Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
23Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
SHI TRO parte IV - Il bardo del momento della morte - II° parte

SHI TRO parte IV - Il bardo del momento della morte - II° parte

Ratings: (0)|Views: 368|Likes:
Published by lobeito
SHI TRO
commentario al testo di Karma Lingpa
"Il profondo Dharma dell'autoliberazione tramite la mente dei pacifici e degli irati"
Parte IV° Il bardo del momento della morte (II)

Ven. Khenchen Palden Sherab Rinpoche Khenpo Tsewang Dongyal Rinpoche
Trad. Thupten Nyima

Bianco, rosso e nero A questo punto, il morente ha cessato di comunicare con il mondo esterno. Egli non vede più forme, non sente più suoni, non apprezza più odori e sapori, non percepisce più nulla. Non esiste più la consapevole
SHI TRO
commentario al testo di Karma Lingpa
"Il profondo Dharma dell'autoliberazione tramite la mente dei pacifici e degli irati"
Parte IV° Il bardo del momento della morte (II)

Ven. Khenchen Palden Sherab Rinpoche Khenpo Tsewang Dongyal Rinpoche
Trad. Thupten Nyima

Bianco, rosso e nero A questo punto, il morente ha cessato di comunicare con il mondo esterno. Egli non vede più forme, non sente più suoni, non apprezza più odori e sapori, non percepisce più nulla. Non esiste più la consapevole

More info:

Published by: lobeito on Apr 05, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as DOCX, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

05/12/2014

pdf

text

original

 
SHI TRO
commentario al testo di
Karma Lingpa
³Il profondo Dharma dell¶autoliberazionetramite la mente dei pacifici e degli irati´ 
Parte IV°Il bardo del momento della morte (II)
Ven. Khenchen Palden Sherab RinpocheKhenpo Tsewang Dongyal Rinpoche
Trad. Thupten Nyima
Bianco, rosso e nero
A
questo punto, il morente ha cessato di comunicare con il mondoesterno. Egli non vede più forme, non sente più suoni, nonapprezza più odori e sapori, non percepisce più nulla. Non esistepiù la consapevolezza degli oggetti dei sensi.La respirazione è cessata, ma persiste un vento sottile comerespirazione interna, cosicchè la coscienza è ancora associata alcorpo. Occasionalmente qualcuno torna indietro da questo punto,perché fintanto che la respirazione interna residua, c¶è una piccolapossibilità di tornare alla vita. Questo è il momento in cui l¶elementobianco e l¶elemento rosso iniziano a vibrare per disintegrarsi.L¶esperienza interiore di questa fase è associata a tre visioni: unabianca, una rossa e una nera.L¶elemento bianco e l¶elemento rosso che abbiamo ricevuto dainostri genitori sotto forma di sperma e ovulo sono gli elementi dibase del corpo. L¶essenza bianca, che abbiamo ricevuto da nostro
 
