Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Save to My Library
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Onorio imperatore

Onorio imperatore

Ratings: (0)|Views: 5 |Likes:
Published by Esonet.org

More info:

Published by: Esonet.org on Dec 30, 2011
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as DOC, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

12/01/2013

pdf

text

original

 
Francesco Lamendola
Davvero l’imperatore Onoriofu quell’apatica nullità che la tradizione descrive?
Edward Gibbon, il massimo storico inglese del Settecento, pubblicò la sua opera monumentale,«History of the Decline and Fall of the Roman Empire», a Londra, in sei volumi, fra il 1776 e il1789: l’anno che segna la fine dell’Ancién Regime in Europa.In verità, la sua lunga fatica si segnala più per i meriti letterari, come perfetto esempio di stileironico, brillante, decisamente rococò, con ampie e opulente volute della frase e scintillanti aggettivied avverbi, che non per i meriti storiografici effettivi: esso, infatti, è letteralmente un concentrato diantipatia e pregiudizio verso la materia studiata e verso uomini e situazioni della tarda antichità, aiquali, evidentemente, imputa la “colpa” di essere poco o nulla in linea con la filosofia del secolo deiLumi; per non parlare della diffusione del cristianesimo e dell’empia alleanza fra trono e altare che,al razionalista Gibbon, che si rivolge ad un pubblico scettico e massonico o almeno protestante efortemente anticattolico, appare poco meno che un delitto di lesa maestà.La storia, invero, dovrebbe essere continuamente rivista e corretta: nessuna acquisizione può dirsirealmente definitiva; e questo vale per la storia del tardo Impero Romano così come per ogni altraepoca e vicenda umana: con buona pace di quanti vanno in bestia al solo sentir nominare ilvocabolo, la storia è una scienza revisionista per eccellenza, che continuamente rimette indiscussione le proprie acquisizioni per sottoporle a nuove verifiche, correzioni, aggiustamenti, conl’unica preoccupazione della verie senza inchinarsi davanti a nessuna ideologia, a nessun pregiudizio, a nessuna esigenza contingente, a cominciare da quelle di tipo politico.Gibbon, del resto, fondava la sua interpretazione su una serie di storici romani e bizantini che nullahanno scritto di serio e obiettivo, ma che erano piuttosto dei moralisti, dei cronachisti di cortorespiro, dei partigiani interessati a denigrare questo o quel personaggio; quando non erano,addirittura, dei poeti e dei letterari al servizio del potente di turno, come è il caso di Claudiano neiconfronti di Stilicone o di Merobaude nei confronti d Ezio.Basti dire che la grottesca leggenda secondo la quale l’imperatore Onorio, che fu il primoimperatore di Occidente fra il 395 e il 423, allevava le sue galline predilette mentre Alarico stavaassediando Roma e che, quando un messo gli annunciò la caduta della capitale, egli, equivocando,avrebbe esclamato: «Come è possibile, Roma stava beccando dalle mie mani solo pochi minuti fa!»,risale a Procopio di Cesarea, l’unico fra gli storici della tarda antichità che possiede alcune qualitàda vero storico; figuriamoci gli altri.Eppure la leggenda della gallina Roma era troppo gustosa per rinunciarvi e quasi tutti gli storici e idivulgatori di storia delle epoche successive hanno fatto a gara nel tramandarla volonterosamente,fino ai recenti Indro Montanelli ed Hermann Schreiber, quasi che, per salvare l’impero agonizzante,il giovane e inetto sovrano altro non sapesse fare che dedicarsi alla pollicoltura.Oltretutto, questo genere di aneddoti piacciono particolarmente agli scrittori di poco valore, perchéli fanno sentire seri e intelligenti, per contrasto con la ridicola pochezza dei personaggi da essirappresentati; e poco importa se, ad un lettore davvero intelligente, le cose appaiono in tutt’altromodo, perché svelano in maniera impietosa e perfino imbarazzante l’assoluta mancanza di vagliocritico da parte di quei signori nei confronti delle fonti e dei documenti di cui si servono, peraltroquasi sempre di seconda o terza mano.Il giudizio storico su Onorio è rimasto, sostanzialmente, quello che ne aveva dato Edward Gibbonnella sua opera divenuta classica «Decadenza e caduta dell’Impero Romano», pesantemente1
 
