Welcome to Scribd. Sign in or start your free trial to enjoy unlimited e-books, audiobooks & documents.Find out more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword or section
Like this
9Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
L'Ascolto Attivo_Tesi Di Laurea_ Bertram Niessen_2003

L'Ascolto Attivo_Tesi Di Laurea_ Bertram Niessen_2003

Ratings: (0)|Views: 724|Likes:
Published by Bertram Niessen
Bertram Niessen's 2003 MA thesis “L’ascolto come dimensione attiva. Nuove prospettive nella sociologia della musica” (“Listening as an active practice. New perspectives in sociology of music”). The work is a reflection on social production of the meaning of music and art during the 20th century, with a special focus on the relationships among technology, sound samples and functions.
Text is in Italian and it’s released under Creative Commons.
Bertram Niessen's 2003 MA thesis “L’ascolto come dimensione attiva. Nuove prospettive nella sociologia della musica” (“Listening as an active practice. New perspectives in sociology of music”). The work is a reflection on social production of the meaning of music and art during the 20th century, with a special focus on the relationships among technology, sound samples and functions.
Text is in Italian and it’s released under Creative Commons.

More info:

Published by: Bertram Niessen on Dec 23, 2010
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

06/20/2013

pdf

text

original

 
1
L’ascolto come dimensione attiva
Nuove prospettive della sociologia della musicaTesi di Laurea, Bertram M. Niessen, 2003
Quest'opera è stata rilasciata sotto la licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia. Perleggere una copia della licenza visita il sito web http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/ o spedisci una lettera aCreative Commons, 543 Howard Street, 5th Floor, San Francisco, California, 94105, USA.
 
2
Introduzione
2
1. La Sociologia della Musica di fronte alla figura dell’Ascoltatore
1.1. Gli Idealtipi adorniani dell’ascoltatore 121.2. Una storia dell’ascolto 231.3. Una storia dell’ascoltatore 31
2. L’Ascolto Creativo
2.1. L’opera d’arte e la sua riproducibilità tecnica 392.2. Dub 462.3. Hip-hop 492.4. Techno e House 542.5. Sampledelia 62
 
3. L’Ascolto Architettonico
3.1. Una lettura benjaminiana 683.2. Muzak 713.3. Érik Satie 813.4. John Cage 83
 
3.5. Ambient Music 843.6. Set e setting 92
4. L’Ascolto del Corpo
4.1. Rave e musica del fluire 944.2. Ascolto, droga e danza 1004.3. Sincerità fisica e sincronia sociale: due elementi d’analisi 1064.3.1. Sincerità fisica 1064.3.2. Sincronia sociale 1094.4. Transe ed ethos musicale 112
 
3
Conclusioni
117
Bibliografia
123
 
INTRODUZIONE
 
Da sempre ho investito risorse spirituali ed intellettuali nella passione per la musica.Durante gli anni dell’Università questa passione si è sovrapposta all’interesse per lasociologia. In modo più o meno consapevole, i concerti ed i festival sono stati il campod’indagine ufficioso in cui ho cercato continuamente conferme o smentite a quello cheho studiato nel corso di sociologia della comunicazione. Affrontare la sociologia dellamusica nella mia tesi di laurea era in qualche modo inevitabile.In questo lavoro, mi occupo prevalentemente dell’ascolto di musica elettronica. Laragione principale è che negli ultimi anni ho avuto l’occasione di collezionare alproposito un gran numero di appunti, discussioni e considerazioni sulle pratiche ed irituali collegati a rave, festival e concerti. Inoltre, ritengo che quella elettronica sia unadelle frontiere più stimolanti per quello che riguarda sia la produzione sia la ricezione,perché mette in discussione i concetti di proprietà intellettuale, autenticità e valoreestetico che fino a pochi anni fa sembravano verità ontologiche inconfutabili.All’inizio della tesi, l’argomento d’indagine principale era la microinterazione trapubblico e musicisti nel corso dei concerti. Quello che mi sembrava interessante eracercare di delineare una tassonomia della comunicazione in una forma creativa chesolitamente viene definita impersonale e meccanica. Nei mesi successivi, mentre stavoaffrontando il lavoro preliminare di rassegna della letteratura, è successo qualcosa.Come è noto, non si può affrontare un lavoro sulla sociologia della musica senza averletto il testo seminale della disciplina, “Introduzione alla sociologia della musica” di T.W. Adorno. Durante il corso di Storia del pensiero sociologico, ero stato abbastanzacolpito, analogamente ad altri miei compagni, dalla trattazione (inevitabilmenteframmentaria) del pensiero critico della Scuola di Francoforte. Eppure, la lettura deltesto di Adorno si è rivelata un’esperienza quasi deprimente: nonostante la forza dellamaggior parte delle argomentazioni su scala macrosociale, l’esperienza musicale inquanto tale ne usciva frammentata, ridotta ad una serie di elementi la cui semplicesomma non rendeva giustizia a quella che era un’esperienza così intensa, diversificata e

Activity (9)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 thousand reads
out9639 liked this
nirvanafans liked this
Luca Sulcanese liked this
Toni Heuft liked this
Toni Heuft liked this
Ludwig liked this

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->