Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
6Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
I Protocolli dei Savi Anziani di Sion

I Protocolli dei Savi Anziani di Sion

Ratings: (0)|Views: 330 |Likes:
Published by sciss0rhands
Storia e origini dei Protocolli dei Savi Anziani di Sion
Storia e origini dei Protocolli dei Savi Anziani di Sion

More info:

Published by: sciss0rhands on Sep 23, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

01/24/2014

pdf

text

original

 
I PROTOCOLLI DEI SAVI DI SION
«
 Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte ediventerà una verità
. »
Joseph Goebbels, Ministro della Propaganda della Germania Nazista
 I
 Protocolli dei Savi di Sion
o degli
 Anziani di Sion
(russo: Протоколы сионских мудрецов,
 Protokoly Sionskich Mudrecov
) sono un falso documentale prodotto nei primi anni del XX secolo inRussia dalla
Okhrana
, la polizia segreta zarista, e pubblicato in forma di documento segretoattribuito a una cospirazione ebraica tendente a impadronirsi del dominio del mondo.Edizione russa dei
 Protocolli
del 1912La natura di falso fu appurata già fin dai primissimi tempi successivi alla pubblicazione di detti
 Protocolli
nel 1903; in particolare, una serie di articoli pubblicati sul
Times
di Londra nel 1921dimostrò che gran parte del materiale era frutto di plagio da precedenti opere di satira politica, noncorrelate agli ebrei. Nonostante la comprovata falsità di tali documenti, essi riscossero ampiocredito in ambienti antisemiti e antisionisti
[1]
e, tuttora, sono la base, specie in Medio Oriente, per avvalorare la teoria della cosiddetta cospirazione ebraica
[2]
.I Protocolli sono considerati la prima opera della moderna letteratura cospirativa.
[3]
Presentata comeuna esposizione di un piano operativo degli "anziani" ai nuovi membri, descrive i metodi per ottenere il dominio del mondo attraverso il controllo dei media e la finanza e la sostituzionedell'ordine sociale tradizionale con un nuovo sistema, basato sulla manipolazione delle masse.L'opera è stata divulgata inizialmente da coloro i quali si opponevano al movimento rivoluzionariorusso, e diffusa ulteriormente dopo la Rivoluzione russa del 1905. Dopo la Rivoluzione d'ottobre
 
l'idea che il bolscevismo fosse una cospirazione ebraica per il dominio mondiale segnò un rinnovatoe più diffuso interesse per i Protocolli. Anche se dopo la seconda guerra mondiale l'uso sistematicodei
 Protocolli
come strumento di propaganda antisemita è diminuito, il testo è tuttora, specialmentenel mondo islamico, un'arma largamente diffusa, nell'arsenale dell'antisemitismo contemporaneo.
Fonti originarie e contenuto
La fonte originaria dei
 Protocolli dei Savi di Sion
è un
 pamphlet 
del 1864 intitolato
 Dialogue auxenfers entre Machiavel et Montesquieu
(
 Dialoghi agli inferi tra Machiavelli e Montesquieu
), scrittodal satirista francese Maurice Joly. L'autore attacca le ambizioni politiche dell'imperatore Napoleone III mettendo in scena un immaginario dialogo tra Machiavelli e Montesquieu all'inferno.L'opera di Joly era ispirata ad un famoso romanzo di Eugène Sue,
 I misteri del popolo
, nel quale ilruolo dei cospiratori era affidato ai Gesuiti. Nessuna delle due opere menziona gli ebrei. Joly fecestampare il
 pamphlet 
in Belgio e cercò di reintrodurlo illegalmente in Francia, dove era proibitocriticare la monarchia. La polizia sequestrò un gran numero di copie e l'opera fu proibita. Joly,individuato come l'autore, fu processato il 25 aprile 1865 e condannato a quindici mesi di prigione. Nel 1868 Hermann Goedsche, un antisemita tedesco, pubblica con lo pseudonimo di
Sir John Retcliffe
un'opera dal titolo
 Biarritz 
nella quale riporta i dialoghi di Joly. Goedsche era un impiegato postale licenziato per aver falsificato nel 1849 delle prove nel processo del progressista BenedictWaldeck. Nel capitolo del libro
 Il cimitero ebraico di Praga e il Consiglio dei rappresentanti delle Dodici Tribù di Israele
, Goedsche immagina un'assemblea segreta di rabbini, che si riuniscono ogni100 anni, con lo scopo di pianificare la cospirazione giudaica. Questo racconto si rifà ad un episodionarrato da Alexandre Dumas padre (nel romanzo
Giuseppe Balsamo
). Nel racconto di Dumas,Cagliostro e i suoi seguaci mettono in atto una cospirazione che riguarda una collana di diamanti. Ilcapitolo di Goedsche si conclude con i dialoghi tratti da Joly.
[4]
 
