Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
7Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Riassunto Integrale Decameron Giovanni Boccaccio

Riassunto Integrale Decameron Giovanni Boccaccio

Ratings: (0)|Views: 2,332 |Likes:
Published by Nicole Perronet

More info:

Published by: Nicole Perronet on May 27, 2011
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as ODT, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

03/23/2013

pdf

text

original

 
Giovanni Boccaccio
DECAMERON
RIASSUNTO
integrale
PRIMA GIORNATA
INTRODUZIONE
L’opera si apre con la descrizione della tragica situazione di Firenzeoppressa dalla peste. I morti per le strade, i lamenti, le urla, l’aria pesanterendevano la vita in città una continua sofferenza. Per questo motivo settenobili ragazze (Pampinea, Neifile, Filomena, Fiammetta, Emilia, Lauretta edElissa) seguendo la proposta di Pampinea, decidono di fuggire dalla città erifugiarsi in una villa in campagna dove pensano di trovare allegria e discampare alla peste. Coinvolgono in questa impresa anche tre giovani nobiliFilostrato, Panfilo e Dioneo. Coil giorno dopo giungono in questabellissima casa con i loro servi e stabiliscono che ogni giorno venga elettoun re o una regina che gestirà a suo piacere la giornata. La prima regina èPampinea che dopo aver dato disposizioni ai servi e agli amici decide chealla stessa ora per dieci giorni ognuno racconti una novella che dovràseguire l’argomento proposto dal re o dalla regina della giornata. Il temadella prima è vario ed li primo ad incominciare è Panfilo.
PRIMA NOVELLA (PANFILO)
 
Il protagonista di questa novella, Ser Ciappelletto, è descritto da Boccacciocome “il peggior uomo che mai nascesse”. Egli è un falsario pronto adutilizzare tutti i suoi mezzi per contorcere la realtà, un abile bugiardo e unospietato disseminatore di litigi e contrasti all’interno di parenti e amici;assassino, bestemmiatore, traditore della Chiesa e della religione (chenaturalmente non segue), ladro, ruffiano nei confronti di uomini e donne è,oltretutto, un accanito bevitore di vino: un uomo, quindi, non estraneo alpeccato.Egli viene assunto da Musciatto Franzesi per la gestione dei suoiintricati affari sparsi in innumerevoli regioni. Durante il suo viaggio, trovaaccoglienza in casa di due fratelli usurai e qui è vittima di un malore. I dueproprietari sono timorosi delle ripercussioni che la diffusione della notiziadella morte di un personaggio simile nella loro abitazione senza l’estremaunzione avrebbe comportato. Il loro dialogo, però, non sfugge a SerCiappelletto, che rassicura i suoi ospiti garantendo loro nessunapreoccupazione futura. Per questo, fa venire il più “santo” tra i parrochi, peruna sua prima ed ultima confessione. Durante la visita del prete,Ciappelletto gli fa credere di essere un uomo perfetto, che non abbia maicommesso un peccato, quasi un santo. Il frate, stupito da una similepurezza, dopo la morte dell’uomo, raccoglie tutti i suoi fratelli in riunionecon il solo obiettivo di lodare il defunto. Al funerale partecipa un grannumero di persone che, convinte che ciò che è stato detto riguardo il mortosia del tutto vero, adorano la sua salma proprio come se si trattasse di unindividuo degno di essere beatificato ed adorato.
SECONDA NOVELLA (NEIFILE)
La vicenda ha per protagonisti due mercanti: Giannotto, cristiano e Abraam,ebreo. I due nonostante la differenza di religione sono legati da unaprofonda amicizia. Giannotto insiste a lungo con l'amico per convincerlo aconvertirsi al cristianesimo, ma questo, anche se attratto dalle motivazionidategli, rimane fedele alla sua religione fino a che un giorno comunica alcristiano che stava per compiere un viaggio a Roma per vedere da vicino lostile di vita del Papa e del clero e che se ne fosse rimasto colpito si sarebbefatto battezzare. Giannotto è ormai convinto che vedendo il comportamentovergognoso del clero Abraam si convinca per sempre a non accettare la suareligione. Infatti Abraam si accorge da subito della vita peccaminosa deichierici e quando torna da Giannotto questo ha ormai perso la speranzanella conversione dell'amico. A sorpresa Abraam gli annuncia invece chenessuno potrà ostacolargli il battesimo perché proprio durante il proprioviaggio si è accorto che lo Spirito Santo è con il Cristianesimo e connessuna altra religione, perché, pensa, solo in questo modo avrebbe potutosopravvivere in mezzo a tanto peccato e ad accrescere di giorno in giorno ilnumero dei fedeli, nonostante coloro che hanno il compito di guidare ilgregge facciano di tutto per disperderlo.
 
