Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Vigonza-Democratica-Agosto

Vigonza-Democratica-Agosto

Ratings: (0)|Views: 59 |Likes:
Published by Renato

More info:

Published by: Renato on Aug 21, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

08/21/2010

pdf

text

original

 
Essere amministratori non ècertamente facile perché,qualsiasi obiettivo si conse-gua, c’è sempre qualcunopronto a condannarti. Maledere in un colpo solo, gliinteressi di così tanta partedella popolazione è propriodifficile. Eppure sembra chel'amministrazione Tacchet-to almeno questo risultatol’abbia raggiunto.In fondo, però, non è tuttacolpa di questi amministra-tori: l’incredibile risultatoelettorale ha giocato a lorosfavore, perché
si sono sen-titi insigniti di un poterepressoché illimitato.
Non si sono resi conto, in-vece, che
a grande fiduciacorrisponde anche grandeaspettativa e quindi altorischio di delusione.
 E’ bene ricordare che,
quando vota, un elettorenon firma una cambiale inbianco. MAI.
 
La sua fiducia è semprecondizionata e può esserein ogni momento ritirata.
Eciò si sta verificando pun-tualmente dopo le ultimedelusioni che hanno visto il
Il sindaco Tacchet-to mette in vendital’ambulatorio di San Vito
, poi, sorridendo,dice che a San Vito lui vuo-le bene.
Il sindaco Tacchetto ta-glia i trasporti scolasticidi San Vito
e poi, sempresorridendo, dice che lui, aSan Vito, è particolarmenteaffezionato.
Il sindaco Tacchetto diceche non ci sono i soldi per la pista ciclabile diSan Vito
, ma che non ècolpa sua, ma del destinocinico e baro.
Qualcunodal pubblico gli fa notareche non ci sono i soldi per la pista ciclabile diSan Vito, ma ci sono soldi per mille altre cosucce
(ilPalapannocchia di Vigonza,per esempio).
Sorride ancora, il Sinda-co, e dice, pubblicamen-te, che non c’entra.
Con un’indifferenza da fareaccapponare la pelle il sinda-co Tacchetto offende con-temporaneamente: la verità,l’intelligenza della gente chelo ascolta e il comune sensodel pudore. Allora, in italiano facile faci-le che così ci si capisce tutti,
noi diciamo che c’entra. Altro che, se c’entra.
 La tentata venditadell’ambulatorio, la non rea-lizzazione della pista ciclabi-le di San Vito e in qualchemodo persino il taglio deitrasporti scolastici sonostrettamente dovuti al fattoche il Sindaco, la sua giuntae la Lega Nord (sempre si-lenziosa quando si parla deibisogni veri dei cittadini)non li ritengono importanti.
Il loro pensiero è che isoldi pubblici devono es-sere utilizzati per altrecose.
Cose importanti? Chiederete voi. Alcune si: i cimiteri dasistemare, alcune strade damettere a posto... Altre no.Si stanziano soldi per milleschiocchezze.
Si spendono pubblici denari in millerivoli assurdi.Si maltrattano opportuni-tà di finanziamenti per 9milioni di euro (vedi ilContratto di Quartiere) eci si dimentica, poi, deibisogni primari dei citta-dini.E’ ora di ribellarsi allefavole populiste dei sinda-ci che amano lo spettaco-lo.
Basta con le favole di Tacchetto sul trattore chesistema argini e corre a por-tare pezzi di ricambio aicoristi in Germania. Basta!
Il Punto
di Daniela Corsodi Daniela Corsodi Daniela Corsodi Daniela Corso 
Circolare informativa del PD diVigonzaCircolo di Vigonzavia Padova, 8735010 Vigonza
http://www.partitodemocraticovigonza.org
 
