Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword or section
Like this
32Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Catari,Templari e Cistercens I- m.sabbadini

Catari,Templari e Cistercens I- m.sabbadini

Ratings: (0)|Views: 1,210|Likes:
Published by Patrizia Puggioni

More info:

Published by: Patrizia Puggioni on Feb 21, 2011
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

08/10/2013

pdf

text

original

 
Maurizio Sabbadini feb 07 Codice Da Vinci: parte 3 “Catari, Templari e Cistercensi” 
1/221
Catari, Templari e Cistercensi
Terza parte di:
Codice Da Vinci... né falso, né verità, piuttosto un’opportunità”
Testo a cura di Maurizio Sabbadini
 
Estratto daML “ Lo specchio :o) | (o: “- anno VII –Lettere 5-10 (feb. – lug. 2007)
Lettere pubblicate suwww.viveremeglio.org 
PDF created with pdfFactory trial versionwww.pdffactory.com
 
Maurizio Sabbadini mag 06 “Codice Da Vinci: un opportunità…” 
2/221
Sommario
GLI SPUNTI DEL “CODICE DA VINCI” SUL TEMA 
..................................................3
 
I TEMPLARI E IL PRIORATO DI SION
...................................................................3
 
L’ORDINE DI SION
..............................................................................................7
 
RENNES LE CHATEAU
......................................................................................12
 
IL TESORO DI BERENGER SAUNIERE
................................................................14
 
I CATARI
..........................................................................................................16
 
CROCIATA CONTRO GLI ALBIGESI
....................................................................17
 
STORIA DELL'ERESIA CATARA 
..........................................................................18
 
IL CATARISMO IN ITALIA 
..................................................................................21
 
LA FINE
...........................................................................................................22
 
LA FILOSOFIA CATARA 
.....................................................................................23
 
MARIA DI MAGDALA E RENNES LE CHATEAU: UN’INTRODUZIONE AL TEMA DEITEMPLARI
.......................................................................................................27
 
