Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
38Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
l'impero di Carlo V e la diffusione della Riforma: riassunto

l'impero di Carlo V e la diffusione della Riforma: riassunto

Ratings: (0)|Views: 17,241|Likes:
Published by Gianfranco Marini
riassunto relativo all'impero di Carlo V e alle guerre da questi sostenute e alla diffusione della riforma in Europa (calvinismo anglicanesimo,)
riassunto relativo all'impero di Carlo V e alle guerre da questi sostenute e alla diffusione della riforma in Europa (calvinismo anglicanesimo,)

More info:

Published by: Gianfranco Marini on Apr 28, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

05/29/2013

pdf

text

original

 
L’impero di Carlo V
L’eredità
 
di
 
Carlo
 
d’AsburgoL’eredità
 
di
 
Carlo
 
d’Asburgo
 
Nonni
 
materni:
 
Ferdinando
 
d’Aragona
 
e
 
Isabella
 
di
 
Castiglia
 
ebbero
 
5
 
figli/e:
 
1.
 
1
 
figlio
 
maschio:
 
Giovanni
 
di
 
Castiglia,
 
che
 
morì
 
senza
 
lasciare
 
eredi.
 
2.
 
4
 
figlie
 
femmine:
 
La
 
corona
 
passerà
 
per
 
Giovanna
 
di
 
Castiglia.
 
Nonni
 
paterni:
 
Massimiliano
 
d’Asburgo
 
e
 
Maria
 
Bianca
 
di
 
Borgogna
 
ebbero
 
3
 
figli/e:
 
1.
 
2
 
Figli
 
maschi:
 
Filippo
 
d’Asburgo
 
era
 
il
 
primogenito.
 
2.
 
1
 
figlia
 
femmina:
 
Per
 
la
 
quale
 
non
 
poteva
 
passare
 
l’eredità.
 
Giovanna
 
di
 
Castiglia
 
e
 
Filippo
 
d’Asburgo
 
si
 
sposarono,
 
ed
 
il
 
loro
 
primo
 
figlio
 
fu:
 
Carlo.
 
Carlo
 
ereditò
 
quindi:
 
Da
 
parte
 
paterna:
 
Paesi
 
Bassi,
 
Lussemburgo
 
e
 
Franca
 
contea.
 
Da
 
parte
 
materna:
 
Corone
 
di
 
Spagna
 
con
 
relativi
 
possessi:
 
Sardegna,
 
Sicilia,
 
regno
 
di
 
Napoli
 
e
 
i
 
possedimenti
 
americani.
 
L’amministrazione
 
dei
 
regni
 
da
 
parte
 
di
 
CarloL’amministrazione
 
dei
 
regni
 
da
 
parte
 
di
 
Carlo
 
 
S
PAGNA
 
:
 
Carlo
 
nel
 
1517
 
compì
 
il
 
suo
 
primo
 
viaggio
 
in
 
Spagna,
 
ed
 
essendo
 
un
 
re
 
straniero
 
inquietava
 
gli
 
spagnoli.
 
Infatti
 
le
 
cortes
 
spagnole
 
diffidarono
 
dell’arrivo
 
di
 
Carlo,
 
pensando
 
venisse
 
per
 
fare
 
gli
 
interessi
 
di
 
Anversa
1
.
 
Nonostante
 
tutto,
 
Carlo
 
promise
 
tutto
 
ciò
 
che
 
gli
 
venne
 
richiesto:
 
che
 
in
 
Spagna
 
non
 
sarebbero
 
entrati
 
vescovi
 
stranieri;
 
che
 
le
 
lingue
 
spagnole
 
sarebbero
 
rimaste
 
ufficiali
 
di
 
corte;
 
che
 
nessuna
 
innovazione
 
sarebbe
 
stata
 
introdotta
 
in
 
fatto
 
di
 
imposte.
 
 
I
MPERO
 
G
ERMANICO
:
 
Alla
 
morte
 
di
 
Massimiliano,
 
egli
 
entrò
 
in
 
possesso
 
della
 
casa
 
d’Austria,
 
e
 
dovette
 
concorrere
 
per
 
essere
 
eletto
 
imperatore
 
dal
 
collegio
 
dei
 
7
 
principi.
 
