Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
9Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
L'Arte Della Cura - Seminario Di Michio Kushi - Roma - Novembre 1975

L'Arte Della Cura - Seminario Di Michio Kushi - Roma - Novembre 1975

Ratings: (0)|Views: 1,779|Likes:
Published by Severian7791sams
Un seminario di più giorni, tenuto da Michio Kushi a Roma nel 1975. Una rarità, con un'infinità di informazioni interessanti. Un approfondimento di molti aspetti della macrobiotica di cui spesso non si parla.
Un seminario di più giorni, tenuto da Michio Kushi a Roma nel 1975. Una rarità, con un'infinità di informazioni interessanti. Un approfondimento di molti aspetti della macrobiotica di cui spesso non si parla.

More info:

Published by: Severian7791sams on Apr 05, 2011
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

08/28/2013

pdf

text

original

 
L'ARTE
DELLA
CURA
I'arte
della
cura
seminario
tenuto
da
michio
kushi
nel
novembre
1975
a
roma
Daquando
il
maestro
Ohsawa
ha iniziato
a
dif-fondere
la
macrobioticanel mondo
sonopassatior-
mai
30-40
anni,
equando
io,
circa
20
annifa, iniziaia diffonderla
in
Americacon
mia
moglie,
non
c'era
ancora
nessuno
che
la
praticava.
Adesso
in
America
ci
sono
molti
macrobiotici;è sorto
anche
un
movi-
mento
dicibi
organici.
Entro
breve
tempo
in
America
una
persona
su
cinque
soffrirà
di
cancro,due
sucinque
di
malattie
di
cuore, e
una
su
dieci
di
malattie
mentali;
aumen-
tano
inoltre
le
malattie
comediabete,
asma e
artrite.
Ma non
si
tratta
solo
di
malattie fisiche:
anche
quel-
le
psichichegravano
sulla
società.
Otto
matrimoni
su
dieci
si
scioglieranno
ed
il
sistema scolastico
e
quello
socialesaranno
scossi.
I
problemi
continue-
ranno
adaumentare
(non
solo
in
America ma
in
tut-
ti
i
paesi
civilizzati)
ed aumentano
le difficoltà e
le
preoccupazioni.Bisogna
quindi
pensare
a
come crea-
re una società
migliore
e
un uomomigliore.
Bisogna
trovare
di
nuovo
un
metodo,
un
principio
univer-
sale,
scoprireda
doveveniamoe dove andiamo.Qualèquesto
principio,
questa
legge,
quest'or'di-
ne
dell'Universo?
E
cosa
sono
la
nostra
libertà,
la
nostra
felicità
e
la
nostra
vita?
Dopo
esserciimpa-
droniti
del
frutto
proibitonel
Paradiso
Terrestre
inizio
per
noi
il
peiiodo
del
Paradiso
perduto;
maadesso,
dopo molte
migliaia
di
anni,
ci
stiamo
muo-vendo verso
il
punto
di
riposo,
in
cui
possiamo
rac-
cogliere
il
frutto
della
vita
per
raggiungere
la
fe-
licita.
Questo
frutto
è stato
conservato
quasi
segre-
(Michio
chiamauna signora che
noffilceTTfri
#*o
lo
e
le
chiede
quanti
anni
ha.
La
signora
risponde
che ne
ha
trentasette.
Michio
dice
che
potrebbe
es-
tamente
attraverso
i
secoli
nei
paesi
stranieri,
come
un
principio
che
avrebbedovutoguidare
tutta
I'uma-
nità.
L'antica
filosofiaorientale,
l'anticomodo
divedere
la
víta
eranobasati
suquesto
principio
uni-
versale,
che
sta
all'origine
dello
scintoismo,
del
taoi-
smo,
del
confucianesimo,
della
filosofia
vedanta
e
anche
delgiudaismo
e
del
cristianesimo.
In
questi
tre
giorni
di
seminario
vorrei
che
ca-
piste
la
chiave
per poter
risolvere
da
soli tutte
le
vcstre difficoltà.
Questometodo
vi
permette
difarloda
solie
di
ristabilire
da
soli la
vostra
salute
e
la
vcstra felicità,
comunicandole
allealtre
persone.
Provate
a
piegare
le
dita
della mano
a
90gradi.-l*sere
suopadre,
n14_pheJa
suama4q
è
come
quella
dt
sua
nonna).
---F
non-rìuscite
a
piegare
le
dita è
causa dellamancanza
di
flessibilità
e
della
durezza
dei
muscoli.
Un'altra
prova
è
cercare
di
afferrarsi
I'orecchio
de-
r"--u,
stro
con
^la
manodestra
passando
dietro
la
testa.
*t'
Se
non
ci
riuscite
avetetroDDo srasso
nei
muscoli.
La
clrcolazlone del
sangue
nella testa non
e
buona:
potete
essere
molto
brillanti,
ma
in
realtà
non
usate
il
cervello
al
massimo delle
sue
possibilità.
I
bam-
bini
piccoli
invece, come
sapete,
sono
molto
fles-
sibili
e
possono
ricevere
e
apprendere
molte
cose.
Vedo
quindi
chealcuni
amici
sonopoco
sensi-
bili
efisicamente
rigidi;
per
questohannopoca
sen-
sibilitàe
flessibilità
anche
nella
mente
enello
spi-
rito.
In
tal
caso
si
considerano
le
cose
in
maniera
ristretta
e
rigida
e
si
diventa
intransigenti,
rifiutan-
dole
onon riuscendo
adaccettarle.
In
queste condi-
zioni
una
vita
felicenon è
possibile.
Consideriamopri,ma
di
tutto
le
stelle,
le
cos'tel-
lazioni,la
via
lattea
e
il
sistema solare,
e
guardiamo
i
fiori,
gli
alberi e ogni
cosa
che cresce:
anchenoi
stessi.Se osserviamo
le
nostre
dita
vediamo
delle
F-
 
