Welcome to Scribd. Sign in or start your free trial to enjoy unlimited e-books, audiobooks & documents.Find out more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
2Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
LAPs, Luoghi per Apprendere

LAPs, Luoghi per Apprendere

Ratings:

4.0

(1)
|Views: 125|Likes:
Published by Gianni Marconato
Una esperienza "audace" di formazione supporta dalle tecnologie realizzata ad inizio secolo :-) in un'area interna della Sardegna. Un prototipo di Learning Villeges
Una esperienza "audace" di formazione supporta dalle tecnologie realizzata ad inizio secolo :-) in un'area interna della Sardegna. Un prototipo di Learning Villeges

More info:

Published by: Gianni Marconato on Sep 29, 2007
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

06/16/2009

pdf

text

original

 
 1
Professionalità n. 71, settembre – ottobre 2002LAPs - Luoghi per Apprendere, un progetto audaceFormazione Flessibile, Aperta ed a Distanza a sostegno dello sviluppo di un'areainterna della Sardegnadi G. Marconato, consulente e I. Keymeulen, IRECOOP Sardegna
Sintesi
Nel periodo autunno 1998 primi - mesi 2001 in Marmilla, Sardegna sud-occidentale, si èsviluppato un intenso programma di formazione a sostegno dello sviluppo socio-economico dell'area
1
.Tra le molte azioni previste e realizzate, quella che fin dall'inizio si era presentata come lapiù "rischiosa" per la sua innovatività e che ha dato i migliori risultati, è il progetto LAPs,Learning Access Points adatto in italiano come "Luoghi per Apprendere"Il progetto che si era prefisso le ambiziose finalità di promuovere nella popolazionedell’area un atteggiamento favorevole ed un accesso diffuso alla formazione.Per conseguire queste finalità, era risultato chiaro fin dalla concezione del progetto chesarebbe stato necessario adottare concetti e metodologie non convenzionali.La scelta è caduta sul concetto di una formazione centrata sull’utente e che si adatta allesue esigenze; metodologicamente il Progetto ha fatto propri i metodi e gli strumenti dellaformazione aperta ed a distanza.Altra scelta che ha caratterizzato il progetto è la sua focalizzazione sulle tecnologiedell’informazione e della comunicazione per la loro pervasività e centralità in ogni attività“umana”.La caratteristica “visibile” del progetto è stata l'attivazione di “Punti di accessoall’Apprendimento” (in inglese
Learning Access Points, LAPs
) collocati presso una decinadi biblioteche comunali, dotati di tecnologie informatiche di ultima generazione presso iquali la popolazione ha potuto accedere, flessibilmente, ad opportunità di miglioramentodelle proprie conoscenze e competenze professionali.Questo progetto è illustrato più dettagliatamente di seguito.
Il contesto in cui si è sviluppato il Progetto
Il Progetto LAPs (Learning Access Points - punti di accesso all’apprendimento) è statopromosso dal Consorzio Turistico "Sa Corona Arrubia", (consorzio fra 21 Comuni dell'areadella Marmilla) ed è stato finanziato dalla Regione Sardegna nell’ambito di azioni ingrate("Piani Integrati d’Area") ed ha avuto come finalità lo sviluppo delle risorse umane delterritorio della Marmilla (provincia di Cagliari ai confini con quella di Oristano).
 
