Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
4Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
il BARBARIGO marzo-aprile 2011

il BARBARIGO marzo-aprile 2011

Ratings:

5.0

(1)
|Views: 331 |Likes:
Published by Istituto Barbarigo
Il secondo numero del 2011 del nuovo bimestrale informativo del Collegio Vescovile Barbarigo di Padova
Il secondo numero del 2011 del nuovo bimestrale informativo del Collegio Vescovile Barbarigo di Padova

More info:

Published by: Istituto Barbarigo on Mar 08, 2011
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

05/26/2011

pdf

text

original

 
In questo numero
I Care… una Quaresimaalla Scuola di Don Milani2I “leoni” finanziari delBarbarigo31 e 2 aprile Giornateculturali autogestite3In Norvegia“lavoro piacevole”4Arrivano i podcastsu Sant’Agostino4L’impegno per una scuolabasata sulla persona5Il 24 marzo tutti al teatro 5Serata ampezzana per l’Ensemble Floriana6Speciale Don Floriano 7-9
RAGAZZIRAGAZZIRAGAZZIRAGAZZI D’EUROPAD’EUROPAD’EUROPAD’EUROPA
Visite d’istruzione in Baviera, a Madrid, Viennae Mauthausen, Roma, Trieste, Milano; scambiculturali con la Norvegia (splendidamente riu-scito il soggiorno nordico) e con l’Olanda (ametà marzo); contatti con un prestigioso istitu-to della Carinzia per prossime collaborazioni;apertura al programma europeo Leonardo;incontri legati al circuito Elos: non mancano alBarbarigo opportunità per respirare largo, persentirsi cittadini di una patria grande comel’Europa.Se ancora si discute molto – spesso oziosa-mente o in malafede – sul significato dell’unitàd’Italia, al Barbarigo si punta a far crescereragazze e ragazzi capaci di stare in Europa,attenti alla dimensione internazionale, aperti aorizzonti più ampi del campanile di paese o delproprio naso. E non è scontato! “Perché devostudiare inglese e spagnolo? – chiedeva qualchegiorno fa un ragazzino delle prime classi – Iosono italiano, siamo in Italia!”. A parte il dovereprimario di imparare bene l’italiano (senzamassacrarlo con stilemi da sms o chat…), ènecessario comprendere che la lingua straniera,l’inglese soprattutto, non è solo una “materia”da studiare sui libri: è strumento di comunica-zione, è opportunità d’incontro, è mezzo di“sopravvivenza” quando si è ospiti all’estero…Se c’è un “ahimè” da dire sulla formazionescolastica dei miei anni giovanili, certamenteriguarda la formazione linguistica, tanto che oraci si trova magari capaci di leggere un testo masprovveduti di fronte a una conversazione, unservizio tv, un convegno: ahimè!Per studenti e studentesse di oggi non puòessere così: li vogliamo ragazzi d’Europa! Allavoro allora, tutti insieme, per appropriarsibene delle lingue, magari raggiungendo qualche
(Continua a pagina 2)
Pubblicazione informativa bimestrale del Collegio Vescovile Barbarigo di Padova
IL
BARBARIGO
 
NUMERO 2
SPECIALESPECIALESPECIALESPECIALEDon FlorianoDon FlorianoDon FlorianoDon Florianopp. 7pp. 7pp. 7pp. 7----9999
MARZO-APRILE2011
 
