Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Delibera n.21 Del 13 Luglio 2009

Delibera n.21 Del 13 Luglio 2009

Ratings: (0)|Views: 477|Likes:
Published by rionero24ore

More info:

Published by: rionero24ore on Feb 08, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

02/08/2010

pdf

text

original

 
COMUNE DI RIONERO SANNITICOProvincia di Isernia
 
ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 
Numero 21 Del 13-07-2009
L'anno duemilanove il giorno tredici del mese di luglio alle ore 21:00,presso questa Sede Municipale, convocata nei modi di legge, si è riunito ilConsiglio Comunale convocato, a norma di legge, in sessione Straord.urgenzain Prima convocazione in seduta Pubblica.Dei Signori Consiglieri assegnati a questo Comune e in carica:
 
CARMOSINO FERDINANDO P FERRITTO DANIELA PD'AMICO NICOLINO P DI FRANCO CINZIA PMAMMANA ORESTE P MINICHIELLO TONINO PIACOBUCCI GIACOMO P ROSSI ARNALDO AFRATE PARIDE A DI GERONIMO LUCA PDI VINCENZO DEBORAH P COPPOLA TOMMASO PDI FRANCO PATRIZIO P
ne risultano presenti n. 11 e assenti n. 2.Assume la presidenza il Signor CARMOSINO FERDINANDO in qualità diSINDACO assistito dal Segretario Avv.Franca Crimaldi.Il Presidente, accertato il numero legale, dichiara aperta la seduta
Soggetta a controllo N Immediatamente eseguibile S
Oggetto
: ART.69 C.4 D.LGS.267/2000 s.m.i.:ACCERTAMENTO INVIA DEFINITIVA DELLA POSIZIONE DEL CONSIGLIEREROSSI ARNALDO
 
 
DELIBERA DI CONSIGLIO n. 21 del 13-07-2009 - Pag. 2 - COMUNE DI RIONERO SANNITICO
IL SINDACO
 
dichiarata la validità della seduta, per essere presenti n. 11 consiglieri su 13, apre ilavori consiliari.
-
 
Il consigliere Minichiello,
chiesta la parola al Sindaco
,
evidenzia che l’appellorelativo al consigliere Rossi non andava fatto alla luce del fatto che con ladelibera n.15 non si è proceduto alla convalida del consigliere Rossi;-
 
Il Sindaco
ribadisce che Rossi Arnaldo è Consigliere Comunale, dal giorno 8giugno 2009, già dalla proclamazione del Presidente di Seggio e con ladeliberazione n.15/09 è stato avviato, nei confronti del Consigliere Rossi, ilprocedimento previsto dall’art.69 del T.U. n.267/2000 ;-
 
Il consigliere D’Amico Nicolino:
 
Evidenzi
a che, se l’appello del Consigliere Rossi questa sera non poteva esserefatto, perché lo stesso non è stato ancora convalidato allora neanche l’appello di tuttii consiglieri nella seduta di insediamento del 25 giugno poteva essere fatto visto chei consiglieri non erano stati ancora convalidati.
Ritiene
che la minoranza faccia un po’ di confusione in merito al concetto diconvalida che deve essere inteso come accertamento della insussistenza delle causedi ineleggibilità ed incompatibilità. L’investitura di consigliere, invece, conferita almomento della proclamazione degli eletti, può venir meno solo con la dichiarazionedi decadenza.
 Ribadisce
che, se si legge con attenzione l’atto deliberativo n.15 , in esso si è fattoesplicito riferimento alla necessità di verificare se sussistevano nei confronti deiConsiglieri eletti le condizioni di eleggibilità e incompatibilità, espressamentesancite dalla legge e, accertata la sussistenza di una causa di incompatibilità neiconfronti del consigliere Rossi Arnaldo, il Consiglio ha provveduto a contestarla,avviando il procedimento previsto dall’art.69 del T.U. 267/2000.-
 
Il consigliere Coppola
eccepisce la illegittimità degli atti adottati dalConsiglio per la mancata convalida del consigliere Rossi Arnaldo e da lettura diuna dichiarazione che deposita agli atti, (Allegato “A”);-
 
Il consigliere D’Amico Nicolino
ribadisce che nelle premesse dell’attoconsiliare n.15/2009 e in modo particolare all’ultimo punto che precede ildeliberato, si precisa che la convalida degli eletti è riferita alla verifica dellasussistenza delle eventuali cause di ineleggibilità e incompatibilità deiconsiglieri comunali atteso che l’atto di che trattasi non poteva riferirsi ad altraquestione;-
 
