Welcome to Scribd. Sign in or start your free trial to enjoy unlimited e-books, audiobooks & documents.Find out more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
1Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Attuazione Del Piano Di Azione Coesione - 20 Dic 2011

Attuazione Del Piano Di Azione Coesione - 20 Dic 2011

Ratings: (0)|Views: 6|Likes:
Published by Luigi Reggi
Attuazione del Piano di Azione Coesione del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica - Ministero dello Sviluppo Economico.
Risultati attesi e azioni da intraprendere
Attuazione del Piano di Azione Coesione del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica - Ministero dello Sviluppo Economico.
Risultati attesi e azioni da intraprendere

More info:

Published by: Luigi Reggi on Jan 09, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

01/09/2012

pdf

text

original

 
1 - 18
PIANO DI AZIONE COESIONE PER IL MIGLIORAMENTO DEISERVIZI PUBBLICI COLLETTIVI AL SUDRISULTATI ATTESI E AZIONI DA INTRAPRENDERE
 
2 - 18INDICE
1.
 
Sintesi2.
 
Interventi e risultati attesi per priorità del Piano di Azione2.1
 
Istruzione
 2.1.1 Priorità di programmazione 2.1.2 Risultati attesi e azioni per raggiungerli 2.1.3 Cronoprogramma
2.2
 
Agenda digitale
 2.2.1 Priorità di programmazione 2.2.2 Risultati attesi 2.2.3 Azioni per raggiungere i risultati attesi 2.2.4 Cronoprogramma
2.3
 
Occupazione
 2.3.1 Priorità di programmazione 2.3.2 Risultati attesi 2.3.3 Azioni per raggiungere i risultati attesi 2.3.4 Cronoprogramma
2.4
 
Ferrovie
 2.4.1 Priorità di programmazione 2.4.2 Risultati attesi 2.4.3 Azioni per raggiungere i risultati attesi 2.4.4 Cronoprogramma
3.
 
Attuazione, monitoraggio, valutazione e azioni di accompagnamento tecnico3.1
 
Attuazione3.2
 
Monitoraggio3.3
 
Valutazione3.4
 
Accompagnamento tecnico
Allegato 1 - Priorità nel settore ferroviarioAllegato 2 - Accordi fra Governo e singole Regioni
 
3 - 18
1.
 
Sintesi
Nel corso del 2011 è stata avviata, di intesa con la Commissione Europea, l’azione peraccelerare l’attuazione dei programmi cofinanziati dai fondi strutturali 2007-2013 sulla basedi quanto stabilito dalla Delibera CIPE 1/2011 e puntualmente concordato nel ComitatoNazionale del Quadro Strategico Nazionale (riunione del 30 marzo 2011) da tutte le Regioni,dalle Amministrazioni centrali interessate e dal partenariato economico e sociale.Questa azione di accelerazione ha prodotto alcuni significativi risultati in termini diavanzamento finanziario dei programmai operativi.Allo scopo di consolidare e completare questo percorso, colmando i ritardi ancora rilevantinell’attuazione e, al contempo, rafforzando l’efficacia degli interventi, in attuazione degliimpegni assunti con la lettera del Presidente del Consiglio al Presidente
 
della CommissioneEuropea e al Presidente del Consiglio Europeo del 26 ottobre 2011 e in conformità alleConclusioni del Vertice dei Paesi Euro dello stesso 26 ottobre 2011, è stato predisposto ilPiano di Azione Coesione, inviato il 15 novembre u.s. dal Ministro per i Rapporti con leRegioni e per la Coesione Territoriale al Commissario Europeo per la Politica Regionale.
 
Scopo del Piano di Azione è quello di rilanciare i programmi in grave ritardo, garantendo unaforte concentrazione delle risorse su quattro priorità: istruzione, agenda digitale, occupazionee ferrovie.Per ciascuno di queste priorità il presente documento individua le azioni/interventi a favoredei quali vengono trasferite e concentrate le risorse derivanti dalla revisione dei programmicofinanziati, ovvero dalla riduzione mirata del cofinanziamento nazionale, così comesintetizzato nella Tavola seguente:L’intervento si concentra in quattro delle cinque Regioni dell’Obiettivo Convergenza dove siregistrano (con forti differenze interne) i maggiori ritardi di attuazione. Partecipanoall’attuazione del Piano anche la Regione Sardegna e la Regione Basilicata, con interventirelativi all’Agenda digitale, all’Occupazione e alle Reti. La possibilità di utilizzo del Piano diAzione da parte di altre Regioni italiane è stata subito colta dalle Regioni Molise,limitatamente all’Agenda Digitale e alla priorità “Occupazione”, e Abruzzo per la sola priorità“Occupazione”.
 Importi in milioni di euro
CalabriaCampaniaPugliaSicilia (2)BasilicataSardegnaMoliseAbruzzoTotaleIstruzione974,3102,8350,0162,4359,1974,3  Agenda digitale409,9131,918,260,059,7135,15,0409,9  Occupazione142,020,020,010,065,02,020,01,04,0142,0  Ferrovie (1)1.620,080,0600,0100,0500,0340,01.620,0  Totale3.146,2334,7970,0290,6984,161,7495,16,04,03.146,2  Contributi delle RegioniRisorse per l'attuazione del Piano di Azione
(1) Risorse provenienti dalla riduzione del cofinanziamento nazionale. Per la Sardegna include interventi sulle strade(2) All'importo totale si aggiungono 595,5 meuro derivanti dalla riduzione del cofinanziamento nazionale del POR FSE, destinati agli interventi di cui al paragrafo 3.1

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->