I TEMPLARI TRA STORIA E LEGGENDA 
..............................................................33
 
L’ERESIA 
.........................................................................................................34
 
LEGGENDA E VERITA’ CI DICONO CHE I TEMPLARI STIMAVANO L’ISLAM
...........37
 
ERESIA DELL’IDEALE DI CAVALLERIA 
..............................................................39
 
IL POTERE E LA RICCHEZZA DEI TEMPLARI
......................................................40
 
UN PO’ DI STORIA 
.............................................................................................42
 
IL PRIMO PERIODO
..........................................................................................57
 
SAN BERNARDO
...............................................................................................58
 
LE CALUNNIE E IL PROCESSO
...........................................................................59
 
I TEMPLARI – BREVE RIEPILOGO
.....................................................................60
 
I TEMPLARI E IL GOTICO
..................................................................................61
 
CHE SUCCESSE DOPO IL “DIES NEFASTUS” DEL 1307?
.......................................67
 
IL TESORO DEI TEMPLARI
................................................................................68
 
L’EREDITÀ DEI TEMPLARI
................................................................................74
 
I TEMPLARI, GLI ESSENI E LA GNOSI
................................................................78
 
STORIA ESOTERICA DEI TEMPLARI
..................................................................84
 
IL GRANDE SEGRETO
.......................................................................................86
 
SAN BERNARDO, I TEMPLARI E L’ORDINE CISTERCENSE
...................................89
 
“ORDINE CISTERCENSE E TEMPLARI” IL LEGAME SEGRETO
.............................95
 
ORIGINI DELL’ORDINE CISTERCENSE
...............................................................98
 
L’ARCHITETTURA CISTERCENSE
....................................................................103
 
2) L'INFLUENZA DI SAN BERNARDO SULL'ARCHITETTURA CISTERCENSE
........105
 
5) L'ABBAZIA COME ESPRESSIONE DELLA GERUSALEMME CELESTE
...............107
 
LE CATTEDRALI GOTICHE
..............................................................................113
 
LE CATTEDRALI FRANCESI DI NOTRE-DAME
...................................................118
 
L’ARCHITETTURA TEMPLARE
.........................................................................118
 
ROSSLYN CHAPEL
..........................................................................................124
 
CAPPELLA DI SAINTE ROSALINE: RAPPORTO CON RENNES LE CHATEAU
.........125
 
LA CATTEDRALE DI CHARTRES
......................................................................128
 
MANCANZA DELLA SCENA DELLA CROCIFISSIONE
..........................................139
 
 A COSA DOVEVA SERVIRE LA CATTEDRALE DI CHARTRES?
.............................141
 
NOTE DI CHIUSURA 
.......................................................................................144
 
PDF created with pdfFactory trial versionwww.pdffactory.com
 
Maurizio Sabbadini feb 07 Codice Da Vinci: parte 3 “Catari, Templari e Cistercensi” 
3/221
GLI SPUNTI DEL “CODICE DA VINCI” SUL TEMA 
Gli spunti e le circostanze nel libro di Dan Brown inerenti ai Templari e al Priorato Sion sonoinnumerevoli: dal Santo Graal alla cappella di Rosslyn in Scozia, da Temple Church a Rennes leChateau, dai Sinclair a Bernardo di Chiaravalle… eccetera.(Scopriremo più dettagliatamente questi argomenti nella successiva trattazione).Il bello è che, approfondendo ulteriormente, si trovano nella storia e nelle radici di tanteapparenti coincidenze, numerosissimi altri collegamenti, i principali riferiti ai Catari, chealmeno dal punto di vista cultural/spirituale ispirarono certamente Bernardo (che di Templari eCistercensi collaborò a redigere la Regola), ai Templari, e all’ordine dei Cistercensi, di cuiBernardo fu uno dei fondatori e che, quando Templari e Catari furono perseguitati per varieragioni -facenti capo al denominatore comune dell’eresia- dal mondo tradizionalista cristiano,gli diedero asilo nei loro templi e nelle loro chiese.“Le coincidenze sono come isole, se si toglie l’acqua sono tutte collegate”: questo è riscontrabilenella storia, ed è una realtà che ho personalmente riscontrato facendo questa umile ricerca.La storia della spiritualità, ovvero di come l’umanità l’abbia perseguita e recepita, passaattraverso questo periodo di grande risveglio mistico, periodo che nella sua interezza va dal1000 al 1300, e che farà anche da “traino” per il grande Rinascimento successivo.Intorno al 1200 vi fu un fiorire di “sete spirituale”, al punto che le vocazioni furono decine edecine di migliaia: i monasteri fiorivano e non bastavano a contenere tutti i monaci.In quel periodo la popolazione europea era di circa 15 milioni di persone. Almeno l’un per cento della popolazione si avviava alla vita monastica o comunque religiosa;oggi, che l’Europa conta 400 milioni di persona, sarebbero 4 milioni!Fu quindi un movimento di dimensioni enormi.Se pensiamo poi al livello primitivo della comunicazione e ai mezzi informativi dell’epoca,nonché al livello culturale (scolarizzazione praticamente nulla), la cosa è ancora piùsignificativa.Questo risveglio spirituale fu accompagnato, ovviamente, da distorsioni ed errori: come talipossiamo certo considerare le Crociate, non solo quelle verso la terra santa, ma anche quelletremende (più che Crociate potremmo parlare di genocidi e stermini di massa) rivolte alle eresieall’interno dell’Europa stessa, che portarono a carneficine e violenze di portata inimmaginabile.La “vera” conoscenza spirituale era molto vissuta e sentita, ma essendo invisa all’establishment,doveva essere portata aventi in modo nascosto, esoterico quindi, ad evitare la perdita stessadella propria vita.I segni di questo parallelismo (simboli esoterici insieme a simboli fedeli alle dottrine) sono visibili ancora oggi nelle cattedrali gotiche e nell’architettura di allora in genere. Ad esempio i templari, ad una parvenza esteriore diffusa nei ranghi più bassi assolutamenteschierata con la chiesa, accompagnavano, ai ranghi più elevati, una conoscenza delle Veritàspirituali più profonde, che essi appresero anche dai contatti con il ben più evoluto mondospirituale orientale (Buddismo e Induismo) e islamico (Sufismo).Il tema è vastissimo e non si ha neanche la pretesa di sviscerarlo completamente.Scopo di questa ricerca è solo quello di fare un affresco –il più possibile obbiettivo e ordinato-delle prospettive di quel periodo, soprattutto in ottica spirituale.
I TEMPLARI E IL PRIORATO DI SION
(1)E’ il 18 marzo del 1314, a Parigi, quando su una piccola isola del fiume Senna vengono arsi sulrogo l’ultimo Gran Maestro dei Cavalieri Templari Jacques de Molay ed altri dignitari dell’OrdoTempli.Sui Templari sono stati scritti un numero incredibile di libri.Tanti sono i misteri ancora insoluti che avvolgono questo potentissimo Ordine di monaci-guerrieri.
1
Liberamente tratto dal sito:
 
PDF created with pdfFactory trial versionwww.pdffactory.com

Activity (32)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 thousand reads
Claudio Alpaca liked this
palladino80 liked this
Jacopo Coro liked this
targiuseppe liked this
mpdu70 liked this
Gavriel Lovari liked this
Gavriel Lovari liked this

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->