Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
3Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
CUORE

CUORE

Ratings: (0)|Views: 226|Likes:
Published by lisa89ragno
breve riassunto degli organi e apparati
breve riassunto degli organi e apparati

More info:

Categories:Types, School Work
Published by: lisa89ragno on Jul 16, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as DOC, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

02/11/2013

pdf

text

original

 
 CUOREIl cuore è un organo muscolare cavo a forma di cono con l¶apice in basso a sinistra e la base in alto, formata dal tetto degli atri. Sitrova nel mediastino, cioè lo spazio tra i due polmoni, protetto nella parte anteriore dalla cassa toracica ed è in posizione asimmetricarispetto alla linea mediana, spostato verso sinistra. Esso confina con i polmoni lateralmente e con il diaframma nella parte inferiore. Ilcuore è diviso in due metà da un setto verticale che ne impedisce la comunicazione, chiamato setto interatriale in corrispondenza degliatri nella parte superiore e setto interventricolare in corrispondenza dei ventricoli nella parte inferiore. Ognuna delle due metà ècostituita da una cavità superiore, l¶atrio, e da una cavità inferiore, il ventricolo, comunicanti tra loro attraverso l¶ostio atrio-ventricolare. Nell¶atrio destro arriva il sangue dalla vena cava superiore e da quella inferiore, che passa al ventricolo corrispondenteattraverso la valvola atrio-ventricolare destra con forma tricuspidale che ha la funzione di impedire al sangue di refluire nell¶atriodurante la contrazione ventricolare. Le valvole sono formate da fogli di tessuto connettivo fibroso di forma triangolare attaccati in altoall¶anello valvolare. In basso dai lembi partono le corde tendinee attaccate ai muscoli papillari che fanno parte della muscolaturaventricolare e hanno la funzione di mantenere la posizione della valvola chiusa ed evitare il rovesciamento delle cuspidi nell¶atrio.Durante la diastole (valvola aperta), il sangue passa dall¶atrio al ventricolo. Durante la sistole (valvola chiusa) il ventricolo si contraespingendo il sangue nell¶arteria polmonare attraverso la valvola arteriosa che si chiude in fase diastolica, per impedire al sangue diritornare nel ventricolo. Attraverso il piccolo circolo il sangue ritorna ossigenato attraverso le vene polmonari nell¶atrio sinistro che èdiviso dal corrispondente ventricolo dalla valvola mitralica a forma bicuspidale. Attraverso gli stessi procedimenti il sangue passa nelventricolo e viene pompato nell¶arteria aorta che porta il sangue nel grande circolo per poi ritornare attraverso le vene cave nell¶atriodestro. Il cuore viene a sua volta irrorato dalle arterie coronariche che nascono dall¶aorta ascendente e si ramificano una verso destra euna verso sinistra riportando poi il sangue nell¶atrio destro attraverso le vene coronariche. La parete del cuore è formata per il 97% damiocardio, costituito da cellule muscolari striate. Esso è ricoperto internamente da endocardio, che ha struttura e proprietà simili aquelle dell¶endotelio vascolare, ed esternamente dal pericardio viscerale (o epicardio) che arriva fino all¶origine dei grandi vasi e sirigira su se stesso formando il pericardio parietale. Fra le due pareti si trova il liquido pericardico che ha una funzione lubrificante. Il pericardio è formato da un foglietto sieroso ed è ricoperto da uno strato di tessuto connettivo fibroso. Il miocardio ha un potere diauto- eccitazione per permettere la contrazione cardiaca. Il battito cardiaco ha inizio nel nodo seno- atriale (SA) che si trova alla basedel cuore. L¶impulso si espande attraverso la parete