Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
59Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Gianni Golfera - L'arte della memoria 2° salvataggio

Gianni Golfera - L'arte della memoria 2° salvataggio

Ratings: (0)|Views: 4,794|Likes:
Published by kentrwos

More info:

Published by: kentrwos on Mar 10, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as DOC, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

05/12/2014

pdf

text

original

 
Gianni Golfera,L'arte della memoriaTrattato di Giordano Bruno,De umbris idearum"rivisto dal noto esperto Gianni GolferaLa scienza della memoriaa cura del dott. Fabio FerrucciAnima Edizioni. Milano, 2005. ©Gianni Gotten, 2005.I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totaleo parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche), sono riservatiper tutti i paesi. Per i diritti di utilizzo contattare l'editore.Direzione editoriale: Gian Marco Bragin.Redazione: Martella Alliori. Editing: Sabrina Delfino. Grafica: Francesca Vegni.Impaginazione: Jonathan Falcone.ANIMA s.r.l.Via Volturno, 46 - 20124 Milanotel. 02 6686221 fax 02 6888080e-mail: info@animaedizioni.itwww.animaedizioni.itStampato nel mese di novembre 2005 dalla tipografia Selecta Via Quintilliano, 2/4 20138MilanoISBN 88-89137-40-1Euro 24,90Scansionato da Giacomo.In questo libro troverete le tecniche, le chiavi di interpretazione ed i segreti di GiordanoBruno.Come egli scrisse oltre 500 anni fa, la memoria è una scienza. Chi pensa di avere pocamemoria troverà in questo libro la risoluzione di molti problemi e chi pensa di averne moltadovrà ricredersi... infatti l'educazione della memoria, e non l'allenamento, vi permetterà diottenere risultati straordinari.Per rendersi conto dell'importanza della memoria basti pensare che l'intelligenza è statadefinita come "la capacità di correlazione ed apprendimento" in altri termini la memoria ela base della nostra intelligenza e questo libro vi insegna a migliorarla con un inestimabilevantaggio nella vostra vita privata e nella vostra professione.Con l'acquisto di questo libro sarete invitati ad un meeting' gratuitocon Gianni Golfera, contattando il responsabile organizzativo Gigotecal tel. 0585/634497, inviando una e-mail ad info.italia@gigotec.comoppure consultante il sito www.gigotec.comPotenzia la tua memoria per ottenere un'inestimabile vantaggionella tua professione.Gianni Golfera è un professionista nell'insegnamento della scienza della memoria.Insegna come assicurarsi una qualità di vita superiore migliorando la propria memoriaattraverso unmetodo semplice e rapido, che permette una maggiore attività cerebrale e neurologica.Gianni Golfera è considerato dalla comunità scientifica internazionale "L'uomo con più
 
memoria al mondo", conosce alla lettera 261 libri, ricorda in serie 10000 cifre al primoascolto e riesce a memorizzare i nomi di 1000 persone al primo incontro. La "Scienzadella Memoria" di Golfera ha avuto un'ulteriore dimostrazione scientifica sul numero 63 delprestigioso "Brain Reserch Bulletin" , dove sono stati pubblicati i risultati degli studieseguiti su Gianni Golfera, presso l'istituto Vita e Salute del San Raffaele di Milano. Lericerche non solo confermano l'abilità del mnemonista nell'uso cosciente del cervello edella memoria, ma gli scienziati non sono stati in grado di stabilire i limiti delle suecapacità!Tra i suoi clienti figurano Deputati della Camera, Poste Italiane, il Gruppo Enel, numeroseUniversità e la radio del Sole 24 Ore.Dedico questo libroalla memoria del mio caroamico Stefano Carmagnola.Presentazionedi Guido del Giudice.È l'alba. Una carrozza con le insegne papali attende sul sagrato della Chiesa di SanDomenico Maggiore a Napoli. Un frate, piccolo ma solenne nella candida tonacadell'ordine domenicano, esce dal cancello laterale del convento e vi sale, abbandonandosiancora assonnato sul sedile di velluto. Quel frate è Giordano Bruno da Noia. Papa Pio V,cui è giunta voce della straordinaria abilità del giovane rappresentante della grandetradizione domenicana nella memoria artificiale, vuole vederlo all'opera.A Roma Bruno reciterà a memoria, in ebraico, il salmo Fundamenta, dalla prima parolaall'ultima e viceversa. Sarà la prima di numerose esibizioni che nel corso della sua vitaconcederà a papi, imperatori, autorità accademiche ed ecclesiastiche, con l'orgoglioirridente del genio incompreso.Ma la Chiesa non tarderà a scoprire che la prodigiosa memoria di quell'uomo è solo lamanifestazione esteriore di una straordinaria capacità di intuizione, di una inarrestabilebrama di sapere e comunicare, e dovrà fare i conti con il suo pensiero corrosivo e ribellefino alla spavalderia.Curatore del sito internet www.giordanobruno.info, ha dedicato a Giordano Bruno duesuggestivi saggi: WWW.Giordano Bruno (2001) e il recente La coincidenza degli opposti(2005).Bruno è un grande sensitivo: immerso nell'Universo, è convinto di poter abbattere ladivisione tra umano e divino. VArs memoriae rappresenta per lui un mezzo per andareoltre l'umanità, alla ricerca del vero e dell'inesprimibile, per stabilire vincoli, per arrivare alleintuizioni universali partendo dalla natura delle cose.Quelle immagini che ognuno di noi può formarsi autonomamente, una volta vivificate dalleemozioni, ci connettono automaticamente con la sfera delle idee di cui siamo ombra,umbra profonda, ma a cui fatalmente, come una fiamma, tendiamo e da cui dipendiamo inun ciclico alternarsi di ascenso e descenso, dove gli spiriti pervengono allacontemplazione del divino principio e le anime si incarnano, mutando e assumendo ilcontrollo della materia e delle forme. Astri, numeri, figure, rinviano tutti alle forzeelementari della natura, operanti in una materia che ha la stessa dignità dello spirito.Bruno avverte tutto ciò e cerca di esprimerlo utilizzando con disinvoltura tutte le arti, glistrumenti che il suo tempo riesce ad offrirgli: la magia naturale, l'astrologia, la matematicae, appunto, l'arte della memoria. Egli non si accontenta però degli artifici lulliani o degli altrimnemonisti precedenti, ma elabora, sperimenta, trasforma. L'uso delle immagini assumeper lui un significato che va al di là della semplice correlazione mnemonica e, a partire
 