certificazione internazionale; per conosceremeglio la storia e la geografia “viva”dell’Europa, fatta anche di turismo consape-vole, letture appropriate, informazionid’attualità (non solo sui campionati di cal-cio…); per approfondire i valori attraversocui l’Europa si identifica e si costruisce(pace, condivisione democratica, sana laici-tà, progresso economico…), comprenden-do cosa tali valori significano per ciascuno(diritti e doveri); per maturare la capacità difare scelte e prendere iniziative per lo stu-dio e un lavoro futuro in contesto europeoe internazionale. La strada è lunga, bella,affascinante: il Barbarigo è già in cammino!don Cesare ContariniComincia il tempo della Quaresima, chesentiamo anche per la nostra Comunitàdel Barbarigo come un’occasione pre-ziosa di preparazione alla Pasqua. LaQuaresima è anche tempo penitenzialeche ci invita alla conversione del cuore:tutti abbiamo qualcosa che vorremmocambiare e rendere migliore nella nostravita, a partire da noi stessi, dal nostrorapporto con Dio e con i fratelli… an-che nel nostro modo di “stare” a scuolac’è forse qualcosa da migliorare, perchélo “stare” possa diventare “vivere” nontanto “a scuola” ma “la scuola”. Inquest’anno scolastico 2010-2011 al Bar-barigo, siamo tutti impegnati a riscoprireil nostro vero volto, come singoli e co-me comunità. E in questo pensiamopossa esserci di grande aiuto la testimo-nianza di don Lorenzo Milani, pretefiorentino morto nel 1967, con unavicenda biografica e spirituale moltoparticolare, vero uomo di Dio dedito,fino all’ultimo giorno della sua giovanevita, all’avventura stupenda della forma-zione di tanti giovani che, nell’Italia delsecondo dopoguerra, senza di lui sareb-bero stati costretti a rimanere ai marginidella società, perché privi di ogni formadi istruzione. Abbiamo scelto di farciaccompagnare da lui nel nostro itinera-rio di conversione “scolastica”, sicuriche la sua esperienza e i suoi scritti han-no ancora molto da insegnare a tutti:alunni, docenti, genitori e l’intera Comu-nità scolastica intesa, nel suo complesso,come “soggetto educante”. A partiredallo slogan che campeggiava in tutte leaule della sua piccola Scuola di Barbiana:
I CARE
, mi interes-sa, mi prendo cura,mi sta a cuore… unmodo sintetico perdire che non ci puòessere educazione seprima non c’è atten-zione per chi mi viveaccanto o mi vieneaffidato; se mancal’interesse e la
curio-sitas
per ciò che miviene insegnato.Speriamo anche, conqualche classe, dipoter raggiungereBarbiana per ungiorno di scuola unpo’ particolare, così da toccare conmano il metodo straordinario di questopiccolo grande prete educatore.Tutto questo ci verrà ricordato nelleprossime cinque settimane, attraverso ilgrande cartello preparato da alcuni stu-denti, esposto nell’atrio d’ingresso dellanostra scuola; attraverso il “segnalibro”colorato che settimanalmente verràconsegnato a ciascun studente nel qualesarà proposto un passo del Vangelo diogni domenica di Quaresima e una cita-zione degli scritti di don Milani. Aiutan-doci, correggendoci, sostenendoci nelledifficoltà, ci eserciteremo a “prendercicura” l’uno dell’altro e anche di chi èmeno fortunato di noi: così, con i nostri“digiuni quaresimali” sosterremo unprogetto di formazione promosso dainostri missionari
fidei donum
a favore deigiovani della Diocesi di Chiang Mai in
I CARE…I CARE…I CARE…I CARE… UNAUNAUNAUNA QUARESIMAQUARESIMAQUARESIMAQUARESIMA ALLAALLAALLAALLA SCUOLASCUOLASCUOLASCUOLA DIDIDIDI DON LORENZO MILANIDON LORENZO MILANIDON LORENZO MILANIDON LORENZO MILANI
RAGAZZIRAGAZZIRAGAZZIRAGAZZI D’EUROPAD’EUROPAD’EUROPAD’EUROPA
Thailandia, per il quale servono circa5.000 Euro.Siamo certi che, al termine di questocammino, molti scopriranno che il pri-mo a prendersi cura di noi è proprioDio il quale, in Gesù, desidera incon-trarci al pozzo della vita (Samaritana),ridonarci la capacità di vedere la luce(cieco nato), restituirci alla vita(Lazzaro) perché sempre più la nostragioia sia piena, come è avvenuto in tantisecoli per i catecumeni che in questiquaranta giorni si preparavano a riceve-re i sacramenti dell’iniziazione cristiana...Con alcune classi incontreremo ancheloro, immaginariamente, visitando ilBattistero e la Cattedrale della nostraCittà, così da riappropriarci del gustodella nostra fede. E allora sarà davveroPasqua!don Lorenzo Celi - animatore spirituale
Pagina 2
IL
BARBARIGO
QUARESIMAQUARESIMAQUARESIMAQUARESIMA DIDIDIDI SPIRITUALITÀSPIRITUALITÀSPIRITUALITÀSPIRITUALITÀSEGUESEGUESEGUESEGUE DALLADALLADALLADALLA PRIMAPRIMAPRIMAPRIMA
MARZO-APRILE 2011
www.barbarigo.edu
PRIMO PIANO
 
I “LEONI”I “LEONI”I “LEONI”I “LEONI” FINANZIARIFINANZIARIFINANZIARIFINANZIARI DELDELDELDEL BARBARIGOBARBARIGOBARBARIGOBARBARIGO
1111 EEEE 2222 APRILEAPRILEAPRILEAPRILE GIORNATEGIORNATEGIORNATEGIORNATE CULTURALICULTURALICULTURALICULTURALI AUTOGESTITEAUTOGESTITEAUTOGESTITEAUTOGESTITE
Pagina 3
NUMERO 2
 