atriale fino a raggiungere il nodo atrio- ventricolare (AV), posto nella parte più bassa del setto interatriale. Da questo parte un tronco comune chiamato fascio di His che si divide in due branche, a destra e a sinistra,arriva all¶apice dei ventricoli e risale successivamente lungo le pareti del cuore fino ai confini con gli atri. Il cuore è inoltre innervatodal plesso cardiaco, formato dal parasimpatico (o nervo vago) che diminuisce la contrazione cardiaca e dall¶ortosimpatico che invecela aumenta.POLMONII polmoni sono gli organi principali dell¶apparato respiratorio. Sono collocati nella cavità toracica e la occupano quasi interamente.Essi sono a forma di ³cono´ con apice verso l¶alto e base concava poggiata sul diaframma in basso. Il polmone destro si presentaleggermente più grande rispetto al sinistro che deve ospitare il cuore. Per tale motivo alla terminazione della trachea i bronchi didestra si dividono in tre lobi e quelli di sinistra in due.A livello dell¶ileo polmonare (lo spazio ³vuoto´ situato tra i due polmoni) i bronchi si dividono prima in bronchi lobari poi in bronchisegmentali e infine si aprono negli alveoli polmonari.I bronchi si ramificano diminuendo il loro calibro. Sono essenzialmente formati da cellule epiteliali cubiche non cigliate ricoperte dacartilagine e da uno strato muscolare che ha la funzione di tenere i bronchi aperti e di allungarsi o accorciarsi durante gli attirespiratori. Nella parte terminale dei bronchi, sulle loro pareti, si presentano piccoli alveoli polmonari: piccole cavità sempre piene d¶aria (maivuote), circondate da un sottilissimo singolo strato di cellule epiteliali piatte (la membrana respiratoria).Gli alveoli poi continuano fuori dalla parete dei bronchi raggruppandosi in gruppi più o meno grandi. L¶insieme di tutti gli alveoliformano il polmone. Nei polmoni sono presenti delle fessure chiamate scissure polmonari che penetrano all¶interno del parenchima polmonaresuddividendo l¶organo in lobi.La parete polmonare è una lamina sottile monocellulare con cellule piatte non cigliate con il nucleo disposto al centro.L¶epitelio è costituito da due tipi di cellule: pneumoniti di primo e secondo tipo. Le prime sono cellule piatte che formano la maggior  parte dell¶alveolo; le seconde hanno un aspetto più rotondeggiante e sono numericamente inferiori.I polmoni sono rivestiti da una membrana sierosa: la pleura. Essa presenta uno strato viscerale aderente alla superficie del polmone,un sottilissimo strato di liquido pleurico, e uno strato parietale aderente agli organi esterni al polmone. Il liquido pleurico ha una pressione inferiore a quella dell¶aria, per tale motivo è possibile l¶espansione del polmone senza contatti o attriti con gli organicircostanti (come accade con il pericardio del cuore).I polmoni sono vascolarizzati da due tipi di circolazione: quella funzionale ad opera dell¶arteria polmonare che ha la funzione di portare il sangue venoso ai polmoni per essere ossigenato; e la circolazione nutritizia ad opera delle arterie bronchiali che fornisconoai polmoni il sangue necessario alla nutrizione del parenchima polmonare.VIE AEREE:le vie aeree superiori sono costituite da: naso, cavità nasali, seni paranasali,faringe. Le vie aeree inferiori sono costituiteda laringe, trachea,bronchi e polmoni. ±NASO: ha la funzione d filtrare, scaldare e umidificare l'aria inspirata, é costituita da una parteesterna formata da uno schelettro osseo-cartilagineo(ossa nasali e cartilagini nasali) e da una parte interna,la cavità nasale. il vestibolonasale è la porzione della cavità nasale racchiusa da tessuti flessibili del naso, esso è sostenuto da sottili cartilagini.
 
