Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
52 Bc 1tessalonicesi

52 Bc 1tessalonicesi

Ratings: (0)|Views: 0|Likes:
Published by Domenico Bevilacqua
Roma, anno 2008
Fratelli nel Signore, grazia a voi e pace da Dio nostro Padre e dal Signore Gesù Cristo che con il suo sangue ci ha riscattati da questo presente secolo malvagio e ci ha fatti essere al Suo Dio un regno e dei sacerdoti.
Siamo lieti di potervi presentare le seguenti versioni della Bibbia, la Diodati, la Riveduta, la Nuova Riveduta e la Nuova Diodati, a CONFRONTO tra di loro. Siamo persuasi infatti nel Signore che questa opera, che ha richiesto un lungo e paziente lavoro e che abbiamo potuto portare a compimento grazie all’aiuto che viene da Dio, vi sarà utile nello studio della Parola di Dio.
La grazia del Signore sia con voi
Giacinto e Illuminato Butindaro
Roma, anno 2008
Fratelli nel Signore, grazia a voi e pace da Dio nostro Padre e dal Signore Gesù Cristo che con il suo sangue ci ha riscattati da questo presente secolo malvagio e ci ha fatti essere al Suo Dio un regno e dei sacerdoti.
Siamo lieti di potervi presentare le seguenti versioni della Bibbia, la Diodati, la Riveduta, la Nuova Riveduta e la Nuova Diodati, a CONFRONTO tra di loro. Siamo persuasi infatti nel Signore che questa opera, che ha richiesto un lungo e paziente lavoro e che abbiamo potuto portare a compimento grazie all’aiuto che viene da Dio, vi sarà utile nello studio della Parola di Dio.
La grazia del Signore sia con voi
Giacinto e Illuminato Butindaro

More info:

Published by: Domenico Bevilacqua on Oct 07, 2013
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