Anche
 
in
 
Germania
 
egli
 
era
 
visto
 
come
 
straniero,
 
e,
 
visto
 
il
 
gran
 
potere
 
riunito
 
nelle
 
sue
 
mani,
 
si
 
temeva
 
potesse
 
regnare
 
con
 
metodi
 
assolutistici.
 
Concorrevano
 
con
 
lui
 
Federico
 
il
 
Savio
2
 
e
 
Francesco
 
I.
 
Ma
 
molto
 
importante
 
era
 
riuscire
 
a
 
persuadere
 
i
 
principi
 
elettori
 
con
 
offerte
 
in
 
denaro,
 
quindi
 
la
 
lotta
 
si
 
basava
 
sulla
 
loro
 
capacità
 
a
 
convincere
 
i
 
banchieri.
 
Per
 
una
 
serie
 
di
 
eventi,
 
Carlo
 
riuscì
 
ad
 
essere
 
eletto
 
imperatore
 
nel
 
1519,
 
prendendo
 
il
 
nome
 
di
 
Carlo
 
V.
 
 
I
NFINE
:
 
Carlo
 
V
 
possedeva
 
paesi
 
con
 
tradizioni
 
ed
 
interessi
 
diversi
 
e
 
divergenti,
 
e
 
quindi
 
vi
 
erano
 
grandi
 
difficoltà
 
ad
 
amministrarli.
 
Nel
 
1520
 
andò
 
a
 
ricevere
 
la
 
corona
 
imperiale.
 
Molte
 
città
 
castigliane
 
(ma
 
anche
 
aragonesi)
 
rappresentate
 
nelle
 
cortes
 
si
 
ribellarono
 
poiché
 
non
 
tolleravano
 
che
 
gli
 
interessi
 
spagnoli
 
venissero
 
subordinati
 
alla
 
politica
 
tedesca.
 
Le
 
rivolte
 
si
 
spensero
 
nel
 
1522
 
quando
 
Carlo
 
promise
 
di
 
rispettare
 
gli
 
interessi
 
spagnoli.
 
Il conflitto tra Spagna e Francia
La
 
guerra
 
contro
 
la
 
Francia:
 
lega
 
antiasburgica
 
e
 
sacco
 
di
 
RomaLa
 
guerra
 
contro
 
la
 
Francia:
 
lega
 
antiasburgica
 
e
 
sacco
 
di
 
Roma
 
Francesco
 
I
 
(re
 
di
 
Francia),
 
sentendosi
 
circondato
 
da
 
Carlo
 
V
 
(che
 
lo
 
aveva
 
sconfitto
 
all’elezione),
 
decise
 
di
 
riprendere
 
la
 
guerra
 
,
 
sul
 
territorio
 
italiano.
 
Dopo
 
una
 
prima
 
vittoria
 
su
 
Milano,
 
Francesco
 
subì
 
due
 
dure
 
sconfitte:
 
Bicocca
 
e
 
Pavia.
 
Francesco
 
venne
 
rinchiuso
 
a
 
Madrid,
 
dove
 
fu
 
lasciato
 
libero
 
solo
 
in
 
cambio
 
dei
 
possedimenti
 
di
 
Milano,
 
Napoli
 
e
 
Borgogna,
 
dopo
 
14
 
mesi.
 
Venne
 
a
 
crearsi,
 
con
 
il
 
secondo
 
papa
 
Medici,
 
la
 
lega
 
antiasburgica
 
(lega
 
di
 
Cognac)
 
che
 
riuniva:
 
Francesco
 
I,
 
il
 
papa,
 
Firenze,
 
Milano,
 
Genova,
 
Venezia.
 
Così
 
un
 
esercito
 
di
 
lanzichenecchi
3
 
attaccò
 
Roma,
 
sconfiggendo
 
la
 
lega,
 
e
 
saccheggiando
 
ciò
 
che
 
potevano:
 
il
 
papa
 
fu
 
costretto
 
a
 
rifugiasi
 
a
 
Castel
 
Sant’Angelo.
 
