Welcome to Scribd, the world's digital library. Read, publish, and share books and documents. See more
Download
Standard view
Full view
of .
Look up keyword
Like this
4Activity
0 of .
Results for:
No results containing your search query
P. 1
Corso Di Chitarra Completo

Corso Di Chitarra Completo

Ratings: (0)|Views: 232|Likes:
Published by karltheking

More info:

Published by: karltheking on Jan 15, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

05/27/2013

pdf

text

original

 
Lezione 1 -Le parti della chitarra. 
Parti dello strumento
- lapalettae' la parte superiore della chitarra,e' in essa che agiscono lemeccanicheatte alla accordatura e quindi intonazione dello strumento. -latastierae' la parte che va dalla paletta alla buca,consente l'emissione dellenote attraverso la pressione delle corde su di essa.-ilcapotastoe' in osso o plastica,qui confluiscono le corde attraverso deisolchi.In caso diactionelevata (distanza tra le corde e la tastiera) e' possibilelimare ed aumentare la profondita' dei solchi diminuendo cosi' l'action a favoredi una maggior suonabilita' dello strumento(action bassa significa poco sforzodelle dita nella pressione delle corde).Quest'ultima operazione va eseguitaovviamente con molta cura e pazienza poiche' irreversibile.-itastiseguono il capotasto,posizionati sulla superficie del manico consentonol'intonazione della corda regolandone la tensione.Un difetto tristementefrequente in chitarre di bassa qualita' e' la presenza di un ronzio dovuto allavibrazione della corda su un tasto posto tra quello premuto e il ponte.Talefastidioso difetto preguidica l'acquisto dello strumento, e puo' eventualmenteessere eliminato da mani esperte o comunque con pazienza e infinitaprecisione attraverso la limatura del tasto che e' causa dellavibrazione(attenzione che tale processo se non eseguito correttamente puo' causare un effetto acatena estendendo il difetto in posizioni contingue) . - il
manico
e' costituito dalla paletta e tastiera.E' possibile aumentare la fluidita' della mano,riducendo l'attrito tra palmo e parte posteriore del manico, tramite l'applicazione non frequente maperiodica (a cadenza semestrale)di un tipico prodotto per auto,il poolish, che e' una sorta di cera percarrozzeria.La tossicita' del prodotto impone l'uso in ambienti aperti o comunque ventilati.Ilprodotto viene applicato sulla parte posteriore del manico tramite un panno morbido che vastrofinato sul manico stesso.Prima dell'acquisto di una chitarra e' consuetudine puntare la chitarra amo' di fucile per verificare l'assenza di curvature del manico.Per controllare che il manico sia benregolato premete la corda del Mi basso sul primo tasto e contemporaneamente sull'ultimo conl'indice della mano destra; se il manico è ben regolato, al settimo tasto la corda dovrebbe essere aduna distanza di circa 1/4 mm. da questo. Se al contrario la corda tocca completamente sulla tastierabisognerà agire sulla vite (o sul dado) del truss rod allentandone la tensione se invece è più alta di1/4 mm. occorrerà aumentarne la tensione stringendo la vite. Agite sulla vite con piccoli movimentidi circa 1/4, 1/2 giro per volta.-labucae' presente nelle chitarre classiche (corde in naylon) e acustiche(corde in metallo),consentel'emissione delle note tramite lacassa,infatti questa viene messa in vibrazione "per simpatia"dallestesse corde riproducendone e amplificandone la nota .Nelle ch.elettriche si nota la mancanza dellabuca sostituita da un sistema elettronico(pickup)che con l'ausilio di un amplificatore consente lariproduzione della nota suonata. 
 
