Welcome to Scribd. Sign in or start your free trial to enjoy unlimited e-books, audiobooks & documents.Find out more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Forgiare Un Nuovo Ordine Mondiale Sotto Un Governo Mondiale

Forgiare Un Nuovo Ordine Mondiale Sotto Un Governo Mondiale

Ratings: (0)|Views: 17|Likes:
Published by nwodoc
Traduzione di: Forging a “New World Order” Under a One World Government
Global Power and Global Government: Part 4
by Andrew Gavin Marshall
Traduzione di: Forging a “New World Order” Under a One World Government
Global Power and Global Government: Part 4
by Andrew Gavin Marshall

More info:

Published by: nwodoc on Mar 15, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

03/15/2010

pdf

text

original

 
 
Global Power e Global Government: Parte 4Andrew Gavin Marshall13 agosto 2009Fonte originale:Forging a “New World Order” Under a One World GovernmentTraduzione ad opera di
Questo articolo è la parte 4 della serie "Global Power e Global Government",pubblicata da Global Research.Part 1: Global Power and Global Government: Evolution and Revolution of theCentral Banking SystemPart 2: Origins of the American Empire: Revolution, World Wars and World OrderPart 3: Controlling the Global Economy: Bilderberg, the Trilateral Commission andthe Federal Reserve
La globalizzazione e il nuovo ordine mondiale
Gli anni '90 hanno visto l'emergere di quello che è stato chiamato il Nuovo OrdineMondiale. Questo è un termine che era emerso nei primi anni 90 per descrivere unmondo più unipolare, che affrontava il crollo dell'Unione Sovietica e il ritrovato ruolodegli Stati Uniti come la potenza unica e incontrastata a livello mondiale. Il NuovoOrdine Mondiale doveva rappresentare una nuova fase dell'economia mondiale in cuil'autorità politica mondiale riposava in un posto, e nel tempo, e quel posto dovevaessere negli Stati Uniti.Quest'epoca ha visto la continua espansione e la formazione di blocchi regionali, conla formazione dell'Unione europea, la firma del North American Free TradeAgreement (NAFTA) e la creazione del WTO. L'Organizzazione mondiale delcommercio è stata fondata ufficialmente nel 1995, come successore degli accordigenerali sulle tariffe doganali e sul commercio (GATT),
i quali erano stati costituiti
nel 1944 alla Conferenza di Bretton-Woods. L'OMC gestisce l'ordine commercialeliberale internazionale.
 
Il primo direttore generale dell'Organizzazione mondiale del commercio è stato PeterD. Sutherland, che era in precedenza il direttore generale del GATT, l'ex procuratoregenerale d'Irlanda, ed è attualmente presidente di British Petroleum e Goldman SachsInternational, oltre ad essere rappresentante speciale del Segretario generale delleNazioni Unite per le migrazioni. Egli è anche un membro del consiglio diamministrazione della Royal Bank of Scotland Group, del Consiglio di fondazionedel World Economic Forum, ambasciatore di buona volontà delle Nazioni Unite perlo sviluppo industriale, è un membro del Gruppo Bilderberg, è presidente europeodella Commissione Trilaterale, ed è stato premiato con la Medaglia Robert Schumanper il suo lavoro per l'integrazione europea e col David Rockefeller Award dellaCommissione Trilaterale. [1] È evidente che l'OMC è un organo delle élite bancarieoccidentali utilizzato come strumento di espansione e di istituzionalizzare del lorocontrollo sul commercio mondiale.
Il superstato europeo
Nel 1992 è stato firmato il trattato di Maastricht, e questo ha ufficialmente datoorigine all'Unione europea nel 1993. Nel 1994 è stata costituito l'Istituto monetarioeuropeo (IME), con la Banca centrale europea (BCE) che è nata nel 1998; la monetaunica europea, l'Euro, ha debuttato nel 1999. Nel 2004, la Costituzione europeadoveva essere firmata da tutti i 25 Stati membri della UE; questa era un trattato cheavrebbe adottato una Costituzione per l'intera Unione europea.La Costituzione è stata un passo verso la creazione di un superstato europeo, creandoun ministero degli esteri UE, e con esso, una coordinata politica estera, con la presain consegna da parte della UE della sede della Gran Bretagna al Consiglio diSicurezza dell'ONU, in rappresentanza di tutti gli Stati membri dell'Unione europea,forzando così le nazioni "attivamente e senza riserve" a seguire una politica esteradell'Unione europea; ha fissato il quadro per creare una politica di difesa dell'Unioneeuropea, come un'appendice dalla NATO o distinta da essa; la creazione di un sistemadi giustizia europea, con la definizione da parte dell'Unione europea di "normeminime per la definizione di reati e offese" e la creazione di una comune politica diasilo e immigrazione; sarebbe anche stato consegnato all'Europa il potere di"garantire il coordinamento delle politiche economiche e dell'occupazione"; le leggidell'UE si sostituirebbero a tutte le leggi degli Stati membri, rendendo così gli statimembri mere semplici province all'interno di un sistema centralizzato di governofederale [2].Václav Klaus, Presidente della Repubblica ceca, aveva dichiarato che temeva ilconcetto di una più forte e più centralizzata Unione europea, e come "gli sviluppinell'UE sono molto pericolosi per quanto riguarda la fuoriuscita da una società liberae un movimento verso un sempre maggiore controllo e regolazione", e che, "Noi[Repubblica Ceca] abbiamo trascorso mezzo secolo sotto gli occhi comunisti. Siamopiù sensibili di alcuni europei occidentali. Sentiamo le cose, vediamo le cose,
 
