Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword or section
Like this
14Activity

Table Of Contents

0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
RF

RF

Ratings: (0)|Views: 8,415|Likes:
Published by Carmelo150183

More info:

Published by: Carmelo150183 on Sep 30, 2009
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

10/20/2011

pdf

text

original

 
Capitolo 1
Rumore nei circuiti integrati
1.1 Introduzione
Questo capitolo tratta gli effetti del rumore elettronico nei circuiti integrati. Escludendol’interferenza di segnali estranei prodotti da attività esterne, l’esistenza del rumore èfondamentalmente dovuta al fatto che la carica elettrica non è continua ma è trasportata in quantitàdiscrete uguali alla carica dell’elettrone.Lo studio del rumore è importante poiché esso rappresenta il
limite inferiore
per l’ampiezzadel segnale elettrico che può essere amplificato da un circuito senza che si verifichi un significativodeterioramento nella qualità del segnale stesso. Il rumore determina anche un
limite superiore
peril guadagno utilizzabile in un amplificatore, in quanto, se il guadagno viene aumentatoindiscriminatamente, gli stadi di uscita possono anche saturarsi col rumore proveniente dagli stadid’ingresso.
1.2 Sorgenti di rumore
1.2.1 Rumore granulare (“shot”)
Il rumore granulare è sempre associato con il fluire di una
corrente continua
ed è presente neidiodi e nei transistori bipolari. La corrente diretta, nel diodo, è costituita da lacune ed elettroni chediffondono come portatori minoritari. Il passaggio di ciascun portatore attraverso la giunzione è unevento puramente casuale e dipende dal fatto che il portatore possegga un’energia sufficiente e unavelocità diretta verso la giunzione; così la corrente esterna, che appare come una corrente continua,è, in realtà, costituita da un gran numero di impulsi di corrente, casuali ed indipendenti.La fluttuazione della corrente è chiamata
rumore granulare
(shot noise) ed ha un valorequadratico medio che è proporzionale alla larghezza di banda
 f 
(in Hertz) della misura; quindi puòessere definita una
densità spettrale
della corrente di rumore che è costante al variare dellafrequenza (
rumore bianco
):
 D I 
qI S
2
=
 (1.1)
 
2Capitolo 1Rumore nei circuiti integrati
L’effetto del rumore granulare può essere rappresentato entro il circuito equivalente per piccolisegnali, a bassa frequenza, del diodo, includendo un generatore di corrente in parallelo al diodo,come mostrato nella fig. 1.1:
S
I
r
d
 
Fig. 1.1
Circuito equivalente per piccoli segnali del diodo a giunzione, comprendente il rumore “shot”
1.2.2 Rumore termico
 
Il rumore termico è generato da un meccanismo completamente diverso da quello del rumoregranulare. Nei resistori convenzionali esso è dovuto al
moto termico
degli elettroni e non dipendedalla presenza o meno di corrente continua, poiché le velocità di trasporto degli elettroni, in unconduttore, sono molto inferiori alle velocità termiche.Il rumore termico è direttamente proporzionale a
ed in un resistore può essere rappresentatoda un generatore “serie” di tensione o da un generatore “parallelo” di corrente:
S
I
RRS
V
 
Fig. 1.2
Rappresentazioni alternative del rumore termico
kTRS
4
=
 (1.2a)
 RkT S
 I 
4
=
 (1.2b) 
1.2.2 Rumore “flicker”
 
Questo è un tipo di rumore che si ritrova in tutti i dispositivi attivi e anche in alcuni elementidiscreti passivi, come i resistori al carbonio. Le origini del rumore flicker sono varie, ma neitransistori bipolari esso è causato principalmente da trappole associate con
contaminazioni
e
difetticristallini
nella regione di svuotamento emettitore-base. Queste trappole catturano e rilascianoportatori in modo casuale e le costanti di tempo associate con il processo danno origine ad unsegnale di rumore la cui energia è concentrata alle basse frequenze. Il rumore flicker è sempreconnesso con un
flusso di corrente
e presenta una densità spettrale della forma:
( )
ba I 
 I S
=
1
(1.3) 
 
3Capitolo 1Rumore nei circuiti integrati
dove:
 I 
è una corrente continua
1
è una costante caratteristica di un particolare dispositivo
a
è una costante compresa nell’intervallo 0.5 – 2
b
è una costante di valore circa unitarioE’ evidente che il rumore flicker è importante soprattutto alle basse frequenze, sebbene inalcuni dispositivi esso può essere dominante fino a frequenze nel campo dei MHz.La costante
1
non solo varia di ordini di grandezza da un dispositivo all’altro, ma può anchevariare notevolmente per diversi dispositivi derivanti dalla stessa fetta di silicio, con gli stessiprocessi di fabbricazione. Questo è dovuto alla dipendenza dalla contaminazione e da imperfezionicristalline che sono fattori che variano casualmente persino entro la stessa fetta di silicio.
1.2.3 Rumore “burst”
 
É questo un altro tipo di rumore a bassa frequenza che si riscontra in alcuni circuiti integrati etransistori discreti. Le cause di questo tipo di rumore non sono completamente note, sebbene siastato dimostrato che esso è connesso con la presenza di contaminazione da
ioni di
 
metalli pesanti
.Il rumore “burst” è così chiamato perché mostra “esplosioni” di rumore in corrispondenza di uncerto numero (due o più) di livelli discreti, intorno a frequenze dell’ordine dei kilohertz. La densitàspettrale di rumore è del tipo:
( )
22
1
cc I 
 f  f  I S
+=
 (1.4) dove:
 I 
è una corrente continua
2
è una costante caratteristica di un particolare dispositivo
c
è una costante compresa nell’intervallo 0.5 – 2
 f 
c
è una particolare costante caratteristica di un determinato processo di rumoreI processi di rumore burst spesso si verificano con diverse costanti di tempo e quindi condiversi valori di
 f 
c
, inoltre, come nel rumore flicker, il fattore
2
 
varia considerevolmente e deveessere determinato sperimentalmente.
1.2.3 Rumore per effetto valanga
 
Questa è una forma di rumore prodotta da
scarica Zener
o
valanga
in una giunzione
pn
. Nellascarica a valanga, lacune ed elettroni, nella regione di svuotamento di una giunzione
pn
polarizzatainversamente, acquistano sufficiente energia per creare coppie lacuna-elettrone nelle collisioni conatomi di silicio. Questo processo è cumulativo e il suo risultato è la produzione di una serie casualedi grandi impulsi di rumore. Il rumore è sempre associato al flusso di una
corrente continua
ed èmolto più grande del rumore granulare della stessa corrente, dato dalla (1.1). Questo è dovuto alfatto che ogni singolo portatore può far partire un processo a valanga che ha come effetto laproduzione di un impulso di corrente che contiene molti portatori che si muovono assieme.

Activity (14)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 thousand reads
espos86 liked this
antonio2055 liked this
ma4agsw1 liked this
dar1989 liked this
Angelo Marino liked this
Carlo Leonardi liked this
sudottori liked this
enzosilvia liked this

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->