Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
La città 21 agosto

La città 21 agosto

Ratings: (0)|Views: 99 |Likes:
Published by roberta_d_orazio

More info:

Published by: roberta_d_orazio on Aug 29, 2011
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

01/12/2013

pdf

text

original

 
La Città Quotidiano in abbinamentocon QN Il Resto del Carlino + QS Sport 
1,00
domenica 21 agosto 2011
www.lacittaquotidiano.it 
 Anno VI Numero 1636
SORPAOLO
Province,« fuori tutte e subito,per ridisegnare l’architettura isti-tuzionale». Nessuna crociata,per carità, ma un segnale fortequello che vede partire da Te-ramo la campagna referendariaper l’abolizione di tutte le Pro-vince, di ogni ordine e grado,nessuna esclusa. Ad annunciare«una battaglia dovuta che ci im-pegnerà nelle piazze» già da sa-bato prossimo, sono le voci dicasa IdV: Augusto Di Stanislao,Valdo Di Bonaventura, MauroSacco.
pagina
3
SATIRA
MISS ITALIA  / SUSANNA FAENZA, ELETTA “MISS MARCHE”, E’ UNA SPLENDIDA RAGAZZA DI TORANO NUOVO
la più belladelle Marche...
«SprovincializzaTe»
 Parte da Teramo la raccolta di firme lanciata dall’Idv per l’abolizione delle Province. Tutte
 
 TREDICI PAGINE DI APPUNTAMENTI, SPETTACOLI, FATTI, AVVENIMENTI, PERSONE, MITI E RITI DELL’ESTATE TERAMANA E UN GRANDE CONCORSO
da pagina 11
CRONACA
Sequestratesul Tordino30 piantedi Canapa
pagina
3
Rapina un bar e l’arrestanoesce, lo ri-rapinae lo riarrestano
CRONACA
...è teramana
pagina
11
 