II
sp.ir1li.
Anchg.
i
capelli
sulla
nucaformanouna
spi-
rale!
le
costellazioni
seguono
un
movimento
a
spiia-
le;
i
fiori
crescono
secondo
una
spirale,
e
la
crescita
dell'embrione
avvienesecondo
una
spirale.
Tuttoil
corpo
segue
la
legge
dellaspirale,per
cui
ogni
cosa
che
cresce
ed
è
in
movimento
segue
questi
forma.Quando
le
spirali
del nostrocorpo"si
dissolvono
sia-
mo
vicini
alla
morte.Tut'te
lespirali
seguono
due
forze:la
forza
cen-
trifuga
e
la
forzacentripeta,
la
forza
di
espansione
e
la
forza
di
contrazione.
Queste
due forze
iono
dette
rispettivarnente
yin
(centrifuga)
e
yang
(centripeta).Ne,ll'universo
ogni
cosa
e
ogni
peisona
ha
una
c-ostituzione
a
spirale
cd
ò.
perciò
soggetta
a
questedue
fnrze.
Nessunostuggea
questo
prìncipioe,tichto
aggiunge
scherzosatneî7teineppure-
il
pctpa).
euesto
principio
si
ritrova
nellaBibbia,
nelprimo
libro
della
Genesi,
quando
si
dice:
.
In
princiÈioDio
creò
il
cielo
e
la
terra
".
Il
cielo
e
il
simbolodella
forza
centrifuga,
la
terra
della forza
centripeta.
Analoga-
mente
in
India
si
diceche
Brahman
e
I'infinitc.
Brah-
man
è
la
totalità, e
da
lui
hanno
origine
Siva
eVi-
snu:
Siva
e
yang,
Visnuè
yin.
Anche
in
Giappone
ci
sonodue
entità,
unayange una
yin.
In
Cina
que-
sto
principio
è chiamato
yin
e
yang,
e
anche
noi
lcl
chiamiamo
cclsì.Se
pero
trovaté
in
italiano
due
pa-
role
piir
adatte,
usate
quelle.
Non
c'è bisogno
di
uìa-
re
i
terminiyin
eyang,
Siva
e
Visnu
se
si
puòdire
la
stessa
cosa
in
un
altro
modo
piir
semplice nella
propria
lingua.
Cerchiamo
adesso
di
scoprire
I'origine
della
no-
stravita. Noi
abbiamounamente
e
un corpo,
che
de-
rivanodal
mondo
vegetale
perchémangiamo
vegeta-
li.
Quando
ci
si
nute
di
vegetali,
i
vegetali diventano
il
nostro
sangue,
noi
stessi.
Il
che
Àignifica
che
al-
cuni
di
voi
possono
essere
unapatata
e
altri
un
po-
modoro.
A
sua
volta
il
regnovegetale
derivada
ciò
di
cui
esso
si
nutre;
la
terra,
I'aòqua
e
l'aria;
cioè
deriva
dal
mondo
degli
elementi,come
il
carbonio,I'ossigeno,
I'idrogeno,
I'azotoe
molti
altri.
Il
mondcr
deglielementideriva
dal
mondo
pre-atomico,
cioè
dai
protoni,daglielettroni
e
da
àltre
particelle,
e
il
mondo pre-atomicoderiva
dallevibrazionie
dal-
le
onde.
Questeenergie
e
queste
ondehanno
la
loro
ori-gine
in
due
differenti
forze,
senza
la cui
mairifesta-zione
nonpuòaversialcunmoto,alcun
movimen'to.
Queste
due forze
opposte
costituiscono
il
mondo
della
polarità,
il
mondodello
yin
e dello
yang.
Essi
sono
simili
a
duebraccia
di
Dio,
e
appartengono
a
un
scloinfinito.
In
altre
parole
noi
provè=niam,o
'dall'infinito,
che
attraverso
la
îorza
cèntrifuga
e
quella
centripeta
ci