La
 
lega
 
si
 
era
 
disfatta,
 
in
 
seguito
 
al
 
saccheggio,
 
Genova
 
si
 
schierò
 
dalla
 
parte
 
di
 
Carlo
 
V,
 
e
 
Firenze
 
scacciò
 
i
 
Medici.
 
Nel
 
1526
 
a
 
Cambrai
 
vi
 
fu
 
una
 
nuova
 
pace
 
tra
 
Carlo,
 
Francesco:
 
dominio
 
asburgico
 
in
 
Italia.
 
Carlo,
 
per
 
rendere
 
onore
 
al
 
suo
 
titolo
 
d’imperatore,
 
si
 
fece
 
incoronare
 
direttamente
 
dal
 
papa.
 
Carlo
 
V
 
in
 
lotta
 
su
 
tre
 
frontiCarlo
 
V
 
in
 
lotta
 
su
 
tre
 
fronti
 
 
L
A
 
QUESTIONE
 
PROTESTANTE
 
:
 
Carlo
 
V
 
era
 
sempre
 
stato
 
contro
 
Lutero,
 
e,
 
pur
 
essendo
 
un
 
cattolico
 
convinto,
 
volle
 
evitare
 
che
 
la
 
Germania
 
venisse
 
spaccata
 
dalla
 
controversia
 
religiosa,
 
tentando
 
la
 
riconciliazione.
 
Infatti
 
il
 
sacco
 
di
 
Roma
 
era
 
un
 
chiaro
 
esempio
 
di
 
punizione
 
contro
 
la
 
Chiesa
 
corrotta,
 
ma
 
Carlo
 
non
 
poteva
 
fare
 
a
 
meno
 
dell’appoggio
 
del
 
papa
 
per
 
evitare
 
una
 
tragica
 
lotta
 
religiosa
 
in
 
Germania.
 
 
L
A
 
QUESTIONE
 
DEI
 
TURCHI
:
 
Il
 
progetto
 
di
 
restaurazione
 
dell’autorità
 
imperiale
 
sull’Europa
 
incontro
 
numerosi
 
ostacoli.
 
Un’altra
 
minaccia
 
fu
 
rappresentata
 
dai
 
Turchi:
 
alla
 
morte
 
del
 
re
 
Luigi
 
II,
 
Boemia
 
ed
 
Ungheria
 
passarono
 
a
 
Ferdinando,
 
ma
 
i
 
turchi
 
dilagavano
 
nella
 
regione
 
danubiana.
 
 
A
LLEANZA
 
TRA
 
F
RANCIA
 
E
 
PROTESTANTI
:
 
Carlo
 
V,
 
grazie
 
ad
 
un’alleanza
 
nella
 
Persia
 
la
 
quale
 
attaccò
 
da
 
est
 
i
 
turchi,
 
bloccò
 
la
 
loro
 
avanzata.
 
Francesi
 
e
 
protestanti
 
arrivarono
 
ad
 
allearsi
 
contro
 
Carlo.
 
Ma
 
i
 
possedimenti
 
di
 
Carlo
 
erano
 
lontani
 
dall’essere
 
un
 
complesso
 
unitario,
 
essendo
 
più
 
che
 
altro
 
un
 
mosaico
 
di
 
paesi
 
indipendenti.
 
Così
 
Carlo
 
cercò
 
di
 
attuare
 
diverse
 
politiche:
 
1)
 
Rinnovare
 
lo
 
spirito
 
di
 
crociata,
 
attaccando
 
i
 
turchi
 
nel
 
Mediterraneo;
 
2)
 
Difendere
 
gli
 
interessi
 
della
 
Spagna
 
in
 
Italia,
 
opponendosi
 
alle
 
rinnovate
 
pretese
 
da
 
parte
 
di
 
Francesco
 
I;
 
3)
 
Restaurare
 
il
 
potere
 
imperiale
 
in
 
Germania
 
e
 
in
 
tutta
 
Europa,
 
ponendosi
 
come
 
“fautore”
 
della
 
conciliazione
 
religiosa
 
tra
 
cattolici
 
e
 
protestanti.
 
