Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Rapporto ufficiale sull'Ipoclorito di Sodio

Rapporto ufficiale sull'Ipoclorito di Sodio

Ratings: (0)|Views: 168 |Likes:
Un dettagliato e aggiornato articolo sugli effetti dell' Ipoclorito di Sodio.
Un dettagliato e aggiornato articolo sugli effetti dell' Ipoclorito di Sodio.

More info:

Published by: Paolo Alessandro Ruffini on Oct 21, 2013
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

10/22/2013

pdf

text

original

 
 
Dipartimento federale dell’interno DFI
 
Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Unità di direzione protezione dei consumatori
Luglio 2013
La candeggina
 
Che cos’è la candeggina? A che cosa serve?
 
Candeggina o varechina è la denominazione popolare dell’ipoclorito di sodio in soluzione acquosa. A
temperatura ambiente si presenta allo stato liquido. Si contraddistingue per il colore giallo e il caratte-
ristico odore di cloro. L’ipoclorito di sodio, noto anche con la formula chimica NaOCl e il numero CAS
7681-52-9, è basico e molto reattivo. Se mescolato con altre sostanze, può sprigionare gas pericolosi(ad esempio, a contatto con acidi libera cloro gassoso) o esplodere, soprattutto se puro (ad esempio a
contatto con l’ammoniaca).L’ipoclorito di sodio causa l’ossidazione delle macromolecole biologic
he come le proteine, i lipidi o ilDNA oppure si combina con loro. Ciò spiega la versatilità di questa sostanza. Oltre che sbiancare e
smacchiare, si rivela anche un buon disinfettante e deodorante. Come tale è l’agente principale di
molti detergenti domestici, liscive e detersivi. Diluito con acqua, si trasforma in acido ipocloroso, unvalido biocida. Le soluzioni di ipoclorito di sodio possono quindi essere utilizzate come disinfettanti inacquedotti, impianti di depurazione o piscine contro virus, batteri, parassiti e funghi. In concentrazionielevate sono efficaci anche contro i prioni.
Nell’industria l’ipoclorito di sodio è usato soprattutto per la sintesi chimica e come sbiancante per la
carta.
Esposizione ed effetti sulla salute
L’essere umano entra in contatto con l’ipoclorito di sodio principalmente attraverso i prodotti per lapulizia della casa, l’acqua clorata delle piscine e l’acqua potabile.In Svizzera l’ipoclorito di sodio non è praticamente usato per disinfettare l’acqua potabile sebbene
lanormativa lo consenta, fissando un valore di tolleranza per il cloro libero sostanzialmente per motivi di«gusto»
. L’acqua potabile con sapore di cloro riscuote infatti scarsissima accettazione tra i consum
a-tori svizzeri.
L’ipoclorito di sodio e di calcio sono utilizzati per disinfettare l’acqua delle piscine. Le sostanze organ
i-che immesse dai bagnanti (ad esempio urina, forfora, cosmetici) possono portare alla formazione dicloramine, in particolare la tricloramina, responsabile del forte odore di cloro tipico delle piscine. Moltistudi europei hanno analizzato il rapporto tra la tricloramina e le malattie dermatologiche o respiratoriein caso di permanenza lunga (bagnini, istruttori di nuoto) o frequente in piscina (corsi di nuoto per 
 
 
2/5
Factsheet Candeggina/marzo 2011, aggiornato luglio 2013
neonati e bambini). Dai dati raccolti emerge un quadro eterogeneo che non permette conclusioni uni-voche.
Nell’inverno 2007/2008
 
sono stati condotti rilevamenti in 30
piscine coperte per conto dell’UFSP e della SUVA. Da questa
analisi risulta che le concentrazioni di tricloramina sono soddi-sfacenti e inferiori a quelle misurate in altri Paesi europei. Gliistruttori di nuoto e i bagnini, ossia persone esposte professio-nalmente a questa sostanza, hanno tuttavia denunciato sintomidi irritazione agli occhi, alle narici e alla gola in caso di concen-trazioni elevate. Spetta alle autorità cantonali controllare che
l’igiene dell’acqua venga garantita. La Svizzera non dispone diuna base giuridica che fissi valori limite per la tricloramina nell’aria, ma l’UFSP raccomanda di osse
r-vare la direttiva tecnica
Raumlufttechnische Anlagen in Hallenbädern
(vedi Bibliografia, SWKI 2004).Le caratteristiche tossiche delle soluzioni di ipoclorito di sodio dipendono dalla loro concentrazione.Quelle con la concentrazione più alta (oltre il 10 % di cloro attivo) hanno un effetto altamente irritante -
ed è proprio questo il pericolo. L’ingestio
ne di ipoclorito di sodio può causare irritazioni o causticazioni
in bocca, in gola, nell’esofago o nello stomaco. Si possono produrre causticazioni o ustioni anche sulla
pelle o negli occhi.
L’inalazione di ipoclorito di sodio può risultare nociva solo s
e la sostanza si mescola con altre e liberagas tossici. Sovente la candeggina viene erroneamente usata assieme ad acidi - una pratica che può
produrre cloro gassoso causando un’intossicazione con sintomi tipici quali tosse, vertigini, nausea,
disturbi respiratori, forte irritazione/infiammazione delle mucose e infiammazione della congiuntiva. Le
conseguenze possono essere un’insufficienza respiratoria o l’edema polmonare.Negli esperimenti sugli animali, le esposizioni croniche all’ipoclorito di sodio non
hanno prodotto danniagli organi. Sono state osservate solo differenze nel peso corporeo e degli organi come pure irritazionilocali della pelle. Anche dagli studi epidemiologici condotti su persone che consumano acqua cloratanon sono emersi effetti di rilievo.Gli esperimenti sulla cancerogenicità effettuati sugli animali non hanno evidenziato formazioni tumorali
dopo un’esposizione orale o dermale. Per quanto concerne la
mutagenicità, invece, esistono analisi invitro in parte mal documentate. Si suppone comunque una certa attività mutagena, sebbene i test invivo abbiamo prodotto risultati negativi. I dati non permettono tuttavia di giungere a conclusioni affida-bili. Né gli studi epidemiologici né i test condotti sugli animali inducono a ritenere che l
’ipoclorito di
sodio influenzi la fertilità o lo sviluppo uterino del feto.
Valutazione dei rischi
In genere l’uomo non entra a contatto con l’ipoclorito di sodio regolarmente o in grandi quantità. I pr 
o-
dotti per la pulizia della casa devono recare l’indicazione
«irritante» o «caustico» in funzione dellaconcentrazione di cloro attivo. I prodotti a bassa concentrazione non recano indicazioni (vedi Riferi-menti normativi). Molti prodotti utilizzati nelle economie domestiche private presentano un tenore dicloro basso, inferiore al 3 per cento, e non recano quindi etichettature particolari
.
In commercio si tro-vano tuttavia anche detergenti, detersivi o disotturanti in concentrazioni maggiori che possono causa-re irritazioni o causticazioni. Bisogna quindi evitare il contatto con la pelle e con gli occhi. Ciò valeanche per coloro che hanno a che fare con soluzioni o prodotti a base di ipoclorito di sodio nella loroattività professionale. Questi prodotti presentano un tenore elevato di cloro attivo e vanno manipolatiadottando misure di protezione concrete (ad esempio occhiali e guanti di protezione idonei).Gli avvelenamenti da ipoclorito di sodio sono causati prevalentemente dal fatto che il prodotto non èc
onservato nella confezione originale o dall’uso contemporaneo di acidi (ad esempio detergenti co
n-tenenti acidi). Particolarmente a rischio sono i bambini che, spinti dalla curiosità, potrebbero bere dalflacone.
 