materializza.Atlraverso
questa
materializzazione
voi
sieteapparsi
dall'infinito,
e
dcl-
po
la
morte
percorrete
il
viàggio
in
sensoinverso,
ritornandoattraversolo
stadio
vegetale,
gli
elementi,
il
ple-atomico,
le
vibrazioni,
l'eÀergia,
-la
polarità,
e infine
all'unità.
Cioè
tornerete
al
mondo
ipiritua-
le.La
vita
non
è
altro
che
unatransizione
dàl
mon-
do
dell'infinito
al
mondodell'infinitesimale,
e
quin-
di
dall'infinitesimaleall'infinito.
Con
il
materializzarsi
si
contengono
in
tuttigli
elementi,e
col
dissolversi
gli
elàmenti
si
dissol-
vonoe
si
ritornà
al
mondo
spirituale.primasi
rice-ve,
poisi
rende.Perciò,
se
si
-desideraessere
in
buo-
na
salute,
si
deve
prendere
in
modogiusto,
ma
so-
p.rattutto
bisogna
dare
in
modo
giustó.Questo
alternarsi
di
prendere
edare
è la
vita
di
cgnigiorno.
Se
volete
essere
eternamente
felici,
do-
vete
dare,dare,dare
sempre
perchéquesto
è
l'ordine
dell'universo.
n
Un
grano,
diecimila-
grani
o.Se
ri-
cevete
un
grano,dovete
restituirne
diecimila.
euesta
è
lavia
di
Dio,
la
via
per
raggiungere
la
felicità.
Noi,
però,
di
solito
prendiamo
ienzi
restituire,
oppure
tratteniamo
e
restituiamo
nel
modo
sbagliato.
Prendiamo
ad
esempio
la
persona.
e
J
la
perso-
naB.Ogni
cosa
in
questomondorappresenta
la for-
za yang
o
la
îorza
yin;
alcunesono
pìu
yange
alcu-
ne
piu
yin,
alcunestanno
perdiventarè pàrte
del-
l'umanità
e
altre
stanno
pei
tornare
al
mondo spiri-tuale.
Perquesto
la
materia
è
molto
importante
per
la
persona
A,mentre
la
persona
B
nonha
molto'si-
gnificato
ed e
piu
importante
lo
spirito.
._
Alcune
persone
pcr
il
loro
attaccamento
al
pro-
fitto
e
al
guadagno
sonopronte
atradire
I'amióizia
e
I'amore,
mentre
altre
per
la loro
bontà
o
per
il
loro
sviluppospirituale
amano
abbandonare
gli
in-
teressi
materiali.
Quandoduepersone
di
questo
ge-
nere
si
incontrano,ognuna
pensa
di
avere
ragione.
Questa
è
scltanto
mancanza
di
comprensione-dello
ordine
dell'universo.
Tuttc
e
due
le
posizioni,
dal-
I'infinito
all'infinitesimale
(A)
e
dal['infinitesimale
all'in-finito
(B),
pqr
nella
loro
diversità
appartengo-
no
allo
stesso
ordinee
seguono
la
stessa
uia
anchese
in
fasi
diverSe.
TantoAquantoB
si
ritengono
nel
giusto
giudicandosbagliatc
le
posizioni
dè,ll'altro,
ma
nonostantc
qllcsto
seglron()
entrambi
la
stessa
d
irezionc.
Voi
sicte
la vita
chc
viene
dall'Infìnito,e
attra-vcrso
l'infìnitesimale
ritornaall'Infinito.
Essere ric-
chi
o
poveri,ammalati
o
sani non
ha
impor,tanza.
h
quc'stosenso
ognuno
è
unacreatura
del
regno
dei
cieli,
ognuno
e
fratello
<-r
sorella
in
questa
gran-
de
famiglia.
Come
pcrssiamo
ottenere
la
salute
e
la
felicità,
e
 