07/31/2014

pdf

text

original

 
Prima epistola di Paolo ai Tessalonicesi
Diodati Riveduta Nuova Riveduta Nuova Diodati
599
1:1
PAOLO, e Silvano, eTimoteo, alla chiesa de'Tessalonicesi,
che è
in DioPadre, e nel Signor GesùCristo. Grazia a voi e pace,da Dio nostro Padre, e dalSignor Gesù Cristo.
1:1
Paolo, Silvano e Timo-teo alla chiesa dei Tessalo-nicesi che è in Dio Padre enel Signor Gesù Cristo, gra-zia a voi e pace.
1:1
Paolo, Silvano e Timo-teo alla chiesa dei Tessalo-nicesi che è in Dio Padre enel Signore Gesù Cristo:grazia a voi e pace.
1:1
Paolo, Silvano e Timo-teo, alla chiesa dei Tessalo-nicesi in Dio Padre e nelSignore Gesù Cristo: graziaa voi e pace da Dio nostroPadre e dal Signore GesùCristo.
1:2
NOI rendiamo del con-tinuo grazie a Dio per tuttivoi, facendo di voi menzio-ne nelle nostre orazioni;
1:2
Noi rendiamo del conti-nuo grazie a Dio per voi tut-ti, facendo di voi menzionenelle nostre preghiere,
1:2
Noi ringraziamo sempreDio per voi tutti, nominan-dovi nelle nostre preghiere,
1:2
Noi rendiamo del conti-nuo grazie a Dio per tuttivoi, facendo di voi menzio-ne nelle nostre preghiere,
1:3
rammemorandoci con-tinuamente l'opera della vo-stra fede, e la fatica della
vostra
carità, e la sofferenzadella speranza
che voi avete
 nel Signor nostro Gesù Cri-sto; nel cospetto di Dio, no-stro Padre;
1:3
ricordandoci del conti-nuo nel cospetto del nostroDio e Padre, dell’opera del-la vostra fede, delle fatichedel vostro amore e della co-stanza della vostra speranzanel nostro Signor Gesù Cri-sto;
1:3
ricordandoci continua-mente, davanti al nostro Dioe Padre, dell'opera della vo-stra fede, delle fatiche delvostro amore e della co-stanza della vostra speranzanel nostro Signore GesùCristo.
1:3
ricordando continua-mente la vostra opera di fe-de, la fatica del
vostro
amo-re e la costanza della spe-ranza
che voi avete
nel Si-gnore nostro Gesù Cristodavanti a Dio, nostro Padre,
1:4
sapendo, fratelli amatidi Dio, la vostra elezione.
1:4
conoscendo, fratelliamati da Dio, la vostra ele-zione.
1:4
Conosciamo, fratelliamati da Dio, la vostra ele-zione.
1:4
conoscendo, fratelliamati da Dio, la vostra ele-zione,
1:5
Poichè il nostro evange-lo non è stato inverso voi inparola solamente, ma anco-ra in virtù, e in Ispirito San-to, e in molto accertamento;siccome voi sapete qualisiamo stati fra voi per amorvostro.
1:5
Poiché il nostro Evan-gelo non vi è stato annun-ziato soltanto con parole,ma anche con potenza, conlo Spirito Santo e con granpienezza di convinzione; einfatti voi sapete quel chesiamo stati fra voi per amorvostro.
1:5
Infatti il nostro vangelonon vi è stato annunziatosoltanto con parole, ma an-che con potenza, con lo Spi-rito Santo e con piena con-vinzione; infatti sapete co-me ci siamo comportati fravoi, per il vostro bene.
1:5
perché il nostro evange-lo non è giunto fino a voisoltanto a parole, ma anchecon potenza e con lo SpiritoSanto, e con molta convin-zione; voi sapete come cisiamo comportati fra voiper amor vostro.
1:6
E voi siete stati imitato-ri nostri, e del Signore, a-vendo ricevuta la parola inmolta afflizione, con alle-grezza dello Spirito Santo.
1:6
E voi siete divenuti imi-tatori nostri e del Signore,avendo ricevuto la Parola inmezzo a molte afflizioni,con allegrezza dello SpiritoSanto;
1:6
Voi siete divenuti imita-tori nostri e del Signore, a-vendo ricevuto la parola inmezzo a molte sofferenze,con la gioia che dà lo Spiri-to Santo,
1:6
E voi siete divenuti no-stri imitatori e del Signore,avendo ricevuta la parola inmezzo a tanta afflizione conla gioia dello Spirito Santo,
1:7
Talchè siete stati esem-pi a tutti i credenti in Mace-donia, ed in Acaia.
1:7
talché siete diventati unesempio a tutti i credentidella Macedonia edell’Acaia.
1:7
tanto da diventare unesempio per tutti i credentidella Macedonia e dell'A-caia.
1:7
così da divenire un e-sempio a tutti i credenti del-la Macedonia e dell'Acaia.
1:8
Perciocchè non sol davoi è risonata la parola delSignore nella Macedonia, enell'Acaia; ma ancora la fe-de vostra, la quale
avete
in-verso Iddio, è stata divolga-ta in ogni luogo; talchè nonabbiam bisogno di dirne co-sa alcuna.
1:8
Poiché da voi la paroladel Signore ha echeggiatonon soltanto nella Macedo-nia e nell’Acaia, ma la famadella fede che avete in Diosi è sparsa in ogni luogo;talché non abbiam bisognodi parlarne;
1:8
Infatti da voi la paroladel Signore ha echeggiatonon soltanto nella Macedo-nia e nell'Acaia, ma anzi lafama della fede che avete inDio si è sparsa in ogni luo-go, di modo che non ab-biamo bisogno di parlarne;
1:8
Infatti non solo la paro-la del Signore è tramite voirisuonata nella Macedonia enell'Acaia, ma anche la vo-stra fede che
avete
versoDio si è divulgata in ogniluogo, tanto che non abbia-mo bisogno di parlarne,
1:9
Poichè eglino stessi rac-contano di noi, quale entratanoi abbiamo avuta tra voi, ecome vi siete convertiti da-gl'idoli a Dio, per servireall'Iddio vivente, e vero;
1:9
perché eglino stessi rac-contano di noi quale sia sta-ta la nostra venuta tra voi, ecome vi siete convertitidagl’idoli a Dio per servireall’Iddio vivente e vero, eper aspettare dai cieli il suoFigliuolo,
1:9
perché essi stessi rac-contano quale sia stata lanostra venuta fra voi, e co-me vi siete convertiti dagl'i-doli a Dio per servire il Diovivente e vero,
1:9
poiché essi stessi rac-contano di noi, quale siastata la nostra venuta tra voie come vi siete convertitidagli idoli a Dio, per servireal Dio vivente e vero,
 