15 marzo.Sono comunque previsti momenti as-sembleari (distinti per bienni e trienni)con relatori esterni e laboratori misti, anumero programmato, con la conduzio-ne affidata a studenti e/o ospiti che siassumeranno la responsabilità dei tempie degli spazi loro affidati.Ogni studente o gruppo di studenti hapotuto portare proposte e richieste airappresentati d’istituto. È opportunoricordare che le attività e iniziative pro-poste sono riservate, di mattina e dipomeriggio, ai soli studenti del Barbari-go: eventuali ospiti dovranno quindiessere autorizzati dal preside.Come deliberato all'unanimità dal Con-siglio d'Istituto, sono state fissate pervenerdì primo aprile e sabato due delleGiornate culturali autogestite.Destinatari sono tutti gli studenti delleSuperiori. Durante le giornate si osser-veranno gli orari consueti e la presenzasarà obbligatoria; eventuali assenze an-dranno quindi giustificate come prassinei giorni di lezione.Passiamo al programma: il 28 febbraio irappresentanti degli studenti (tra i qualisaranno individuati uno o due coordina-tori) hanno presentato al preside unabozza del programma, che verrà pubbli-cizzato - salvo contrattempi - entro il
STUDENTISTUDENTISTUDENTISTUDENTISTUDENTISTUDENTISTUDENTISTUDENTI
IL
BARBARIGO
acquistare nei momenti più propizi. Oltre aciò, abbiamo attivato alcuni investimenti adalto indice di rischio (Unicredit, Renault,Porsche), ricordando la celeberrima frase diD’Annunzio: “Memento audere semper”. Ilnostro risultato è quindi bipartito: accostan-do fortuna e strategia, siamo riusciti a vince-re. Questo concorso ci ha offerto la possibi-lità di capire l’importanza di saper gestire ildenaro e di collaborare insieme in un giocodi squadra vincente!Per il futuro siamo stati invitati al Meetingnazionale di "Conoscere la Borsa", organiz-zato dalle Casse di risparmio a Cuneo dal 24al 26 marzo. Il programma prevede confe-renze di argomento economico ma an-che visite alla città.Giulio Bertolini, Prima ClassicoFrancesco Fossato, Prima ClassicoMatteo Fusaro, Prima ClassicoGianmaria Viero, Terza Scientificotavia, anche se privi di conoscenze specifi-che nel campo finanziario, l’attenzione al“Ragionamento, caratteristico della forma-zione liceale” ci ha permesso di acquisirequel “modus operandi” indispensabile pervincere.Abbiamo vissuto il nostro primo approcciocon il mondo economico come una sfida,senza perderci d’animo di fronte alle difficol-tà e agli imprevisti, apprendendo utili cono-scenze per acquisire un rapporto responsa-bile con il denaro e fare investimenti validi.La nostra strategia inoltre è stata di anticipa-re le scelte di mercato e di investire neisettori strettamente legati alla vita dellepersone. Infatti, tra i titoli offerti dalla piatta-forma virtuale della Banca, abbiamo investitonel settore automobilistico, tecnologico,bancario e nel mercato del lusso, monito-rando costantemente il loro andamentofinanziario e cercando sempre di vendere e20 gennaio 2011, vento di tramontana, pro-babili nevicate e -5°. Questa è una data me-morabile per il gruppo
H.S.L.
(
Hic SuntLeones
), non certo per le condizioni meteo-rologiche, ma per l’evento che si è svolto.Alle ore 16:30 si è tenuta la premiazione delconcorso “Conoscere la Borsa – 2010”;nella sala conferenze della sede centrale dellaSparkasse (Cassa di Risparmio di Bolzanoper intenderci), sono stati premiati i primicinque gruppi universitari e delle scuolesuperiori; noi, il gruppo H.S.L, ci siamo classi-ficati primi nella seconda categoria.La cerimonia è stata aperta e presieduta dalpresidente Norbert Plattner, che ha ancheascoltato le presentazioni dei vari gruppi.Arrivato il nostro turno, naturalmente emo-zionati, ci siamo presentati e l’esposizionedella nostre strategie di mercato ha riscossoun notevole successo.Questo grande risultato ci ha permesso diessere conosciuti nel Triveneto - e non solo- come alunni dell’istituto Barbarigo di Pado-va, grazie ad alcune testate giornalistiche eanche a un’intervista televisiva rilasciata dalnostro capogruppo Matteo Fusaro.Terminata la premiazione, abbiamo presoparte ad un ricco simposio festeggiandoquesto evento per noi importante.
Ed ecco come è nata la nostra parteci-pazione al concorso
!Verso la fine di settembre uno di noi, casual-mente, ha trovato un
dépliant 
informativoriguardante un concorso, basato sulla com-pravendita di azioni, con un patrimonioiniziale di 50.000 euro virtuali: insomma illavoro di un
broker 
!Da principio è stato arduo guadagnare tut-
www.barbarigo.edu
SCUOLA

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->