 il setto nasale separa la parte destra e sinistra della cavità nasale. Qst 2 cavità appaiate e simmetriche sn separate da una sottilelamina ossea( setto nasale) ke parte dal vomere dell'osso sfenoide e s continua in avanti cn una lamina cartilaginea:anteriormentecomunicano cn l'esterno attraverso le narici.posteriormente con la faringe.La parete laterale è frastagliata da 3 sporgenze,i cornettinasali ke hanno il compito di frenare il passaggio dell'aria e di aumentare la sup con la quale essa viene a contatto.FARINGE:canale muscolo-membranoso verticale, che mette in comunicazione naso,bocca e gola. é situato dietro le fosse nasali e la bocca e comunicante in basso ,anteriormente cn la laringe e posteriormente cn l¶esofago. Si estende dalla base del cranio al corpodella 6° vert cervicale,ove s continua cn l'esofago, é diviso in 3 parti:Sup(rinofaringe),ke comunica cn le fosse nasali;media(orofaringe),in rapporto cn la bocca;ìnf(ipofarìnge),sìtuato post alla laringe.LARINGEorgano cavo, a forma di cilindro, le cui pareti cartilaginee sono resi stabili da legamenti e/o muscoli scheletrici. é situatanella regione anteriore del collo.sotto la faringe e davanti all'esofago. La laringe s continua in basso cn la trachea.è costituita da 3grandi cartilagini impari: cricoidea,tiroidea( ialine) e l¶epiglottide (elastica). La laringe è un organo mobile ke svolge tre funzioni principali, separa le vie aeree dalle digestive, la fonazione e circonda e protegge la glottide. All'interno della cavità laringea, al disotto dell'inserzione dell'epiglottide. s trovano 2 pieghe molto elastiche,l e corde vocali, formate da tessuto muscolare coperto damucosa. TRACHEA tratto cilindrico resistente e flessibile dell'apparato resp ke connette la laringe ai bronchi.e c ha la funzione passiva d conduzione dell'aria. Lunga 11-13 cm.decorre sul piano mediano davanti all'esofago.nella parte inferiore del collo e neltorace,essa termina nel mediastino.il suo scheletro è formato da una serie d anelli cartilaginei a forma d C. Posteriormente, dove lecartilagini sn interrotte, la parete è completata da un muscolo liscio. E¶ rivestita internamente da un epitelio respiratorio ciliato.BRONCHI:hanno origine dalla trachea e sn principalmente 2,il bronco sx e dx. il bronco destro ha un diametro maggiore rispetto alsinistro. essi decorrono al di fuori dei polmoni, alla loro origine c¶è una cresta detta carena., i bronchi principali si suddividono nei bronchi lobari che a loro volta si dividono in bronchi segmentali, entrando nei polmoni formando poi bronchioli. I bronchi principali ele loro ramificazioni formano l¶albero bronchiale. Ciascun bronco prima di suddividersi ulteriormente passa attraverso un solco dettoilo polmonare. I bronchi sn costituiti da una tonaca fibrosa e da archi cartilaginei sostenuti dal muscolo bronchiale e da un tessutoricco di ghiandole mucose.POLMONI.-organi fond dell'apparato resp.preposti allo scambio di ossigeno e anidride carbonica tra l'ambiente atm e il sangue.Occupano la maggior parte della cavità toracica e risalgono x alcuni cm nella loggia sopraclavicolare del collo. I polmoni hannoforma semiconica ad asse verticale:la faccia interna.appiattita.è rivolta verso gli organi medìastìnici(cuore,esofago,trachea,grandivasi);la faccia esterna.convessa.s adatta alla superf toracica interna; la
tacca