TERZA NOVELLA (FILOMENA)
Questa novella, narra che Saladino, sultano d'Egitto e di Siria, era moltoricco, potente e saggio ma ultimamente, stava affrontando una carenzaeconomica. Siccome Saladino era una persona molto avara, cercò dirivolgersi all'ebreo Melchisedech con l'astuzia affinché riuscisse ad ottenereciò che voleva con una parvenza di giustizia. Così fece venire Melchisedechche era un usuraio di Alessandria, e gli domandò quale tra la religionegiudaica, quella saracena e la cristiana, secondo lui fosse quella vera.Melchisedech però, oltre ad essere un fedele dell'ebraismo, era anche moltoastuto e casubito che con una sua risposta poteva andare contro ilsultano. A questo punto l'usuraio, siccome doveva per forza dare unarisposta, gli raccontò una novelletta che esprimeva un paragone. Infattiquesta novelletta raccontava che un uomo ricco possedeva una pietrapreziosa e che alla sua morte la doveva dare in eredità a un figlio chedoveva essere molto fedele e responsabile. Questa pietra preziosa futramandata per molte generazioni fino a quando, un discendente nonsapeva a chi dei tre figli dare la pietra preziosa, poiché erano tutti e tremeritevoli dell'eredità. Cofece rifare due copie perfette della pietraautentica da un abile orefice. Alla sua morte, ognuno dei tre figli ricevetteun anello e lo prese per vero, ma non si poté scoprire mai quali dei tre figliavesse ricevuto la pietra autentica. Tutta questa novella servì per far capireal sovrano che come l'eredità dell'uomo ricco era toccata a chissà chi fra itre figli, ancora oggi non si poteva sapere quale, tra le tre religioniprevalenti, fosse quella autentica. Questa novella si conclude bene:Saladino ammirò l'intelligenza di Melchisedech e gli disse francamente laverità. L'ebreo prestò i soldi che servivano al sovrano. Saladino gli restituìpoi l'intera somma, aggiunse grandissimi doni e lo fece diventare suoamico.
QUARTA NOVELLA (DIONEO)
Un frate, colpito dalla bellezza di una giovane ragazza, decide di condurlanella sua cella dove i due, attratti l’uno dall’altra, si sollazzano. Il fratecapisce di essere scoperto dall’abate, decide perciò di uscire lasciando laporta della sua cella aperta per far cadere anche l’abate nella colpa. Ilsuperiore, inizialmente scandalizzato dal peccato, non appena vede laragazza nella cella del frate, viene subito pervaso anche lui da desideripeccaminosi: cede alla tentazione e li soddisfa. Il frate lo coglie sul fatto enon può venire condannato da colui che ha commesso lo stesso peccato.Così la cosa rimase nascosta, e la fanciulla continuò a frequentare tutti edue.
QUINTA NOVELLA (FIAMMETTA)
La marchesa di Monferrato , partito il marito per la terza crociata, si trovaad affrontare le attenzioni del re di Francia Filippo Augusto. Questo avevasentito parlare della marchesa come una donna bellissima e, senza averlamai vista, se ne innamorò. Per questo si fece invitare da lei a pranzo. Ladonna accettò lietamente l’invito e ordinò che venissero radunate e cucinate

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->