2
REGIONE
La Città
domenica 21 agosto 2011
abruzzo
Sulmona, un nuovo caso
SULMONA - Ancora un detenuto cheviene scoperto dai cani antidroga mentrecerca di introdurre sostanze stupefacenti nelcarcere di Sulmona. Ad essere denunciatoper detenzione a fini di sostanza stupefa-cente è stato, questa volta, S.M. di Napoli,che, di ritorno da una licenza, ha tentato difar passare al varco d'ingresso del carcere26 pasticche di ecstasy. L'internato avevapensato bene di nascondere la droga sinte-tica in un piccolo contenitore di plastica chesi era sistemato nel retto. A rovinargli ilpiano le due unità cinofile fatte arrivare ap-positamente dal carcere di Avellino in oc-casione dei rientri dei detenuti dalle licenzedi Ferragosto. Intanto la Uil penitenziari,torna a chiedere la chiusura della casa di la-voro di Sulmona, la più grande d'Italia cheospita oltre 200 internati."Chiediamo all'Amministrazione peniten-ziaria, prima che succeda qualcosa di moltograve, di rimettere mano all'assetto del car-cere di Sulmona chiudendo la Casa di La-voro", afferma il segretario provinciale evice regionale della Uil Penitenziari, MauroNardella, " o comunque di ridurre drastica-mente il numero di internati; se si ridistri-buissero gli internati tra le case direclusione di tutta Italia, il carcere di Sul-mona neospiterebbe solo 20. Inoltre - concludeNardella - chiediamo il potenziamento del-l'organico della polizia penitenziaria chemalgrado il grosso risultato ottenuto nonpuò più far fronte a carichi di lavoro semprepiù pressanti e stressanti".
Droga in carceredetenuto nei guai
Fondi Fas«Abruzzomarginalece li hannonegati»
PESCARA - "La man-cata assegnazione al-l'Abruzzo dei FondiFAS segna un altroevento negativo didisattenzione e dimarginalità riservatidal Governo al-l'Abruzzo": lo af-ferma il coordinatoreregionale di Fli, Da-niele Toto, ricor-dando che "il CIPEha sbloccato 1,3 mi-liardi per il Molise, dicui 576 milioni sulFAS, forse anchesotto la spinta delleelezioni regionali delprossimo ottobre"."L'unica concessionedel Governo sul FAS- secondo Toto - èstato l'anticipo di160 milioni per co-prire parte di un ulte-riore buco, emersoverso la fine del2010, nei conti dellasanità regionale. Senon trovano spazio esostengo adeguatole richieste di darerespiro progettuale edignità di obiettivi ir-rinunciabili - con-clude - la regioneconoscerà un decadi-mento rapido e inar-restabile. In ognicaso, qualcuno chevi abbia un rapportopreferenziale, si fac-cia carico di dire alGoverno chel'Abruzzo non ha piùtempo".
TERAMO - Week end da bollino rosso per il con-troesodo estivo. Ieri code e rallentamenti a partiredalla mattina, prima nelle località di mare, poi sulleautostrade abruzzesi.Per molti infatti le vacanze mordie fuggi, concentrate attorno a Fer-ragosto sono terminate e ieri è statoil momento di rimettersi in viaggioper tornare a casa, riversandosisulle autostrade che di conse-guenza si riempiono di auto. Perieri e oggi la società Autostrade haprevisto infatti traffico da bollinorosso.Il traffico più intenso si è registratoieri lungo la A14, soprattutto in di-rezione Nord, dove si sono regi-strati oltre 3 mila transiti diautovetture ogni ora. A rallentareulteriormente il traffico, un tampo-namento che si è verificato all’al-tezza del casello di Val Vibrata eche ha coinvolto cinque vetture.I caselli più interessati dalle codesono stati quelli di Giulianova, Roseto degliAbruzzi e Pineto.Si è proceduto a rilento anche sulla A24, dove il vo-lume di traffico in