Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
l'Ancora Di Salvezza

l'Ancora Di Salvezza

Ratings: (0)|Views: 6 |Likes:
Published by Patrizia

More info:

Categories:Types, Speeches
Published by: Patrizia on Dec 05, 2011
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as DOC, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

12/05/2011

pdf

text

original

 
L’ANCORA DI SALVEZZAMai come in questo periodo storico le notizie di ogni genere e tipo “navigano” per il mondo con lavelocità della luce, grazie a Internet e ai satelliti più sofisticati, notizie che non lasciano certo spazio aottimismo: agitazione di popoli, esodo di intere popolazioni verso un illusorio “Eldorado”, guerre fratricide,morti, crollo economico, insicurezza generale sul futuro, insomma si ha l’impressione di navigare su unazattera in pieno oceano senza intravedere all’orizzonte alcun approdo sicuro. E mentre il nuovo governoitaliano impone le sue misure restrittive che non si sa dove vadano a parare, il Presidente della Repubblicanelle sue pluri-apparizioni quotidiane sui telegiornali propone nientemeno che la cittadinanza facile agliimmigrati, con tutte le conseguenze che ne possono derivare per il nostro paese.E così, tra le vane parole di politici, presidenti ed economisti, a mala pena ci si accorge che una potentissima e terribile mina sta scoppiando da uno dei luoghi più caldi della terra, con gravissimeconseguenze per tutta l’umanità: il Medio Oriente.
Quel Medio Oriente che è in balia delle due più grandiforze diaboliche del momento
 
che lo stanno stritolando per accaparrarsi territori e poteri:
da una partel’avanzata inarrestabile dei fratelli musulmani con le loro leggi fondamentaliste, dall’altra le forze, diciamo pure “sioniste-massoniche”, sostenute dai Paesi occidentali che più contano: gli Stati Uniti e le Nazioni piùimportanti dell’Unione Europea, quali Francia, Gran Bretagna e Germania, mentre l’Italia, col nuovogoverno, fa da cagnolino al padrone che conta di più.E questi due diabolici poteri mondiali che sembrano combattersi a vicenda per la spartizione del potere a livello mondiale,
in realtà hanno in comune un solo nemico da annientare e distruggere: lacultura cristiana, con il Papa e la Chiesa cattolica in testa.
E che in gran parte ci siano finora riusciti, èsotto i nostri occhi: l’Islam sta invadendo il mondo, e la massoneria ha ormai allungato i suoi tentacoli inogni città, popolo e Nazione, in ogni professione e istituzione di rilievo, perfino in Vaticano, come diconoalcuni. Ma anche tanti cattolici, laici o consacrati, non danno certo testimonianza di fede, come avevasegnalato a suo tempo Paolo VI con la famosa frase
“il fumo di satana nel tempio
” e attualmente BenedettoXVI: “
 Il male è nella Chiesa (…) Il pericolo peggiore è l’infedeltà dei suoi membri”
.
1
Quella massoneria che non è affatto, come molti credono, una delle tante istituzioni potentiriservata a uomini illustri e autorevoli
il cui scopo è la fratellanza mondiale e la ricerca del bene comune per tutta l’umanità! Tutt’altro! Il fatto di avere come scopo primario l’instaurazione di un governo mondialesocio-religioso al quale tutti si devono inginocchiare al posto di Cristo e della Chiesa, è già di per sé assaieloquente! Chi può odiare in questo modo Cristo se non satana? Questa è la massoneria! Questo èl’Anticristo che vuole il possesso del mondo, non identificabile in una sola persona, ma in una realtà che,come troviamo nel Vangelo, ha un nome “Legione” perché sono in molti.
In mezzo a tanta confusione generale, a tanta incertezza sul nostro domani, si vorrebbe avere,al di là del pane quotidiano, anche qualche lume
, qualche parola che apra il futuro, ma dove andare? Se sifatica a trovare conforto anche nelle persone di Chiesa, sacerdoti, vescovi, prelati, o perché assenti, o perché privilegiano iniziative sociali a scapito del loro ministero sacerdotale, a tal punto da non avere più tempo per ascoltare i fedeli, né per assolvere i loro peccati e a volte anche per celebrare l’eucaristia.E poi come fidarsi di tanti di loro se si contraddicono anche su questioni di fede o di morale, perchècontestano il Papa mentre appoggiano certi teologi che negano perfino il peccato originale o la risurrezione?Sono sempre attuali quelle parole che S.Paolo rivolgeva a Timoteo mettendolo in guardia dai falsari dellaVerità: “
Verrà giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma per il prurito di udirequalcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo le proprie voglie, rifiutando di dare ascolto allaverità per volgersi alle favole”
2
In mezzo a questo caos generale, a questo buio nel quale brancoliamo inutilmente in cerca diluce e di una risposta davanti all’incalzare di gravi calamità che si prospettano all’orizzonte, il SignoreGesù ci ha donato un’ancora di salvezza: Sua Madre, la Vergine Maria, Regina delle Vittorie, “Reginaconterens vincula diaboli”, la Regina che schiaccia la testa del diavolo”.
Pregare Maria, soprattutto conil Rosario, è ritrovare la pace, la serenità interiore, la forza per superare le prove e sconfiggere il nemico. Ma per quanto riguarda la dottrina, la conoscenza della Verità, della nostra fede, abbiamo bisogno di qualcunoche ci illumini costantemente! A chi possiamo affidarci in mezzo alla confusione che regna sovrana?
Dobbiamo affidarci al Santo Padre, il Papa, e al Catechismo della Chiesa Cattolica. Il Papa!Che meraviglia! Che sicurezza!
Vicario di Cristo in terra, illuminato dallo Spirito Santo, successore di SanPietro fino alla fine dei tempi; è il Papa l’uomo che Gesù ha scelto per continuare la sua missione sulla terra:
 Beato te, Simone, figlio di Giona, perché né la carne né il sangue te l’hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli. E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le porte degli inferi non
1
Benedetto XVI, omelia nel giorno dei Santi Pietro e Paolo, 29 giugno 2010.
2
S. Paolo, Seconda lettera a Timoteo, 4,3.

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->