Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword or section
Like this
9Activity
P. 1
openp2pdesign.org 1.1 [in Italiano]

openp2pdesign.org 1.1 [in Italiano]

Ratings:

3.0

(1)
|Views: 4,763|Likes:
Published by openp2pdesign.org
Versione in Italiano

Questo breve libro rappresenta da un lato una versione riassunta e multilingue della mia tesi, dall'altro una introduzione al sito openp2pdesign.org (con il punto della
situazione per la sua versione 1.1).
Le mie linee di ricerca che stanno alla base di openp2pdesign.org, infatti, derivano dalla tesi che ho sviluppato dal marzo 2005 all'aprile 2006, "Reti Collaborative. Il design per una auto-organizzazione Open Peer-to-Peer", con il prof. Ezio Manzini come relatore, al Politecnico di Milano, Facoltà del Design. Linee di ricerca che partivano dalla relazione tra design e dimensione locale, e quindi progettazione per un territorio, passando per progettazione per una comunità, e infine forme organizzative comunitarie quali Free Software, Open Source, Peer-to-Peer e Web 2.0 (o, riassumendo, Open Peer-to-Peer).

Questa tesi ha rappresentato una enorme opportunità di osservare un fenomeno quale il passaggio delle forme organizzative Open Source e Peer-to-Peer dal campo
dell'informatica e delle ICT ad un numero ben più ampio di campi, quando ancora il termine Web 2.0 era nei suoi primi mesi di vita e il servizio YouTube non era ancora diventato famoso.
Non solo ho potuto venire a conoscenza di queste tendenze e opportunità alla loro nascita, ma ho potuto anche iniziare a riflettere e capire come inserirsi in queste e come imparare da queste per interventi progettuali.

openp2pdesign.org è nato per poter pubblicare, diffondere ed approfondire la mia tesi, e per stimolare su di essa una discussione collettiva. Si sta quindi cercando di rendere le idee della tesi non frutto e proprietà di una singola persona, ma di elaborarle e condividerle collettivamente all'interno di una comunità. La tesi come primo codice sorgente su cui sviluppare la comunità. L'idea di riassumerla e di tradurla anche in inglese e spagnolo si inserisce quindi in questadirezione.

Questa pubblicazione rappresenta una sintesi della tesi ed una fotografia di openp2pdesign.org ad un anno e mezzo dalla sua nascita. Una trasposizione del formato blog nel formato libro, nel tentativo di mantenere gli elementi più interessanti di entrambi i media. C'è uno spazio per i commenti, e per ogni capitolo potete trovare il link della pagina online, e quindi lasciare un commento o leggere quelli presenti, per facilitare una discussione collettiva su una teoria e pratica di un Design Open Peer-to-Peer.
Versione in Italiano

Questo breve libro rappresenta da un lato una versione riassunta e multilingue della mia tesi, dall'altro una introduzione al sito openp2pdesign.org (con il punto della
situazione per la sua versione 1.1).
Le mie linee di ricerca che stanno alla base di openp2pdesign.org, infatti, derivano dalla tesi che ho sviluppato dal marzo 2005 all'aprile 2006, "Reti Collaborative. Il design per una auto-organizzazione Open Peer-to-Peer", con il prof. Ezio Manzini come relatore, al Politecnico di Milano, Facoltà del Design. Linee di ricerca che partivano dalla relazione tra design e dimensione locale, e quindi progettazione per un territorio, passando per progettazione per una comunità, e infine forme organizzative comunitarie quali Free Software, Open Source, Peer-to-Peer e Web 2.0 (o, riassumendo, Open Peer-to-Peer).

Questa tesi ha rappresentato una enorme opportunità di osservare un fenomeno quale il passaggio delle forme organizzative Open Source e Peer-to-Peer dal campo
dell'informatica e delle ICT ad un numero ben più ampio di campi, quando ancora il termine Web 2.0 era nei suoi primi mesi di vita e il servizio YouTube non era ancora diventato famoso.
Non solo ho potuto venire a conoscenza di queste tendenze e opportunità alla loro nascita, ma ho potuto anche iniziare a riflettere e capire come inserirsi in queste e come imparare da queste per interventi progettuali.

openp2pdesign.org è nato per poter pubblicare, diffondere ed approfondire la mia tesi, e per stimolare su di essa una discussione collettiva. Si sta quindi cercando di rendere le idee della tesi non frutto e proprietà di una singola persona, ma di elaborarle e condividerle collettivamente all'interno di una comunità. La tesi come primo codice sorgente su cui sviluppare la comunità. L'idea di riassumerla e di tradurla anche in inglese e spagnolo si inserisce quindi in questadirezione.

Questa pubblicazione rappresenta una sintesi della tesi ed una fotografia di openp2pdesign.org ad un anno e mezzo dalla sua nascita. Una trasposizione del formato blog nel formato libro, nel tentativo di mantenere gli elementi più interessanti di entrambi i media. C'è uno spazio per i commenti, e per ogni capitolo potete trovare il link della pagina online, e quindi lasciare un commento o leggere quelli presenti, per facilitare una discussione collettiva su una teoria e pratica di un Design Open Peer-to-Peer.

More info:

Categories:Topics, Art & Design
Published by: openp2pdesign.org on Oct 21, 2008
Copyright:Attribution Non-commercial Share Alike

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF or read online from Scribd
See more
See less

05/09/2014

pdf

 
openp2pdesign.org_1.1   
DesignforComplexity   MassimoMenichinell
 
Open   
Design   
Peer-to-Peer  
Service   Community   
Co-creation   Local  Community-based   Self-organization   
Complexity   
Enabler  Platform    Methodology   Business  Sustainability   
Locality   
Research   SocialNetwork   Web2.0   Crowdsourcing   KnowledgeEconomy   Institutions  Activity   SocialInnovation   Technology   Product  Hardware   Software   Participation   

Activity (9)

You've already reviewed this. Edit your review.
1 thousand reads
1 hundred reads
Antonio Leone liked this
amoory_88 liked this
clsan liked this

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->