inf copre la corrispondente convessità deldiaframma.Sulla faccia interna c'è l'ilo che da passaggio ai bronchi, ai vasi e ai nervi. I polmoni sn solcati da incisure e scissure ke lidividono in lobi;ìl polmone dx ha 3 lobi (sup.med.inf )quello sx ne ha 2. -Il piano strutturale dei polmoni può essere paragonato a unalbero il cui tronco (trachea )si divide in 2 rami principali(bronchi)ke a loro volta s dividono(ìl dx in 3 rami.sx in 2) e raggiungonol'ilo. I bronchi si dividono sempre + diminuendo il proprio calibro.diventano bronchioli terminali i quali diventano bronchiolirespiratori Da qst nascono i dotti alveolari e da qst,infine,i sacchi alveolari, gruppi d + alveoli.-Ciascun polmone è avvolto in una propria membrana sierosa(pleura). Nella trachea e nei bronchi extrapolmonarì.strutture anularicartilaginee provvedono a mantenere aperte te vie aeree; nei bronchi intrapolmonari, le strutture cartilaginee assumono forma di placche; nei bronchioli al di sotto di 1 mm d diametro le strutture cartilaginee scompaiono.Fibre muscolari lisce sn reperibili in tutte levie aeree.cn massima densità a livello dei bronchioli terminali.-L'innervazione del polmone è sostenuta dal nervo vago e da fibre del sistema nervoso simpatico.LO STOMACOLo stomaco è l¶organo cavo principale annesso all¶apparato digerente; può essere definito una dilatazione a forma di sacco del canalealimentare, tra l¶esofago e l¶intestino tenue. Lo stomaco è situato nella cavità addominale, occupa l¶ipocondrio sinistro e partedell¶epigastrio. Aderisce alla parte superiore del diaframma ed è posto tra fegato e milza. Presenta un orifizio d¶ingresso chiamatocardias e uno d¶uscita chiamato piloro. È suddiviso in tre parti fondamentali: il fondo, il corpo e la regione pilorica. Il fondo è la partein alto direttamente sotto il diaframma ed è una regione quasi sempre piena d¶aria, bolla gastrica. Il corpo invece è la parte centrale emaggiore dell¶intero organo. La regione pilorica invece è suddivisa in antro e canale pilorico. L¶antro pilorico delimita il confine trastomaco ed intestino tenue. Il bolo alimentare si ferma in questa parte solo se il corpo dello stomaco è pieno altrimenti essarappresenta solo una regione di transizione. Lo sfintere pilorico è uno sfintere anatomico a differenza del cardias che è uno sfinterefunzionale. Lo stomaco presenta un epitelio cilindrico semplice ricco di muco che svolge la funzione di proteggere la mucosadall¶elevata acidità del succo gastrico. La struttura dello stomaco, con qualche variazione, è simile a quella dell¶intero canalealimentare. Presenta infatti una tonaca mucosa formata da epitelio cilindrico semplice, una tonaca sotto mucosa formata da connettivolasso, vasi sanguinei e plessi nervosi, una tonaca muscolare con uno strato di fibre muscolari oblique, e una tonaca avventizia sottile eliscia sulla quale superficie esterna si stratifica il peritoneo. Inoltre le cellule parietali dello stomaco sono responsabili della secrezionedell¶acido cloridrico. Lo stomaco è vascolarizzato da rami del tronco celiaco, dall¶arteria gastrica di destra e di sinistra, e veneinferiori che drenano direttamente nella vena porta. Lo stomaco inoltre presenta sul fondo delle ghiandole gastriche che vanno aformare il sistema endocrino diffuso (SED).TENUEL¶intestino tenue è la porzione più lunga dell¶intero canale alimentare. Misura circa 7 metri ed è collocato direttamente sotto lostomaco e il fegato, occupando, con le sue raggomitolazioni, gran parte della porzione addominale. L¶intestino tenue è diviso in tretratti: duodeno, digiuno e ileo. Il duodeno è la prima porzione dell¶intestino ed è lungo circa 25 centimetri.
 
