal Comma 5 dell'art. 11 del DPR 327/01, cheprevede di dare avviso mediante affissione all'albo pretorio.Gli interessati affermano che non risulta, che tale adempimento sia stato effettuato nelle forme e nei terminiprevisti dalla legge in quanto non sono stati da essi riscontrati i necessari principi di democrazia etrasparenza nell'esercizio dell'attività pubblica, ostacolando in questo modo la tutela delle ragioni delcittadino.Le suddette ragioni sono rimaste fino ad oggi volutamente inascoltate e lo dimostra il fatto che i proprietarisono venuti a conoscenza della situazione solo quando il progetto era già stato definito e nei tempi in cuiormai veniva preclusa ogni possibilità di azione.Nell'attuare il procedimento espropriativo, inoltre, non sono state tenute nella debita considerazionealcune circostanze che meritano una più attenta riflessione: lo stabile di Via Cacici, 34, dichiarato inprocedimento espropriativo è abitato con regolare residenza dal Signor Giordano Filippo Marco cheinsieme la moglie e una bambina di pochi mesi, essendo da molto tempo disoccupati e privi di altro redditoconducono una vita dignitosa, ma, economicamente molto precaria. Il primo piano dello stesso stabile è diappartenenza della signora Zarbo Anna in Bulone emigrata in Francia da oltre 40 anni e che, tutti gli annipuntualmente è sempre venuta con la propria famiglia a Licata nei periodi di festività e in alcuni mesi delperiodo estivo abitando nel proprio appartamento. La signora Bulone inoltre, essendo il marito in pensioneda pochi mesi, aveva già programmato il ritorno definitivo a Licata, prova ne è il fatto che al momento dellaricezione del procedimento espropriativo era in procinto di effettuare alcuni lavori per migliorare l'aspettointerno del proprio appartamento e che ha dovuto sospendere per ottemperare al provvedimento emessodal Comune.Oggi, i coniugi Bulone continuano a venire a Licata soprattutto durante i periodi delle festività, ma sonocostretti a vagabondare e chiedere ospitalità presso amici o parenti poiché il loro appartamento èinutilizzabile. Si possono ben immaginare i disagi che sono costretti a subire queste persone dopo anni disacrifici all'estero.C'è da sottolineare inoltre che, con nota del 24-4-2007 prot. n°. 18358, il responsabile A.U.S.L.1 dell'igienepubblica del distretto di Licata dott. Vincenzo Pezzino, ha comunicato al Dipartimento Urbanistica e alSindaco del Comune di Licata, che non è stato possibile valutare lo stato degli edifici indicati quali fatiscentiin quanto privi di rilievi tecnici degli ambienti interni e che pertanto si sarebbero resi necessari ulteriorisopralluoghi per la valutazione obiettiva. Dopo18 mesi di assoluto silenzio da parte dell'AmministrazioneComunale, non risulta tutt'oggi che sia stato effettuato alcun adempimento in proposito.Non solo non è stata tenuta in debita considerazione la posizione precaria del Signor Giordano FilippoMarco, ma non è stata considerata neanche la circostanza che la Signora Zarbo Anna in Bulone risiedeall'estero e quindi non sarebbe potuto venire a conoscenza del procedimento espropriativo alla stessastregua di un cittadino residente a Licata. Sarebbe stato necessario pertanto l'invio di una comunicazionepersonale in modo che la signora avrebbe potuto provvedere ai necessari adempimenti del caso.Tutto ci? non pu? essere imputato all'operato dell'attuale Amministrazione Graci, anche se buona partedei consiglieri oggi in carica sono gli stessi che risultano firmatari del provvedimento.I cittadini esproprianti chiedono per? a questa Amministrazione ed in prima persona al Sindaco AngeloGraci di intervenire con urgenza per disporre la sospensione di tutti gli atti relativi ai suddetti espropri e ilrilascio di una liberatoria o quantomeno di concordare qualche alternativa e soddisfacente trattativa con laCooperativa Vulcano. I cittadini chiedono ancora a questa Amministrazione di esternare ) non soloverbalmente come di solito hanno fatto fino ad oggi( il proprio appoggio agli esproprianti e di affrontare conrisoluta concretezza il problema allo scopo di volgere ad un'immediata soluzione anche per mantenerefede alle numerose e allettanti promesse fatte durante il periodo elettorale.
SONO TRASCORSI 18 MESI DI ASSOLUTO SILENZIODOPO LA NOTIFICA DEL PROCEDIMENTODI ESPROPRIO DI APPARTAMENTI NEL CENTRO STORICOA CINQUANTA CITTADINI LICATESI
L’intervento
di Gioacchino Florio 
SEGUE DALLA PRIMA PAGINA “UN CLIMA ORRENDO”
non siamo partiti con le valigie di cartone come i nostri nonni lo abbiamo fattoconvinti che ovunque nel mondo avremmo portato l'orgoglio di essere licatesi,la dignità delle nostre origini, la nostra educazione, il nostro attaccamento allavoro, al rispetto per gli altri, che siano essi persone o istituzioni.Mi vergogno di questo clima orrido. Mi vergogno che il porto turistico non c'è.Mi vergogno che l'aeroporto non ci sarà mai. Sono orgoglioso del fatto che sela centrale a carbone, l'inceneritore di rifiuti speciali prima versione e secondaversione, non ci sono a Licata è anche merito di chi rischiando la propriaincolumità ha fatto delle battaglie. I giornali sono lì in biblioteca comunale, chequalcuno li vada a rileggere. E non è un caso se ancora a Licata i più anzianichiamano tutte le tv locali nate negli ultimi 10 anni Video Faro. Perchè è stata laprima a fare un telegiornale. Licata come è oggi, abbandonata a se stessa,vilipesa, offesa, denigrata, non è più la nostra Licata. Ci vuole uno scattod'orgoglio. Diversamente sarà anche difficile per noi giornalisti raccontarla.
Francesco Pira 
subìte. Una situazione divenuta insostenibile per queste ed altre contingenze.Una città dove di limpida e trasparente rimane, forse, solo l'acqua del mare...Laddove possa apparire lesa ogni aspirazione al miglioramento e al progresso,bisognerebbe guardare indietro e riflettere su quelli che furono gli anni d'oro perLicata, chiedendosi il perché dell'odierna disapprovazione pubblica.
Elsa Carlino 
SEGUE DALLA PRIMA PAGINA “UN’AMMINISTRAZIONE...
 
3
il Giornale di LicataEdizione Maggio 2009 -
SPAZIOPUBBLICITARIOOCCUPATONELLA VERSIONECARTACEA

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->