Welcome to Scribd. Sign in or start your free trial to enjoy unlimited e-books, audiobooks & documents.Find out more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
39Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
(E-book - Andrea Camilleri Ita) Dieci Favole Sul Cavaliere

(E-book - Andrea Camilleri Ita) Dieci Favole Sul Cavaliere

Ratings:

5.0

(1)
|Views: 1,952|Likes:
Published by gaotto
Dieci brevi "favolette" su Berlusconi, scritte da Camilleri
Dieci brevi "favolette" su Berlusconi, scritte da Camilleri

More info:

Published by: gaotto on Oct 12, 2008
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

05/09/2014

pdf

text

original

 
Andrea Camilleri
Dieci favole "politicamente scorrette"...
Le favole politicamente scorrette dedicate al Cavaliere d'Iliata dall'autore del "CommissarioMontalbano"Il bene pubblicoFaust 2001L’incorreggibileI Vangeli dei due apostoliGli scheletriFavola veraIl Cavaliere e la MorteIl Cavaliere e la melaIl Cavaliere e la VolpeIl pelo, non il vizio
Il bene pubblico
di Andrea Camilleri
Mentre se ne stava stinnicchiato al sole, al Cavaliere scappò unbisogno urgente. Visto che la spiaggia era deserta, s’arriparòdarrè un cespuglio. In quel preciso momento vide passare unoscrafaglio merdarolo che faticosamente trascinava nella suatana una pallina di sterco.«Ti basterà per mangiare tutta l’invernata», spiò il Cavaliere.«Non credo», arrispunnì lo scrafaglio. «Siamo tutti preoccupati.Quest’anno, tra una cosa e l’altra, abbiamo raccolto picca e
 
nenti. Rischiamo tutti la fame».«Ci sono qua io!», disse il Cavaliere.E fece il bisogno suo. Sul quale si gettarono tutti gli scrafaglimerdaroli inneggiando alla generosità del Cavaliere.
Faust 2001
di Andrea Camilleri
Un giorno un signore quarantenne, agile, elegante, ben vestito,capelli curatissimi, faccia tirata a lucido, costosissima valigettagriffata in mano, riuscì a farsi ricevere dal Cavaliere. A questi ilvisitatore fece subito buona impressione: a prima vista, pareva iltipico dirigente-manager del partito che aveva fondato, potevaessere un buon acquisto in vista della prossima campagnaelettorale.«Desidera?», domandò il Cavaliere.«Io? Io niente», fece il visitatore. « lei che desidera qualcosada me».Il Cavaliere s’irritò. Lui non aveva niente da desiderare, avendotutto.«Ci dev’essere un equivoco», disse brusco.«Nessun equivoco, mi creda. Lei, ieri sera, alle diciannove etredici esatte, solo nel suo bagno, guardandosi allo specchio hapensato:
Darei qualsiasi cosa per riavere i miei capelli.
Edeccomi qua a servirla».Senza dargli tempo di reagire, il visitatore aprì la valigetta, netrasse fuori una dozzina di disegni e li posòsulla scrivania: inognuno d’essi, la testa del Cavaliere era incoronata da una
 
diversa, ma sempre foltissima, capigliatura: ora riccioluta, oraliscia, ora a onde…«Scelga quella che le piace di più. Il contratto ce l’ho qua giàpronto. Appena l’avrà firmato, si ritroverà in testa il modello chedesidera. E le garantisco anche che, fino alla morte, nonperderà più nemmeno un capello».«Lei quale ditta rappresenta?», domandò il Cavaliere.«Non rappresento altro che me stesso. Non ha ancora capito chisono?».Lo disse in modo tale che il Cavaliere capì. Il visitatore era ilDiavolo in persona. Dunque tutto quello che aveva detto eravero. Bastava concludere il patto e avrebbe riavuto i suoi capelli.«Quindi, secondo la tradizione, lei vorrebbe in cambio la miaanima», disse lentamente il Cavaliere.Il visitatore lo guardò, leggermente stupito, ma non aprì bocca.Il Cavaliere sospirò, ci pensò ancora un momento, poi allungò lamano.«E va bene, firmiamo questo contratto», fece.A quel punto il visitatore si mise a sghignazzare.«La sua anima? Lei vorrebbe darmi in contropartita la suaanima? Ma non lo sa che da tempo non accettiamo più anime?Era un commercio che piaceva a mio nonno, che andavasempre in perdita, poveraccio, e piaceva ancora di più ai poetiche ci ricamavano sopra».«E allora lei che cosa vuole in cambio?».«L’ottantacinque per cento di tutto quello che possiede,televisioni, aziende, giornali, società, ville, tutto. Non è perniente esosa, la nostra richiesta. Pensi alla figura che farà suimanifesti elettorali, sicuramente vincerà la campagna».

Activity (39)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 hundred reads
1 thousand reads
lferibe9612 liked this
Franco Sacchetti liked this
libero8 liked this
Simona Nava liked this
filippo58 liked this
Mauro Gobbi liked this
mimmo42 liked this
Donatella Lai liked this

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->