padre, pervade il corpo, ma risiede principalmente nel chakra dellacorona. L¶essenza rossa, che abbiamo ricevuto da nostra madre, èanch¶essa presente in tutto il corpo, ma è concentrata in un puntoall¶interno dell¶addome, quattro dita trasverse al di sotto del chakradell¶ombelico. Il disordine interessa per primo l¶elemento bianco.In forma di sillaba H
AM
capovolta, l¶elemento bianco inizia ascendere in basso lungo il canale centrale, dal chakra della coronaverso il centro del cuore. In questa fase, il morente fa esperienza diuna fulgida luce lunare bianco-argentea, che brilla dappertutto. Perun breve istante, tutto diventa bianco come quando un fulminecolpisce. Questa è la quinta esperienza della chiara luce della realtàed è chiamata
ngo bo
, la visione della luminosità.H
AM
è la sillaba seme o mantrica tibetana che ha il potere diprovocare uno shock al sistema. Quando un¶energia si manifestaattraverso il chakra coronale pronunciamo suoni come H
A
e HO,perché la bianca H
AM
che là risiede è stimolata al movimento.
A
ppena il chakra della corona inizia a vibrare, l¶elemento biancoinizia a gocciolare giù attraverso il canale centrale verso il centrodel cuore.Pochi secondi, o forse un minuto dopo la discesa dell¶elementobianco, i venti discendenti iniziano a scuotere e a dislocarel¶elemento rosso dalla sua sede, quattro dita sotto il chakradell¶ombelico. Sotto forma di una sillaba
A
H rossa, l¶essenza solarematerna inizia a salire verso il cuore. Il morente fa in questomomento esperienza di una visione rosso cremisi, il colore dellefiamme o del rosso profondo del cielo che precede l¶alba. Questa èla sesta apparizione della chiara luce della vera natura, chiamata
skyes pa
, l¶eruzione o visione del fuoco che brucia.Quando l¶elemento bianco paterno inizia a gocciolare dalla coronaverso il cuore, tutta la rabbia viene dissolta. Quando il rossoemerge da sotto l¶ombelico e si unisce al cuore, cessal¶attaccamento. Quindi le 33 emozioni associata alla rabbia e le 40emozioni legate all¶attaccamento cessano.
A
desso è il momento della terza visione, chiamata
to pa
, la visionedel completamento. Quando l¶elemento bianco e l¶elemento rosso siuniscono nel cuore, la coscienza viene intrappolata fra loro.
A
 questo punto i due elementi si dissolvono e il morente fa esperienza
 
di una visione nera, come il cielo della luna nuova. Questa oscuritàè la settima visione della luminosità primordiale.Contemporaneamente, le 7 emozioni associate all¶ignoranzavengono completamente arrestate e le 8 emozioni grossolanevengono inattivate. Pochi secondi dopo la visione nera, il morenteentra in una condizione simile all¶incoscienza. Egli non ha piùesperienze o visioni, è come se fosse svenuto. Questo non accadesolo agli esseri umani, ma anche agli animali. La mente diventacompletamente vuota per un breve istante, mentre la coscienza sistabilizza nella chiara luce. La maggior parte degli esseri rimane inquesto spazio per pochi secondi o minuti, ma non di più.
M
olto presto, si manifesta un¶altra visione chiamata ³visione delrecupero´. Si tratta semplicemente della coscienza che comincia ariaffiorare. Gli otto venti sottili che fanno naturalmente parte dellamente iniziano a muoversi, e raggi della saggezza primordiale sidiffondono svegliando la coscienza. Si arriva finalmente allo statoassoluto della vera natura, al di là della concettualità, liberi da ognicomplessità ed emozione, svegli nella nuda brillantezza della puraconsapevolezza. In questo momento se ne può fare esperienza, nonoscurata dal dualismo soggetto-oggetto. Chiara e brillante al di là diogni descrizione, questa è una esperienza incondizionata dellarealtà assoluta della vera natura.
A
ttraverso la pratica, alcune esperienze della vera natura possonomanifestarsi già in vita, ma a causa della dissoluzione dei differentielementi essa è chiaramente rivelata in questa fase, libera da ognibarriera fisica, mentale o emozionale. Se si pratica regolarmente invita, il riconoscimento della vera natura in questo momento saràlibero da errori, esitazioni e dubbi. Si può quindi unire la propriaconsapevolezza con la vera natura, senza paura e senza sforzo,come un bambino che va ad accucciarsi nel grembo materno. Se siè capaci di questo, si ottiene l¶illuminazione nel bardo del momentodella morte.Nei tantra dello Dzogchen ci sono insegnamenti molto sottili edestesi a questo riguardo. Il maestro Jigme Lingpa descrive la chiaraluce come una vastità immacolata, trasparente come il cielod¶autunno privo di polvere, nuvole e vento. Non c¶è più alcunanozione di un sé separato o di un mondo esterno. Tutto èperfettamente unificato nella naturale singolarità della

Activity (23)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 thousand reads
lukacs liked this
Guillem Català liked this
ionel26 liked this
pipponexx liked this
maragia liked this
mislunga liked this
mislunga liked this
aivanhov liked this

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->