Struttura e temi trattati
 Nei ventiquattro
 Protocolli
gli Anziani illustrano i sistemi per ottenere il controllo del mondo.Vogliono convincere con l'inganno i gentili, da loro chiamati
 goyim
, ad assecondare la loro volontà.I loro metodi preferiti sono la diffusione di idee liberali, il sovvertimento della morale, la promozione della libertà di stampa, la contestazione dell'autorità tradizionale e dei valori cristiani e patriottici. Il controllo delle masse tramite i media e la finanza è il mezzo con cui il tradizionaleordine sociale verrà sovvertito. In questo senso, i
 Protocolli
rispecchiano l'antica avversionecristiana e conservatrice alla modernità (antimodernismo), al radicalismo ed al capitalismo,fenomeni che vengono però presentati come elementi di un complotto orchestrato, piuttosto checome prodotti di processi storici impersonali.Il testo presuppone che il lettore sia già convinto dell'esistenza di un piano politico segreto dellamassoneria, ma suggerisce che sia a sua volta controllato dagli Anziani: una sorta di teoria dellacospirazione nella teoria della cospirazione. Nei
 Protocolli
, la massoneria e i "pensatori liberali"sono meri strumenti attraverso i quali gli Anziani finalmente instaureranno una teocrazia ebraica.I
 Protocolli
prospettano un
 Regno a venire
, e descrivono accuratamente come sarà condotto. Maanche in questo regno, gli Anziani eviteranno il diretto controllo politico, e sceglieranno diaffermarsi tramite l'usura e la manipolazione di denaro. Lo stesso Re degli Ebrei non sarà altro cheun uomo di paglia.
 
Estratti
I
 Protocolli
1-19 seguono con rare eccezioni l'ordine dei
 Dialoghi agli inferi
1-17. In alcuni brani, il plagio è smaccato:
«
Come funzionano i prestiti? Il governo emette delle obbligazioni e si impegna a pagare gliinteressi in proporzione al capitale versato. Se un prestito è al 5% lo stato, dopo 20 anni, avrà pagatouna somma pari al capitale ricevuto. Allo scadere dei 40 anni, avrà pagato il doppio, dopo 60 anni iltriplo: rimanendo sempre debitore dell'intero capitale.
»
 (
Montesquieu,
 Dialoghi
, p. 250
)
«
Un prestito è un attestato emesso dal governo, che lo impegna a pagare una percentuale dellasomma totale del denaro preso in prestito. Se un prestito è al 5%, in 20 anni il governo avràinutilmente pagato una somma pari a quella ricevuta, per coprire gli interessi. In 40 anni avrà pagatoil doppio, e in 60 il triplo della somma, senza comunque estinguere il debito
»
 (
 Protocolli
p. 77
)
Un altro esempio è il riferimento alla divinità Indù, Visnù, che compare esattamente due volte, tantonei
 Dialoghi agli Inferi
che nei
 Protocolli
:
«
Come il dio Visnù, la mia stampa avrà centinaia di braccia, e queste braccia tasteranno ogni possibile opinione in tutto il paese
»
 (
Machiavelli,
 Dialoghi
, p. 141
)
«
Questi giornali, come il dio indiano Visnù, avranno migliaia di mani, ognuna delle quali sentirà il polso delle diverse pubbliche opinioni.
»
 (
 Protocolli
, p. 43
)
«
Ora capisco l'immagine del dio Visnù: avrete centinaia di braccia, come l'idolo indiano, e ognivostro dito toccherà una leva
»
 (
Montesquieu,
 Dialoghi
, p. 207
)
«
Il nostro governo sembrerà il dio indù Visnù. Ognuna delle nostre centinaia di mani controlleràuna leva dell'apparato dello Stato.
»
 (
 Protocolli
, p. 65
)
I riferimenti testuali al "Re degli Ebrei", idea semi messianica che ha connotato fortementel'immagine di Gesù, dimostrano che l'autore non era ferrato in cultura ebraica. Il termine infatti ècaduto in disuso nella tradizione giudaica dai tempi dello "scisma" tra giudaismo e cristianesimo.Quando gli articoli di Graves, pubblicati sul
Times
, misero in evidenza la quantità di punti incomune tra i due testi, divenne chiaro che i
 Protocolli
non erano una documentazione autentica difatti realmente accaduti, ma un'opera di propaganda.
Riferimenti alle teorie della cospirazione

Activity (6)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 thousand reads
1 hundred reads
Wom Entourage liked this
Speme Polimeni liked this
qayxswedcvfr liked this
Luigi liked this

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->