 2
Nell'ambito del programma di sviluppo dell'area, avviato da alcuni anni e che ha già vistonumerose realizzazione come opere pubbliche ed attività imprenditoriali, una funzionestrategica era stata assegnata alla formazione per la sua capacità di elevare lacompetenza della risorsa principale su cui la comunità locale può puntare: le persone,ritenute il solo e vero motore dello sviluppo.In questa logica, una quota consistente dei finanziamenti allocati è stata destinata allaformazione che ha, così, coinvolto tutte le fasce d'età della popolazione e tutti i settorieconomici indipendentemente dal loro titolo di studio e dallo status professionale.Il finanziamento pubblico destinato alla formazione a sostegno dello sviluppo sociale edeconomico dell’area è stato, fino ad ora, superiore ai 2,5 milioni di euro.
Descrizione del progetto LAPs
Tra le diverse attività formative realizzate in Marmilla, quella che è stata certamente lameno convenzionale, è il Progetto LAPs, che ha abbandonato il classico riferimentoall'aula, dove insegnanti ed allievi s'incontrano per insegnare ed apprendere, a favore diun modello di "scuola" aperta e vicina, anche fisicamente, agli utenti.I LAPs erano, infatti, dei centri didattici di formazione distribuiti sul territorio:
non è più il singolo che si reca nei grandi centri ma è la formazione che lo raggiunge vicino a casasua.
Filosofia dell’approccio “Rete dei LAPs”, Learning Access PointsLa formazione continua, il cui bisogno è crescente, è stata resa facilmente accessibile allecomunità locali attraverso una rete di centri didattici territoriali, i LAPs, Learning AccessPoints.Ogni LAP, per esprimere la massima efficienza ed efficacia, era collegatostrumentalmente e funzionalmente al Centro Comune di Risorse, collocato presso la sededella gestione del programma (l'Ente di formazione Irecoop Sardegna), che è stato il luogodove sono state collocate le risorse professionali, il know how ed alcune risorsetecnologiche e per l’apprendimento.Il sistema integrato Centro Comune di Risorse - rete dei LAPs ha consentito una capillarepresenza nel territorio di punti di accesso alla formazione (presenza in 10 comuni checontavano una popolazione tra i 165 abitanti ed i 3.500 ed il coinvolgimento dellapopolazione degli altri comuni del Consorzio) ed una elevata qualità del servizio offertograzie alla disponibilità di know how di qualità che era concentrato in un unico punto. Ilsistema, grazie a questo dispositivo, è risultato essere efficiente ed efficace.Il progetto ha fatto propria la consapevolezza che il forte bisogno di formazione (anche sequesto “bisogno” non si è sempre trasformato in “domanda”) che si sta manifestando insegmenti della società e dell’economia non toccati in precedenza va affrontato con unaorganizzazione del sistema di “erogazione” della formazione che sia coerente con lecaratteristiche di questa “nuova” domanda in modo che sia assicurata una agevoleaccessibilità.Accessibilità, in questo caso, ha significato:
 
 3
non dover effettuare lunghi spostamenti dal luogo di lavoro/di vita per raggiungere lasede del corso;
non essere obbligati a date ed orari predefiniti;
non dover seguire un programma standard con inizio, contenuti e termine uguali per tutti;
non essere obbligati ad un ritmo prefissato di progresso nell’apprendimento.Nell’ambito di un modello di Formazione Flessibile, la configurazione logistica edorganizzativa che ha consentito di accogliere queste istanze è stata rappresentata dai
Learning Access Points
, punti di accesso alla formazione che avevano le seguenticaratteristiche:
erano distribuiti sul territorio;
sono stati aperti tutti i giorni lavorativi per quattro ore, o di mattina, o di pomeriggio o disera;
sono stati attrezzati con tecnologie e supporti didattici adeguati;
hanno offerto servizi di supporto all’apprendimento.Questi Centri, per la loro configurazione aperta e flessibile e per le risorse che hannomettono a disposizione, hanno consentito una fruizione coerente con le esigenze di chiintendeva seguire un percorso di apprendimento. Infatti, hanno consentito di apprendere:
nel momento in cui altri impegni lasciavano tempo libero;
per la durata desiderata e necessaria;
per un programma di apprendimento che corrispondeva ai propri bisogni ed interessi;
quando risultava necessario.Le attrezzature tecnologiche ed un servizio di tutoring, hanno consentito la costruzione ela fruizione di percorsi formativi fortemente differenziati.Nella logica di promuovere una
Learning community 
e fare sinergia con le risorse presentinel territorio, i LAPs sono stati collocati all’interno delle Biblioteche pubbliche esistenti sulterritorio con indubbi benefici anche per il servizio bibliotecario stesso.La formazione nei LAPs è stata organizzata secondo la metodologia della
FormazioneFlessibile
.Questa scelta si è basata sul riconoscimento della validità di una pluralità di modalità diinsegnamento e apprendimento.I percorsi di formazione sono stati realizzati con l’uso di strumentazione didattica che haconsentito la familiarizzazione con le
tecnologie dell’informazione
.Ogni LAP infatti ha avuto più postazioni individuali per l’autoapprendimento.Una postazione era dotata di:
un box con piano di lavoro, sedia, presa elettrica e telefonica;
almeno due computer multimediali di ultima generazione;
accesso ad internet;
set completo di pacchetti didattici;
posto di lavoro per il tutor.

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->