 
I nostri commenti
Il Punto
1
Difendiamo la verità,l’intelligenza e il sensodel pudore
1
Pionca non ci sta!
2
Il lungo sonno dellaLega
2
C’era una volta untranquillo quartierechiamato “degli Alpini”
3
Ultime dal PD
4
Piazza di Peraga —La condivisione con icittadini non vaaggirata
4
 Vigonza ha bisogno di per-sone serie, di un buon go- verno senza compromessi,che tenga conto di un con-cetto elementare e semplice:i soldi sono pochi – è vero-,ma quei pochi vanno spesibene.Siamo disposti a rinunciarealle cioccolate calde in piaz-za, alle manifestazioni fol-cloristiche padane, siamodisposti a rinunciare allemacchine incidentate messequa e là nel territorio e poiruotate da un posto all’altro(perché la gente non si abi-tui, sic!). Siamo disposti arinunciare alle biciclette
(Continua a pagina 2) 
Pagina 1
Luglio 2010
Il governo della cosa pubblica passa per il rispetto dei cittadini
PAT adottato senza il pareredella popolazione, la Sagra diVigonza collocata tout-courtnel quartiere degli Alpini sen-za coinvolgere la cittadinanzae la decisione di realizzareopere pubbliche indipenden-temente dal parere di chi abi-ta in prossimità.Cominciano a sorgere i primicomitati spontanei e siamocerti che, senza un’inversionedi rotta, non saranno gli ulti-mi.Forse sarebbe il caso di co-minciare a coinvolgere PRIMAi cittadini nelle decisioni, inve-ce, che scontrarsi DOPO nellafase realizzativa.
Difendiamo la Verità, l’Intelligenza, il Sensodel Pudore
di Francesco Alibrandidi Francesco Alibrandidi Francesco Alibrandidi Francesco Alibrandi ---- Segretario del Circolo PD di VigonzaSegretario del Circolo PD di VigonzaSegretario del Circolo PD di VigonzaSegretario del Circolo PD di Vigonza ----
 
nuove dei vigili urbani (Le biciclette permetteranno ai vigili dientrare nel cuore dei quartieri e di dialogare con i cittadini,sic!). Siamo disposti a rinunciare ai parcheggi trasformati inpiazzette. Siamo disposti a rinunciare ai pasti offerti gratis allaminima occasione. Siamo disposti a rinunciare alle gite a Sia-mo disposti a rinunciare alle gite a Falcade (centinaia di per-sone alla volta). Siamo persino disposti a rinunciare alla gran-di manifestazioni delle Fucsie Botaniche in Villa Bettanini (Inun ambiente appropriato abbiamo ammirato più di 80 tipi difucsie, conosciute nel Veneto con il nome di ballerine per laforma e i colori dei fiori, sic!).
Quello a cui non siamo di-sposti a rinunciare sono i servizi ai cittadini.
(Continua da pagina 1) 
Se le cose scritte sopra vi sembrano poche, vi tranquilli-ziamo: sono esempi, pochi esempi – tanto per capirci. Sele dovessimo scrivere tutte non basterebbe un libro.
 A futura memoria.
 Se Tacchetto & C. hanno dovuto ammettere chela proposta di vendita dell'ambulatorio era unasciocchezza e se la disorientata compagine digiunta tra imbarazzati silenzi e qualche difesad’ufficio ha dovuto rimangiarsi la scandalosa pro-posta
il merito è solo della gente di San Vito,della dottoressa Edifizi e nostro
che per primi e da soliabbiamo sollevato il problema in tutta la sua gravità. Chenessuno osi dire qualcosa di diverso!
Vigonza Democratica
Pionca non ci sta!
di Lorenzo Levoratodi Lorenzo Levoratodi Lorenzo Levoratodi Lorenzo Levorato
 
