Welcome to Scribd. Sign in or start your free trial to enjoy unlimited e-books, audiobooks & documents.Find out more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword or section
Like this
14Activity
P. 1
Linee Guida per l'Edilizia Sostenibile in Toscana 2006

Linee Guida per l'Edilizia Sostenibile in Toscana 2006

Ratings: (0)|Views: 975|Likes:
Published by John Galanti
Le “Linee guida per la valutazione della qualità energetica ed ambientale degli edifici in Toscana", sono il primo importante risultato raggiunto dal governo regionale toscano sul terreno della Edilizia Sostenibile. Le linee guida definiscono un sistema di valutazione utile a descrivere il livello di ecoefficienza di una abitazione nonché i criteri relativi ai materiali e alle opere da privilegiare per un’edilizia sostenibile.

Le linee guida affrontano la complessità dell’intervento edilizio descrivendo la qualità di alcune fondamentali componenti come l’assenza di sostanze inquinanti, l’illuminazione naturale, l’isolamento acustico, il riutilizzo delle acque piovane, il tipo di materiali usati per la costruzione, i consumi energetici.

Articolate in 38 schede di valutazione e imperniate su un sistema di calcolo che consente di esprimere un “voto” – in realtà un indice ponderato – per ogni progetto od intervento preso in esame, queste linee guida rappresentano il primo strumento oggettivo di valutazione messo a disposizione delle amministrazioni pubbliche per verificare la sostenibilità ambientale dell’edilizia residenziale.

La loro adozione da parte degli Enti Locali toscani può consentire l’attribuzione degli incentivi previsti dalla Legge regionale 1/2005 e più in generale un complessivo orientamento del mercato edilizio verso la introduzione di elementi di qualità nelle nuove costruzioni realizzate sul territorio regionale.

Le “Linee Guida” non devono però essere considerate sostitutive della capacità di progettazione dei tecnici, la loro funzione si limita alla definizione di un metodo standard di valutazione della qualità che il progetto esaminato deve possedere in riferimento alle caratteristiche di sostenibilità dell’intervento.

Le Linee Guida sono applicabili solo alla edilizia residenziale e si basano su un sistema di valutazione semplificato che assume i seguenti requisiti indispensabili per la realizzazione di interventi ecosostenibili.

1. INTORNO AMBIENTALE
2. QUALITÀ DELL’ARIA ESTERNA
3. CAMPI ELETTROMAGNETICI
4. ESPOSIZIONE ACUSTICA
5. QUALITÀ DEL SUOLO
6. QUALITÀ DELLE ACQUE
7. CONSUMI ENERGETICI
8. ENERGIA ELETTRICA
9. CONSUMO ACQUA POTABILE
10. USO DI MATERIALI DI RECUPERO
11. USO DI MATERIALI RICICLABILI
12. UTILIZZO DI STRUTTURE ESISTENTI
13. CONTENIMENTO DEI REFLUI
14. COMFORT VISIVO
15. COMFORT ACUSTICO
16. COMFORT TERMICO
17. QUALITÀ DELL’ARIA
18. CAMPI ELETTROMAGNETICI INTERNI
19. QUALITÀ DEL SERVIZIO
20. QUALITÀ DELLA GESTIONE
21. TRASPORTI
Le “Linee guida per la valutazione della qualità energetica ed ambientale degli edifici in Toscana", sono il primo importante risultato raggiunto dal governo regionale toscano sul terreno della Edilizia Sostenibile. Le linee guida definiscono un sistema di valutazione utile a descrivere il livello di ecoefficienza di una abitazione nonché i criteri relativi ai materiali e alle opere da privilegiare per un’edilizia sostenibile.

Le linee guida affrontano la complessità dell’intervento edilizio descrivendo la qualità di alcune fondamentali componenti come l’assenza di sostanze inquinanti, l’illuminazione naturale, l’isolamento acustico, il riutilizzo delle acque piovane, il tipo di materiali usati per la costruzione, i consumi energetici.

Articolate in 38 schede di valutazione e imperniate su un sistema di calcolo che consente di esprimere un “voto” – in realtà un indice ponderato – per ogni progetto od intervento preso in esame, queste linee guida rappresentano il primo strumento oggettivo di valutazione messo a disposizione delle amministrazioni pubbliche per verificare la sostenibilità ambientale dell’edilizia residenziale.

La loro adozione da parte degli Enti Locali toscani può consentire l’attribuzione degli incentivi previsti dalla Legge regionale 1/2005 e più in generale un complessivo orientamento del mercato edilizio verso la introduzione di elementi di qualità nelle nuove costruzioni realizzate sul territorio regionale.

Le “Linee Guida” non devono però essere considerate sostitutive della capacità di progettazione dei tecnici, la loro funzione si limita alla definizione di un metodo standard di valutazione della qualità che il progetto esaminato deve possedere in riferimento alle caratteristiche di sostenibilità dell’intervento.