imbevuta di pregiudizi illuministici; tanto che, a conclusione di essa, l’Autore affermavacandidamente: «Ho descritto il trionfo della barbarie e della religione», una tesi storiografica oggiritenuta assolutamente insostenibile.È quasi incredibile come lo stereotipo gibboniano sia stato ripreso e trasmesso, pari pari, daglistorici successivi, una generazione dopo l’altra, così da arrivare pressoché identico ai nostri giorni eda insediarsi trionfalmente nei libri di testo scolastici, ove i nostri giovani apprendono la storia dellafine del mondo secondo le categorie concettuali di un illuminista inglese del XVIII secolo chedetestava il cattolicesimo e che, nella storia della tarda antichità e del Medioevo, altro non seppevedere che un secolare obnubilamento della ragione.Ecco, per esempio, come viene liquidata sbrigativamente la figura di Onorio, citando Gibbon comefosse il Vangelo, da Gianfranco Mosconi, Fabrizio Polacco e Francesco Dematté nel manuale distoria ad uso dei licei «L’onda del passato» (Torino, Il Capitello, 2010, vol. 2, p. 258), opera peraltro didatticamente non priva di meriti:«
ONORIO, L’INDIFFERENTE
. Il ritratto di Onorio tratteggiato da Edward Gibbon (il grande storicoinglese che, nella seconda metà del ‘700, per primo pose al centro della sua attenzione il problemadella fine dell’Impero Romano) sottolinea con sarcasmo la sostanziale incomprensione ed estraneitàdi questi augusti personaggi rispetto agli sconvolgimenti che subiva il mondo intorno a loro. “I soisudditi, che studiavano attentamente il carattere del loro giovane sovrano, conobbero che Onorio erasenza passioni, e conseguentemente senza qualità, e che la sua debole e languida natura eraugualmente incapace di adempiere i doveri del suo grado e di godere i piaceri della sua età. Nellasua prima gioventù fece qualche profitto negli esercizi del cavalcare e tirare con l’arco; ma ben presto abbandonò queste attività faticose e l’allevamento del pollame divenne la grave e quotidianaoccupazione del monarca dell’Occidente», il quale rimise le redini dell’impero nelle salde mani delsuo tutore Stilicone. […] I predecessori di Onorio erano soliti animare con il oro esempio, o almenocon la loro presenza, il valore delle legioni. […] Ma il figlio di Teodosio passò il sonno della suavita come prigioniero nel suo palazzo, straniero nel suo Paese, e paziente e quasi indifferentespettatore della rovina dell’Impero d’Occidente.” (E. Gibbon, “Storia della decadenza e cadutadell’impero romano”, capitolo 29, traduzione di G. Frizzi, Einaudi, Torino, 1967).»Ora, è certo che di Onorio, come imperatore, si può dire tutto il male che si vuole, ma è fin troppoevidente che accusarlo di aver pensato a nutrire i suoi polli invece di studiare qualche soluzione del problema rappresentato dalle invasioni barbariche e, in particolare, da quella dei Visigoti, rivela unaassoluta mancanza di serietà storiografica.Il giudizio storico su un determinato personaggio non può prescindere da una valutazione serena ecomplessiva del contesto in cui egli si trovò ad operare: i personaggi storici si distinguono dallemarionette appunto perché non si muovono nel vuoto, ma devono tener conto delle circostanzeconcrete - politiche, sociali, economiche e culturali.Ciò che domandava Alarico, re dei Visigoti, in cambio dell’interruzione dell’assedio di Roma, fra il408 e il 410 d. C., era il riconoscimento della “hospitalitas” per il suo popolo, vale a dire la cessionedi un terzo delle terre, entro e non fuori dai confini dell’Italia; e l’attribuzione a lui stesso del titolodi “magister militum”, cioè del supremo comando militare nell’Impero di Occidente. Accedere atali richieste avrebbe significato fare dell’Italia una terra di conquista dei barbari e, dell’Impero, unvuoto simulacro nelle mani del re goto.Si potrà rimproverare ad Onorio di essersi privato del valido aiuto di Stilicone, suo generalissimo etutore, che già aveva sconfitto Alarico a Pollenzo nel 402 e a Verona nel 403, lasciandolo però ognivolta ritirarsi dall’Italia senza assestargli il colpo definitivo. Stilicone aveva agito così perchésperava, in un secondo tempo, di fare di Alarico un elemento di sostegno al vacillante Impero diOccidente, secondo le linee della politica filobarbarica già seguita, in parte, da Teodosio il Grande,il padre di Onorio e Arcadio, divenuti rispettivamente sovrani, dal 395, dell’Occidente e2
 
