Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
3Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Liberiamo i dati

Liberiamo i dati

Ratings: (0)|Views: 283 |Likes:
Published by Gianluigi Cogo
Intervista rilasciata a Data Manager: http://www.datamanager.it/news/dati/liberiamo-i-dati
Tutti i diritti, riservati.
Intervista rilasciata a Data Manager: http://www.datamanager.it/news/dati/liberiamo-i-dati
Tutti i diritti, riservati.

More info:

Published by: Gianluigi Cogo on Nov 29, 2010
Copyright:Traditional Copyright: All rights reserved

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF or read online from Scribd
See more
See less

11/29/2010

pdf

 
Liberiamo i Dati!
29/11/2010 | a cura diAntonio Savarese
“I dati non sono della Pa, ma deicittadini, una volta liberati i datiquesti potrebbero essere utilizzatidalle aziende per applicazioni adhoc ”
Finalmente anche in Italia siinizia a parlare di Open Data enascono associazioni o correnti di pensiero a loro favore. Gli
Open Data
implicanoche alcune tipologie di dati siano liberamente accessibili a tutti, senza restrizionidicopyright , brevetti o altre forme di controllo che ne limitino la riproduzione.Chiaramente per liberare i dati è necessaria una pubblica amministrazione che siaparte attiva del processo dando il via a una vera rivoluzione. Forse in Italia terraculturalmente ostileall’innovazione è ancora presto per percorrere questa strada,tuttavia è importante che siano partite iniziative come Datagov. Ne abbiamo parlatocon uno dei fondatori
Gigi CogoQual è la genesi di Datagov?Datagov
nasce dalla consapevolezza comune di alcuni esperti di
eGovernment
checredono sia necessario sopperire a una mancanza di strategia governativa sul temadel Gov 2 o Open Government.Infatti, nonostante gli studi, gli articoli divulgativi, i seminari e le conferenze doveabbiamo dibattuto, disseminato e condiviso il tema e la grande opportunità per ilpaese, ancora non son seguite azioni concrete, a parte sporadiche iniziativespontanee dai territori (vedidati.piemonte.it)
Quali sono i punti del vostro manifesto?
I punti del manifesto sono 10 e spaziano dalla governance partecipata(partecipazione attiva durante l'azione di mandato), a un nuovo modello ditrasparenza basato sulla disponibilità dei dati grezzi.Altre suggestioni sono relative al concetto di beta perpetua, in ordine alla messa on-line di servizi costruiti assieme ai cittadini e vestiti sulle loro esigenze, piuttosto cheal concetto di innovazione permanente in antitesi al "rilascio" di funzioni e servizi.
 
Passando per un nuovo paradigma di informazione che diventi, finalmente,coinvolgimento.
Perchè è importante che i dati siano disponibili e accessibili per tutti?
Primo, perchè sono di proprietà dei cittadini e la PA li deve SOLO gestire e nontrattenere. Secondo perchè sono una risorsa preziosa per le aziende che lipotrebbero sfruttare per costruire applicazioni. Terzo perchè il mercato è più velocedella PA e potrebbe approcciare il paradigma dell'economia immateriale comenuovo modello di sviluppo industriale.
Qual è la situazione nel mondo e cosa accade invece in Italia?
Nel mondo sta succedendo quello che tutti auspicavano. In un momento di crisi delmodello fordista, fondato sulla produzione a prescindere, si stanno liberando i datipubblici accompagnandoli a forme di contest (appsfordemocracyè l'esempio piùinteressante) gestite dai governi che, in questo modo, incentivano l'adozione delmodello "immateriale" e premiano le startup più talentuose e creative.Ovvio che nel mondo testimonial ed advisor di successo come
Tim Berners Lee
o
Vivek Kundra
 , sono una risorsa preziosa ma non credo che da noi sia un problemadi testimonianza o di persuasione, piuttosto è un problema di lungimiranza politica.Ergo il nostro progetto prova a scuotere questa inerzia.
Perchè la politica non crede nell'innovazione?
Ti dirò, ho la fortuna di dialogare con molti politici e molti di loro comprendonomolto e bene l'importanza dell'innovazione e capiscono anche che i modelliindustriali ed economici vanno cambiati. Il problema sono i manager che nel nostropaese, per mediocrità o per mancanza di coraggio, non riescono ad accompagnarel'innovazione con azioni concrete.
 Quali saranno le vostre prossime iniziative?
Dopo aver messo il manifesto a disposizione per gli emendamenti, lo presenteremonella sua formulazione finale all'
IGF
(
Internet Governance Forum
) il 30 novembre aRoma. Poi l'associazione si aprirà ad altri contributi, quindi espliciteremo lamodalità di adesione e poi lanceremo due grandi azioni. La prima il modelloprocedurale e regolamentare per liberare i dati e poi un grande contest perapplicazioni basate sugli Open Data.

Activity (3)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 thousand reads

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->