Welcome to Scribd. Sign in or start your free trial to enjoy unlimited e-books, audiobooks & documents.Find out more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
5Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Di alcuni passaggi in Alda Merini

Di alcuni passaggi in Alda Merini

Ratings: (0)|Views: 490|Likes:
Published by Antonio Chiocchi
Intorno alla poesia e alla poetica di Alda Merini
Intorno alla poesia e alla poetica di Alda Merini

More info:

Published by: Antonio Chiocchi on Jul 10, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

08/15/2013

pdf

text

original

 
 
RRiivviissttaasseemmeessttrraalleeddiissttoorriiaa,,ccuullttuurraaeeppoolliittiiccaa 
n. 41/42, gennaio-dicembre 2010
 
Antonio Chiocchi
Di alcuni passaggi in Alda Merini
Estratto
 
 
 
Redazione
 
Luisa BoccieroAntonio Chiocchi (direttore editoriale)Sergio A. Dagradi
Lucio Della MoglieDomenico LimongielloAgostini PetrilloAntonello Petrillo (direttore responsabile)Claudio Toffolo
Registrazione
Tribunale di Avellino n. 257 del 2 settembre 1989
E-mail
societaeconflitto@tiscalinet.it
Sito web
www.cooperweb.it/societaeconflittoCopyright by Società e conflitto 2010
 
- 3 -
DI ALCUNI PASSAGGI IN ALDA MERINI
di Antonio Chiocchi
1. Ossidante silenzio
 Diamo avvio alla nostra incursione nella poesia e nella poetica di Alda Merini, partendo da unodei suoi più dolorosi testi:
 Antenate bestie da manicomio
1
. Il punto iniziale che intendiamo met-tere a fuoco è il contraltare tra l'immaginario e l'immagine del poeta e dello scrittore, a un polo,e la realtà viva di Alda Merini, al polo opposto:Pensate se un Leopardi fosse andato in televisione! S'immagina che i poeti siano delle spe-cie di folletti, degli angeli; no, sono esseri umani, poveri, scontenti, noiosi, attaccabrighe,ipocondriaci, magari malaticci. Di solito è deludente l'immagine dello scrittore. Soltanto iosono bella come la poesia!
2
.Apparentemente, la Merini sembra qui autoglorificarsi. E invece no. Piuttosto, ella mette ildito in una piaga antica: la frattura tra scrittura e realtà e tra poesia e vita. Per costituirsi eraccontarsi, la poesia e la scrittura si dislocano in uno spazio altro dalla vita e da lì la racconta-no. Ciò dà luogo a due estremi complementari: a) la celebrazione del dato, sotto forma della suabeatificazione; b) la denigrazione della realtà, sotto forma della sua offesa. La poesia raccontala glorificazione e/o l'insulto alla vita, perché il poeta si sente e si fa altro da essa. Può, così,capitare che la bellezza della poesia vada a incarnarsi in poeti, la cui vita snocciola rancori, nar-cisismi e banalità. Poesia e vita, pur essendo dimensioni diverse e non omologabili, debbono tra-sudare la stessa bellezza. I poeti possono cantare la vita solo se ne sono intimamente parte. Esolo se ne sono intima parte possono schizzare fuori dai suoi dolori e deliri, cantandone la bel-lezza contaminata o sbeffeggiata. In questo senso, i poeti debbono essere belli come la poesia.Quasi mai questo accade. Per lo più, i poeti sono tristi, vanesi, alteri e altezzosi, anche quandola loro poesia è bella. Per la Merini, invece, la (sua) vita è più bella della poesia
3
.Grazie a questa intuizione di fondo, la Merini balza fuori dalla follia. O detto meglio: fa delviaggio nella sua follia e nella follia della vita un affondo, per l'assaggio della sua personale bel-lezza arcana. Ella parte dai gironi terminali in cui l'umano è umiliato e deriso dalla disumanitàdegli umani. Fa da qui ritorno alle origini della bellezza, accarezzandone palmo a palmo le de-turpazioni e le ferite. È, così, che "antenate bestie da manicomio" possono scoprire e riafferrarela loro unicità, andare oltre i silenzi e l'insignificanza delle parole, ritrovare la forza dei senti-menti e l'energia dell'amore. Qui le parole e la poesia si saldano col dolore e la bellezza della vi-ta. Esse restituiscono al poeta e al sofferente la loro bellezza e la loro vitalità, perché li illumi-nano come una stella sognante e innamorata
4
. Poeta e sofferente diventano stelle illuminatedalla luce che promana dalla loro interiorità incatenata: dalla luce sepolta che recano dentro disé e che brilla nascosta tra le pieghe della vita a cui tutti arrechiamo oltraggio
5
. Siamo un po'tutti stelle sognanti innamorate, abitatori di sogni d'amore la cui precarietà dice, in realtà, tuttoil possibile e l'inimmaginabile. L'incertezza di ogni singolo sogno dice l'interminabilità dell'amoresognante. Di quell'amore che, per vivere e rivivere, deve farsi nuovo e reinventarsi. Il sogno d'a-more è l'amore che non smette di sognare; che di fronte all'infinità e immortalità dell'amore sen-te ed esperisce tutta la sua provvisorietà e caducità. Eppure, è sempre dalla transitorietà delsogno che l'amore riparte. Per questo, "sognare fa bene al cuore".Dalla domanda: "perché non ti ami?", nasce l'amore per sé che si volge verso il mondo e la vi-ta; nasce quell'inattività che si sottrae al male della follia e alla follia del male; nasce la "mortenell'indolenza" che non fa più vedere i manicomi, perché pensiero, cuore e vita hanno spiccato ilvolo oltre le gabbie mentali issate dai manicomi e dai loro custodi
6
. In un unico volgere di tem-po e nella stessa concentrazione di spazio si è in prigione e fuori della prigione. Nel cuore dellaprigione trovi qui radicato il cuore della libertà. La libertà dalla follia è qui libertà folle, perchéebbra di vita persino nei luoghi della cattività. Costituiscono, queste, le pietre angolari dell'av-ventura umana di Alda Merini. Sovente, esse sono state divelte e riposizionate in maniera defor-mante, rinserrando Alda Merini in un ricalco mitologico vivente che, in gran parte, distorceva la

Activity (5)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 thousand reads
legoggi liked this
fortunato liked this
ramificato liked this

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->