comepossiamo
comba,ttere
la
malattia
e
la
soffe-renza?
Abbiamovisto
che
tutti
veniamo
dall'infinito,viviamo
nell'infinitoe
torneremo
nell'infini'to.
L'in-
finito
po,ssiede
due
forze,
loyin
e
lo
yang,
perciò
tutti
gli
esseri
umani,
tutti
i
problemi
dell'umanità,
-
tutti
i
problemi
sociali,mentali,
spirituali,
sono
go-
'vernati
da
queste
due forze
antagoniste
e
comp-le-
mentari.
Norliamoche
nel mondo
alcune
cose
sono
gover-
nate
r.lalla
forzacentrifuga
e
altre
dalla forzacentri-peta.
Attraverso
I'equilibrioe
I'alternarsi
di
questedue
forze
avvengono
tutti i
fenomeni.
Così
alcuni
fe-
nomeni
rappresentano
la
forza
yang
o
di
contrazio-ne, e
altri
la.îorza
yino
di
espansione.
Potrete
chia-
mare
una
la
forza
che
va
dal
Cielo verso
la
Terra,
e
l'altra
la
îorza
va
dallaTerra
verso
il
Cielo.
Fra
di
noi
alcuni
hanno maggioricaratteristiche
della
forza
yang,'altri
della forza
yin.
Quando-
la
terra
gira,
la
forzacentrifuga
si
svi-
luppa
dipiù
lungo
I'equatore
mentrela forzacentri-
peta
è
rnaggior,'e
ai
poli.
Quindi
seguardiamo
dal
nord la
forzacentrifuga va
dal
centro
verso
la
peri-
feria,e
la
torzacentripeta
dallaperiferia
verso
il
centro.
Essendo
la
tema
mclto
grande,
le
forze
del
cielo
provengono
dalpolo
contraendosi,
e
la
terra
si
espande.
Adesso,
poiché
la terraruota,
in
che
dire-zione
va
la
îorza
cen'trifuga? Verso
A
o
verso
B?
La
forzacentrifuga
va
verso
B,
cioè verso
destra.
La
forzadella
terra
segue
una
spira,leche
va
dal
centro
alla
periferia
(cioèversodestra,
in
senso
orario),
m,entre
la
forzadelcielo
segue
unaspirale
che
va
dall'esterno
verso
l'interno
(in
senso antiorario).
(ledi
esperimento
delpendolinonello
"
Sviluppo
Spirituale
").
Comeavete
visto
con
l'esperimento
delpendolino
I'uomo
rappresenta
la forzi
delcieloe
la-donna
la
forzadellaterra.
Quando
I'uomo
e
la
donna
si
pren-
dono
per
mano,
la
forza
di
espansione
e
que[ladicontrazione
si
bilanciano
e
si
stabilisce
I'equilibrio,
la
pace.Questo
è
ciò
che
noi
chiamiamo
sèsso.
La
ragionedell'attrazione
uo,mo-donna
è
che
la
forzadel
Cielo
edella Terra,
la
forza
yin
eyang,
cercano
di
equilibrarsi;
non
c'è
attrazione
perché
si
tratta
diJohn
e
Mury,ma
perché
John
e
Mary
sono
rispetti-vamente
la
manifestazione
della forza
del
Cielo
e
dellaTerra.Ora
potetecapire
anche
la
struttura
dell'uomo
e
delladonnae
il
loro
caratte,re.
L'uomo
riceve
questaforza
al
centro della
testa,
sulla nuca,
dove
i
capelliformano
unaspiralè.
Ognu-
no
di
noi
haquesta
spirale;alcuni
ne hannoper:iino
due.
La forzadel cieloentra
attraverso