Da qualche tempo, troppo tempo, laFrazione si sente dimenticata dallaPubblica Amministrazione; è una sen-sazione legata alle cose non fatte orealizzate con una lentezza esaspe-rante, alle promesse non (ancora)mantenute, alla scarsa attenzione allenecessità del paese.
Ora l’Amministrazione Comunaleintende vendere i locali di proprietà,attualmente adibiti a bar-vineria,situati nella piazzetta di fronte aldistributore.E no! Non ci siamo.
Quei locali furonomessi a disposizionedel paese dall’alloralottizzante il compian-to Ignazio Zabeo, afronte dei pochi metriquadrati dell’area exfarmacia di proprietàdel comune. Sono statiprevisti e voluti per venire incontroalle necessità della gente di Pionca;come Ufficio Postale (in primis) o co-me spazio per gli incontri, per il consi-glio di quartiere, per attività culturali.Teniamo presente che
la frazione diPionca non gode, diversamente dallealtre frazioni, della possibilità di ave-re uno spazio pubblico
utilizzabileallo scopo.Finora si è sopperito con la vecchiacaserma diventata però ora inagibilee che, nonostante le molteplici solle-citazioni, questa Amministrazione si èrifiutata di acquistare 3 anni fa dallaProvincia a un prezzo vantaggioso.Perché alienare questo locale?Perché togliere a Pionca questa pre-ziosa opportunità? Per
fare cassa emagari per finanziare opere pubbli-che in altra frazione del Comune.Non siamo cittadini di serie B!
A nostro avviso
è inoltre sbagliatocederla in questo momento di prezzibassi nel mercato immobiliare
e lodimostra il fatto che la gara è andatadeserta perché i tempi non sono op-portuni per vendere a buon prezzo
.
Tra l’altro finora quei locali hannofruttato al Comune circa 80.000 eurodi entrate e tanti altri possono essereintroitati fino alla scadenzadell’affitto.La proposta è pertanto quella di desti-nare questo spazio, cosi come previ-sto in origine e alla scadenza dellalocazione, a sala pubblica della frazio-ne per incontri, sede del ComitatoFrazionale, ecc.
In occasione dell'approvazione deibilanci di previsione 2008, 2009 e2010 i consiglieri del PD sono interve-nuti più volte in Consiglio Comunalein primis per chiedere di onorarel'impegno di acquisto e in subordineper sollecitare la messa in sicurezzadel fabbricato.
 
Ora
 
il PD si fa nuovamente portavocedelle istanze della frazione propo-nendo la sistemazione dell’area e-sterna di pertinenza con un interven-to minimale e poco costoso che pre-veda la realizzazione di una decina diparcheggi
a disposizione dei cittadinie delle attività economiche che insi-stono sul principale incrocio del Pae-se. Così facendo si potrebbero almenoevitare le soste sul marciapiede inprossimità del semaforo.
Insufficiente è stato sottoscrivere nelbilancio comunale l’impegno a ridur-re il senso di insicurezza percepito; apoco sono valsi i corsi di autodifesafemminile e scarsa eco ha avuto ilmega-convegno in auditorium suimmigrazione, legalità e sicurezza,perché
con la “politicadell’annuncio” ci si assicura riso-nanza sui giornali e in televisione,ma si lasciano inalterati i proble-mi
.La criminalità è un fenomeno com-plesso ed è presente a Vigonza comenegli altri comuni della regione, ma ladifesa della persona non si realizzasolo parlandone a teatro, né sbandie-rando “migliaia di fucili Padani pron-ti a sparare”.Qui la questione è capire se nel no-stro territorio è stata presa qualcheiniziativa concreta per evitare il radi-camento della delinquenza o se inve-ce siamo in presenza di una presso-ché totale assenza di iniziative.La cronaca Vigontina dimostra comela Lega usi la sicurezza per suscitarepaura nell’elettorato, ma faccia pocoo nulla per migliorare la vivibilità
(Continua a pagina 3) 
Il lungo sonno del-la Lega
di Fabio Pagini Rizzatodi Fabio Pagini Rizzatodi Fabio Pagini Rizzatodi Fabio Pagini Rizzato
 
