Welcome to Scribd. Sign in or start your free trial to enjoy unlimited e-books, audiobooks & documents.Find out more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword or section
Like this
7Activity
P. 1
Le comunicazioni elettroniche nel Codice della privacy: sicurezza, riservatezza e spamming

Le comunicazioni elettroniche nel Codice della privacy: sicurezza, riservatezza e spamming

Ratings:

4.33

(1)
|Views: 378|Likes:
Published by Giuseppe Briganti
Premessa una breve analisi della direttiva 2002/58/CE, il testo si sofferma, in un primo momento, sulle disposizioni generali valide per tutti i trattamenti di dati personali dettate dalla parte I del Codice della privacy, per poi approfondire le specifiche disposizioni di attuazione della direttiva sulle comunicazioni elettroniche contenute nella parte II del Codice. Particolare attenzione è riservata alla disciplina delle comunicazioni commerciali, con speciale riferimento al fenomeno dello spamming, in rapporto al regime di opt-in introdotto oggi in via generale dall’art. 130 del Codice. Considerati i diversi profili di contatto, vengono esaminate altresì le disposizioni di attuazione della direttiva europea sul commercio elettronico contenute nel D.L.vo 70/2003. Un ultimo capitolo, infine, illustra brevemente le forme di tutela disponibili per l’interessato nonché l’apparato sanzionatorio predisposto dal Codice della privacy.



L’autore è avvocato del Foro di Urbino. Ha pubblicato diversi scritti inerenti il Diritto delle nuove tecnologie informatiche e di Internet ed è ideatore e curatore di www.iusreporter.it, sito dedicato alla ricerca giuridica sul Web.
Premessa una breve analisi della direttiva 2002/58/CE, il testo si sofferma, in un primo momento, sulle disposizioni generali valide per tutti i trattamenti di dati personali dettate dalla parte I del Codice della privacy, per poi approfondire le specifiche disposizioni di attuazione della direttiva sulle comunicazioni elettroniche contenute nella parte II del Codice. Particolare attenzione è riservata alla disciplina delle comunicazioni commerciali, con speciale riferimento al fenomeno dello spamming, in rapporto al regime di opt-in introdotto oggi in via generale dall’art. 130 del Codice. Considerati i diversi profili di contatto, vengono esaminate altresì le disposizioni di attuazione della direttiva europea sul commercio elettronico contenute nel D.L.vo 70/2003. Un ultimo capitolo, infine, illustra brevemente le forme di tutela disponibili per l’interessato nonché l’apparato sanzionatorio predisposto dal Codice della privacy.



L’autore è avvocato del Foro di Urbino. Ha pubblicato diversi scritti inerenti il Diritto delle nuove tecnologie informatiche e di Internet ed è ideatore e curatore di www.iusreporter.it, sito dedicato alla ricerca giuridica sul Web.

More info:

Published by: Giuseppe Briganti on Sep 10, 2007
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

02/03/2013

pdf

text

original

 
www.iusreporter.it
 
- 1 -
 © 2004 Giuseppe Briganti (avv.briganti@iusreporter.it)testo senza carattere di ufficialità
LE COMUNICAZIONI ELETTRONICHENEL CODICE DELLA PRIVACY: SICUREZZA,RISERVATEZZA E SPAMMING
 La disciplina di attuazione della direttiva 2002/58/CE
 
 Avv. Giuseppe Briganti
avv.briganti@iusreporter.it

 Premessa una breve analisi della direttiva 2002/58/CE, il testo si sofferma, in unprimo momento, sulle disposizioni generali valide per tutti i trattamenti di datipersonali dettate dalla parte I del Codice della privacy, per poi approfondire lespecifiche disposizioni di attuazione della direttiva sulle comunicazionielettroniche contenute nella parte II del Codice. Particolare attenzione è riservataalla disciplina delle comunicazioni commerciali, con speciale riferimento alfenomeno dello spamming, in rapporto al regime di opt-in introdotto oggi in viagenerale dall’art. 130 del Codice. Considerati i diversi profili di contatto, vengonoesaminate altresì le disposizioni di attuazione della direttiva europea sulcommercio elettronico contenute nel D.L.vo 70/2003. Un ultimo capitolo, infine,illustra brevemente le forme di tutela disponibili per l’interessato nonchél’apparato sanzionatorio predisposto dal Codice della privacy.
 L’autore è avvocato del Foro di Urbino. Ha pubblicato diversi scritti inerenti il Diritto delle nuove tecnologie informatiche e di Internet ed è ideatore e curatorediwww.iusreporter.it 
 
 , sito dedicato alla ricerca giuridica sul Web.
 
