Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
81Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Tecnica delle Fondazioni - Parte 2 - Cedimenti

Tecnica delle Fondazioni - Parte 2 - Cedimenti

Ratings: (0)|Views: 10,489 |Likes:
Published by Nicola

More info:

Published by: Nicola on Jun 05, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

04/09/2013

pdf

text

original

 
2
Cedimenti delle fondazioni - Generalità
I cedimenti delle fondazioni devono essere valutati con grande cura per edifici, ponti, torri, centralielettriche e altre analoghe strutture di costo elevato, mentre possono essere stimati con più largo marginedi errore per strutture come terrapieni, dighe in terra, argini, paratie e muri di sostegno.I calcoli dei cedimenti del suolo sono soltanto, eccetto che per casuali fortuite coincidenze, la migliore“stima” delle deformazioni da attendersi quando i carichi verranno applicati.Durante la fase di cedimento il suolo subisce una transizione dallo stato di sforzo corrente (dovuto alleforze di volume, ovvero al peso proprio) a un nuovo stato, sotto il carico addizionale applicato.La variazione q
dello stato di sforzo dovuto a questo sovraccarico produce un’accumulazione, che èfunzione del tempo, di movimenti di rotolamento e scorrimento relativo fra i granuli, di rottura diparticelle e di deformazioni elastiche (in senso proprio) localizzate in una limitata zona di influenza al disotto dell’area caricata.L’accumulazione statistica di questi movimenti elementari nella direzione di interesse costituisce ilcedimento.In direzione verticale il cedimento sarà definitoH
.
 
3
Principali componenti di H
sono costituiti dall’effetto di rotolamento e scorrimento fra le particelle,che fa variare l’indice dei vuoti, e dalla rottura dei granuli che modifica la struttura del materiale.Solo una piccolissima frazione di H
proviene dalla deformazione elastica dei granuli del terreno.Come conseguenza, soltanto una minima parte del cedimento H
verrebbe recuperata se il caricoapplicato venisse rimosso.Anche seH
ha solamente una componente molto piccola di natura elastica, è conveniente trattare ilsuolo come un materiale pseudoelastico, caratterizzato da parametri “elastici”
s
E, G’,
µ
e
s
kper ilcalcolo dei cedimenti.Tale scelta dovrebbe apparire ragionevole in quanto è una variazione dello stato di sforzo a causare ilcedimento così come si osserva che all’aumentare di tale variazione cresce l’entità del cedimento.L’esperienza indica inoltre che questa metodologia fornisce soluzioni soddisfacenti.
 
4
Due sono i problemi maggiori che si presentano nelle analisi dei cedimenti del terreno:1.
 
Ottenere valori attendibili per i parametri “elastici”.I problemi di recupero di campioni “indisturbati” del suolo comportano che i valori misurati inlaboratorio risultino sovente in errore per il 50% e oltre. Vi è ora una tendenza più diffusa a utilizzareprove in situ, ma il principale svantaggio è che esse tendono a fornire valori validi in direzioneorizzontale. Poiché l’anisotropia è ricorrente i valori dei parametri validi in direzione verticale(solitamente richiesti) risultano spesso sostanzialmente diversi. A causa di questi problemi sonocomunemente impiegate delle correlazioni, in particolare per studi preliminari di progetto.2.
 
Ottenere un profilo degli sforzi prodotti dal carico applicato che risulti attendibile.Si presenta tanto il problema dei valori numerici che quello della effettiva profondità della zona diinfluenza. Le equazioni della teoria dell’elasticità vengono solitamente impiegate per il calcolo deglisforzi, prendendo come profondità H della zona di influenza al di sotto dell’area caricata valori chevanno da circa 2B fino a H
.I valori definiti da questi due problemi vengono poi usati nella forma di:dove
ε
è la deformazione pari a
s
qE
 q
è funzione sia di h che del carico e H è, come precedentemente notato, la profondità della zona diinfluenza.Non è raro che il rapporto fra il valore misurato diH
e quello calcolato vari fra meno di 0.5 e 2 e oltre,anche se i valori si collocano per lo più in un intervallo compreso fra 0.8 e 1.2.

Activity (81)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 thousand reads
Francesco Taleb liked this
minis73 liked this
Stefania Longo liked this
Alessio Ortu liked this
Paolo Fania liked this
Carlo Pisanu liked this
Irene De Maria liked this
Filippo Gatti liked this

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->