Il consigliere Minichiello
replica che bisognava fermarsi alla verifica dellecondizioni di ineleggibilità e non a quelle di incompatibilità;-
 
Il consigliere Coppola
ritiene che le cause di incompatibilità andavanocontestate successivamente;
Il Sindaco
dichiara di procedere ad illustrare al Consiglio la proposta deliberativaiscritta all’o.d.g.;
Il Cons. Minichiello
dichiara che la minoranza abbandona l’aula per le motivazioniespresse nella nota depositata (all.”A”) e chiede che gli atti consiliari venganotrasmessi al Prefetto.
 
 
DELIBERA DI CONSIGLIO n. 21 del 13-07-2009 - Pag. 3 - COMUNE DI RIONERO SANNITICO
Viene accertata la presenza di n. 8 Consiglieri su 13 , i lavori consiliariproseguono.Il Cons. D’Amico Nicolino
, chiesta la parola al Sindaco, evidenzia la necessità che ilConsiglio prenda atto dell’atteggiamento ostruzionistico della minoranza direttoesclusivamente ad impedire la normale attività dell’Amministrazione comunale, tenutaall’adozione di atti di estrema importanza quali l’approvazione del bilancio diprevisione che la precedente Amministrazione Comunale non ha provveduto adadottare, Amministrazione di cui facevano parte anche alcuni consiglieri dell’attualeminoranza, quali l’ex vice sindaco Minichiello. Questo atteggiamento ostruzionisticorafforzato dalla circostanza della presenza in aula del consigliere Rossi Arnaldo, il qualeha deciso di sedere tra il pubblico e non di onorare questa assise della sua presenzalascia effettivamente pensare che la minoranza consiliare ha assunto questoatteggiamento sperando nell’intervento del Prefetto per lo scioglimento del Consiglioper la mancata approvazione del Bilancio di previsione;
Il Sindaco
comunica al Consiglio, che il Cons. Rossi Arnaldo, il giorno 7-7-09,l’ultimo giorno utile dei 10 giorni assegnasti dal Consiglio, ha presentato al protocollouna nota nella quale non accenna minimamente ai problemi evidenziati dallaminoranza questa sera ma ha solamente evidenziato vizi procedurali in merito allaimmediata esecutività della delibera n.15/09.
 A questo punto il Sindaco illustra l’argomento iscritto all’o.d.g. ed espone quanto segue:
 
“ Il Consiglio Comunale con deliberazione n.15 del 25 giugno 2009 ha provveduto:
 
a contestare al consigliere Arnaldo Rossi la causa di incompatibilità ai sensidell’art.63 c.1 punto 6;
 
ad assegnare al consigliere Rossi Arnaldo il termine di giorni 10 dalla notificadell’ atto, per la presentazione di osservazioni in merito alla non sussistenzadella causa di incompatibilità, oppure per l’eliminazione della stessa;
 
a dare atto che il deliberato adottato era immediatamente eseguibile, in quantoesecutivo ope legis e sarebbe stato notificato all’interessato contestualmente allapubblicazione all’albo e al deposito dello stesso presso l’ufficio di SegreteriaComunale.
PERTANTO
, in ossequio a quanto deciso dal Consiglio Comunale, l’atto consiliaren.15/09, è stato notificato al Consigliere Arnaldo Rossi contestualmente all’affissioneall’albo pretorio, in quanto lo stesso non aveva partecipato ai lavori consiliari.
DEVO
comunicare al Consiglio che allo scadere del decimo giorno, il consigliere Rossiha presentato al protocollo una nota assunta immediatamente al protocollo, aln.3226/7.7.09, con la quale ha evidenziato questioni procedurali, ma non sostanziali inmerito alla sua posizione debitoria;
RICORDO
al Consiglio che le questioni procedurali, evidenziate dal consigliere Rossi,ad avviso dello scrivente, sono insussistenti, in quanto l’atto di verifica delle condizionidi eleggibilità ed incompatibilità dei Consiglieri comunali, dal combinato disposto degliartt. 38,41,46 e 50 del T.U. n.267/2000 s.m.i., come confermato da pronunce delConsiglio di Stato, è esecutivo ope legis;

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->