Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
2Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Solidi Platonici Mosaici e Fiocchi Di Neve

Solidi Platonici Mosaici e Fiocchi Di Neve

Ratings: (0)|Views: 162|Likes:
Published by pigreco
I Solidi Platonici
I Solidi Platonici

More info:

Categories:Topics, Art & Design
Published by: pigreco on Dec 11, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

09/29/2014

pdf

text

original

 
SOLIDI PLATONICI, MOSAICIE FIOCCHI DI NEVE
Simmetrie e Immagine nella ScienzaDocumento realizzato da:
Mauro Carfora e Annalisa Marzuoli
(Dipartimento di Fisica Nucleare e Teorica, Università degli Studi diPavia.)
 
Introduzione
L'idea di considerare forme geometriche con particolari simmetrie comeoggetti fondamentali nella visione del mondo risale agli albori dellaciviltà umana. Spazio e movimento rivestono un'importanza fondamentalenella cultura di tutte le popolazioni primitive, e l'attrazione che hannosempre suscitato decorazioni periodiche e ripetitive di pareti epavimenti è probabilmente legata a meccanismi evolutivi e percettivicomplessi e ancora non ben compresi. E sicuramente alcuni di questimeccanismi giustificano l'interesse che molti di noi, talvoltainconsciamente, provano verso giochi, puzzles e opere d'arte che sibasino su relazioni simmetriche di forme geometriche: chi non ricorda il
Cubo di Rubik
, o le opere diC.M. Escher?Tuttavia, ciò che in questocontesto consideriamo veramente appagante dal punto di vista esteticocoincide spesso col fatto che la simmetria, resa manifesta in una qualcheforma, non è spinta fino alla perfezione. È probabilmente questocontrasto, che inconsciamente motiva il nostro appagamento nell'osservareo un fenomeno fisico o un'opera d'arte. In questo senso il venir menodella simmetria (o, parafrasando il linguaggio della Fisica teorica, la
rottura di una simmetria
) si dimostra cruciale sia nella realizzazione diun'opera d'arte che nella scienza, nella fisica in particolare. Unesempio familiare è costituito dai modelli più o meno simmetrici dellestrutture cristalline. Un esempio più sofisticato è fornitodall'importanza che le rotture di simmetrie (più complicate in realtà diquelle di cui ci occuperemo qui) hanno nella fisica delle particelleelementari e nella comprensione di fenomeni quali il magnetismo, lasuperconduttività, le transizioni di fase. È proprio questa rottura dellasimmetria a rappresentare la dinamica e il cambiamento. In un certo sensoi nostri modelli mentali reagiscono a quello che è un aspetto tipicodelle proprietà termodinamiche di un sistema: la simmetria non èdominante, ma qualche caratteristica alla fine rompe sempre ognisimmetria macroscopica, anche se non necessariamente in maniera caotica.
 
Poligoni e simmetrie del piano
L'essenza del ruolo della simmetria nella Scienza e il fascino visivodell'immagine nelle sue realizzazioni scientifiche, sono ben descrittidal ruolo deipoligoni regolariin connessione con la realizzazione dellesimmetrie rotazionali nel piano. È facile convincersi che le rotazionifinite nel piano sono descritte da rotazioni di un angolo ,con
n
intero. Le figure più semplici che possiedono questo tipo disimmetrie sono i poligoni regolari: il triangolo equilatero, il quadrato,il pentagono, e così via. Il fatto che per ogni esista ungruppo di simmetrie rotazionali del piano implica che per ogniesistano poligoni regolari con
n
lati. Questa è unaproprietà assolutamente non banale della geometria piana, che a noisembra un fatto scontato tanto è pervasiva la sua utilizzazione nellavita quotidiana: non riflettiamo molto sull'aspetto del pavimento checalpestiamo o sul gioco complicato delle tessere di un mosaico. A questolivello la natura profonda della simmetrie geometriche, anche se in fondonon compresa, era forse più apprezzata nell'antichità. È questo un fattomolto probabilmente dovuto al ruolo della filosofia neoplatonica nelRinascimento, o comunque alla profonda considerazione in cui era tenutoil ruolo delle simmetrie del mondo naturale. Un ordine che l'Uomo nonpoteva non rispettare. Per esempio, Leonardo di fatto classificò i gruppifiniti di rotazioni del piano nel tentativo di determinaresistematicamente le possibili piante simmetriche di un edificio inmaniera tale che l'aggiunta di cappelle e nicchie non distruggesse lasimmetria del nucleo centrale.
Alcuni Poligoni Regolari
 