uscita verso Teramo -L’Aquila -Roma è in aumento. La polizia stradale ha intensi-ficato i controlli lungo tutto il tracciato.Autostrade per l'Italia, anche per la giornata di oggi,invita gli automobilisti a informarsisulle condizioni del traffico primadi mettersi in viaggio e ricorda lapossibilità di chiamare il Call Cen-ter Viabilità (840-04.21.21) o il nu-mero verde del Cciss 1518, oltre aricordate tutte le norme di sicu-rezza e di prudenza alla guida.Dopo il controesodo per il Nordche durerà per tutta la giornata dioggi, nella serata di domenica do-vrebbe tornare ad intensificarsi iltraffico sulla Teramo Mare e sullaA-24 in direzione Roma, con lapartenza dei turisti laziali e dellacapitale, sia delle due settimaneFerragostane che del classico finesettimana al mare. In questo casopotrebbe esserci traffico intensoalle barriere autostradali in in-gresso sulla A-24 Autostrada deiParchi.Aggiornamenti sulle condizioni di viabilità sullarete sono presenti anche sul sito internet www.au-tostrade.it.
 Venti studenti abruzzesiospiti alla Princeton University 
L’Aquila - Venti giovanistudenti abruzzesi ospitidella prestigiosa Prince-ton University per l’VIIIScuola Estiva di FisicaGran Sasso - Sud Dakota-Princeton AD 2011 or-ganizzata dagli scienziatidel Laboratorio Nazio-nale del Gran Sasso del-l’Infn in collaborazione con le Università di Princeton(23 luglio - 13 agosto 2011) e L’Aquila. Da un’ideadi Frank Calaprice pro-fessore di fisica allaPrinceton University.Scienza o fede? Il BeatoGiovanni Paolo II in di-fesa della Scienza al ser-vizio dell’Umanità. Ildibattito è attualissimoalla luce dei documentidella Chiesa Cattolicadiffusi in occasione della Giornata Mondiale dellaGioventù AD 2011 in Spagna.
SCIENZA
Controesodosulle autostradeabruzzesi
L’Aquila
Tasse da restituirela Pezzopanesi mobilita controil Governo
L'AQUILA - Una nuova mobilitazione, di cit-tadini, ordini professionali, categorie produt-tive e istituzioni, è stata invocatadall'assessore alle politiche sociali del Co-mune dell'Aquila - a nome dello stesso ente -in nome del problema 'restituzione tasse' so-spese per il periodo post-sisma che un decretoprevede entro il 16 dicembre prossimo, inun'unica soluzione e al 100% del totale. Que-sta mobilitazione, chiede Pezzopane, "dovràessere ancora più forte e convinta rispetto aquella organizzata nel luglio dello scorsoanno e il Comune dell'Aquila sarà in primafila". "Un Ferragosto amaro per gli aquilani- dice Pezzopane - Con decreto del 4 agostoscorso, appena pubblicato, il Governo ha in-ferto l'ennesimo colpo alla nostra città, ancoraalle prese con i gravi problemi legati al terre-moto di due anni fa. Nessuna considerazioneper il fatto che i senza tetto siano ancora de-cine di migliaia e che, proprio in virtù dei cal-coli sbagliati a suo tempo dal Governomedesimo, centinaia e centinaia di famigliesiano ancora costrette a stare lontano dallacittà o senza più un lavoro". "Ancora unavolta - prosegue -, dolorosamente, dobbiamoconstatare che la vicenda aquilana e le dram-matiche conseguenze del terremoto, dopo lepasserelle in grande stile immediatamentesuccessive al sisma del 6 aprile 2009, sonostate tristemente messe in archivio dal Go-verno Berlusconi. Un archivio dal quale lazona franca, forse l'unico espediente per ri-lanciare l'economia e ricreare un idoneo li-vello sociale nel territorio, non è mai uscita".
Ieri code,rallentamentie incidenti verso il NordOggi si attendetraffico dabollino rossosulla A/24 verso Roma
 