dalle cosiddette "opere mnemotecniche", esso si evolverà e accompagnerà tutto il suopensiero successivo. Dalle allegorie dello Spaccio agli emblemi dei Furori, fino ai concetti-statue della impressionante Lampas triginta statuarum, l'associazione parola-immagine sitrasforma da semplice tecnica di memoria a meccanismo di pensiero, che consente dielaborare e confrontare i concetti per giungere a nuove verità.Lo capirà, purtroppo, anche Giovanni Mocenigo, il patrizio veneziano che lo attirerà nellatrappola mortale, consegnandolo all'Inquisizione. Con il pretesto di voler imparare Yarsmemoriae, egli mirava in realtà ad impadronirsi, pervertendone scopi e significati, deisegreti del vincolo e della magia naturale.Presentazione.Gianni Golfera è salito in carrozza, idealmente, quella mattina egli ha preso posto di frontea Giordano. In quel viaggio da Napoli a Roma ha appreso dal Maestro i segreti dellamemoria.Oggi, a più di quattro secoli di distanza, concede, come Bruno, saggi delle sue doti noncomuni, destando, come allora, ammirazione e sconcerto e diffonde, attualizzandola, latecnica della memoria per immagini. Una volta associata alla lettera, al numero, allaparola, l'immagine acquista una forza sua propria, talismanica: da semplice artificiomnemonico si carica di contenuti emozionali. È questa la grande intuizione che GianniGolfera deve a Bruno e in questo libro ci spiega come la lettura del De umbris idearum gliabbia fornito gli elementi fondamentali per l'elaborazione di un personale metodo dimemoria (battezzato Gigotec dalle sue iniziali), che egli diffonde quotidianamente,attraverso corsi di insegnamento e dalle pagine del sito www.gigotec.com. Forte dellapadronanza tecnica della materia, egli ci propone una rivisitazione dinamica del Deumbris, in cui coniuga la divorante curiosità dello sperimentatore all'ammirazione devotaper il Maestro. Si tratta di un esempio eclatante di rivitalizzazione di un testo attraverso lasua applicazione pratica. L'effetto che ne sortisce è quello di una illuminazione dei passipiù esoterici e apparentemente incomprensibili del testo bru-niano e la suggestione deivasti orizzonti applicativi dei suoi insegnamenti. Il libro, partendo dall'analisi delle fonti,ripercorre il cammino compiuto dal Nolano e chiarisce le tecniche da lui utilizzate esviluppate, dimostrando come l'arte della memoria non sia uno strumento obsoleto, ma unsistema ancora attuale e fecondo di applicazioni, cui le sorprendenti capacità di Golfera,restituiscono quell'utilità pratica che il tempo gli aveva sottratto. Il suo commento presentaun fascino particolare proprio perche' si avverte l'entusiasmo di chi quello strumento loutilizza quotidianamente e vuole saggiarne e svilupparne le potenzialità.L'arte della memoria.come il computer, sembrerebbero rendere superflua questa tecnica, se essa non celassequalcosa di ben più importante e sostanziale. Si scopre il velo di un'arte che va molto al dilà della semplice abilità mnemonica, arrivando a stabilire contatti e vincoli con la natura econ l'assoluto.In appendice al libro viene proposta la traduzione dell'Ars memoriae (che costituisce laseconda parte, quella "pratica", del De umbris), realizzata da Fabio Ferrucci, in sintoniacon le intuizioni di Golfera e colpevolmente rimasta nel cassetto fino ad oggi. QuandoGianni me la sottopose, cinque anni fa, mi si rivelò subito superiore alle altre alloradisponibili, che risultavano, in molti punti, del tutto incomprensibili e oscure, perché non neera stata capita l'applicazione pratica. Siamo certamente disposti a sorvolarebenevolmente su qualche audacia interpretativa, in cambio della soddisfazione di poter eseguire operativamente le istruzioni che Bruno impartì ad Enrico III di Valois, cui il testoera dedicato. Soltanto recentemente Nicoletta Tirinnanzi ha realizzato per l'edizione delleOpere mnemotecniche, diretta da Michele Ciliberto, una nuova traduzione, in cui al rigore

Activity (59)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 thousand reads
targiuseppe liked this
zaprem liked this
cristalix111 liked this
juberyan liked this
Silvia Scandura liked this
Francesco Citino liked this
mimme7 liked this

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->