Le Linee Guida sono applicabili solo alla edilizia residenziale e si basano su un sistema di valutazione semplificato che assume i seguenti requisiti indispensabili per la realizzazione di interventi ecosostenibili.

1. INTORNO AMBIENTALE
2. QUALITÀ DELL’ARIA ESTERNA
3. CAMPI ELETTROMAGNETICI
4. ESPOSIZIONE ACUSTICA
5. QUALITÀ DEL SUOLO
6. QUALITÀ DELLE ACQUE
7. CONSUMI ENERGETICI
8. ENERGIA ELETTRICA
9. CONSUMO ACQUA POTABILE
10. USO DI MATERIALI DI RECUPERO
11. USO DI MATERIALI RICICLABILI
12. UTILIZZO DI STRUTTURE ESISTENTI
13. CONTENIMENTO DEI REFLUI
14. COMFORT VISIVO
15. COMFORT ACUSTICO
16. COMFORT TERMICO
17. QUALITÀ DELL’ARIA
18. CAMPI ELETTROMAGNETICI INTERNI
19. QUALITÀ DEL SERVIZIO
20. QUALITÀ DELLA GESTIONE
21. TRASPORTI

More info:

Published by: John Galanti on Apr 11, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

02/23/2013

pdf

text

original

 
Linee guidaper l’edilizia sostenibilein Toscana
 
Area 1 - Qualità ambientale esterna
Approfondimento
97 
SCHEDERif.
1.1 - Comfort visivo-percettivo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
35 116 
1.2 - Integrazione con il contesto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
36 118 
1.3 - Inquinamento atmosferico locale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
37 120 
1.4 - Inquinamento elettromagnetico a bassa frequenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
39125 
1.5 - Inquinamento elettromagnetico ad alta frequenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
41128 
1.6 - Inquinamento acustico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
43133
1.7 - Inquinamento del suolo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
45 135 
1.8 - Inquinamento delle acque. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
47 140 
Area 2 - Risparmio di risorse
Approfondimento
148 
SCHEDERif.
2.1 - Isolamento termico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
48 157 
2.2 - Sistemi solari passivi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
50 159
2.3 - Produzione acqua calda. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
52 163
2.4 - Fonti non rinnovabili e rinnovabili. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
54167 
2.5 - Riduzione consumi idrici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
55 171
2.6 - Riutilizzo dei materiali edili. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
56 175 
2.7 - Riciclabilità dei materiali edili. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
57 178 
2.8 - Riutilizzo di strutture esistenti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
58 181
Area 3 - Carichi ambientali
Approfondimento
183
SCHEDERif.
3.1 - Gestione delle acque meteoriche. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
59184
3.2 - Recupero acque grigie. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
61189
3.3 - Permeabilità delle superfici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
62 193
Schede tecniche dei requisiti di valutazione ..................................................................................................
21
Indice delle schede
 
Area 4 - Qualità ambiente interno
Approfondimento
195 
SCHEDERif.
4.1- Illuminazione naturale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
63207 
4.2- Isolamento acustico di facciata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
67 209
4.3- Isolamento acustico delle partizioni interne. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
68 212 
4.4- Isolamento acustico da calpestio e da agenti atmosferici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
70 216 
4.5- Isolamento acustico dei sistemi tecnici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
71219
4.6-Inerzia termica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
72 221
4.7- Temperatura dell’aria e delle pareti interne. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
73223
4.8- Controllo dell’umidità su pareti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
75 225 
4.9- Controllo agenti inquinanti: fibre minerali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
76 227 
4.10- Controllo agenti inquinanti: VOC. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
78 229
4.11- Controllo agenti inquinanti: Radon. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
79234
4.12- Ricambi d’aria. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
80 237 
4.13- Campi a bassa frequenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
82 242 
Area 5 - Qualità del servizio
Approfondimento
246 
SCHEDERif.
5.1 - Manutenzione edilizia ed impiantistica, protezione dell’involucro esterno. . . . . . . . . . . . . . . .
84250 
Area 6 - Qualità della gestione
Approfondimento
246 
SCHEDERif.
6.1 - Disponibilità di documentazione tecnica dell’edificio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
85 252 
6.2 - Manuale d’uso per gli utenti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
86 253
6.3 - Programma delle manutenzioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
87 254
Area 7 - Trasporti
Approfondimento
256 
SCHEDERif.
7.1 - Integrazione con il trasporto pubblico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
88 258 
7.2 - Misure per favorire il trasporto alternativo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
89259
Elenco base dei materiali per l’edilizia sostenibile .......................................................................................
261

Activity (14)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 thousand reads
Franco Clementi liked this
agigi9565313 liked this
motatei liked this
g_pl liked this
frankbooks liked this
dottlayton liked this
Giovanni Antico liked this
rbarocco3710 liked this

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->