Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
MilanoCittàAperta - Issue#6 - Winter/2011

MilanoCittàAperta - Issue#6 - Winter/2011

Ratings: (0)|Views: 529|Likes:
L'Università come spazio di lavoro e di vita quotidiana, come opportunità di riqualificazione delle periferie, come luogo d'incontro multietnico, come territorio di mediazione tra città e campagna, come occasione di studio dell'Umano, come tappa lungo il cammino della formazione personale. Questo numero di miciap vi propone sei servizi per parlare della nostra città, dei giovani che qui studiano e del loro rapporto con il sistema pubblico del sapere. Per provare a cambiare, oltre che per capire.

http://www.miciap.com/index.php?nissue=6&index=1
L'Università come spazio di lavoro e di vita quotidiana, come opportunità di riqualificazione delle periferie, come luogo d'incontro multietnico, come territorio di mediazione tra città e campagna, come occasione di studio dell'Umano, come tappa lungo il cammino della formazione personale. Questo numero di miciap vi propone sei servizi per parlare della nostra città, dei giovani che qui studiano e del loro rapporto con il sistema pubblico del sapere. Per provare a cambiare, oltre che per capire.

http://www.miciap.com/index.php?nissue=6&index=1

More info:

Published by: Milano Città Aperta on May 16, 2011
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

05/16/2011

pdf

text

original

 
PAESAGGIO UNIVERSITARIOIL RACCONTO DI UN LUOGOUNIVER CITYINNERES AUGELUOGHI INATTESIINTERNI
 
Le università italiane sono le più antiche del mondo. Ma sarebbe più giusto dire le più vecchie. Pochi giorni fa, coerentemente con la sua visione della società, il ministrodell’Economia ha dichiarato: “la cultura non si mangia”. Ha ragione: chi vuole studiare eanche mangiare, in questo paese, deve fuggire all’estero. Altrimenti, può lottare. Saliresui tetti, affrontare i manganelli, occupare le facoltà. Con la consapevolezza che domanila situazione non sarà cambiata.Come sappiamo, il sistema universitario italiano è in agonia. Al suo interno peròesistono e resistono forze che, nonostante la sistematica repressione (economica,culturale e in certi casi anche fisica) cui sono sottoposti da decenni, riescono a farsisentire.Prova ne è, ad esempio, il lavoro di ricerca che qui viene presentato.Il Dipartimento di Architettura e Pianificazione del Politecnico di Milano, in collaborazionecon AIM (Associazione Interessi Metropolitani), ha realizzato una ricerca sul sistemauniversitario milanese e sul suo impatto sulla città dal punto di vista sociale, urbanoe culturale. Ne è nata la pubblicazione Milano, la città degli studi. Storia, geografia epolitiche delle università milanesi” che raccoglie alcuni dei lavori fotografici pubblicati inquesto numero, realizzati da membri della nostra redazione.L’Università come spazio di lavoro e di vita quotidiana, come opportunità diriqualificazione delle periferie, come luogo d’incontro multietnico, come territorio dimediazione tra città e campagna, come occasione di studio dell’Umano, come tappalungo il cammino della formazione personale.Questo numero di miciap vi propone sei servizi per parlare della nostra città, dei giovaniche qui studiano e del loro rapporto con il sistema pubblico del sapere.Per provare a cambiare, oltre che per capire.
NiccolòdeMojana
SPAZIIDENTITÀSQUARCI
 
PAESAGGIO UNIVERSITARIO
Daniele Pennati
L’impatto degli insediamenti universitari all’interno deiquartieri periferici milanesi e la loro reciproca influenzaestetica e strutturale.
Questo lavoro fotografico indaga, attraverso il linguaggiodella fotografia di paesaggio contemporanea, l’impattoche gli insediamenti universitari del Politecnico diMilano, dell’Università IULM e dell’Università degli StudiMilano-Bicocca hanno avuto sui quartieri periferici in cuisi sono insediati. Queste zone della città storicamenteindustriali e in forte crisi d’identità hanno visto mutare illoro paesaggio e attivarsi timidi processi di rinnovamentogenerati dalla nuova e importante funzione ospitata. Alla ricerca delle tracce di una possibile relazione trauniversità e quartiere, il progetto fotografico si componedi due racconti paralleli ma allo stesso tempo intrecciati.Ogni dittico propone, infatti, al contempo il racconto delpaesaggio urbano (fotografia in alto) e di quello universitario(fotografia in basso). La relazione tra i paesaggi urbanie gli interni universitari è così costruita attraverso unacomposizione fotografica attenta a guidare l’osservatoreda un’immagine all’altra in un rimando di forme,contrasti, colori e dettagli che evidenziano processi dicontaminazione o contrapposizione tra questi luoghi ancorain divenire. Una relazione che si evidenzia, quindi, in primoluogo come puramente estetica e artificiosa, costruitadalla mano del fotografo, ma che a una lettura lenta lasciaemergere i germi di un legame reale e in fieri.
Università degli Studidi Milano-Bicocca,Quartiere Bicocca.

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->