Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
6Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Etere Todeschiniano

Etere Todeschiniano

Ratings: (0)|Views: 1,071 |Likes:
Published by D.Domenico
L'Etere secondo Marco Todeschini
L'Etere secondo Marco Todeschini

More info:

Categories:Types, Research, Science
Published by: D.Domenico on Feb 03, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

06/20/2013

pdf

text

original

 
 
LLLLLLLLAAAAAAAACCCCCCCCOOOOOOOONNNNNNNNCCCCCCCCEEEEEEEEZZZZZZZZIIIIIIIIOOOOOOOONNNNNNNNEEEEEEEEDDDDDDDDEEEEEEEELLLLLLLLLLLLLLLLEEEEEEEETTTTTTTTEEEEEEEERRRRRRRREEEEEEEE DDDDDDDDIIIIIIII MMMMMMMMAAAAAAAARRRRRRRRCCCCCCCCOOOOOOOOTTTTTTTTOOOOOOOODDDDDDDDEEEEEEEESSSSSSSSCCCCCCCCHHHHHHHHIIIIIIIINNNNNNNNIIIIIIII 
(
sintesi divulgativa
)
Fiorenzo Zampieri
 
Pagina
2
di
12
 
LA CONCEZIONE DELL’ETERE DI MARCO TODESCHINILA CONCEZIONE DELL’ETERE DI MARCO TODESCHINILA CONCEZIONE DELL’ETERE DI MARCO TODESCHINILA CONCEZIONE DELL’ETERE DI MARCO TODESCHINI
(
sintesi divulgativa
)
PREMESSAPREMESSAPREMESSAPREMESSAMarco Todeschini rappresenta lo scienziato fisico-matematico tipo degli anni ‘20 -‘30 del secolo scorso, formatosi sui testi scientifici degli ultimi anni del 1800 eprimi del 1900 nei quali l’Etere, quale ente universale, era considerato essere ilmezzo necessario ed indispensabile, come l’aria per il suono, per la trasmissionedelle onde elettromagnetiche che in quegli anni si cominciavano a studiare per scoprirne le leggi.Tanto è vero che se andiamo a consultare una vecchia Enciclopedia, ad esempiola Pomba, dell’anno 1926, addirittura sotto il lemma “Etere cosmico” si scrive:
mezzo straordinario, tenue ed elastico che pervade tutto lo spazio e si rende veicolo delle azioni a distanza, le quali non si potrebbero altrimenti giustificare. La prima idea dell’etere cosmico fu lanciata da Cartesio; sostenuta ed applicata nella teoria ondulatoria della luce da Huyghens, prese salde basi nel campo delle scienze fisiche per opera di Joung, Fresnel, Faraday, ecc. La densità dell’etere e la sua elasticità variano penetrando nei corpi, qualunque sia il loro stato di aggregazione.
E similmente nell’Enciclopedia Motta, primi anni ’50 del secolo scorso, si scriveancora:
sostanza imponderabile e tenuissima che costituisce il mezzo di propagazione delle vibrazioni che caratterizzano i fenomeni luminosi e della quale dovrebbe essere pregno tutto l’Universo. Questo secondo le teorie di Cartesio e Fresnel, abbandonate poi definitivamente da Maxwell che le sostituì con quelle dell’etere elettromagnetico. Hertz e Lorentz stabilirono in modo assoluto la funzione nei fenomeni elettro-dinamici ed ottici dell’etere elettromagnetico.
Nel mezzo, in ordine temporale, è venuta la Teoria della Relatività di Einstein che,con l’appoggio dei famosi esperimenti di Michelson e Morley intesi a dimostrarel’esistenza dell’etere, ma che ebbero esito apparentemente negativo, dichiaral’inutilità e quindi la non esistenza del fluido cosmico ai fini delle dimostrazioniscientifiche dei fenomeni fisici. E’ noto a tutti che con l’accoglimento entusiasta di
 
Pagina
3
di
12
 
gran parte del mondo accademico delle teorie einsteniane, l’ipotesi dell’esistenzadell’etere cosmico è stata abbandonata.Ma se analizziamo in maniera profonda sia la storia della filosofia che la storiadella ricerca scientifica ci appare una realtà profondamente diversa.E questo è quanto ha fatto Todeschini all’inizio dei sui studi.LO SPAZIO E’ VUOTO O PIENO?LO SPAZIO E’ VUOTO O PIENO?LO SPAZIO E’ VUOTO O PIENO?LO SPAZIO E’ VUOTO O PIENO?Leggendo Todeschini si evince che questa domanda ha le sue radici inquest’altra: il movimento dei corpi si provoca con l’urto o premendoli con altricorpi, oppure applicando loro delle forze? La risposta sembra apparentementesemplice perché è evidente che un corpo si può muovere urtandolo con un altro opremendolo con una corrente liquida o aeriforme. Però è noto a tutti che vi sonoanche dei corpi che sembrano muoversi senza essere urtati o spinti da alcunmezzo solido o fluido, come un pezzo di ferro attratto dalla calamita o un corpoche cade a terra o un satellite che si muove attorno al suo pianeta o il pianeta cherivoluisce attorno al sole o l’elettrone che rivoluisce attorno al nucleo dell’atomo,ecc..E’ certo che per spiegare questi fenomeni o si deve ammettere che unaparticolare forma di materia invisibile ai nostri sensi ed agli strumenti d’indaginescientifica investa questi corpi urtandoli, oppure che essi siano mossi damisteriose forze emanate da corpi distanti fra di loro.Da ciò risulta che per la spiegazione di uno stesso fenomeno dovremmoammettere due cause diverse. Ma questo non è accettabile. Bisogna quindichiarire quale delle due sia la vera causa del moto della materia.Mentre siamo certi, sotto tutti i punti di vista per l’evidenza dei fatti, che ilmovimento dei corpi materiali possa essere provocato dall’urto reciproco deglistessi, non siamo altrettanto certi invece che tale movimento possa essereprovocato dalle cosiddette forze ( gravità, magnetica, nucleari, ecc.) che inmaniera invisibile sia ai sensi che agli strumenti agiscono sui corpi stessi.Vediamo quindi, con un esempio di facile comprensione, di analizzare, con leparole del Todeschini stesso, la questione.Supponiamo di avere una sfera di massa
in movimento rettilineo che urtandouna seconda sfera immobile di massa
, subisca nell’urto una decelerazione
imprimendo alla seconda sfera una accelerazione
, come nel gioco delbiliardo. Immaginiamo, per semplicità di calcolo, che nell’urto non vi sia alcuna

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->