tocchiamo le cose che non ci piacciono. Per noi, l'Unione europea ci ricorda ilComecon [l'organizzazione di Mosca per il controllo economico del bloccosovietico]." Egli ha inteso dire che la somiglianza con il Comecon non èideologicamente fondata, ma è nella sua struttura, "Le decisioni non vengono presenel proprio paese. Per noi che abbiamo vissuto l'epoca comunista, questo è unproblema."[3]La Costituzione è stata scritta in gran parte da Valéry Giscard d'Estaing, ex presidentedella Repubblica francese nel 1974-1981. A Giscard d'Estaing capita anche di essereun membro del gruppo Bilderberg, della Commissione Trilaterale, ed è anche un caroamico di Henry Kissinger, essendo stato co-autore di diversi lavori con lui. Nel 2005,gli elettori francesi e olandesi hanno risposto al referendum nei loro paesi, e hannorespinto la Costituzione europea, che richiedeva l'unanimità totale, al fine di passare.Nel 2007 è stato intrapreso un altro passo per introdurre quello è stato chiamato ilTrattato di Lisbona, che deve essere approvato da tutti gli stati membri. Giscardd'Estaing scrisse un articolo per l'Independent, in cui affermava che "La differenza tral'originale Costituzione e il presente Trattato di Lisbona è di approccio, piuttosto chedi contenuti." Egli ha descritto il processo di creazione del trattato di Lisbona: "Sonostati gli esperti giuridici del Consiglio europeo, che sono stati incaricati di redigere ilnuovo testo. Essi non hanno fatto alcun nuovo suggerimento. Hanno preso il progettodi costituzione originaria, lo hanno schiuso in elementi separati, e poi hanno attaccatoloro, uno per uno, dei trattati esistenti. Il trattato di Lisbona è dunque un catalogo diemendamenti. Esso è impenetrabile per il pubblico." La differenza principale è che laparola "costituzione " è stata rimossa e bandita dal testo [4].Il Telegraph ha riferito che se nel Trattato cade la parola "costituzione", è rimasto lostesso concetto di "dotare l'Unione europea di simboli di una potenza globale ed iltaglio della sovranità nazionale." Esso conteneva i piani per creare un presidentedell'Unione europea, che "servirà per due anni e mezzo, ma a differenza di capi distato democratici lui o lei sarà scelto dai leader europei e non da parte degli elettori" e"si farà carico dei principali negoziati internazionali con capi di governo nazionali."Nella Costituzione il "ministro degli Esteri "diventa "l'Alto Rappresentante," coluiche "svolgerà un servizio diplomatico potente dell'UE e sarà ancora più importantedei ministri degli Esteri nazionali sia sulla scena mondiale che su quella europea."Essa si propone di creare un "Ministero dell'Interno", che "centralizzerà i dati delleimpronte digitali e del DNA" e "farà la legislazione comunitaria su nuovi poteri dipolizia e di vigilanza." La possibilità per le nazioni dell'UE di utilizzare veti finirà, eil trattato "comprende una clausola per collegare permanentemente una "personalitàgiuridica" e un ascendente UE sui tribunali nazionali."[5]Un paese in Europa ha scritto nella sua Costituzione che richiede un referendum suitrattati, e questo paese è l'Irlanda. Nel giugno del 2008, gli irlandesi sono andati avotare sul trattato di Lisbona, dopo che per settimane e mesi erano stati assillati daparte di politici e burocrati dell'UE che spiegavano che gli irlandesi "dovevano" dare

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->