Il governo della cosa pubblica passa per il rispetto dei cittadini
Pagina 2
 
C’era una volta un tranquillo quartiere chiamato “degli Alpini”
di Andrea Levoratodi Andrea Levoratodi Andrea Levoratodi Andrea Levorato –– Consigliere del PD di VigonzaConsigliere del PD di VigonzaConsigliere del PD di VigonzaConsigliere del PD di Vigonza
della nostra città.Prendiamo ad esempio Perarolo.Inquieta, ma non mette in apprensionela recente rapina con coltello registrataai danni di una signora, perché perfortuna è un caso isolato.
Impensieriscono, invece, i frequen-ti episodi di mal costume
che porta-no delle persone di passaggio ad ab-bandonare abusivamente rifiuti inprossimità dei cassonetti. E
allarma-no quegli strani passaggi di buste e pacchetti tra “non residenti”
che sicominciano a notare nelle zone retro-stanti la via principale.
E’ infatti lacontinuità con cui si succedonosenza soluzione i problemi, chelascia negli abitanti un profondosenso di abbandono da parte delleistituzioni e una grande paura peril futuro.
 Ebbene, cosa sta facendo il Carroccioal governo del nostro comune? A
livello nazionale la Lega ha vota-to a favore di una pesante riduzio-ne di fondi alle forze dell’ordine
,
(Continua da pagina 2) 
cosicché in tutta Italia si subisce il peso di una politica sciagurata senza prece-denti. Poi, dopo aver ridotto drasticamente il servizio, ha proposto le ronde,ovvero ha detto al cittadino: “
Pensa tu alla tua sicurezza
!”. A parte il fatto che non si è mai vista una ronda in loco, non si capisce comeun salumiere possa improvvisarsi poliziotto senza addestramento, né mezziappropriati.
E’ necessario che questa imperdonabile pratica del “fingere di fare” fini-sca
.
Sembra, però, che al Partito della Sicurezza convenga che i cittadini sisentano insicuri
. Non si capisce se tema di più il giorno in cui questo proble-ma sarà superato o il momento in cui il cittadino chiederà il conto per lavorosvolto.Convinto che la criminalità tragga forza dalla crisi economica, il Partito Demo-cratico di Vigonza chiede che
si ponga grande attenzione alla condizione economica dei cittadini;
cessi la retorica continua contro gli immigrati;
ci si adoperi per alleviare la difficile condizione di chi perde il lavoro;
si intervenga affinché gli anziani non vedano continuamente sparire il loropotere d’acquisto;
si aiutino le famiglie a sostenere le spese scolastiche dei figli e
si agisca affinché anche le giovani coppie possano a aspirare ad avere unacasa.La promessa di un federalismo che si compirà tra 20 anni non fermerà il cre-scente disagio sociale, mentre
migliorare le condizioni di vita degli abitanti può evitare che la delinquenza trovi un terreno fertile su cui prosperare
.
Il mercato, collocato lungo unastrada di quartiere, avrà indubbiericadute
negative sulla vivibilitàdella zona e sulle vendite dei com-mercianti 
. L’essenza del mercato èdare possibilità alla collettività chelo ospita, ai commercianti locali edagli ambulanti di trarre beneficireciproci e non dei danni.
Durante una precedente ammini-strazione comunale, e precisa-mente
 
l’Amministrazione delcompianto prof. Mario DellaMea, si era individuata un’area chiamata “mercatale” che doveva sorgere anord del Sagrato, tra via Cimitero e via Rimembranze, e doveva servire, nelleintenzioni, da sito per tutte le iniziative di piazza (mercato, sagra, mercatini).
 Lo scopo era quello di organizzare un’area sufficientemente ampia per consen-tirne l’utilizzo senza dover sacrificare le residenzialità già insediate.
Spostare all’interno di un Quartiere, come sta facendo questa amministrazio-ne, tutte le iniziative di piazza è contro qualsiasi logica di buon senso
 
e nonpuò che trovare la nostra ferma opposizione.
 
Una contrarietà, peraltro, raffor-zata dal fatto che le decisioni sono state prese (ancora una volta) senza la par-tecipazione e il coinvolgimento degli interessati.
Un metodo questo al qualel’amministrazione Tacchetto ci ha abituati da tempo ma che in altre frazioni staregistrando molti dissensi al punto che il tasso di gradimento nei confronti delSindaco sembra essere precipitato.E’ proprio il caso di dirlo: il quartieredegli Alpini non sarà più lo stesso!
Il cambiamento è dovuto alle decisio-ni dell’amministrazione Tacchetto dispostare all’interno del quartiere lasagra ed il mercato e di realizzare unpalazzetto sportivo
.Conseguenze? Molte!Lati positivi? Nessuno!Lati negativi? Tutti!Vediamoli. Con la Sagra il quartiereospiterà giostre, bancarelle, gazebo,baracche e baracconi; le strade inter-ne verranno chiuse al traffico veicola-re, con le prevedibili difficoltà per iresidenti di poter accedere alle pro-prie abitazioni.La realizzazione all’interno del quar-tiere Alpini del palazzetto dello sportsarà l’inizio di una continua quantoinesorabile proliferazione di problemidovuti all’assenza di parcheggi ade-guati e al traffico veicolare in aumen-to durante le manifestazioni sportivee gli allenamenti quotidiani degli atle-ti.
Circolare informativa del PD di Vigonza Pagina 3
Il governo della cosa pubblica passa per il rispetto dei cittadini

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->