3
TERAMO
La Città
domenica 21 agosto 2011
teramo
cronaca
"Clamoroso" sequestro di cannabis da parte del CorpoForestale di Stato della Stazione di Torricella Sicura.Controllando il territorio in località Piane Pozzo delComune di Teramo su una zona demaniale ai marginidel Torrente Fiumicino, affluente del Tordino, in unazona nascosta alla vista dei passanti, gli agenti hannoscoperto una piantagione di 30 esemplari di CanapaIndiana, di età e dimensioni notevoli, alcune dellequali con fusto di oltre due metri e mezzo d'altezza.La coltivazione di cannabis allestita sul lungofiumeda due giovani del luogo, è stata individuata nel primopomeriggio del 18 agosto, e tenuta sotto controllo daiForestali di Torricella anche grazie all’ausilio di tele-camere messe a disposizione dal Nucleo investigativodi polizia ambientale e forestale di Teramo. La sco-perta è stata fatta casualmente ma, nel giro di 24 ore,la pattuglia Forestale ha allertato la magistratura, si èappostata e ha installato le telecamere, individuato iresponsabili, sequestrato l’area ed estirpato le piantedopo l’autorizzazione del pm di turno Irene Scorda-maglia. I diciottenni sono stati colti in flagranza,mentre procedevano alla coltivazione giornaliera dellepiante e all’asportazione di alcune di esse per spo-starle in luogo più occultato. Gli agenti della Forestaledi Torricella hanno identificato e denunciato a piedelibero i giovani coltivatori. Le piante erano statemesse a dimora in una radura del lungofiume circon-data da grandi alberi ma in posizione assolata, protetteda una barriera di rovi.Al termine delle operazioni di sequestro, le piantesono state estirpate e opportunamente campionate gra-zie anche alla collaborazione del NOS di Teramo edella pattuglia di Arsita in servizio di emergenza am-bientale 1515 e custodite in locali adeguati in attesadell'incenerimento. Secondo la Forestale, complessi-vamente dalla piantagione, dopo l'essiccazione, si sa-rebbero ricavati circa 10 chili di sostanza stupefacente(pari a circa 20.000 dosi) che, sul mercato dello spac-cio, avrebbero fruttato oltre 90 mila euro.Nelle foto in questa pagina, però, anche un osserva-tore non esperto può notare come alcune delle piantepiù grandi sequestrate, nonostante siamo nel pienomese di agosto, ideale per la raccolta della droga,siano completamente sprovviste delle caratteristicheinfiorescenze che, una volta essiccate, danno la mari- juana: ossia lo stupefacente. Con buona pace degliinesperti coltivatori.
am
Sequestratea Fiumicinotrenta piantedi canapa
E’ mortol’ortopedicoGiovanniDe Remigis
Province,« fuori tutte e subito, per ridisegnare l’archi-tettura istituzionale».Nessuna crociata, per carità, ma un segnale forte quelloche vede partire da Teramo la campagna referendariaper l’abolizione di tutte le Province, di ogni ordine egrado, nessuna esclusa. Ad annunciare «una battagliadovuta che ci impegnerà nelle piazze» già da sabatoprossimo, sono le voci di casa IdV:
Augusto Di Sta-nislao
,
Valdo Di Bonaventura
,
Mauro Sacco
. Ed i toni, in questoclima assolato e un po’ assonnato deldopo Ferragosto, sono durissimi, gio-cati tra affondi e metafore. «L’IdV – èquesto il pregresso -, non si è vista ac-cordare la possibilità di discutere inaula il suo progetto di legge sul tema,causa maggioranza e qualche pezzo“timoroso” del Pd». Da qui, ora, l’ini-ziativa referendaria che si declineràanche in un altro punto, quello delcambiamento di una legge elettoraledefinita «scandalosa, da cambiare as-solutamente perché i cittadini possanosentirsi rappresentati da chi loro scel-gono.Ma, inutile girarci intorno, l’obiettivopiù “caldo” di stagione resta la “presa” delle Province.Enti definiti, senza mezze parole, antistorici e giù, al-lora, con qualche numero significativo: 1,4 milioni diabruzzesi spalmati in quattro province «senza alcunbeneficio» e guardando negli orti dei vicini la sostanzanon cambia, dal Molise alla Sardegna, per un costo di14 milioni di euro l’anno. E tutto questo una riflessionela impone. Tra i possibili suggerimenti a cui aprire, ilprimo piano va al concetto di “area vasta”, ai processidi fusione e accorpamento sui modelli francesi e te-deschi ma anche dei paesi scandinavi dove a “legare”più territori sono, ad esempio, i temi gestionali.«La campagna referendaria partirà da Teramo- vienechiarito -, con iniziative pubbliche e comizi», e l’obiet-tivo delle 1.000 firme da raccogliere sembra ben piùche a portata di mano, per poi passare a Giulianova,Atri, Nereto e quindi nell’alto comprensori con Mon-torio ed Isola. «L’iniziativa – è quindi la sottolineatura-, parte dalla città di Chiodi e di quel “modello Te-ramo” tanto comunicato ma mai ap-plicato» . Niente di personale perquella Provincia di Teramo, ed il ditoviene puntato su «neocentralismi esacche di potere», che «se fosseun’azienda, avrebbe su uno stri-scione con scritto sopra “Falli-mento”. Se tanto dà tanto – èl’affondo-, ecco quindi un Presidentefantasma o un fantasma Presidente,così come fantasma è anche laGiunta».E’ Valdo Di Bonaventura a lasciareinvece il triste primo piano aldramma di quelle famiglie, a quelceto medio basso, sempre più chia-mato in prima linea. E de resto, rilan-cia Mauro Sacco, l’abolizione delleProvince era o non era nel programma del centrode-stra? Da ultimo ce n’è anche per il “Consiglio spot” diFerragosto, «qualche decina di migliaia di euro che cisaremmo potuti risparmiare visto che non si è indivi-duata una scelta importante, a fronte dei soldi che cisono, zero per il sociale, meno che zero per la cultura,arrivando a confondere fondi Fas e Piano per il Sud.Insomma una seduta – viene bollata-, che è stata lasagra di tutte le sagre della politica».
Patrizia Lombardi
«SprovincializzaTe»
Parteda Teramola raccoltadi firmedell’Idvper abolirele Province
TERAMO-E' deceduto a Roma il notomedico teramano ortopedico GiovanniDe Remigis. Aveva lavorato per moltianni presso il reparto ortopedia del-l'ospedale di Teramo. I funerali ogginella chiesa di Colleparco.
 
LUTTO

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->