I Solidi Platonici
 
Nell'antichità classica il ruolo della simmetria come principioispiratore nella concezione del mondo fisico veniva accentuato dallararità di figure solide simmetriche analoghe ai poligoni regolari. Mentreinfatti nel piano abbiamo un'infinità numerabile di poligoni regolaricorrispondenti alle rotazioni finite, nello spazio tridimensionale sipossono realizzare soltanto cinque poliedri regolari: il
Cubo
, il
Tetraedro
, l'
Ottaedro
, il
Dodecaedro
, e l'
Isocosaedro
. Questi poliedriregolari sono tradizionalmente chiamati
per il ruolofondamentale che giocano nella cosmogonia elaborata da Platone. In realtànegli
Elementi
di Euclide (libro XIII), si puntualizza che l'attribuzionea Platone della scoperta di questi poliedri regolari è inesatta. Il cubo,la piramide (il tetraedro) e il dodecaedro vengono attribuiti aiPitagorici, mentre la scoperta dell' ottaedro e dell' icosaedro vienefatta risalire a Theaetetus. Di fatto, l'esistenza del cubo, deltetraedro, e dell'ottaedro non sorprende più di tanto data la particolaresemplicità di queste figure. Ben diverso è il caso del dodecaedro edell'icosaedro. Nel bacino culturale greco, la scoperta del dodecaedropuò esser fatta risalire al fatto che nella Magna Grecia (in Sicilia, inparticolare) si rinvenivano con facilità bellissimi cristalli di piritedi questa forma. Si tratta di cristalli quasi perfettamente dodecaedrici,(ma non esattamente: le facce pentagonali dei cristalli di pirite hannosolo 4 lati uguali, come del resto è previsto dalle leggi fisiche dellacristallografia classica). In ogni caso è significativo che oggettiscolpiti in forma di dodecaedro regolare, databili intorno al VIsec.A.C., siano stati rinvenuti in vari siti archeologici italiani.Platone nel suo dialogo,
Timeo
, associa il tetraedro, l'ottaedro, ilcubo, e l'icosaedro rispettivamente a quelli che erano allora ritenuti iquattro elementi fondamentali:
 fuoco
,
aria
,
terra
, e
acqua
. Ildodecaedro, non realizzabile unendo opportunamente triangoli (come inveceavviene per gli altri poliedri citati), veniva invece associatoall'immagine del cosmo intero, realizzando la cosiddetta
quintessenza
.Questa identificazione suggerisce un'immagine di perfezione cheindubbiamente nasce anche dal fatto che il dodecaedro, in volume,approssima più degli altri poliedri regolari la sfera. Un'idea,quest'ultima, già sfruttata da Platone nel dialogo
Fedone
e sviluppatapoi ampiamente nella cosmologia Tolemaico-Aristotelica. È istruttivoriportare alcuni passi dal Timeo; essi rappresentano certamente uno deipiù suggestivi paradigmi dell'immagine nella scienza:
...Assegniamo alla terra la forma cubica: infatti fra i quattro generi laterra è il più immobile e il più plastico dei corpi: ed è assolutamentenecessario che sia risultato così quello che ha ricevuto le basi piùsolide; ma, fra i triangoli postulati da principio, è per natura piùsolida la base formata da lati uguali rispetto a quella formata da latidisuguali. All'acqua attribuiremo invece la forma meno mobile fra lerimanenti, quella più mobile al fuoco, quella intermedia all'aria; e ilcorpo più piccolo al fuoco, il più grande all'acqua, quello intermedioall'aria; e il più acuto al fuoco, il successivo all'aria e il terzoall'acqua. Tutte queste forme occorre pensarle così piccole darisultare invisibili a noi, ognuna di esse in ciascun genere, a causadella loro esiguità; quando invece se ne aggregano molte, la loro massarisulta visibile. Quanto ai rapporti numerici riguardanti la quantità, i movimenti e le altre loro proprietà, il dio li ha realizzati in tutti icasi in modo esatto e li ha armonizzati matematicamente nella misura in

Activity (2)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 thousand reads
1 hundred reads

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->