Prima epistola di Paolo ai Tessalonicesi
Diodati Riveduta Nuova Riveduta Nuova Diodati
600
1:10
e per aspettar da' cieliil suo Figliuolo, il quale egliha risuscitato da' morti,
cioè
 Gesù, che ci libera dall'ira avenire.
1:10
il quale Egli ha risusci-tato dai morti; cioè, Gesùche ci libera dall’ira a veni-re.
1:10
e per aspettare dai cieliil Figlio suo che egli ha ri-suscitato dai morti; cioè,Gesù che ci libera dall'iraimminente.
1:10
e per aspettare dai cieliil suo Figlio, che egli ha ri-suscitato dai morti,
cioè
Ge-sù, che ci libera dall'ira avenire.
2:1
PERCIOCCHÈ voistessi sapete, fratelli, che lanostra entrata fra voi non èstata vana.
2:1
Voi stessi, fratelli, sape-te che la nostra venuta travoi non è stata invano;
2:1
Voi stessi, fratelli, sape-te che la nostra venuta travoi non è stata vana;
2:1
Voi stessi infatti, fratel-li, sapete che la nostra ve-nuta fra voi non è stata va-na.
2:2
Anzi, benchè prima a-vessimo, come sapete, pati-to, e fossimo stati ingiuriatiin Filippi, pur ci siamofrancamente inanimati nel-l'Iddio nostro, da annun-ziarvi l'evangelo di Dio, conmolto combattimento.
2:2
anzi, sebbene avessimoprima patito e fossimo statioltraggiati, come sapete, aFilippi, pur ci siamo rin-francati nell’Iddio nostro,per annunziarvi l’Evangelodi Dio in mezzo a molte lot-te.
2:2
anzi, dopo aver primasofferto e subito oltraggi,come sapete, a Filippi, tro-vammo il coraggio nel no-stro Dio, per annunziarvi ilvangelo di Dio in mezzo amolte lotte.
2:2
Ma, dopo aver primasofferto e aver ricevuto ol-traggi a Filippi, come sape-te, noi abbiamo avuto il co-raggio nel nostro Dio di an-nunziarvi l'evangelo di Dioin mezzo a tante lotte.
2:3
Poichè la nostra esorta-zione non
 procede
da in-ganno, nè da impurità; enon
è
con frode.
2:3
Poiché la nostra esorta-zione non procede da impo-stura, né da motivi impuri,né è fatta con frode;
2:3
Perché la nostra predi-cazione non proviene dafinzione, né da motivi im-puri, né è fatta con inganno;
2:3
La nostra esortazioneinfatti non procede da in-ganno, né da motivi non ret-ti, né da frode;
2:4
Anzi, come siamo statiapprovati da Dio, per fidarcil'Evangelo; così parliamo,non come per piacere agliuomini, ma a Dio che provai nostri cuori.
2:4
ma siccome siamo statiapprovati da Dio che ci hastimati tali da poterci affi-dare l’Evangelo, parliamoin modo da piacere non agliuomini, ma a Dio che provai nostri cuori.
2:4
ma come siamo statiapprovati da Dio che ci hastimati tali da poterci affi-dare il vangelo, parliamo inmodo da piacere non agliuomini, ma a Dio che provai nostri cuori.
2:4
ma, come siamo statiapprovati da Dio da esserciaffidato l'evangelo, cosìparliamo non in modo dapiacere agli uomini, ma aDio che prova i nostri cuori.
2:5
Perciocchè ancora noinon abbiamo giammai usatoparlar lusinghevole, comevoi sapete, nè occasioned'avarizia; Iddio
ne è
