Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
78Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Manuale compostaggio

Manuale compostaggio

Ratings:

4.63

(8)
|Views: 36,846|Likes:
Published by altraBrescia

More info:

Published by: altraBrescia on Jul 31, 2008
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

04/19/2013

pdf

text

original

 
Testi acuradiFedericoValerioDisegni diAndrea BignoneContattaci:italianostra.genova@libero.it
Sito
:
www.village.it/italianostra
 
Ogni anno, sul pianeta Terra, il 5,5 %della sostanza organica che fa parte delmondo vegetale " muore", per vecchiaia,malattie, per il rinnovo stagionale delmanto fogliare. E' una massa enorme dimateria organica (25 miliardi di tonnellatedi solo carbonio) che purdecomponendosi, più o menovelocemente, non provoca problemid'inquinamento. La conferma è unapasseggiata nel bosco in autunnoinoltrato. Rimescolando il manto di foglie morte si avvertirà un odore gradevole esi scoprirà che man mano che si va in profondità, foglie, rami, resti d'animali edinsetti, perdono progressivamente la loro forma ed i colori originali perciò a pochicentimetri di profondità si troverà solo un terriccio soffice, di colore scuro cheprofuma di "bosco", ricco di
HUMUS
. E' invece esperienza comune che gli scartidi cucina di natura vegetale, messi nel sacchetto della spazzatura, dopo qualchegiorno emettono odori sgradevoli ed è opportuno disfarsene.La differenza di comportamento tra ilsottobosco e la pattumiera è che in realtàil primo è un super organismo vivente: unettaro di suolo fertile, fino ad unaprofondità di 30 centimetri può contenerepiù di sette tonnellate d'esseri viventi,(batteri, funghi, protozoi, alghe,nematodi, anellidi, insetti). Sono proprioloro che fanno la differenza, che alla finedi una lunga e complessa sequenza ditrasformazioni chimiche e biochimiche, dicomplicate catene alimentari, degradanole sostanze organiche in sostanzenutrienti e anidride carbonica etrasformano l'azoto organico eatmosferico in sali d'azoto assimilabili aloro volta dalle piante. Nello stesso tempo una miriade di insetti, lombrichi edaltre creature, rimescolano il terreno in cerca di cibo e così facendo lo rendonosoffice, permeabile all'aria e all'acqua e facilitano l'accumulo di umidità el'assorbimento di sostanze nutritive che sono rilasciate lentamente, assecondando
 
le necessità nutritive delle piante che crescono su questo terreno.L'esempio che abbiamo illustrato è la dimostrazione che, la natura non conosce ilconcetto di rifiuto e nei suoi grandiosi cicli (dell'aria, dell'acqua, della materiavivente) riutilizza tutto. Al contrario la specie umana, in particolare in questiultimi decenni, ha creato un nuovo problema, quello dei
RIFIUTI
, poiché,privilegiando le leggi del mercato e del consumo senza limiti, non ha volutocomprendere ed applicare le leggi della natura.

Activity (78)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 thousand reads
1 hundred reads
Andrea Balestri liked this
xxxrainbowxxx liked this
oljafiore liked this
windua liked this
marcoliveri76 liked this

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->