dell’Oriente; ma la nobiltà senatoria aveva accusato di tradimento il generale vandalo e ne avevaottenuto la condanna a morte e la decapitazione, nell’agosto del 408.Ormai è storicamente accertato che Onorio non ebbe parte alcuna nella rivolta militare scoppiata aTicinum (Pavia), nella quale vennero massacrati i consiglieri di Stilicone e i soldati germanicidell’esercito romano insieme alle loro famiglie e durante la quale, anzi, corse egli stesso pericolo divita; quanto alla condanna di Stilicone e alla sua esecuzione, avvenuta poco dopo in Ravenna, piùche una decisione autonoma di Onorio, fu quasi certamente una conseguenza inevitabile dei fatti diPavia e, in particolare, il momento conclusivo di una manovra ideata dal prefetto Olimpio, capodella fazione antibarbarica presso la corte occidentale.Bisogna ricordare che Alarico aveva atteso invano l’autorizzazione a marciare contro l’Imperod’Oriente, secondo quanto stabilito con Stilicone, per strappare ad Arcadio la prefettura dell’Illirico;e che la sua irruzione in Italia, avvenuta nel 402-403, era stata una protesta contro la politicacontraddittoria della corte ravennate, dovuta a un ripensamento di Onorio e alla decisione diquest’ultimo di abbandonare la politica filobarbarica di suo padre, per stringere invece vincoli distretta alleanza con la corte costantinopolitana.Sia come sia, una volta imboccata questa strada, non restava che attenervisi con coerenza e fu ciòche Onorio fece, rifiutando sempre di venire a patti con Alarico finché questi rimase in Italia, in posizione di ricatto politico-militare; ma accettando di riprendere le trattative, allorché i Visigoti passarono poi in Gallia e in Spagna, essendo frattanto morto Alarico ed essendosi sposato il loronuovo re, Ataulfo, con la sorellastra dello stesso imperatore, Galla Placidia.Il fatto che questa linea di condotta condusse alla caduta di Roma nelle mani dei Visigoti, la nottedel 23 agosto 410, con immensa commozione dei contemporanei e con gran clamore degli storicimoderni, che vi hanno visto - a torto - un evento epocale, non dovrebbe farci dimenticare cheOnorio non aveva altra scelta e che i suoi margini di manovra erano ridottissimi, stante la cronicadebolezza dell’esercito romano e la penuria di risorse materiali e finanziarie in cui versaval’apparato statale.Olimpio, frattanto, era bensì caduto in disgrazia e il suo posto era stato preso da Giovio, cheavrebbe voluto riprendere le trattative con Alarico; ma è quasi certo che, in quella situazione,accettare il ricatto del re goto sarebbe equivalso ad un suicidio politico e avrebbe condotto a unasituazione simile a quella in cui verrà a trovarsi Romolo Augusto nei confronti di Odoacre, nel 476:vale a dire che avrebbe anticipato il crollo dell’Impero d’Occidente di almeno mezzo secolo; mezzosecolo che fu invece prezioso per contribuire a rendere memo traumatico il passaggio dalla strutturastatale romana a quella dei nuovi regni romano-barbarici e per favorire l’assimilazione culturale diquesti ultimi, tanto da farne i nuovi difensori della cristianità e dell’Occidente contro nuove ondate barbariche ancora più devastanti, come quella degli Unni di Attila, nel 451-52.Tutto questo andrebbe tenuto presente allorché ci si accinge ad esprimere una valutazionecomplessiva sulla politica tenuta da Onorio nel drammatico frangente dell’invasione alaricianadell’Italia, lasciando perdere le galline e altre considerazioni ironiche ancora meno serie, comequella relativa alla sua impotenza sessuale (si sa che le sue due giovanissime mogli, che poi erano lefiglie di Stilicone, morirono entrambe vergini).A parte il fatto che l’ironia di Gibbon su questo argomento, ripresa dai soliti scrittori moderni, è, asua volta, involontariamente ironica, perché è ben nota l’impotenza dello stesso Gibbon e forse proprio ad essa si deve quella capacità di porsi davanti alla storia con una straordinaria erudizione,ma con assoluta mancanza di passioni - anche i suoi pregiudizi illuministi sono freddi come ilghiaccio e come raggelanti -, sarebbe il caso di domandarsi cosa tutto questo abbia a che fare con lastoria e con la comprensione dei problemi storici.Qualcuno, ad esempio S. I. Oost nella sua monografia su Galla Placidia, si è spinto fino a ipotizzareche lo scandalo di corte che portò alla cacciata di quest’ultima, rimasta vedova, da Ravenna, fossedovuto al fatto che un uomo impotente, come Onorio, prova forse qualche gratificazione nelcarezzare in maniera intima la propria sorella; può darsi: ma a chi interessa?3

You're Reading a Free Preview

Download
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->