testi-monio.
2:5
Difatti, non abbiamomai usato un parlar lusin-ghevole, come ben sapete,né pretesti ispirati da cupi-digia; Iddio ne è testimone.
2:5
Difatti, non abbiamomai usato un parlare lusin-ghevole, come ben sapete,né pretesti ispirati da cupi-digia; Dio ne è testimone.
2:5
Noi infatti non abbiamomai fatto uso di parole diadulazione, come
ben
sape-te, né siamo
stati mossi
dapretesti di avidità; Dio
ne è
 testimone.
2:6
abbiamo
cercatogloria dagli uomini, nè davoi, nè da altri, benchè po-tessimo usar gravità, comeapostoli di Cristo.
2:6
E non abbiam cercatogloria dagli uomini, né davoi, né da altri, quantunque,come apostoli di Cristo, a-vessimo potuto far valere lanostra autorità;
2:6
E non abbiamo cercatogloria dagli uomini, né davoi, né da altri, sebbene,come apostoli di Cristo, a-vessimo potuto far valere lanostra autorità;
2:6
E non abbiamo cercatogloria dagli uomini, né davoi, né da altri, pur potendofar valere la
nostra
autoritàcome apostoli di Cristo.
2:7
Ma siamo stati mansuetifra voi, come una balia, chealleva teneramente i suoipropri figliuoli.
2:7
invece, siamo stati man-sueti in mezzo a voi, comeuna nutrice che cura tene-ramente i proprî figliuoli.
2:7
invece, siamo stati man-sueti in mezzo a voi, comeuna nutrice che cura tene-ramente i suoi bambini.
2:7
Ma siamo stati mansuetifra voi, come una nutriceche alleva teneramente isuoi bambini.
2:8
In questa maniera, a-vendovi sommamente cari,eravamo mossi di buonavolontà a comunicarvi, nonsol l'evangelo di Dio, maancora le nostre proprie a-nime; perchè ci eravate di-letti.
2:8
Così, nel nostro grandeaffetto per voi, eravamo di-sposti a darvi non soltantol’Evangelo di Dio, ma an-che le nostre proprie vite,tanto ci eravate divenuti ca-ri.
2:8
Così, nel nostro grandeaffetto per voi, eravamo di-sposti a darvi non soltanto ilvangelo di Dio, ma anche lenostre proprie vite, tanto cieravate diventati cari.
2:8
Così, nel grande affettoche nutrivamo per voi, era-vamo contenti di comuni-carvi non solo l'evangelo diDio, ma la nostra stessa vi-ta, perché ci eravate divenu-ti cari.
2:9
Perciocchè, fratelli, voivi ricordate della nostra fa-tica, e travaglio; poichè, la-vorando giorno e notte, pernon gravare alcun di voi,abbiam predicato in mezzoa voi l'Evangelo di Dio.
2:9
Perché, fratelli, voi laricordate la nostra fatica e lanostra pena; egli è lavoran-do notte e giorno per nonessere d’aggravio ad alcunodi voi, che v’abbiam predi-cato l’Evangelo di Dio.
2:9
Perché, fratelli, voi ri-cordate la nostra fatica e lanostra pena; infatti è lavo-rando notte e giorno per nonessere di peso a nessuno divoi, che vi abbiamo predi-cato il vangelo di Dio.
2:9
Voi, fratelli, vi ricordateinfatti della nostra fatica etravaglio, come lavorandogiorno e notte per non esse-re di peso a nessuno di voi,abbiamo predicato tra voil'evangelo di Dio.
 