queita
spi-
rale
e
passa
nel
cervelletto,
e
diquial
sàngue.
Dalsangue
va
ai milioni
di
cellule.
U
servello
è
cLiJlSg-
1rr-jygrfi,
una
piir
estesa
e
rnr
cer-
velÌo ecervelletto.
Il
centro
del cervelloè
il
centro
della
ricezione
di
questeforzee
dell'intera
testa.
Le
forzedelcielo
scendono
poi
verso
la
terra,
e
piùr
inbasso
abbiamo I'ugola.L'ugola
è
un'altro
pòlo
di
questaforza,qualcosa
di
simile alpolonord
èal
po-
lo
sud. Da
la
forza
si
tras'mette
alla
lingua. La[in-gua
e
la
bocca
vibrano,e
queste
vibrazioni
sono
le
parole
e
il
respiro.Nel
puntoal
centrodel
cervello,
che è
molto
compatto,
le
vibrazioni
sono
di
frequen-
za
molto
alta.
Piir'in
basso
vi
sono
le
corde
vocali,
che
vibrano
in
maniera
ritmica.
Ancora
piir
in
basso
si
trova
il
cuore,che
batte ritmicarnenle.
I
medici
dicono
che
la
causa
delle
sue
vibrazioni
sono
i
mu-
scolicardiaci,
maquestonon
spiega
perché
i
musco-r,
fi
n
li
cardiacivibrino.
La
causa
dellepulsazionista
in#
Vl:::l-t;r
:"tle
forze
del
cielo
e
della'
terra
che
si
inf
,f
I
contrano.
Piùin
basso
si
trova
la regione
dello
stomaco,
piir
influenzat'a
dallaforza
delli
terra.
Vi
si
trovanó
il
fegato,
i
reni
e
il
pancreasche
permettono
al
corpo
di
compiere
le
sue
funzioni.
Anche
questi
organi
si
muovono
secondo
un certo
ritmo.
Le forze terrestri
si
concentrano
piùin
basso,
al
centro
dell'addome.
Mentre
il
centrodelleforzedella
testa
e
il
cervello,
,
il
centro
delle forze
del
corpo
è
o
hara
,,
come
è
,f
chiamatodagli
orientali
il
centro
dell'addome.Hara
/
si trova
due
dita
sotto l'ombelico.
Le
forzedel
cielof
si
incontranocon
le
forzedella
terra
noco
oiùr
inf n
basso.
Nel
caso
dell'uomo
la
forza
del
ciàlo
è
ancorJ
u/forte,
e
così
si
formaun'altra
specie
di
ugola
(ilil
L
pene).
,f
Nella
donna,la
forzadel
ciel.o scendeueualmen-
I
te
dalla
testa,
attraversaI'ugola,
e
siinconira
all'al-
I
tezzadel
cuorecon
le
forze
dellaterra.
niùr
notenti
l.
che
nell'uomo,formando
grosse
spirali.'ie
forze
del,$
cielo
scendono
poifino
a
hara
e
lì,incontrandosi
con
J
la forzadellaterra,
creano
le
ovaie.
Nella
donna
pe-
I
leforzedel cielo
sonomeno
forti
che
nell'uoào,l
e
la
seconda
ugola
della
donna
è molto
piccola
(la
I
clitoride). Le
forze
terrestri,
che
invecesono
molto
forti,
creano
un
incavo
dal
basso
che
corrisponde
alla
vagina
e
all'urtero.

Activity (9)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 thousand reads
luz_1 liked this
sorry0761 liked this
samurai1060 liked this
salvo_50 liked this

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->