La
 
ripresa
 
della
 
guerra
 
in
 
Italia
 
e
 
nel
 
MediterraneoLa
 
ripresa
 
della
 
guerra
 
in
 
Italia
 
e
 
nel
 
Mediterraneo
 
Francesco
 
I
 
andò
 
ad
 
occupare
 
Savoia
 
e
 
il
 
Piemonte
 
,
 
attraverso
 
cui
 
sarebbe
 
potuto
 
arrivare
 
facilmente
 
in
 
Italia.
 
Ma
 
la
 
guerra
 
che
 
ne
 
seguì
 
fu
 
interrotta
 
con
 
una
 
tregua
 
decennale
 
(Nizza
 
1538)
 
lasciando
 
i
 
francesi
 
in
 
Piemonte
 
e
 
gli
 
spagnoli
 
a
 
Milano,
 
con
 
un
 
nulla
 
di
 
fatto.
 
Nel
 
1542
 
cominciò
 
tra
 
Francesco
 
I
 
e
 
Carlo
 
V
 
una
 
nuova
 
guerra,
 
la
 
quarta,
 
conclusasi
 
(Crèpy
 
1544)
 
con
 
la
 
rinuncia
 
di
 
Francesco
 
I
 
di
 
ogni
 
diritto
 
su
 
Napoli
 
e
 
con
 
quella
 
di
 
Carlo
 
della
 
Borgogna.
 
Con
 
una
 
clausola
 
segreta
 
impedì
 
ogni
 
alleanza
 
da
 
Francesco
 
e
 
i
 
protestanti,
 
e
 
con
 
una
 
tregua
 
con
 
Solimano,
 
l’imperatore
 
era
 
alla
 
resa
 
dei
 
conti
 
con
 
i
 
protestanti,
 
dopo
 
ogni
 
tentativo
 
di
 
riconciliazione
 
fallito.
 
La
 
lega
 
di
 
Smalcalda
 
nel
 
1547
 
subì
 
una
 
dura
 
sconfitta,
 
ma
 
ciò
 
non
 
fece
 
che
 
spingere
 
i
 
principi
 
ad
 
aderire
 
alla
 
lega
 
protestante.
 
L’alleanza
 
del
 
1550
 
tra
 
protestanti
 
e
 
Francia
 
(Enrico
 
II
 
nuovo
 
re
 
dal
 
1574),
 
portarono
 
a
 
Carlo
 
a
 
spartire
 
l’impero,
 
poiché
 
si
 
rese
 
conto
 
che
 
non
 
era
 
possibile
 
combattere
 
simultaneamente
 
contro
 
due
 
nemici.
 
Quindi:
 
A
 
Filippo:
 
Spagna,
 
domini
 
americani,
 
i
 
Paesi
 
Bassi
 
e
 
i
 
domini
 
italiani.
 
A
 
Ferdinando:
 
Boemia,
 
Ungheria,
 
terre
 
asburgiche:
 
ottenne
 
la
 
corona
 
imperiale
 
nel
 
1556.
 
Si
 
crearono
 
così
 
due
 
rami
 
dinastici
 
della
 
famiglia
 
Asburgo:
 
Asburgo
 
di
 
Spagna
 
e
 
Asburgo
 
d’Austria.
 
Così
 
i
 
nemici
 
vennero
 
“divisi”.
 
1
 
Infatti
 
egli
 
arrivò
 
in
 
spagna
 
scortato
 
dai
 
mercanti
 
di
 
Anversa,
 
e
 
da
 
banchieri
 
tedeschi
 
e
 
italiani.
 
2
 
Protettore
 
di
 
Martin
 
Lutero.
 
3
 
Erano
 
i
 
fanti
 
mercenari
 
tedeschi.
 

Activity (38)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 thousand reads
Guido Sarno liked this
Erica Roberti added this note
grazie..mio figlio riuscirà a capirci qualcosa...
Ivana Marić liked this
sarmoung liked this
OrsettaS liked this
Ivana Marić liked this

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->