Prima epistola di Paolo ai Tessalonicesi
Diodati Riveduta Nuova Riveduta Nuova Diodati
601
2:10
Voi
siete
testimoni, eDio ancora, come ci siamportati santamente, e giu-stamente, e senza biasimo,inverso voi che credete.
2:10
Voi siete testimoni, eDio lo è pure, del modosanto, giusto e irreprensibilecon cui ci siamo comportativerso voi che credete;
2:10
Voi siete testimoni, eDio lo è pure, del modosanto, giusto e irreprensibilecon cui ci siamo comportativerso di voi che credete;
2:10
Voi
siete
testimoni, e
lo è
anche Dio, come cisiamo comportati santamen-te, giustamente, senza bia-simo verso di voi che crede-te.
2:11
Siccome voi sapeteche, come un padre i suoifigliuoli, noi abbiamo esor-tato, e consolato ciascun divoi;
2:11
e sapete pure che, co-me fa un padre coi suoi fi-gliuoli, noi abbiamo esorta-to,
2:11
sapete pure che, comefa un padre con i suoi figli,
2:11
E sapete anche che,come fa un padre
verso
isuoi figli, noi abbiamo esor-tato, consolato e scongiura-to ciascuno di voi,
2:12
e protestato che cam-miniate condegnamente aDio, che vi chiama al suoregno e gloria.
2:12
confortato e scongiura-to ciascun di voi a condursiin modo degno di Dio, chevi chiama al suo regno ealla sua gloria.
2:12
abbiamo esortato, con-fortato e scongiurato cia-scuno di voi a comportarsiin modo degno di Dio, chevi chiama al suo regno ealla sua gloria.
2:12
a camminare in mododegno di Dio, che vi chiamaal suo regno e gloria.
2:13
Perciò ancora, noi nonrestiamo di render grazie aDio, di ciò che, avendo ri-cevuta da noi la parola dellapredicazione di Dio, voi l'a-vete raccolta, non
come
pa-rola d'uomini; ma, siccomeè veramente,
come
parola diDio, la quale ancora operaefficacemente in voi checredete.
2:13
E per questa ragioneanche noi rendiamo delcontinuo grazie a Dio: per-ché quando riceveste da noila parola della predicazione,cioè la parola di Dio, voil’accettaste non come paro-la d’uomini, ma, quale essaè veramente, come parola diDio, la quale opera effica-cemente in voi che credete.
2:13
Per questa ragione an-che noi ringraziamo sempreDio: perché quando riceve-ste da noi la parola dellapredicazione di Dio, voil'accettaste non come paroladi uomini, ma, quale essa èveramente, come parola diDio, la quale opera effica-cemente in voi che credete.
2:13
Anche per questo noncessiamo di render grazie aDio perché, avendo ricevutoda noi la parola di Dio, l'a-vete accolta non
come
paro-la di uomini, ma come è ve-ramente,
quale
parola diDio, che opera
efficacemen-te
in voi che credete.
2:14
Poichè voi, fratelli,siete divenuti imitatori dellechiese di Dio, che son nellaGiudea, in Cristo Gesù;perciocchè ancora voi avetesofferte da quei della vostranazione le medesime cosech'essi da' Giudei.
2:14
Poiché, fratelli, voisiete divenuti imitatori dellechiese di Dio che sono inCristo Gesù nella Giudea;in quanto che anche voi a-vete sofferto dai vostri con-nazionali le stesse cose chequelle chiese hanno soffertodai Giudei,
2:14
Infatti, fratelli, voi sie-te diventati imitatori dellechiese di Dio che sono inCristo Gesù nella Giudea;poiché anche voi avete sof-ferto da parte dei vostriconnazionali le stesse tribo-lazioni che quelle chiesehanno sofferto da parte deiGiudei,
2:14
Voi infatti, fratelli, sie-te diventati imitatori dellechiese di Dio che sono nellaGiudea in Cristo Gesù, per-ché anche voi avete soffertoda parte dei vostri conna-zionali le medesime coseche essi hanno sofferto daparte dei Giudei,
2:15
I quali ed hanno uccisoil Signor Gesù, e i lor propriprofeti; e ci hanno scacciati,e non piacciono a Dio, e
son
 contrari a tutti gli uomini;
2:15
i quali hanno ucciso eil Signor Gesù e i profeti,hanno cacciato noi, e nonpiacciono a Dio, e sono av-versi a tutti gli uomini,
2:15
i quali hanno ucciso ilSignore Gesù e i profeti, ehanno cacciato noi; essi nonpiacciono a Dio e sono ne-mici di tutti gli uomini,
2:15
i quali hanno ucciso ilSignore Gesù e i loro profe-ti, e hanno perseguitato
an-che
noi. Essi non piaccionoa Dio e
sono
nemici a tuttigli uomini,
2:16
divietandoci di parlarea' Gentili, acciocchè sienosalvati; affin di colmarsempre
la misura de
' lorpeccati; or l'ira è venuta so-pra loro fino all'estremo.
2:16
divietandoci di parlareai Gentili perché sieno sal-vati. Essi vengon così col-mando senza posa la misuradei loro peccati; ma ormai liha raggiunti l’ira finale.
2:16
impedendoci di parlareagli stranieri perché sianosalvati. Colmano così senzaposa la misura dei loro pec-cati; ma ormai li ha rag-giunti l'ira finale.
2:16
impedendoci di parlareai gentili perché siano sal-vati, per colmare continua-mente
la misura dei
loropeccati; or l'ira su di loro èarrivata al culmine.
2:17
OR noi, fratelli, orbatidi voi per un momento ditempo, di faccia, e non dicuore, ci siam vie più stu-diati di veder la vostra fac-cia, con molto desiderio.
2:17
Quant’è a noi, fratelli,orbati di voi per breve tem-po, di persona, non di cuo-re, abbiamo tanto maggior-mente cercato, con gran de-siderio, di veder la vostrafaccia.
2:17
Quanto a noi, fratelli,privati di voi per brevetempo, di persona ma nondi cuore, abbiamo tanto piùcercato, con grande deside-rio, di vedere il vostro vol-to.
2:17
Or noi, fratelli, privatidi voi per un breve tempo,di persona ma non col cuo-re, ci siamo maggiormentepreoccupati,
spinti
da ungrande desiderio di rivedereil vostro volto.

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->