-ilponteagisce sulla parte posteriore delle corde garantendone la trazione.Il ponte influiscesull'action e sul suono della chitarra.-latavola armonicae' la parte superiore della chitarra che ricopre la cassa ,anch'essa contribuiscealla amplificazione. 
Lezione 2-Le posizioni 
posizione dello strumento
 Le posizioni mediante cui sostenere lo strumento sono
4
, ognuna per una diversa esigenza,le prime3 sono sedute mentre l'ultima e' in piedi.La
prima posizione
(classica) usa uno sgabello su cui posizionare il piede sinistro,quindi la chitarrasfrutta
4 punti di appoggio
:la coscia sinistra su cui e' appoggiata la parte centrale della chitarra,lacoscia destra che sostiene la parte inferiore,il petto su cui poggia la parte superiore ed infinel'avanbraccio che tiene lo strumento attacato al corpo.I quattro punti d'appoggio garantiscono unaestrema stabilita' ed un movimento fluido della mano sinistra, favorendone quindi i spostamentirapidi lungo la tastiera.Difetto riscontrabile e' l'immobilita' delle gambe a cui e' costretto l'esecutore.La
seconda posizione
e' a gambe accavalcate (la destra sulla sinistra) e quindi lo strumentoposizionato sulla coscia destra .Sono riscontrabili quindi
3 punti di appoggio
(cosciadestra,petto,avanbraccio) che riducono la stabilita' a favore di una maggiore comodita'.La
terza posizione
differisce dalla seconda poiche' non e' a gambe accavalcate madivaricate,permangono i
3 punti di appoggio,
infatti la chitarra e' sostenuta dalla coscia destra,mantenuta dall'avanbraccio destro e poggiata sul petto.Pregi e' la maggior comodita' rispetto alleprime due pos.,mentre lo strumento risulta troppo a destra rispetto al corpo,la mano sinistra tende asostenere la chitarra e il manico si trova troppo in basso,tali difetti riducono il grado dicoordinazione e velocita' della mano sinistra.La
quarta posizione
 (IN PIEDI) risponde alle esigenze di esecuzione dal vivo riducendo lastabilita' dello strumento.La chitarra viene sostenuta da una fascia sistemata sulla spalladell'esecutore,non conviene posizionare lo strumento troppo in basso ,cio' infatti va' a discapitodella mano sinistra costringendola a uno sforzo maggiore.
posizione della mano sinistra
 La tecnica classica consiste nel disporre il pollice dietro il manico e perpendicolarmente adesso.Nelle chitarre acustiche ed elettriche e' piu' frequente posizionare l'incavo tra il pollice el'indice sul manico ,tale posizione riduce il coordinamento delle dita ma garantisce una maggioreforza.Bisogna comunque dire che il pollice viene posizionato dietro il manico e perpendicolarmentead esso ogni qual volta si utilizza il barre' e le posizioni a dita aperte(vedremo in seguito).
 
Lezione 3-Accordatura 
Accordatura
 Per l'accordatura e' consigliabile l'uso di un accordatore elettrico checonsente una intonazione precisa e veloce.Generalmente e' presente uningresso jack per chitarre elettriche ed acustiche elettrificate.costo a partire dalle 50.000 £ACCORDATURA :Posizionare l'accordatore sulla cassa armonica aldisotto del ponte,oppure inserire il jack(per le chitarreelettriche).Mediante la leva selezionare la corda che si intendeintonare,quindi pizzicare la corda a vuoto (senza cioe' premere alcuntasto) e regolare il relativo piolo sulla paletta finche' la lancetta non siporti in posizione centrale.Ripetere tale procedimento su tutte le corde.Poiche' spesso l'accordatura di una corda influisce sulla trazione delle altre corde (in special modosulle elettriche con leva del vibrato) e' opportuno ripetere il procedimento piu' volte fino ad ottenereuna accordatura "perfetta".L'accordatura deve essere ripetuta piu' volte anche quando le corde sononuove e quindi necessitano di essere stabilizzate.Quando si inserisce una nuova corda puo' accadereun curioso "incidete" ,la poca stabilita' della corda nuova spesso disorienta lo stesso accordatore chepotrebbe non segnalare quando la corda e giunta alla giusta trazione,quindi cio' spinge a tirareulteriormente la corda fino alla sua rottura (1500 £ al vento).In sostanza osserviamo la lancetta nonmuoversi nonostante che abbiamo passato e superato la nota selezionata,come evitare taleinconveniente?,basta semplicemente controllare la trazione della corda premendo i tasti.Es. inseriamo la corda,stringiamo leggermente il piolo,quindi premiamo i tasti a partire dal primofino a quando la lancetta si porti in prossimita' del centro,quindi aumentiamo ulteriormente latrazione e ripetiamo il procedimento.Ad un certo punto se pur la corda risultera' scordata (perche'ancora calante di uno o due semitoni) attraverso la pressione del primo o secondo tasto la lancetta siportera' in posizione centrale,quindi a questo punto possiamo procedere con la accordatura dellacorda a vuoto senza il rischio di incappare nell'inconveniente sopra detto.In tal modo osserviamo econtrolliamo la progressione della corda evitando di procedere "alla ceca".Ricorda che la numerazione va' dallapiu' sottile alla piu' grossa (dal bassoverso l'alto)
* 1° corda (mi
cantino
)
e' la corda piu' sottileposta in basso.
* 2° corda (si)
 
* 3° corda (sol)
 
* 4° corda (re)
 
* 5° corda (la)
 
* 6° corda (mi)
 6°5°4°3°2°1°

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->