 
www.iusreporter.it
 
- 2 -
 © 2004 Giuseppe Briganti (avv.briganti@iusreporter.it)testo senza carattere di ufficialità
INDICE
Introduzione 
 pag. 4
I.La direttiva europea sulle comunicazioni elettroniche (direttiva2002/58/CE) 
1. Premessa – 2. Campo di applicazione della direttiva 2002/58/CE e definizioni –3. Sicurezza – 4. Riservatezza delle comunicazioni –
4.1.
Spyware
 ,
web bugs
e
cookies – 5. Dati relativi al traffico – 6. Dati relativi all’ubicazione diversi dai datirelativi al traffico – 7. Fatturazione dettagliata, identificazione della lineachiamante, trasferimento automatico della chiamata, elenchi di abbonati
 pag. 6 
II.Il Codice della privacy 
1. Premessa – 2. Definizioni – 3. Principi generali. Oggetto e ambito diapplicazione – 4. Diritti dell’interessato – 5. Regole generali per il trattamento deidati – 6.
Segue:
regole ulteriori per i soggetti pubblici – 7.
Segue:
il consensodell’interessato – 8.
Segue:
Comunicazione e diffusione dei dati – 9.
Segue:
datisensibili e semisensibili – 10. Soggetti che effettuano il trattamento – 11.Sicurezza dei dati e dei sistemi –
11.1. Misure minime per i trattamenti effettuaticon strumenti elettronici
11.2. Misure minime per i trattamenti effettuati senzal’ausilio di strumenti elettronici
– 12. Adempimenti – 13. Trasferimento dei datiall’estero
 pag. 40
III.La disciplina di attuazione della direttiva 2002/58/CE sulle comunicazionielettroniche 
1. Premessa. Ambito di applicazione e definizioni – 2. Sicurezza – 3. Riservatezzadelle comunicazioni – 4. Dati relativi al traffico – 5. Fatturazione dettagliata – 6.Identificazione della linea – 7. Dati relativi all’ubicazione – 8. Chiamate didisturbo e di emergenza – 9. Trasferimento automatico della chiamata – 10.Elenchi di abbonati – 11. Comunicazioni indesiderate e spamming –
11.1. Lecomunicazioni indesiderate (
unsolicited communications
) nella direttiva2002/58/CE 
11.2. La disciplina contenuta nel D.L.vo 171/1998 di attuazionedella direttiva 97/66/CE 
11.3. L’art. 13 della direttiva 2002/58/CE 
11.4. L’art.130 del Codice della privacy
11.5. Codice di deontologia e di buona condotta per il marketing diretto
11.6. Altre norme rilevanti in materia di spamming
12.
Segue:
il provvedimento generale sullo spamming del Garante per laprotezione dei dati personali – 13.
Segue:
le regole della Netiquette, l’attività dellaNaming Authority; iniziative e responsabilità dei provider – 14. Informazioni adabbonati e utenti – 15. Conservazione di dati di traffico per altre finalità – 16.Internet e reti telematiche – 17. Videosorveglianza
 
www.iusreporter.it
 
- 3 -
 © 2004 Giuseppe Briganti (avv.briganti@iusreporter.it)testo senza carattere di ufficialità
 pag. 110
IV.Il D.L.vo 70/2003 di attuazione della direttiva europea sul commercioelettronico 
1. Premessa – 2. Obiettivi e campo di applicazione del D.L.vo 70/2003 – 3.Definizioni – 4. Mercato interno – 5. Regime di stabilimento e di informazione –6. Comunicazioni commerciali e spamming – 7. Informazioni dirette allaconclusione del contratto e inoltro dell’ordine – 8. Responsabilità dei prestatoriintermediari (provider) –
8.1. Responsabilità nell’attività di semplice trasporto
 (mere conduit) –
8.2. Responsabilità nell’attività di memorizzazione temporanea
 (caching) –
8.3. Responsabilità nell’attività di memorizzazione di informazioni
 (hosting) –
8.4. Assenza dell’obbligo generale di sorveglianza
– 9. Codici dicondotta, composizione delle controversie e cooperazione – 10. Sanzioni
 pag. 180
V.Tutela dell’interessato e sanzioni 
1. Premessa – 2. Tutela dell’interessato –
2.1. Forme di tutela dinanzi al Garante
 
2.2.Tutela giurisdizionale
– 3. Sanzioni –
3.1.Violazioni amministrative
3.2. Illeciti penali
– 4. È sanzionabile la spedizione di una prima e-mail di richiesta diconsenso per il successivo invio di comunicazioni commerciali?
 pag. 242

Activity (7)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 thousand reads
eleumas liked this
Luca Anzillotti liked this
Luca Anzillotti liked this

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->