Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
7Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Dossier Eurispes 'Ndrangheta 2008

Dossier Eurispes 'Ndrangheta 2008

Ratings:

5.0

(2)
|Views: 593 |Likes:
Published by Davide Orlandini
analisi dell'attività della ndrangheta e della sua struttura
analisi dell'attività della ndrangheta e della sua struttura

More info:

Published by: Davide Orlandini on Sep 18, 2008
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

09/06/2012

pdf

text

original

 
’Ndrangheta Holding – Dossier 2008 
’NDRANGHETA HOLDING –DOSSIER 2008
Il fatturato della ’Ndrangheta Holding:2,9% del Pil nel 2007
Ammonta a quasi 44 miliardi di euro il giro d’affari della
 Ndranghetastimato dallEurispes per il 2007. Un fatturato fuorilegge pari al 2,9 per cento del Prodotto interno lordoitaliano pari, per l’anno in esame, a 1.535 miliardi di euro.Un dato che risulta ancora più evidente ed allarmante se messo aconfronto con il Pil di alcuni paesi europei: il giro d’affari prodotto dalla’Ndrangheta Holding è equivalente alla somma della ricchezza nazionale prodotta da Estonia (13,2 miliardi di euro) e Slovenia (30,4 miliardi dieuro).Il settore più remunerativo si conferma quello del traffico di droga chedeterminerebbe introiti per 27.240 milioni di euro pari a oltre il 62 per cento del totale dei profitti illeciti. Negli ultimi anni si è assistito ad un vero e proprio salto di qualità inquesta particolare attività illecita: le “ndrine” puntano ad ottimizzare sforzie rischi abbattendo, ad esempio, i costi degli approvvigionamenti delladroga, in particolare della cocaina dal Sud America, attraverso la strategiadi eliminazione dei cosiddetti intermediari e ricercando il contatto direttocon i cartelli, soprattutto colombiani, o con la loro emanazione in Europa.«La ’Ndrangheta ha assunto, in Italia ed all’estero, un ruolo di primo piano nel mercato internazionale degli stupefacenti, dispone di ingentirisorse finanziarie, che consolidano la sua immagine ai vertici del crimineorganizzato transnazionale, dove è riuscita a consolidare veri e proprirapporti di partenariato, come dimostrano i contatti diretti con i principalicartelli che immettono la droga sul mercato mondiale»
1
.Sul fronte dell’impresa il fatturato dei gruppi criminali calabresi è paria 5.733 milioni di euro. Le stime sul versante degli appalti pubblici truccati
1
Relazione del Ministro dell’Interno al Parlamento sull’attività svolta e sui risultati conseguiti dalla DirezioneInvestigativa Antimafia, I° semestre 2007.
2
 
’Ndrangheta Holding – Dossier 2008 
e della compartecipazione in imprese in genere mettono in evidenza unincremento della strategia d’infiltrazione negli appalti delle opere pubbliche da parte della criminalità organizzata calabrese.I soggetti imprenditoriali al servizio dei tentacoli della ’Ndranghetaottengono indubbi vantaggi operando senza i vincoli e le regole dellalegalità. In particolare le imprese “mafiose” dispongono di ingenti risorsefinanziarie provenienti dalle attiviillecite che consentono loro diinnescare meccanismi cospicui di autofinanziamento; penetrano i mercatidi riferimento senza alcun principio di concorrenza, utilizzando al contrariostrumenti e azioni di costante intimidazione; e, infine, mettono in campomisure per corrompere amministratori e pubblici funzionari pecondizionare le procedure di gara.A completare il paniere criminale, i proventi illeciti derivanti dalmercato dell’estorsione e dell’usura (5.017 milioni di euro), il traffico diarmi (2.938 milioni di euro) e il mercato della prostituzione (2.867 milionidi euro).«Appare significativo l’aumento delle denunce di reati di estorsione.Permane come prioritaria nella regione la problematica relativa almonitoraggio preventivo delle Grandi Opere Infrastrutturali rappresentatenella Regione Calabria dai lavori autostradali della A3 SA-RC, daicorridoi ferroviari, dai lavori sulla diga del Menta e dai lavori all’internodel Porto di Gioia Tauro. (...) L’analisi delle evidenze investigativedimostra, inoltre, le notevoli capaci“militari” dei sodalizi, testimoniatedal ritrovamento di materiale d’armamento (anche da guerra), esplosivi,apparati trasmissivi e di intercettazione delle frequenze radio e bunker sotterranei attrezzati per il ricovero dei latitanti».
2
T
ABELLA
1
Il giro d’affari della ’Ndrangheta Holding
Stima 2007Valori assoluti in milioni di euro
Attività illecitaValore assoluto
Droga 27.240Impresa e appalti pubblici 5.733Prostituzione 2.867Estorsione e usura 5.017Armi 2.938
Totale 43.795
Fonte:
Centro Documentazione Eurispes.
2
Ibidem.
3
 
’Ndrangheta Holding – Dossier 2008 
Gli omicidi in Calabria: 1 su 4 è mafioso
La situazione generale della criminalità organizzata in Calabriacontinua ad essere caratterizzata dai tradizionali sodalizi sempre piùradicati nei territori provinciali. Gli ultimi tre omicidi avvenuti, nellesettimane scorse, tra Crotone e Catanzaro, sanciscono la presenzaasfissiante delle ’ndrine sull’economia e sulla società calabresi.Una valutazione dell’attuale situazione della criminalità può essereeffettuata attraverso un’analisi dei dati ufficiali relativi a determinatifenomeni criminali.I dati disponibili indicano che nel periodo compreso tra il 1999 e il2008, in Calabria, si sono verificati 202 omicidi per motivi di ’Ndranghetacon un incremento nel periodo considerato del 677%. In provincia diReggio Calabria, se ne contano 73, ovvero il 36,1% del dato complessivoregionale degli omicidi riconducibili alle guerre interne alle diverse coschecriminali.A seguire la provincia di Catanzaro, la cui quota di omicidi è pari al24,3% del totale calabrese, dove gli omicidi legati a motivi di ’Ndranghetasono stati ben 49, i territori provinciali di Crotone con 43 omicidi pari al21,7% e Cosenza con 30 omicidi pari al 14,9%. Infine Vibo Valentia sisono registrati 7 omicidi (3,5%).Approfondendo ulteriormente l’analisi e considerando l’incidenza degliomicidi per mafia sul totale degli omicidi volontari commessi, emerge che inCalabria, nel periodo considerato, oltre un omicidio su tre è ascrivibile aitentacoli della ’Ndrangheta: su 748
3
omicidi volontari commessi ben 202 (parial 27%) sono riconducibili alla criminalità organizzata calabrese.
T
ABELLA
2
Gli omicidi per motivi di ’Ndrangheta, per provincia
Anni 1999-2008Valori assoluti
ProvinceOmicidi
Reggio Calabria73Catanzaro49Crotone43Cosenza30Vibo Valentia7
Calabria202
Fonte:
Centro Documentazione Calabria.
3
I dati degli omicidi volontari relativi agli anni 2006, 2007 e 2008 sono stati stimati attraverso il calcolo della mediaponderata applicata al periodo di cui sono disponibili i dati ufficiali dell’Istat (1999-2005).
4

Activity (7)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 thousand reads
EurispesItalia liked this
EurispesItalia liked this
Federico Gatti liked this
senzapareti_01 liked this

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->