Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Octave Mirbeau, « Le perle morte »

Octave Mirbeau, « Le perle morte »

Ratings: (0)|Views: 24 |Likes:
Published by Oktavas
Octave Mirbeau, « Le perle morte », "Le Journal", 9 gennaio 1898. Prima traduzione italiana di Albino Crovetto (rilettura di Ida Merello).
Octave Mirbeau, « Le perle morte », "Le Journal", 9 gennaio 1898. Prima traduzione italiana di Albino Crovetto (rilettura di Ida Merello).

More info:

Published by: Oktavas on Jan 24, 2014
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as RTF, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

05/15/2014

pdf

text

original

 
Octave MIRBEAULe perle morte
Albert Besnard
Clara Terpe aveva ventisette anni quando intraprese, con una governante e numerosi domestici, un viaggio attraverso le Indie. Aveva divorziato giusto per essere libera di guidare la propria vita secondo fantasie rare e imperiose, e capricci non ancora appagati. Era di notevole bellezza, “di una radiosa bellezza da imperatrice”, come dicevano le cronache mondane del tempo. on so bene che cosa sia una bellezza da imperatrice, e per quale attributo particolare la si possa distinguere da quella di una regina e anche dalla bellezza di una lavandaia ! "a Cleopatra a #ittoria e da #ittoria alla regina del $arted%&'rasso, penso che ve ne siano di tanti tipi. $i piace credere, per Clara Terpe, che assomigliasse piuttosto a Cleopatra, una regina, che a #ittoria, imperatrice di quelle stesse Indie dove il demone del viaggio trascinava la nostra bella amica. $a dopo i lirici e orchestrali
 
ritratti che di lei ci ha lasciato $. Albert (esnard, si pu) dire che Clara Terpe non assomigliasse che a s* stessa. In uno di quei ritratti la vediamo alta, flessuosa, ben tornita, con una capigliatura rosso&oro patinata di sangue scuro, occhi verde&oro e una figura piena, agile, attraente, voluttuosa e potente come una tigre sdraiata nella giungla. E quale giungla pi+ terribile di quel boudoir, con la sua foresta di profumi e di peccati, dove il pittore rappresenta le liane degli sguardi, sospendendo strani fiori di seduzione e mistero al di sopra di quelle acque glauche e profonde che sono gli specchi e i ghiacci in cui esse si moltiplicano allinfinito."unque, far) riferimento a questo ritratto.Era molto ricca, avendo ereditato da suo padre, celebre petroliere, una fortuna stimata, da reporter zelanti e obiettivi, in pi+ di sessata milioni. -uesta fortuna, che grazie allimprovvisa morte del vecchio $arius Terpe ricevette prima di quanto non avesse sperato fu, insieme col suo gusto per la vita libera, una delle cause principali del divorzio. e ripugnava dividere quei milioni con un marito, stupido e inutile, che passava tutte le sue giornate a leggere il
 New-York  Herald 
 e tutte le nottate a giocare a po/er in uno dei nostri migliori circoli parigini. 0oich* non avevano bambini, la cosa and) nel migliore dei modi1 e un consistente regalo in denaro appian) le difficolt2 sollevate in un primo tempo da quel marito che infine era ragionevole e ben educato. "al 3achm4r a Columbo, Clara Terpe visit) dunque le Indie con un percorso trionfale. Alcuni ra52, dotati di splendida immaginazione e felici di distrarsi un poco, le offrirono feste indimenticabili. 6i racconta che, a (enares, dove sussiste ancora una specie di accademia per le baiadere e le baccanti, si riportarono in vita, per lei, sacri rituali, aboliti da lunghissimo tempo, e dove lei conobbe tutto ci) che la lussuria delle antiche liturgie bramaniche pu) contenere in selvaggia frenesia e in culti maledetti. "urante una caccia prov) lebrezza di guardare,
 
adagiata sotto un baldacchino doro e trasportata da un elefante la cui proboscide era dipinta in rosso, un Ind+ divorato da una tigre. Compr) le pi+ belle perle dei pescatori di Ce4lon, consult) i pi+ esoterici mahatma. Infine, pratic) lamore con i neri Tamouls, che trasportano sulle spalle il carbone nei porti, tanto bene quanto con gli scultori, la cui pelle 7 abbronzata e satinata come il /a/i.6i racconta anche che assapor) le carezze delle piccole merlettaie di 6lave&Island, il cui corpo agile e vibrante 7 simile a certi piccoli bronzi antichi di meravigliosa purezza."opo due anni di assenza ritorn) infine nella fredda Europa1 un postanca, un potriste, disgustata dai nostri soliti spettacoli, dai nostri piccoli paesaggi, dai nostri squallidi rapporti damore. a sua anima era rimasta laggi+, tra i fiori giganteschi e velenosi. 8impiangeva il mistero degli antichi templi, e lardente cielo infuocato di febbre, di volutt2 e morte. 0er rivivere tutti quei ricordi furiosi o magnifici, si isol) e trascorse giornate intere distesa sopra pelli di tigre, giocando con quei graziosi coltelli del epal che “dissipano i sogni”.0oi, ben presto, si sent% malata. Aveva pesantezze invincibili dentro la testa, fuoco nello stomaco, dolori lancinanti ai reni e desiderio di morire nellanima. A poco a poco il suo corpo si copr% di macchie scure, la pelle, di grana cos% fine e di una madreperla cos% traslucida sindur%, si screpol), e prese un tono di cenere. In seguito fu come una fioritura di spessi tubercoli che alzarono la pelle rugosa e cornea, e che rapidamente la esfogliarono come una corteccia morta. e mani erano diventate due immondi ammassi di carne corrotta1 il naso, tumefatto come un otre flaccido, occup) ben presto tutto il viso, ostruendolo odiosamente con unappendice vermiglia, sgocciolante e penzolante.Tutti i grandi medici di 9rancia, chiamati uno dopo laltro, furono concordi nel dichiarare che Clara Terpe era colpita da una gravissima forma di elefantiasi.Tutti i loro rimedi messi insieme furono inutili. :gni giorno il male cresceva, raggiungeva le braccia, contagiava le gambe, fino

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->