 
3/5
Factsheet Candeggina/marzo 2011, aggiornato luglio 2013
Chi frequenta spesso la piscina dovrebbe pr 
estare attenzione all’odore di cloro: un odore forte indicaun’elevata concentrazione di cloramine. Le piscine all’aperto o quelle più grandi sono meno esposte a
questo rischio, cui tutti possono ovviare semplicemente facendo la doccia prima di entrare in acqua eindossando la cuffia.
Regole di comportamento
Tenere fuori dalla portata dei bambini.
In caso di contatto prolungato con la pelle o di impiego diprodotti contrassegnati come irritanti o caustici indossarei guanti ed evitare il contatto con gli occhi.
Non mescolare con acidi e non utilizzare con altri deter-genti che contengono acidi (ad es. decalcificanti) per evi-tare lo sviluppo di cloro gassoso.
Non mischiare con ammoniaca per evitare il pericolo diesplosione.
Non conservare soluzioni di ipoclorito di sodio insieme ad acidi. Chiudere ermeticamente i conte-nitori e conservarli in un luogo fresco e ben ventilato. Non esporre i contenitori alla luce del sole.
Conservare sempre i prodotti nel contenitore originale e rispettare le indicazioni che figurano
sull’etichetta.
In caso di contatto con gli occhi lavare abbondantemente con acqua corrente.
In caso di contatto con la pelle lavare con abbondante acqua corrente e sapone le zone interessa-te.
In caso d'ingestione dare da bere ad adulti 2-3 dl, a bambini 1-
1.5dl d’acqua
. In nessun caso inge-rire oli commestibili, ricino, alcol o carbone attivo. Non provocare vomito.
 
In caso di inalazione uscire all’aria aperta. Se subentrano difficoltà di respirazione consultare un
medico.
In caso di contatto con elevati quantitativi di candeggina o con soluzioni altamente concentrate ose dopo gli interventi di primo soccorso non si riscontrano miglioramenti, consultare immediata-mente un medico.
Riferimenti normativi
L’ipoclorito di sodio figura ufficialmente nella tabella 3.2 dell’Allegato VI del Regolamento CLP (CE)
1272/2008. Le soluzioni di questa sostanza devono essere contrassegnate con etichette sulle qualifigurano le frasi «R» e «S» corrispondenti secondo la direttiva 67/548/CEE. Queste disposizioni val-
gono anche per la Svizzera. La classificazione e l’etichettatura si basano sulla percentuale di cloro
attivo contenuto nella soluzione. Il cloro attivo è la quantità di cloro gassoso che si libera acidificandouna soluzione di ipoclorito di sodio: NaOCl + 2 HCl
Cl
2
+ NaCl + H
2
O.
Nella tabella 1 sono riportate l’attuale classificazione e la classificazione GHS delle soluzioni di ipocl
o-
rito di sodio in base alla concentrazione di cloro attivo. L’adozione del sistema GHS comporta un in
a-sprimento della classificazione. Le frasi R e S diventano delle frasi H (hazard) e P (precaution).
Tabella 1: Confronto tra l’attuale classificazione (direttiva sulle sostanze 67/548/CEE) e il s
istema di classificazione GHS, per quanto concerne le proprietà pericolose per la salute.
La
classificazione in funzione delle proprietà pericolose per l’ambiente non è stata contemplata.
Per pro-dotti contenenti ipoclorito di sodio deve essere verificata anche la classificazione rispetto alle proprietà
 pericolose per l’ambiente.
 
Soluzioni con l’1
-3 % di cloro attivoSoluzioni con oltre il3 % di cloro attivoSoluzioni con oltre il5 % di cloro attivoSoluzioni con oltre il10 % di cloro attivoSoluzioni con oltre il25 % di cloro attivo

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->