 È irrorato dalla vena porta, dalla mesenterica e dalle arterie pancreatico-duodenali. Il digiuno e l¶ileo invece sono in continuità tra lorosenza una divisione netta. Il digiuno nel cadavere si presenta sempre vuoto. Sono vascolarizzati da rami dell¶arteria mesentericasuperiore. La superficie interna dell¶intestino tenue presenta valvole conniventi. La tonaca mucosa presenta estroflessioni chiamativilli intestinali che hanno la funzione di assorbimento. Nel duodeno possiamo trovare ghiandole tubolari ramificate. L¶epitelio dellamucosa ha cinque tipi diversi di cellule ed è ricco di tessuto linfatico: enterociti (sull¶epitelio dei villi aumentano la superficie diassorbimento), calciformi, di paneth, endocrine, indifferenziate. La sua struttura morfologica è simile a quella di tutto il canalealimentare: presenta una tonaca mucosa, una tonaca sottomucosa, una tonaca muscolare e una tonaca avventizia. La mucosadell¶intestino tenue è ricca di ghiandole molte di queste non formano secrezioni ma sono definite ghiandole solo dal punto di vistastrutturale.CRASSOdiverso dal tenue sia per lunghezza che per calibro. È un continuo susseguirsi di cavità (haustra) e restringimenti (clausura) ed è divisoin cieco, colon e retto. Descrive nell¶addome un cerchio quasi completo che circonda l¶intestino tenue. Ha inizio con la valvolaileocecale e termina con l¶orifizio anale. La sua prima porzione è il cieco, completamente rivestito di peritoneo, presenta la valvolaileocecale ed è vascolarizzato dalle arterie cecali ramificazioni dell¶aorta ileocolica. La valvola ileocecale ha una funzione moltoimportante in quanto consente il transito del bolo alimentare dall¶ileo all¶intestino crasso impedendo il flusso nel senso inverso. Ilcolon invece è ulteriormente suddiviso in quattro parti: ascendente, traverso, discendente, sigmoideo. è vascolarizzato da ramidell¶arteria mesenterica superiore ed inferiore. Il retto presenta tre curve a cui corrispondono tre valvole. È irrorato dalle arterie rettaliche drenano nella vena porta. La struttura istologica è uguale a quella di tutti gli organo del canale alimentare. È formato da unatonaca mucosa, una tonaca sottomucosa, una tonaca muscolare e una tonaca avventizia. La tonaca mucosa è composta da un epiteliocilindrico semplice. Lo tonaca muscolare è formato da fibrocellule muscolari lisce interne, che si dispongono circolarmente, e dafibrocellule muscolari lisce esterne, disposte longitudinalmente. La tonaca avventizia avvolge quasi completamente il cieco e il colon,mentre riveste solo la parte superiore del retto; la parte rimanente, priva del rivestimento peritoneale, è avvolta nella fascia rettale. Lasuperficie interna è completamente liscia, priva quindi delle pieghe circolari e dei villi che caratterizzano l'intestino tenue.FEGATO: Il fegato svolge funzioni metaboliche e sintetiche: controlla e immette nel circolo ematico sostanze di naturaglucidica,proteica e lipidica. Il fegato rappresenta la principale riserva di sangue dell¶organismo e secerne la bile nel duodeno. E¶l¶organo viscerale più voluminoso. è posto immediatamente sotto il diaframma,e occupa la regione ipocondrica dx e parte della sx.Haforma ovale e colore rosso bruno, il suo peso è d circa 1500 gr.Ha un diametro maggiore di 25 cm e una lunghezza di 10-11 cm. Lafaccia sup è in contatto cn il diaframma, quella inf cn il rene dx e la massa intestinale. ed è caratterizzata da una serie d incisure eavvallamenti corrispondenti all'impronta dei visceri addominali. é suddiviso in 4 lobi:dx,sx,caudato e quadrato, il legamentofalciforme segna il confine tra lobo sx e dx, il legamento coronario sottende il fegato alla faccia inferiore del diaframma. È avvolto ingran parte dal peritoneo,le cui pieghe lo mantengono in sito. formando una serie d legamenti.L'intera ghiandola è rivestita senzainterruzioni da un sottile involucro connettivale, la capsula di glisson, ke penetra all'interno, formando setti che la dividono innumerose piccole formazioni a piramide tronca.dette lobuli epatici.-il sangue arriva attraverso 2 vasi: l'arteria epatica, ke ha furnz nutritive, e la vena porta ke convoglia le sostanze assorbitenell'intestino.L'unità funzionale è la cellula epatica. Fra gli epatociti vi sn spazi intercellulari motto dilatati,nei quali s riserva la bile e kecostituiscono l'inìzio dei canalicoli biliari.I capillari sanguigni ke arrivano a stretto contatto cn le cellule epatike sn dotati d cellule particolari ke inglobano e distruggono i globuli rossi invecchiati. e riforniscono le c.epatiche dei materiale da cui qst elaboreranno i pigmenti biliari.PANCREASIl pancreas è una ghiandola secrezione sia esocrina che endocrina, è posto profondamente nella cavità addominopelvica nell¶ansa trastomaco e intestino tenue. L¶organo presenta una testa contenuta nella C del duodeno; un corpo allungato che si estendetrasversalmente verso la milza, e una coda corta e smussa. Il pancreas ha un colorito grigio-roseo,è lungo circa 15 cm e pesa più omeno 80g. Posteriormente al pancreas è situata la vena cava inf e le vene renali. La parte inf ad uncino gira intorno ai vasi mesentericisup. L¶arteria lienale è responsabile del irrorazione del pancreas assieme alle arterie pancreaticoduodenali; il drenaggio è effettuatodalle vene omonime. Il pancreas è una ghiandola tubolo-acinosacomposta.Le cellule esocrine sono organizzate in acini formati dacellule epiteliali piramidali con l¶apice orientato verso il lume. Alcuni acini si uniscono in un condotto rivestito di epitelio cubico(cellule che secernono ioni bicarbonato).I dotti confluiscono prima in dotti interlobulari poi intralobulari i quali sfociano nel dotto pancreatico principale (di Wirsung) che attraversa il pancreas in tutta la lunghezza. Il dotto pancreatico accessorio(di Santorini) nonsempre presente, può originare dal dotto pancreatico principale prima che questo lasci il pancreas. Il pancreas endocrino èrappresentato dalle isole pancreatiche (di Langerhans).-cellule alfa: secernono l¶ormone glucagone , hanno azione iperglicemizzante. sono le meno numerose e sono localizzate alla periferia delle isole-cellule beta: secernono l¶ormone insulina, hanno azione ipoglicemizzante. sono le maggiori e sono localizzate nella parte centrale-cellule delta: secernono l¶ormone somatostatina,hanno azione inibente su produzione e secrezione di insulina e glucagone, e dirallentamento dell¶attività assorbente e della produzione enzimatica da parte del canale digerente, sono omogeneamente distribuite.-cellule F: secernono il polipeptide pancreatico, inibiscono le contrazioni della colecisti e regolazione della produzione di alcunienzimi pancreatici.

Activity (3)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 thousand reads
1 hundred reads
Alex87V liked this

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->