Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
6Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Quaderni Di Vita Bioregionale n. 10

Quaderni Di Vita Bioregionale n. 10

Ratings: (0)|Views: 986 |Likes:
Published by Renato

More info:

Published by: Renato on Jan 09, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as DOC, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

03/16/2013

pdf

text

original

 
3
 
Quattro poesie dedicate alla Madre
di Paolo D’Arpini
 Madre, tu sei femmina ed io son maschioCome mai quel seme d´amoreChe tu hai posto nel mio cuoreSta germogliando?Mi hai reso fecondoEd io ho perso la mascolinità.. ..... Madre, volevo tradirtiEd ho cercato un´altraMa ovunque guardassi tu eri lì.Chiunque avvicinassi tu eri quella.Com´è intensa la tua seduzioneche non posso più trovare chi tu non sia! ......... Madre, mi dicono infedelePoiché ti amo in tutte le tue forme.Come potrebbe essere altrimenti?Ti vedo e ti riconosco, sorniona,dietro ogni sorriso tentatore.Eppure tu non sei quelle forme,tu sei quella che sta dietro le forme,ed io ti amo... e ti adoro... .............. Madre, cosa posseggo ioChe possa chiamare mio?Il mio corpo sei tu.La mia mente sei tu.La mia anima sei tu.Perché dunque ti prendi gioco di meIlludendomi che siamo separati?4
 
EROTISMO COMPASSIONE CREATO
ottobre 2009 – di Etain Addey
 Donne che furono rivoltatedieci volte dal parto sulle isole solitarie lavate dal vento guidano il cerchio di danzatori obonattraverso una notte di plenilunio d’agostola ragazza più piccola per ultima; Donne che sono sveglie dall’altra nottata per pulire e squamare i pesci volanticantano dell’amoreancora e ancoracantano dell’amore
Snyder,
Love
, Suwa-no-se IslandQuando arrivai qui nella valle trovai nel casale piùvicino a casa mia una donna, Lucia, che allora avevaquasi ottant’anni. Aveva fatto sempre la vita dellamezzadra, ma era la persona più padrona del mondoche abbia mai conosciuto.Era padrona del mondo nel senso più interiore della parola, nel senso che ne avrebbe dato il filosofo araboal-Kindi, che parlava dell
unitas reggitiva,
il principio unificante che permette alla volontàdell’individuo di modificare l’esistente quanto più lavolontà è innervata dai moti dell’animo e daidesideri. Lucia strofinava il fianco caldo della vaccaChianina che usciva dalla stalla con la stessasensualità palpabile con cui mi accarezzava la panciaarrotondata dalla prima gravidanza. La vedevoversare litri di latte nel calderone per fare ilformaggio, come se quel latte fosse la
soma
deiVedici, lavorare la pasta per la
crescia
come se ognichicco di grano le fosse familiare, come se potessesfamare ogni creatura del mondo con quello cheusciva dalle sue mani. Nonostante l’età, aveva nellasua persona un ardore conturbante. Aveva fattoundici figli, “tutti
boni”,
ma dava a me l’impressionedi fare ancora, nel suo quotidiano, l’amore con ognicosa.Al-Kindi affermava che ogni sostanza, celeste osublunare, emette raggi in ogni direzione, di modoche, in virtù di queste radiazioni e della loro propagazione, non sarebbe avventato sostenere cheogni cosa sia in ogni altra, e che ogni parte del cosmosia legato
empaticamente
a tutte le altre. Quellamezzadra che mungeva, che mieteva, che partoriva,che faceva partorire, che macinava e tritava, cheraccoglieva e seminava, che uccideva, che cuoceva econservava, che lavava il morto, che accarezzava eincoraggiava, era nella condizione ideale pe penetrare, no, per 
incarnare
l’erotismo del mondo.“La conoscenza integra ed esauriente di una pur minima cosa rivela, come dentro uno specchio,l’universale essenza del cosmo”: Lucia nella sua posizione sociale apparentemente umile, con il suomaneggiare il poco o niente di questo mondo,sembrava maestosamente piena di quella essenzacosmica. Naturalmente si può seminare e raccogliere le pianteo allevare gli animali come se queste attività fosserosolo un lavoro, se manca il rispetto per queste entità,se non vengono accolti come esseri con un interioritàloro. La poetessa Mary Oliver parla di “
 Alcunedomande che potresti fare”: L’anima è solida, come il ferro?O è tenera e frangibile comele ali della falena nel becco del gufo?Chi ce l’ha e chi non ce l’ha?Continuo a guardarmi attorno. Il muso dell’alce è tristequanto quello di Gesù. Il cigno apre le sue ali bianche lentamente. Nell’autunno l’orso nero porta le foglienell’oscurità.Una domanda porta ad un’altra. Ha una forma? Come un iceberg?Come l’occhio del colibrì? Ha un solo polmone, come il serpente e il pettine? Perché lo dovrei avere io e non il formichiereche ama i suoi figli?
5

Activity (6)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 thousand reads
xxxrainbowxxx liked this
Renato liked this

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->